Un culo fuori di te e me

50Report
Un culo fuori di te e me

Copyright © 2007 di Tim King

Laboratorio di narrativa del Goucher College

Tutti i diritti riservati







Un culo fuori di te e me



Di Tim King



Sciamai come un alveare lungo la strada fino all'appartamento di Susie. Quello che avevo appena visto era indicibile. Non c'era niente di buono in questo. Era disgustoso e sbagliato e la parte peggiore era che era completamente credibile, completamente nel regno della realtà. Questo è probabilmente ciò che mi ha fatto così incazzare.

Non mi ero nemmeno preso la briga di chiamarla. Nel momento in cui ho capito che era lei, ho chiuso di colpo il portatile, mi sono messo i vestiti e ho attraversato la strada verso le file di appartamenti clonati per trovarla. Anche se non ho davvero controllato l'ora, potevo dire che ero arrivato molto più velocemente del solito. Avevo persino dimenticato di fumare una sigaretta durante il tragitto.

Quando ho bussato alla porta, Rachel ha risposto. Indossava un'enorme felpa con calzini a tubo ei suoi capelli ricci color melassa erano arruffati. Ovviamente l'avevo svegliata con i colpi.

«Osmond. Ciao», disse con la sua voce monotona. I suoi occhi erano molto più piccoli del solito. Stava meglio quando portava gli occhiali.

«Dov'è Susie?» Ho chiesto.

"Sì, è un piacere rivederti anch'io", disse, chiudendo gli occhi. Si voltò, la sigaretta stretta tra le due dita sottili come un petalo di fiore, e tornò verso la sua stanza, una scia di fumo che la seguiva come se fosse la strada di mattoni gialli. Mentre si muoveva, ho notato che la sua felpa oversize copriva i boxer da ragazzo.

"Oh, entra," aggiunse sarcastica. Non sono stato scoraggiato; suonava più o meno sempre così.

"Grazie. Non ti ho svegliato», dissi chiudendomi la porta alle spalle. Non era una domanda.

“No, stavo solo chiudendo gli occhi e respirando affannosamente sotto le coperte calde, avendo allucinazioni e sbavando. Ma no, non mi hai svegliato o altro. Si lasciò cadere sul letto, succhiando la sigaretta mentre lo faceva. Ne ho acceso uno anch'io.

«Allora dov'è Susie?» chiesi, rimettendomi in tasca l'accendino.

"Non qui", ha detto, il fumo dopo la sua frase. Sembrava un drago. Ha incrociato le sue gambe sinuose. Riuscivano a sembrare molto lunghi nonostante fosse poco più di un metro e mezzo.

«È al lavoro?»

"Dubito".

"Biblioteca?"

"Probabilmente. Ha detto che aveva molte ricerche e sai che deve mantenere la sua borsa di studio.

Susie è sempre stata quella studiosa. "Sai quale biblioteca?"

"Perché non la chiami, cazzo?" chiese Rachel, mettendosi a sedere e lanciandomi uno sguardo incredulo. Il suo ombretto della sera prima si aggrappava alle palpebre inferiori dei suoi occhi, amplificando quanto corrispondessero all'oscurità dei suoi capelli.

«Voglio parlarle faccia a faccia», spiegai, sedendomi sulla poltrona a sacco di fronte al letto di Rachel. La sua stanza puzzava di qualcos'altro oltre alle sigarette. Qualcosa di fruttato. Oppio?

"Perché?" lei chiese. “Non ti credo. Sei venuto fin qui, hai camminato fin qui senza chiamare per controllare se fosse qui, solo per farle una domanda? O parlarle di persona, qualunque cosa? Rachel sbuffò e si scostò i capelli da un lato del viso.

Annuii, le sopracciglia inarcate per il fastidio. Distolsi lo sguardo verso la luce del sole che starnutiva piano attraverso le persiane semiaperte.

"Stronzate", decise, e disintegrò le gambe e si puntò l'una contro l'altra le sue sane ginocchia abbronzate. "Penso che tu volessi solo vedermi."

Ho alzato gli occhi al cielo. Non avevo davvero programmato di incastrarmi con Rachel in quel momento.

