Le regole di detenzione

1KReport
Le regole di detenzione

Il diciottenne Derek sedeva nel mezzo di un'aula semi-piena durante il giorno. Era stanco della sua insegnante puttana che assegnava venti pagine di compiti ogni notte. Si comportava sempre come se fosse su un cavallo alto. Diede un'occhiata ai suoi compagni di classe intorno a lui, la maggior parte dei quali stava lottando per completare i compiti prima che l'insegnante entrasse. Odiava che i compiti stessero diventando un problema con la sua capacità di giocare a calcio. Il suo allenatore gli ha detto che, a meno che non avesse alzato i voti, si sarebbe presto ritrovato in panchina fino a quando non avessero raggiunto una media B.

Non ha preso sul serio il suo insegnante. Questo era il suo primo anno come insegnante e non aveva esperienza in un ambiente di insegnamento. Non era molto più grande del resto della sua classe superiore. Non avrebbe dubitato che fosse andata subito al college dopo il liceo e avesse iniziato subito a insegnare. Non gli piaceva essere comandato da una 25enne che si definiva una "maestra". Ha tirato fuori il telefono e ha iniziato a giocarci.

La signorina Felicia Lorraine entrò nella sua classe, tenendo una tazza di caffè in una mano e la borsa nell'altra. Osservò gli studenti che si arrampicavano e si schiarì la gola ad alta voce per indicare la sua presenza. Alcuni studenti sembravano contenti del risultato finale dei loro compiti. Altri avevano la faccia pallida. E poi c'era Derek, seduto in mezzo alla stanza senza una preoccupazione al mondo. Alzò un sopracciglio quando vide il telefono nella sua mano.

"Sig. Mason", ha detto.

Tutti gli occhi degli studenti tornarono su di lui. Non gli importava abbastanza di alzare lo sguardo. La sua attenzione era altrove.

“Signor... Mason,” disse di nuovo con un tono severo.

Derek ha lasciato cadere il telefono sulla sua scrivania dopo aver fallito un livello di Angry Birds. Alzò lo sguardo verso il suo giovane insegnante che era alto un metro e ottanta. Assomigliava più alle ragazze della sua scuola. "Cosa vuoi?" chiese, quasi infastidito dal suo fastidioso assillo.

Dopo aver messo i suoi oggetti sulla scrivania, Felicia si diresse verso la scrivania centrale dell'aula e tese la mano. "Telefono, ora", ha chiesto.

Derek lo derise e distolse brevemente lo sguardo. Guardò la sua scrivania e spinse il telefono verso di lei.

Felicia ha strappato il telefono dalla scrivania. "Puoi riavere questo-"

Derek agitò le mani davanti a lei, interrompendo la sua frase. "Si si. Dopo la lezione, lo so", ha detto.

Derideva la sua arroganza. "No. Puoi riaverlo dopo la detenzione", ha detto. Si voltò per dirigersi di nuovo davanti alla classe. Derek si alzò dal suo posto.

"Ho pratica di calcio dopo la scuola", ha affermato.

Felicia si voltò di nuovo verso di lui e scosse la testa. "Allora credo che dovrò spiegare al tuo allenatore perché il suo quarterback non si presenta agli allenamenti"

"Sarò espulso dalla squadra se sarò di nuovo in punizione", ha detto, quasi arrabbiato per il fatto che lei non lo stesse ascoltando.

"Allora avresti dovuto pensarci prima di essere un ribelle", ha detto. Aprì il cassetto della scrivania e vi ripose il telefono. Poi si voltò verso la lavagna cancellabile a secco.

"Cagna del cazzo", mormorò, imbronciato sul sedile.

"L'ho sentito", si pentì. Derek guardò la lavagna, guardandola mentre scriveva problemi di matematica. Sempre di fronte al tabellone, ha aggiunto: "Puoi aggiungere due settimane al tempo di detenzione".

Derek afferrò la sua borsa dal pavimento e si alzò dalla sedia, dirigendosi verso la porta.

Felicia non girò nemmeno la testa verso di lui. “Non ti ho scusato,” disse, quasi senza preoccuparsi che se ne andasse.

“Vaffanculo,” disse, forzando l'apertura della porta e sbattendola. Derek si diresse lungo il corridoio verso la biblioteca. Non gli piaceva il fatto che avrebbe dovuto trascorrere le due settimane successive in punizione con lei. Sapeva che probabilmente si risentiva di lui per aver dovuto rimanere più tardi al lavoro. Cosa potrebbe fare in un'ora che non sarebbe una noia completa? Agli insegnanti non è stato consentito l'uso del cellulare di fronte agli studenti, i loro computer hanno dei proxy in posizione in modo che non possano accedere ai siti di social media e lei è troppo giovane per stare ferma per un'ora.

Derek entrò in biblioteca e si sedette al computer. Non poteva tornare a casa senza il suo telefono, o andare ad allenarsi senza che Felicia venisse a cercarlo, quindi doveva rimanere in punizione dopo la lezione. Se voleva combattere per il dominio, lui avrebbe dovuto mostrarla. Stava già progettando un modo per farle pentire di averlo punito.




Derek percorse il corridoio dopo che suonò l'ultima campana. Guardò la porta dell'aula e l'aprì, vedendo Felicia che impilava le carte in ordine. Aveva un'espressione genuina di sorpresa sul viso. Derek chiuse la porta dietro di sé, chiudendola a chiave di nascosto e appoggiò lo zaino su un sedile vuoto.

“Devo dire che sono scioccato dal fatto che ti sia effettivamente presentato in punizione questa volta. Quella piccola acrobazia che hai fatto prima ti ha dato altre due settimane di condanna", ha detto. Tirò fuori il telefono dal cassetto della scrivania. “Agli insegnanti non è nemmeno permesso tenere i telefoni fuori uso. Cosa ti fa pensare di essere migliore?" chiese, poi posò il telefono sull'angolo della scrivania.

Derek fu preso indietro dal suo atteggiamento difensivo. "Cosa ti fa pensare che io pensi di essere migliore di te?" chiese, avvicinandosi alla scrivania. Incrociò le braccia e fece un rapido controllo di Felicia. Anche se non gli piaceva, non poteva dire che non fosse sexy. Indossava una camicia bianca abbottonata infilata in una gonna a tubino. Indossava piccoli occhiali rettangolari, le cui braccia erano nascoste dai suoi folti capelli folti e lunghi e ondulati sulle sue spalle davanti al seno fino all'addome. La sua pelle abbronzata era color caramello lattiginoso. I suoi seni sembravano pieni nella sua maglietta attillata.

Si sentì venire l'acquolina in bocca solo per la rapida occhiata. Si avvicinò al lato della scrivania, 'accidentalmente' facendo cadere la borsetta a terra. «Oh, mi scuso con la signorina Lorraine», disse, suonando quasi sincero.

Dalla borsa c'erano il portafoglio, le chiavi, gli spiccioli e un tubetto di rossetto nudo. Gemette per il fastidio di chinarsi per raccogliere le sue cose. Si voltò verso la lavagna bianca, dove il tubetto di rossetto rotolò contro il muro reggendolo. Si chinò per prendere il rossetto.

Derek la guardò chinarsi. Il suo culo era delizioso e gli dava tanta forza. I pensieri che aveva avuto prima dell'umiliazione che aveva in serbo per lei si stavano allineando perfettamente. Prese la mano a coppa e la schiaffeggiò sul culo.

Si rialzò di scatto nella sua posizione eretta. Si voltò a fissare Derek. Non sapeva se essere arrabbiata o sconvolta per le sue azioni. "Vai a sederti, subito!" ordinò, indicando i posti in classe.

Si avvicinò a lei, sapendo che era impotente contro di lui. La rabbia nei suoi occhi si trasformò presto in paura. "Ti ecciti essendo così dominante nei confronti dei tuoi studenti?" chiese, colmando il divario tra lui e lei. La sua schiena era contro la lavagna cancellabile a secco, e lui si chinò per avvicinare il viso al suo. Le scostò i capelli dall'orecchio, guardandola provare disgusto per la pura sensazione. Avvicinò le labbra al suo orecchio. "O è che ti piace essere dominato come una puttana sottomessa?" chiese. Il suo respiro si fermò.