"Qual è il problema?" chiese, spegnendo la sigaretta in un posacenere. Ce n'erano diversi sparsi per la stanza. Si sporse in avanti e si mise gli occhiali, che erano sul comodino accanto a lei. Erano visibilmente imbrattati.

«Ho visto qualcosa che riguardava Susie», cominciai a spiegare. “Qualcosa di veramente fottuto. Qualcosa di veramente... davvero solo un casino, e devo parlarne con lei.

"Che cosa hai visto?" chiese, ora completamente vigile, l'accenno di un sorriso che le tirava le labbra viscide. I suoi occhi brillavano come quelli di una prima elementare.

Sospirai, chiedendomi come spiegarmi al meglio. Alla fine mi alzai, mi avvicinai al letto e mi sedetti accanto a lei. La mia mano si allungò e le accarezzò i capelli dietro l'orecchio. Chiuse gli occhi, inspirò e sospirò. Mi chinai e cominciai a succhiarle il collo, respirando il suo familiare odore di sudore di shampoo per sigarette. Rabbrividì e la sua mano passò sui miei fianchi, sul bordo dei pantaloni e sulla pelle. Ho aperto la cerniera della patta e lei si è inginocchiata sul pavimento davanti a me, sorridendo e togliendosi gli occhiali. Si chinò in avanti, prendendosi il suo tempo e guardandomi con i suoi grandi occhi bruciati mentre giocavo con i suoi capelli finché non finii con uno spasmo.

Mi sono sdraiato, ansimando, e lei mi ha passato un fazzoletto e io mi sono ripulito mentre lei andava a sputare. Quando è tornata, ero in piedi.

«È quello che ho visto, cazzo», dissi, sentendomi morto. "Quella. Più di quello. L'ho visto su un fottuto sito porno. Uno di quelli in cui indossano maschere e pagano le ragazze per fare cose. Rabbrividii al ricordo di esserci inciampato mentre mi masturbavo meno di un'ora fa, e mi sentii intorpidito e irreale in piedi nella stanza di Rachel invece che in quella di Susie ancora una volta.

"Aspetta, sei fottutamente serio?" chiese Rachele. Era sinceramente scioccata. Ho annuito.

"In nessun modo, cazzo", disse. Ho annuito.

«Susie?» chiese, a bocca aperta con la fronte corrugata. "Susie, ragazza femminista di provincia che non ha perso la verginità fino al college?" Annuii di nuovo e la baciai sulla guancia, uscendo dalla sua stanza in quella principale.

“Aspetta aspetta aspetta aspetta. Non c'è modo che tu l'abbia visto,” disse ad alta voce, seguendomi.

«Sì», dissi, guardandomi alle spalle mentre mi fermavo e accendevo una sigaretta. «Non dirlo a nessuno» aggiunsi.

“Vaffanculo Osmond, non dirò un cazzo a nessuno. Gesù Cristo», disse, e andò avanti e indietro. “Non ti credo. Fammi vedere."

Sono andato sul suo desktop e ho navigato finché non ho trovato il link.

“Non posso guardarlo. vado a cercarla. Divertiti", dissi, e mi diressi verso la porta mentre lei cliccava sui link. Ha urlato qualcosa mentre la porta sbatteva, ma non sono sicuro di cosa.

Mentre tornavo al campus, tirai fuori il telefono e chiamai il numero di Susie. Sperai che non rispondesse. Speravo di incontrarla sulla via del ritorno, o che sarebbe stata solo nella mia stanza.

"Ciao?" lei rispose. imprecai in silenzio.

“Susie. Dove sei?" chiesi, cercando di sembrare normale.

“In realtà stavo solo andando a mangiare qualcosa. Vuoi incontrarci dopo?"

"Sì. Vieni nella mia stanza», dissi, e chiusi di scatto il telefono.

"Ehi, Beacher!" chiamò una voce mentre attraversavo la strada verso l'ingresso del campus. Mi voltai e vidi Natman e Roger su un SUV che rallentavano dietro di me. "Sali", dissero, e io salii per il giro.