Avvicinò la mano ai bottoni della sua camicia e aprì la camicia, rivelando un reggiseno allacciato. "Perché un'insegnante dovrebbe indossare una lingerie così da troia se nessuno la vede?" chiese. Non ha risposto. Si sentiva impotente contro l'ultimo liceale alto un metro e ottanta.

"Forse speravi che ciò accadesse!" esclamò, sentendo la sua erezione gonfiare la parte anteriore dei suoi jeans. Alzò le mani per sganciare il reggiseno dal davanti, ma lei tirò indietro la mano e lo schiaffeggiò sul lato destro della sua faccia.

Derek non poté fare a meno di ridere. Le afferrò il polso destro e lo tenne sopra la sua testa. Tirò indietro la mano sinistra per schiaffeggiarlo di nuovo, ma la prese in aria mentre veniva verso di lui. Le tenne entrambi i polsini con la mano sinistra e sollevò la mano destra per slacciarle il reggiseno.

Dopo che si è sbloccato, le sue tette perfettamente abbronzate sono rimbalzate fuori dal reggiseno. Poteva sentire il sangue che scorreva nel suo cazzo. Le afferrò la tetta, sentendo la morbida morbidezza in loro. Pizzicò e attorcigliò delicatamente il capezzolo sinistro, guardandolo diventare duro. Poteva sentirla lottare per essere liberata dalla sua presa.

"Perché non urli?" chiese, ovviamente curioso. Scosse la testa, i capelli svolazzanti con lei. Derek sorrise, pizzicandole il capezzolo destro e appoggiandosi al suo collo, mordendolo e succhiandolo lentamente. La voleva bagnata e gocciolante. Emise uno strillo, cercando di nascondere il gemito dal piacere che stava provando. Lui si staccò da lei e le lasciò le mani.

Rimase lì, le tette che rimbalzavano fuori dalla maglietta. Si sentiva congelata sul posto. Avrebbe voluto urlare, ma cosa le avrebbe fatto Derek se lo avesse fatto?

Derek afferrò il telefono dalla scrivania e tirò su l'app della fotocamera. Ha iniziato a filmare Felicia, in piedi di fronte a lui con le tette fuori. "La signorina Felicia Lorraine, della Lincoln High School, vuole che io faccia sesso con lei."

Gli occhi di Felicia si spalancarono quando lo sentì parlare alla telecamera
"No, no!" protestò, coprendosi i seni con la camicia sbottonata.

«Questa è una prova documentata, nel caso nessuno mi creda. Mi ha detto che se non avessi fatto sesso con lei, mi avrebbe deluso e mi avrebbe fatto espellere dalla squadra di football", ha detto, quindi ha spento la telecamera.

Felicia sentì le lacrime gonfiarsi negli occhi. Avrebbe voluto urlare ma non riusciva a trovare il coraggio. Era preoccupata per il suo lavoro. Avrebbe perso il lavoro perché uno dei suoi studenti la stava aggredendo sessualmente? Sapeva che qualsiasi accusa contro un insegnante significava omicidio in carriera, innocente o meno. "Perché stai facendo questo?" chiese, tenendo ancora chiusa la camicia con le mani.

Derek si avvicinò a lei e le schiaffeggiò le mani. "Ho detto di coprire quelle tette?" chiese.

Le lacrime le rigavano il viso. "Cosa vuoi!?" lei gli urlò.

Derek sorrise. "Voglio che tu sia la mia piccola troia", ha detto. Si slacciò la cintura intorno alla vita e si sbottonò i jeans. Ha tirato fuori il suo enorme cazzo duro, provocando Felicia con esso.

Sembrava stupita dalle dimensioni del suo cazzo. Non era solo lungo, ma spesso e gonfio. Il suo cuore sussultò quando iniziò ad accarezzargli il cazzo con la mano, poi alzò di nuovo il telefono come una videocamera. Si avvicinò a Felicia e le mise una mano sulla spalla. L'ha spinta in ginocchio in una posizione che lei ha cercato di respingere.
“Speravo che avresti reagito,” ridacchiò, usando entrambe le mani per combatterla fino alle ginocchia. Le afferrò una manciata di capelli dalla nuca. "Apri la bocca puttana!" ha comandato. Cominciò a spingerlo via per i fianchi.

“Diventerà fastidioso,” disse, poi si tolse la cintura dai pantaloni. La spinse sullo stomaco e le si mise a cavalcioni sulla schiena, sentendola contorcersi sotto di lei.

"Per favore fermati!" implorò mentre lui le tirava le braccia dietro la schiena. Li chiuse entrambi nella cintura, stringendola in modo che non potesse spingerlo via, e così potesse farla sentire come la piccola fica indifesa che era. La afferrò per il suo avambraccio e la tirò su in posizione inginocchiata.

"Per favore, signor Mason", lo implorò, il viso rigato di lacrime dagli occhi spalancati.

“Mi chiamerai Maestro Massone quando ti darò il mio cazzo glorioso, puttana. Ti ho in video con le tette fuori e uno studente nella stanza ", ha detto.

Felicia si sentiva vulnerabile, debole e sottomessa allo stesso tempo. Sentiva di non avere altra scelta che rispettare le sue regole.

"Per favore, maestro", lo implorò.

Derek la strattonò per i capelli, facendola urlare. Ha spinto il suo cazzo attraverso le sue labbra socchiuse fino a quando non ha colpito la parte posteriore della sua gola.

“Se mi mordi, quel video diventerà virale entro 24 ore. Non lo vuoi, vero?" chiese. Lo sguardo sul suo viso era sufficiente perché Derek sapesse che avrebbe obbedito.

Derek ha continuato a pompare il suo cazzo nella sua gola. Felicia sentì ogni pompa colpirle le tonsille, facendola quasi venire i conati di vomito. Non aveva ancora messo tutto il suo cazzo e lei sperava che non lo facesse. Teneva il telefono nella mano sinistra, puntandolo verso Felicia mentre faceva entrare e uscire il cazzo dalla sua bocca. Le sue tette rimbalzavano ad ogni spinta, facendole tremare. Sentì le pareti calde e scivolose delle sue guance scivolare lungo il suo cazzo, rendendolo ancora più duro. Ha spinto il suo cazzo fino in fondo. Stava conati di vomito e cercava di respirare. Stava già sbavando sul mento e sul collo, presto per inzuppare le sue tette in un mix di precum e saliva. Lui tirò fuori il suo cazzo dalla sua bocca e la guardò ansimare mentre altra saliva scorreva sulle sue tette.

"Vedere? Non sono così male. Per la gentilezza del mio cuore, ti ho lasciato fare un respiro veloce. Dovresti ringraziare il tuo padrone per questo", ha detto. Felicia voltò il viso dall'altra parte.

«Grazie maestro», mormorò.
"Mi dispiace, non ho potuto sentirti per il suono della mia mano che ti schiaffeggiava la guancia", ha detto. Felicia girò il viso verso di lui, solo per vedere la sua mano destra schiaffeggiarla. Lanciò un guaito soffocato e girò di nuovo il viso. Afferrò la stessa parte dei suoi capelli a cui si era aggrappato e le tirò indietro la testa.

"Se non ringrazi adeguatamente il tuo padrone, allora la piccola troia del padrone sarà su tutte le notizie", lo scherniva.

Felicia gemette di disgusto, ma si rese conto che non poteva vincere. Amava ogni minuto di tutto questo. “Grazie maestro,” disse, la saliva che ancora le gocciolava dagli angoli delle labbra e del mento.

"Ora, prega il tuo padrone di darti di più del suo glorioso cazzo", disse, comportandosi come se questo fosse il suo diritto di passaggio.

"Per favore padrone, dammi il tuo cazzo", disse, quasi monotona.

Derek fece schioccare la lingua. “No, no, no,” disse sfacciatamente. Le tirò i capelli avanti e indietro, facendola affrontare. “Voglio... che tu mi implori,” chiese con tono severo e pulito.

"Per favore?" chiese, usando un tono dolce e gentile. "Per favore, dammi ancora un po' del tuo glorioso cazzo" chiese, poi aggiunse "padrone?"

A Derek piaceva il modo in cui il suo comportamento stava cambiando. Stava per romperla da un momento all'altro.

"È più così," disse, spingendo il suo cazzo di nuovo nella sua bocca. Teneva il telefono più in alto per mostrare quanto cazzo poteva prendere. Teneva la mano aggrovigliata tra i suoi capelli, costringendo il suo cazzo più in profondità ad ogni pompa forzata nella sua bocca.