“Cosa sta succedendo, amico? Dove sei andato ieri sera con quella ragazza, Maria, dopo la festa?» chiese Roger dal sedile del fucile mentre iniziavamo ad andare avanti. Fece il suo largo e stupido sorriso da cane, il berretto da baseball inclinato all'indietro e il colletto aperto che faceva sembrare il sorriso ancora più ampio. Poteva essere un asino, ma in generale era un bravo ragazzo e una delle poche persone di cui mi fidavo a scuola.

«L'ho riportata nella mia stanza.»

"O si?" disse Natman mentre attraversavamo il cancello di sicurezza. «E poi cosa le hai regalato?»

Natman e Roger facevano entrambi parte di una delle confraternite. La festa di cui abbiamo parlato era nella loro confraternita. A volte mi sono pentito di non essermi unito a me stesso, ma ero comunque amico di loro, quindi immagino che alla fine non abbia avuto importanza. Ho avuto la maggior parte dei benefici della loro casa e nessuna responsabilità. La loro confraternita apparentemente non era così intensa; non dovevano fare niente di troppo esagerato per entrare o altro, almeno non secondo loro.

"Ti ha permesso di scoparla?" rise Ruggero. "Qualcosa mi dice che è una troia."

“Sì, l'ha fatto. Però ero davvero ubriaco», dissi, ricordando la notte precedente. Era una ragazza davvero sexy, ma per qualche motivo l'incontro sembrava insignificante. La sua fica però aveva un odore incredibile. Non ero mai stato con un messicano prima. «L'ho fatta andar via subito dopo», aggiunsi ridendo.

“Haha, ragazzo. Ti ha preparato un panino dopo?"

"Amico, è una sporca messicana", ha sottolineato Roger. "Gli ha preparato un taco, giusto?" Entrambi risero e si colpirono a vicenda.

"No, non avevo nemmeno fame", ho detto, e abbiamo riso. "Quindi sì, se n'è appena andata."

“Sapevo per certo che quella ragazza è una troia. L'abbiamo incontrata lo scorso fine settimana. Sembrava molto divertente. Roger sorrise a Natman.

"Sì amico, ottimo lavoro", ha aggiunto Natman, trasformando l'auto in un punto. "Sai che le ragazze spagnole adorano il cazzo." Sto per dire che è messicana, non spagnola, ma mi fermo. “Quello che dicono è vero, i pulcini con la pelle scura sono segugi sessuali naturali. Non era pelosa, vero?

«No, per niente», dissi. Lui annuì, come se lo sapesse. “E voi ragazzi? Qualche fortuna?"

«Dopo sono andato da Mallory», disse Roger. Lei e Roger si vedevano da circa un anno. Si sono sistematicamente traditi a vicenda. Ero andato a letto con lei prima ancora che Roger e lei iniziassero a vedersi, e l'avevo anche scopata due mesi fa. Era una persona fantastica, e mi sono sempre chiesta perché Roger l'avrebbe mai tradita. E ancora, era un bravo ragazzo, ed era fonte di confusione che Mallory lo tradisse. Mi chiesi brevemente se sapesse di me e lei. Non gliel'avevo mai detto.

"Sì, ero troppo ubriaco per scopare", ha spiegato Natman. Ho dubitato di questo. Natman aveva una pessima reputazione con le ragazze. Era un po' misogino. Si diceva che picchiasse la sua ex. Siamo scesi dall'auto.

"Andiamo in palestra", spiegò Roger mentre tornava al bagagliaio. Lanciò a Natman la sua borsa da ginnastica e afferrò la sua. "Vieni?"

Ho rifiutato come sapevano che avrei fatto. Non mi sono mai allenato in questi giorni. "Forse la prossima volta. Torno nella mia stanza.

"Beh, goditi quella merda", ha detto Natman. «Vieni a casa più tardi. Vogliamo farti conoscere qualcosa. Mi hanno sorriso.

"Lo farò", risposi, e ci battemmo le mani e ci separammo. Mi chiedo brevemente cosa mi faranno entrare. Probabilmente qualche acquisto all'ingrosso di droga. Forse un torneo di poker o qualcosa del genere. Tornai in camera mia e mi lasciai cadere sul letto ad aspettare Susie.