Ha iniziato a soffocare mentre il suo cazzo ha iniziato ad avventurarsi più in basso nella sua gola. Respirò duramente attraverso il naso e sentì il suo cazzo in profondità nella sua gola.

Poteva vedere il rigonfiamento del suo cazzo scivolare lungo il suo collo ad ogni spinta. Sentì il suo orgasmo salire e tirò fuori il suo cazzo.

"Non credo che tu meriti ancora il mio carico", ha detto.

Felicia respirò profondamente attraverso la bocca, cercando di compensare il tempo che aveva trattenuto il respiro.

"Penso che tu abbia il mio cazzo buono e bagnato per la prossima parte."

Derek si voltò verso la scrivania e usò le mani per spingere la maggior parte del contenuto della scrivania sul pavimento. Afferrò Felicia per le braccia e la sollevò sulla scrivania. La piegò a pancia in giù e appoggiò il telefono su un lato, sorretto da due libri. e tirò giù la gonna, rivelando un perizoma nero allacciato, che si abbinava al suo reggiseno. “Sporca puttana. Indossare un perizoma sotto una gonna? Solo chi avevi intenzione di scopare oggi?" chiese. Lui tirò il perizoma fino alla gonna appena sotto il suo culo, allargando le sue guance abbronzate finché non vide la sua figa bagnata e luccicante e il suo piccolo buco del culo stretto. Prese il suo indice e lo fece scivolare nella sua figa, mentre la teneva per le braccia usando la mano sinistra.

Felicia arrossì alla vista che stava vedendo. Non si è mai sentita più imbarazzata di come si sentiva in quel momento.

Derek le ha schiaffeggiato di nuovo il culo, lasciando un'impronta rossa sulla sua scia. Adorava vedere il suo culo rotondo perfetto incresparsi con lo schiaffo.
"Penso che ti sia guadagnato il mio cazzo in quella piccola figa sporca", ha detto. Si chinò su di lei sulla scrivania, facendo scivolare il suo cazzo nella sua figa. Il calore circondava il suo cazzo, regalando a entrambi un piacere sensazionale. Iniziò a muovere i fianchi, spingendo il suo grosso cazzo in profondità dentro di lei.

Felicia iniziò a gemere di piacere e smise di respingerlo. Sapeva che non avrebbe dovuto goderselo, ma non poteva farne a meno. Voleva che continuasse. Le mise entrambe le mani sui fianchi e la tirò ad ogni spinta, riempiendole la figa con il suo cazzo.

Derek sapeva che la stava scomponendo nella sporca troia che era. La sua figa si sentiva così bene cavalcandolo. Aveva questa ragazza proprio dove la voleva. Lui si staccò da lei e le tolse completamente la gonna e il perizoma prima di girarla sulla scrivania. Afferrò il suo telefono e iniziò a filmare l'area in cui le avrebbe sbattuto il cazzo dentro. Si nascose tra di lei e le mise un braccio sotto la gamba per tirarla sul bordo della scrivania. Ha iniziato a sbattere il suo cazzo brutalmente nella sua figa, sentendo la scrivania raschiare contro il pavimento e il rumore sordo dei loro corpi pulsare. Cominciò ad andare più ruvido e veloce, sentendo i suoi strilli di dolore e piacere mescolarsi.

Felicia stava per esplodere. Poteva sentirlo colpire il suo punto g ancora e ancora. La stava avvicinando sempre di più all'orgasmo.
Poteva sentire la pressione salire alla bocca dello stomaco e le gambe iniziarono a formicolare. Sentì un'ondata di piacere attraversarla e gemette con un suono piacevole. Le gambe di lei si strinsero attorno ai suoi fianchi, costringendolo a sprofondare in lei.
Dopo l'orgasmo, le sue gambe finalmente si riposarono e sentì che il suo corpo era affaticato.

Derek notò il suo corpo quasi inerte. «Tsk tsk tsk», disse, abbassando la telecamera. Lui si staccò da lei e l'afferrò per un braccio, strappandola via dalla scrivania. "Hai chiesto il permesso di venire?" le chiese, tenendo la mano alla base della sua gola. Non si strinse, ma sentiva che aveva bisogno di essere punita.

“N-no. Non potevo farne a meno,” mormorò. Felicia sentiva di aver fatto qualcosa di sbagliato, ma non aveva alcun controllo sul suo corpo.

Derek scosse la testa. «Avresti dovuto chiedermelo prima di venire. Avrei potuto lasciartelo", disse. Lui la girò e la spinse per prima contro il baule del muro. Le mise una mano sopra la testa, continuando a spingerla verso il basso e contro il muro. È finita in una posizione sostenuta con il culo in aria.

Ricominciò ad accarezzargli il cazzo, sentendo i suoi dolci succhi lubrificarlo. “Avevi una figa così bagnata. Mi chiedo se fosse abbastanza bagnato per quello che voglio fare,” disse, mettendo il suo cazzo all'ingresso del suo piccolo buco del culo.

"Non c'è!" urlò, sussultando all'indietro. Si alzò dritto e le tirò indietro la testa per i capelli. Appoggiò di nuovo la testa al suo orecchio: "Osi sfidare la mia autorità?" chiese, il suo sorriso compiaciuto lampeggiava sul lato destro della sua guancia.

"Lascia che te lo chieda e rispondimi onestamente", disse, esercitando una piccola pressione sul suo buco del culo usando la testa del suo cazzo. "Hai mai avuto l'anale?" chiese.

Felicia scosse la testa in preda al panico. “N-no, maestro massone,” rispose, cercando di tenerlo di buon umore.

"Stai per sperimentarlo", ha detto.

Felicia si irrigidì, voleva dimenarsi, ma sapeva che sarebbe stato solo peggio cercare di respingerlo. Spinse lentamente la punta del suo cazzo nel suo buco del culo.

“Dannazione, è stretto,” commentò, sentendo il suo buco del culo circondare la punta del suo cazzo. Le mise una mano intorno alla gola e la attirò a sé.

"Per renderlo più facile per entrambi, cerca di rilassarti", ha detto, cercando di far entrare più del suo cazzo nel suo buco del culo. Fece come aveva suggerito, e il suo cazzo scivolò per il resto della strada con facilità.

Si sentiva mortificata per quello che stava facendo con lei. Non aveva mai fatto sesso anale prima ed era molto inesperienza. Sembrava quasi che stesse per sputare in due. Ha iniziato a pompare lentamente il suo cazzo contro le pareti interne del suo culo, sentendolo ingoiare il suo cazzo.

“Oh mio dio, è fantastico. Fanculo!" esclamò, pompando nel suo buco del culo con più velocità.

Felicia gemeva per il dolore, i suoi occhi erano chiusi e si morse il labbro. Era agonizzante e avvilente sentire una cosa così innaturale. Gemette forte mentre la sua velocità aumentava.

"Non farlo così difficile", ha detto.

Derek le tirò di nuovo i capelli e lei strillò.
"Non dire, a me, cosa, fare!" disse, pompando sempre più forte e più velocemente con ogni singola parola.

Non aveva mai provato i piaceri del sesso anale prima. Le pareti del suo culo lo hanno appena inghiottito e gli hanno fatto venire ancora più voglia di sborrare. Ma non voleva ancora venire, voleva godersi l'ultimo po' di punizione che aveva per la giornata.

Poteva sentire Felicia irrigidirsi di nuovo, e questo rendeva più difficile non sborrarle dentro il buco del culo. Doveva ritirarsi prima di far esplodere il suo carico.

Derek la fece girare velocemente e la spinse indietro in posizione inginocchiata.
"Succhiami pulito", ha chiesto.

Felicia quasi si imbavagliava al pensiero, ma sapeva che era quasi finita. Si è avvicinata a lui prima che lui le prendesse di nuovo i capelli e le costringesse il cazzo in gola. Ha iniziato a vomitare di nuovo mentre lui ha iniziato a pompare nella sua bocca, più forte e più veloce di quanto non fosse con il suo culo. Si sentiva come se le si stesse chiudendo la gola.

Derek pompò via finché non si sentì esplodere nella sua bocca. Gemette mentre rallentava con le spinte dentro di lei, e sentiva il suo cazzo contrarsi ad ogni schizzo che scaricava in lei.

Il liquido caldo e setoso le riempì la bocca e cercò di respirare attraverso il naso.