Dopo dieci minuti, mi sono seduto e sono andato online. Per quanto non volessi, ho cercato di nuovo il video. L'ho preso attraverso uno di quei siti che hanno collegamenti alle anteprime dei film. Fisso solo le miniature, senza fare clic sul film stesso. Nel primo pollice è seduta su questo divano di pelle. Presumo che un ragazzo la stia registrando e l'altro, che indossa una semplice maschera a pieno facciale color pelle senza bocca o espressione, solo fessure per gli occhi, ha il braccio intorno a lei con dentro dei soldi e le sta parlando. La miniatura successiva la mostra mentre succhia qualcuno, presumibilmente quello che l'aveva abbracciata prima, i suoi occhi fissano direttamente la telecamera. Riduco al minimo la finestra con rabbia, sbatto giù il mio laptop e mi sdraio di nuovo, fissando il mio soffitto bianco. Ha una macchia scura nell'angolo che si sta allargando.

Susie e io siamo usciti insieme al primo anno per tutto l'anno e metà dell'estate. Era praticamente vergine quando l'ho incontrata, aveva dormito solo con un ragazzo prima di me, e ha detto che era stato un errore. Mi ci sono voluti addirittura quattro mesi per convincerla a dormire con me. Non era come nessuno con cui ero uscito prima al liceo. Era testarda e molto intelligente. Amava studiare, io adoravo fare festa. Immagino che ci siamo bilanciati a vicenda quell'anno. Eravamo attaccati all'anca.

Quando l'estate è arrivata, sono tornato nella mia città e lei è venuta spesso, ma alla fine non ha funzionato. Nonostante quanto fossimo stati vicini tutto l'anno, la rottura non è stata affatto dura. Siamo rimasti amici e ci siamo ancora incontrati ogni tanto, alcune volte più di altre. Non abbiamo mai avuto relazioni a lungo termine, tranne per un paio di mesi in cui ha visto un ragazzo della sua città. È stato durante questo periodo che ho incontrato per la prima volta Rachel, che era la compagna di stanza di Susie e amica intima del secondo anno.

Dopo aver rotto con il ragazzo della sua città natale, Susie si metteva in contatto con me di tanto in tanto. Verso la fine del secondo anno è andata a letto con Roger, ma a me non importava. Se doveva andare a letto con qualcuno che conoscevo, ero contenta che fosse Roger. In più mi sembrava che il fatto di essere andata a letto con Mallory ci rendesse pari.

Adesso era la primavera del terzo anno. Le cose sono rimaste stagnanti. Settimane e fine settimana confusi insieme. Susie e io ci vedevamo sempre meno, e Rachel ha preso il suo posto, oltre a incontri occasionali come quella ragazza, Maria. Nonostante tutto e nonostante la nostra distanza, sentivo ancora che Susie era mia. Mi chiedevo spesso se avremmo mai ricominciato a vederci in esclusiva e a un certo punto gliel'ho persino chiesto, ma lei mi ha detto qualcosa sulla necessità di concentrarmi sulla scuola. Aveva senso per me, e non stavo discutendo dato che eravamo ancora insieme.

"Ciao ciao", cinguettò Susie. La sua testa era sulla mia porta. Mi sono seduto. Non avevo nemmeno sentito la porta aprirsi.

«Ehi» dissi. Mi scostai i capelli dagli occhi e abbassai lo sguardo. Si avvicinò al letto e posò lo zaino. "Che cosa succede?" chiese, guardandomi.

Alzai il viso per guardarla. Ha gli occhi azzurri luccicanti e sembrava stanca. I suoi capelli solari erano raccolti in una coda di cavallo e indossava una maglietta e dei jeans. Stava sempre benissimo in jeans. Non era proprio il tipo di ragazza che indossava la gonna. Non si truccava quasi mai. Non ne aveva davvero bisogno.

"Niente davvero ..." dissi, e mi interruppi.

"Freddo?" disse, e rise goffamente. Ci siamo seduti in silenzio.

"Hai bisogno di soldi?" chiesi dopo un attimo.

"Che cosa? Perché?" chiese, aggrottando un sopracciglio. Scuoto la mia testa.

«Osmond, come va?» chiese di nuovo. Posò la sua morbida mano bianca sul mio ginocchio. Mi allontanai dal gesto familiare, mi chinai e aprii il computer. Lei lo fissò, a bocca aperta. Ho guardato oltre lei. Per un po' non è stato detto nulla.