“Non ingoiare,” ordinò, spingendo la telecamera verso il suo viso. «Aprimi», disse.

Felicia si sentiva disgustata. Era ricoperta di saliva, il suo viso era coperto di sperma che perdeva e dei suoi stessi liquidi. Aprì la bocca, mostrando un mare di sperma.

"Spingi fuori tutto questo con la lingua e lascialo scorrere lungo il tuo corpo", ha detto.

Fece come le era stato detto e chinò la testa. Ha lasciato che lo sperma appiccicoso fluisse dalle sue labbra e giù per il collo per coprire le sue tette di sperma.

Derek sorrise compiaciuto e finì il video sul suo telefono. Rimise il cazzo nei suoi jeans e slegò la cintura dalle sue braccia. Si avvolse la cintura intorno ai jeans e andò a prendere la borsa dalla scrivania vuota. Lui la guardò, guardandola seduta sul pavimento coperta dal suo sperma e dalla sua saliva. I suoi capelli ne erano bagnati ed era quasi inzuppata sul davanti.

«Ci ​​vediamo in classe domani, signorina Lorraine», disse, stringendo il telefono in mano. "Farò sicuramente sapere al mio allenatore che lavorerò in sala studio con te dopo la lezione per le prossime quattro settimane", ha detto, poi è uscito dalla porta.

Storie simili

Il viaggio di Sandra Capitolo 2

Costantemente maltrattata Sandra si era stabilita in una vita di servitù. La sua umiliazione fu completa quando fu introdotta alla bestialità. Ma lungi dall'essere caduta in disgrazia, scoprì di apprezzare ciò che aveva ottenuto da un animale che non aveva avuto da nessun uomo: un lungo cazzo. Ormai “venduta” attendeva il suo nuovo Maestro. Caricata nell'auto di Paul, si rese conto che ora le apparteneva. Seduta sul sedile posteriore con Tyson, ha accarezzato il suo nuovo animale domestico. Ti sei esibita perfettamente stasera signorina disse Paul mentre tornava a casa Penso che ci sia una miniera d'oro tra le tue gambe...

0 I più visti

Likes 0

Alla mamma piace guardare

La mamma amava guardare Penso che la mamma fosse un po' gelosa di me e dei miei fratelli, quando poteva ci guardava scopare in piscina in soggiorno. Era un po' sovrappeso, ma aveva delle tette enormi non un brutto culo. Sapevo che Billy ne stava ricevendo un po' dalla mamma, l'avrei sentito camminare lungo il corridoio, poi l'avrei sentito andare nella stanza della mamma e poi sgattaiolare fuori un'ora o giù di lì. Un giorno d'estate io e Bob stavamo nuotando in piscina, all'inizio è normale che entrambi indossassimo i costumi da bagno. Ma poi ha nuotato dietro di me e...

956 I più visti

Likes 0

Gli ingredienti di una troia Capitolo 1

Era una calda giornata estiva, stavo camminando verso il centro commerciale dove si trovava la mia migliore amica Rosie. L'ho aspettato tutta la settimana. Non la vedo da qualche mese. Dopo qualche minuto di camminata sotto il sole cocente ho finalmente raggiunto il centro commerciale. Eccola lì, bella come sempre. Era lì in piedi con i suoi jeans preferiti, una maglietta nera e una giacca di pelle che la facevano sembrare una motociclista. I suoi capelli erano ricci e rosso brunastro. Ero innamorato di questa ragazza e volevo dirglielo ma non sapevo come. Mi vide e un sorriso si allargò sul...

865 I più visti

Likes 0

La sua ragazza, mia cugina

Immagino che tutto sia iniziato un sabato pomeriggio. Il reggiseno di mia madre era in cima alla pila del bucato. Ha attirato la mia attenzione e ne sono rimasto subito affascinato. Ho rubato il reggiseno e sono corsa in camera mia a provarlo. Ricordo la fretta che mi diede. Mi è piaciuto e ho deciso di continuare. Ho fatto tutto il possibile per mettere le mani su più vestiti. Ho rubato reggiseni, mutandine, collant, slip e vestiti a mia madre. Costumi da bagno e reggiseni di mia cugina e di mia nonna. Non potevo averne abbastanza. Mi sforzavo di sembrare e...