"Bene?" Ho chiesto. «Hai bisogno di soldi, Susie? Perché avresti potuto semplicemente chiedermelo, cazzo. La mia voce era piatta e non sembrava la mia.

"Osmond, di cosa stai parlando?" Il suo accento del New England, che di solito trovavo carino, mi faceva solo incazzare di più.

“Non hai bisogno di uscire e prostituirti per soldi. Fanculo!" Ho urlato e ho sbattuto lo schermo. Mi alzai e mi avvicinai al frigorifero per prendere una birra. Lei non disse nulla, di nuovo a bocca aperta. "Pensavo fossi contrario a quella merda, comunque."

«Come osi», disse, con voce bassa e diversa. "Non mi possiedi, cazzo!" Abbassò lo sguardo sulle sue ginocchia in blue jeans, poi su di me, con gli occhi ardenti.

“Come oso cosa? Fottuti sconosciuti per soldi, Susie! Stranieri! Questo mi sconvolge! È su internet che il mondo ti vede scopare. E se i tuoi genitori lo vedessero? E se tuo fratello vedesse questa merda, eh?

“Perché cazzo i miei genitori dovrebbero guardare Poorcollegegirls.com? Perché dovresti guardarlo? Perché...» Si alzò. "Devo andare."

"Sì, penso che tu lo sappia", dissi. Ho aperto la porta. Afferrò il suo zaino con un movimento a scatti e si diresse verso la porta. Si fermò, fece un respiro e mi guardò mentre tenevo la porta aperta.

"Presumi troppo su cose di cui non sai nulla", ha detto. "E tu sei un fottuto ipocrita", e con questo era fuori dalla porta. L'ho chiuso di scatto, ho bevuto il resto della mia birra e l'ho lanciato contro il muro più forte che potevo. Non mi sono preso la briga di pulire il vetro rotto.

Il resto della giornata, per usare una frase stanca, fu confuso. Ho fatto un po' di lavoro per la classe per distrarmi. Sono andato in palestra e ho sollevato pesi. Sono andato a fare jogging e ho ascoltato la musica più arrabbiata che potevo. Dopo aver fatto la doccia, sono andato alla pizzeria locale e ho mangiato finché non mi sono sentito come se stessi per avviarmi.

A quel punto era finalmente il crepuscolo. Ho pensato di fermarmi un po' alla confraternita prima di tornare al campus. Avevo paura di incontrare Susie.

"Beacher, vieni dentro", ha detto Natman quando ho bussato alla porta della loro confraternita. Sono entrato nel corridoio. Era molto pulito. Di solito era pieno di sacchi della spazzatura e pile di giornali, riviste e altra spazzatura. Salimmo le scale verso la stanza di Natman e Roger. Roger era seduto sul suo divano di pelle con una ragazza che non avevo mai visto prima. Lo stendardo della confraternita che di solito era appeso sopra il divano era abbassato e ripiegato in un angolo.

"Che cosa avete in mente ragazzi?" chiesi dopo aver schiaffeggiato la mano di Roger e salutato educatamente la ragazza. Indossava una gonna corta e un maglione. Era molto carina. Aveva gli occhiali e i suoi occhi brillavano di evidente intelligenza.

"Beacher, vorrei presentarti Jayna", disse Natman, indicando la ragazza.

«Ciao», disse. "Lieto di conoscerti. Sei Beacher?

"Ciao, sì... sei di queste parti?" Ho chiesto. Qualcosa non andava.

"Sì, vado alla scuola statale in fondo alla strada", ha detto. Il suo sorriso sembrava incerto quanto me. Sembrava impaziente.

"Ah, bello", risposi. Ho guardato dietro di me e Natman non c'era più. Riapparve un secondo dopo tenendo qualcosa in mano. Una fotocamera.

"Beacher, amico mio", iniziò Roger, alzandosi. "Ascolta. Abbiamo questa dolce cosa in corso. Ma non puoi dirlo a nessuno.

"Abbiamo pensato che ti saresti interessato dato che sei un magnaccia pazzo", ha aggiunto Natman.

Roger infilò una mano nella tasca posteriore dei pantaloni e tirò fuori una maschera. Era semplice, non aveva lineamenti del viso e solo fessure per la bocca e gli occhi, color pelle. Lo fissai, con la gola secca.

"Jayna è un caso strano perché di solito conosciamo le ragazze con cui lo facciamo", ha spiegato. “Come con quella ragazza Maria, l'abbiamo conosciuta prima e le abbiamo chiesto se era giù. Lei ha detto sì." Rimasi in silenzio, sentii un brivido.

“Funziona per entrambe le parti. Vedi fratello, noi paghiamo le ragazze, e questa compagnia ci paga un sacco di soldi per registrarle con noi. Dobbiamo solo indossare delle mascherine così non...”

non potevo. Non potevo ascoltare, non potevo essere lì, non potevo continuare a esistere. Corsi fuori di casa e in strada prima che potesse finire. Mi sono fermato, sono caduto a terra e ho vomitato contro il pavimento. Sono caduto su un fianco, la mia faccia calda come il sole e tutta la mia cena davanti a me. Riuscivo quasi a vedere le linee puzzolenti che ne derivavano. Mi sentivo intorpidito. Sopra di me, un albero appena sbocciato ha lasciato svolazzare un petalo bianco sul mio viso. L'ho spazzato via.

Storie simili

Il viaggio di Sandra Capitolo 2

Costantemente maltrattata Sandra si era stabilita in una vita di servitù. La sua umiliazione fu completa quando fu introdotta alla bestialità. Ma lungi dall'essere caduta in disgrazia, scoprì di apprezzare ciò che aveva ottenuto da un animale che non aveva avuto da nessun uomo: un lungo cazzo. Ormai “venduta” attendeva il suo nuovo Maestro. Caricata nell'auto di Paul, si rese conto che ora le apparteneva. Seduta sul sedile posteriore con Tyson, ha accarezzato il suo nuovo animale domestico. Ti sei esibita perfettamente stasera signorina disse Paul mentre tornava a casa Penso che ci sia una miniera d'oro tra le tue gambe...

3 I più visti

Likes 0

Mordie pt1

In una piccola città, in mezzo al nulla, viveva un uomo sconosciuto chiamato Mordie. Per anni Mordie ha trascorso le sue giornate a casa sua pensando alla donna perfetta per lui. Vedi, Mordie non è un cattivo ragazzo, è solo frainteso. Da ragazzo cresciuto in una grande città, veniva sempre preso in giro per il suo peso, la sua faccia fraintesa e la sua instabilità mentale. Temendo per la sicurezza di suo figlio, la madre iperprotettiva di Mordie è fuggita dalla città per vivere in una piccola città. Per paura del ridicolo, la madre di Mordie non voleva che uscisse di...

1.2K I più visti

Likes 0

Migliori amici con vantaggi

Annabelle gridò dall'altra parte della casa Sbrigati! Faremo tardi! È una mia vecchia amica d'infanzia e si è trasferita da poco, poiché i suoi genitori hanno deciso che doveva trasferirsi da casa loro. Ho deciso di fare la cosa giusta per farla trasferire da me. Voglio dire, perché no? Entrambi abbiamo fatto tutto insieme. Frequentavamo le stesse classi, andavamo in giro al cinema e passavamo anche molti pigiama party insieme. Divento troppo timido quando provo a chiederle di uscire. Ehi! L'autobus non ci aspetterà più! Il clacson dell'autobus suonò fuori dal finestrino e io sfuggì rapidamente al mio sguardo, dove ho...

1.1K I più visti

Likes 0

Basi

Ho cambiato i nomi, ovviamente. Oltre a quello... Avevo circa nove anni quando ho scoperto che stare in camera mia con i pantaloni intorno alle caviglie e ripetermi il nome di Linda Reed (la ragazza bionda davvero carina della classe di Miss Jones) più e più volte aveva il curioso effetto di farmi il pene crescere più a lungo e diventare duro. Avevo appena compiuto dieci anni quando ho capito che se avessi pronunciato il nome di Linda per indurire il mio pene, e poi strofinato la sua pelle su e giù, le cose laggiù avrebbero iniziato a sentirsi davvero bene...