744 I più visti

Likes 0

Mia moglie scopa suo fratello

Quando Sue ha scopato suo fratello --------------------------------- L'inizio di questo incidente è stato quando il fratello minore di mia moglie è venuto a trovarci nei giorni prima che le fotocamere digitali fossero così popolari. Avevo allestito una camera oscura dove sviluppavo e stampavo le mie fotografie e lui mi aveva portato un rullino di suo fratello maggiore da sviluppare e stampare. Le foto erano scatti di nudo della moglie di James, Mary. Non i nudi di tipo artistico ma il vero tipo XXX, le gambe aperte, tenendo aperte le labbra della sua fica, ecc. Tutti e 36 erano solo con lei...

283 I più visti

Likes 0

Il seme dell'orrore: capitolo 9

Capitolo nove Allora come l'hanno presa i tuoi genitori? Chiese Christi, parlando con Jason attraverso i loro telefoni cellulari. Era seduto in un parcheggio innevato a Portland, dopo aver appena compilato la sua quinta domanda di lavoro. Davanti a lui ora c'era un'applicazione McDonalds. Dannazione, i suoi genitori gli avevano sempre detto di studiare sodo e di entrare in un buon college in modo da non dover mai girare gli hamburger. Grazie mille, Stimmate Nere. “Non posso davvero dirlo, sono andato a letto appena sono tornato a casa e me ne sono andato prima che qualcun altro si alzasse. In realtà...

26 I più visti

Likes 0

Mordie pt1

In una piccola città, in mezzo al nulla, viveva un uomo sconosciuto chiamato Mordie. Per anni Mordie ha trascorso le sue giornate a casa sua pensando alla donna perfetta per lui. Vedi, Mordie non è un cattivo ragazzo, è solo frainteso. Da ragazzo cresciuto in una grande città, veniva sempre preso in giro per il suo peso, la sua faccia fraintesa e la sua instabilità mentale. Temendo per la sicurezza di suo figlio, la madre iperprotettiva di Mordie è fuggita dalla città per vivere in una piccola città. Per paura del ridicolo, la madre di Mordie non voleva che uscisse di...

1.2K I più visti

Likes 0

Migliori amici con vantaggi

Annabelle gridò dall'altra parte della casa Sbrigati! Faremo tardi! È una mia vecchia amica d'infanzia e si è trasferita da poco, poiché i suoi genitori hanno deciso che doveva trasferirsi da casa loro. Ho deciso di fare la cosa giusta per farla trasferire da me. Voglio dire, perché no? Entrambi abbiamo fatto tutto insieme. Frequentavamo le stesse classi, andavamo in giro al cinema e passavamo anche molti pigiama party insieme. Divento troppo timido quando provo a chiederle di uscire. Ehi! L'autobus non ci aspetterà più! Il clacson dell'autobus suonò fuori dal finestrino e io sfuggì rapidamente al mio sguardo, dove ho...

1.1K I più visti

Likes 0

Segna il punto_(1)

Segna il punto Stavo pensando mentre attraversavo la porta laterale di casa mia che questo era probabilmente il giorno peggiore della mia vita. Umiliato sul lavoro... no, minato da una merda piagnucolona che ha funzionato per me e mi ha quasi fatto licenziare. Per finire, il mio parco auto viene rovinato e devo implorare un passaggio a casa. Più umiliazione... proprio quello di cui ho bisogno. Perché ho trasferito la mia famiglia in questa città quando stavo già bene? Compreso oggi, mi sono fatto la stessa domanda 265 volte finora quest'anno. La casa è silenziosa, quasi. Sento un leggero gemito dal...

1K I più visti

Likes 0

Basi

Ho cambiato i nomi, ovviamente. Oltre a quello... Avevo circa nove anni quando ho scoperto che stare in camera mia con i pantaloni intorno alle caviglie e ripetermi il nome di Linda Reed (la ragazza bionda davvero carina della classe di Miss Jones) più e più volte aveva il curioso effetto di farmi il pene crescere più a lungo e diventare duro. Avevo appena compiuto dieci anni quando ho capito che se avessi pronunciato il nome di Linda per indurire il mio pene, e poi strofinato la sua pelle su e giù, le cose laggiù avrebbero iniziato a sentirsi davvero bene...

1.2K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.