1.2K I più visti

Likes 0

Gli ingredienti di una troia Capitolo 1

Era una calda giornata estiva, stavo camminando verso il centro commerciale dove si trovava la mia migliore amica Rosie. L'ho aspettato tutta la settimana. Non la vedo da qualche mese. Dopo qualche minuto di camminata sotto il sole cocente ho finalmente raggiunto il centro commerciale. Eccola lì, bella come sempre. Era lì in piedi con i suoi jeans preferiti, una maglietta nera e una giacca di pelle che la facevano sembrare una motociclista. I suoi capelli erano ricci e rosso brunastro. Ero innamorato di questa ragazza e volevo dirglielo ma non sapevo come. Mi vide e un sorriso si allargò sul...

866 I più visti

Likes 0

La sua ragazza, mia cugina

Immagino che tutto sia iniziato un sabato pomeriggio. Il reggiseno di mia madre era in cima alla pila del bucato. Ha attirato la mia attenzione e ne sono rimasto subito affascinato. Ho rubato il reggiseno e sono corsa in camera mia a provarlo. Ricordo la fretta che mi diede. Mi è piaciuto e ho deciso di continuare. Ho fatto tutto il possibile per mettere le mani su più vestiti. Ho rubato reggiseni, mutandine, collant, slip e vestiti a mia madre. Costumi da bagno e reggiseni di mia cugina e di mia nonna. Non potevo averne abbastanza. Mi sforzavo di sembrare e...

745 I più visti

Likes 0

Fuori a fare festa

Frugando tra i miei vestiti mi metto su un vestito nero attillato che esprime bene le mie curve. Le mie grandi coppe rotonde B sono appoggiate sul bordo del vestito mentre il mio sedere si apre facendolo sembrare rotondo. Il mio ragazzo mi ha detto che stasera saremmo stati selvaggi e ci saremmo vestiti da troia. Non so mai cosa ha in mente, mi sorprende sempre con le cose. Che si tratti di eventi o regali, ha un'immaginazione. Mi chiedo come una parte di questo non lo abbia mandato in prigione con quello che fa. Vibrando nella mia tasca, il mio...

967 I più visti

Likes 0

Giorno della mia vita...

Questa è la mia prima storia. Quindi, per favore, dammi un po' di tregua. Se non faccio del bene capisco. Grazie se hai scelto di leggere questa storia... Mi chiamo Matthew Colister e sono 5' 11. Ho 15 anni e la maggior parte delle persone mi dice che sono davvero alto per la mia età. Non è l'unica cosa però. Ho un cazzo lungo che misura 4 pollici quando è floscia e alta 20 cm quando è dura. Non ho mai avuto alcuna vera esperienza sessuale se non con la mia mano, ma tutto è cambiato quando ho incontrato la signorina...

40 I più visti

Likes 0

Il seme dell'orrore: capitolo 9

Capitolo nove Allora come l'hanno presa i tuoi genitori? Chiese Christi, parlando con Jason attraverso i loro telefoni cellulari. Era seduto in un parcheggio innevato a Portland, dopo aver appena compilato la sua quinta domanda di lavoro. Davanti a lui ora c'era un'applicazione McDonalds. Dannazione, i suoi genitori gli avevano sempre detto di studiare sodo e di entrare in un buon college in modo da non dover mai girare gli hamburger. Grazie mille, Stimmate Nere. “Non posso davvero dirlo, sono andato a letto appena sono tornato a casa e me ne sono andato prima che qualcun altro si alzasse. In realtà...

27 I più visti

Likes 0

Segna il punto_(1)

Segna il punto Stavo pensando mentre attraversavo la porta laterale di casa mia che questo era probabilmente il giorno peggiore della mia vita. Umiliato sul lavoro... no, minato da una merda piagnucolona che ha funzionato per me e mi ha quasi fatto licenziare. Per finire, il mio parco auto viene rovinato e devo implorare un passaggio a casa. Più umiliazione... proprio quello di cui ho bisogno. Perché ho trasferito la mia famiglia in questa città quando stavo già bene? Compreso oggi, mi sono fatto la stessa domanda 265 volte finora quest'anno. La casa è silenziosa, quasi. Sento un leggero gemito dal...

1K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.