Cogli il Day-4 Vesti

1.4KReport
Cogli il Day-4 Vesti

Cogli l'attimo parte 4

Mi sveglio la mattina un po 'dolorante ma mi sento un po' meglio riguardo alla situazione. Mi perseguita ancora. Sembra sbagliato, ma sembra così giusto. Te ne sei già andato mentre scendo dal letto. Ti trovo in cucina a preparare la colazione. Dici: “Buongiorno e grazie per ieri sera. Sospetto che ti sia piaciuto tanto quanto me. Mi passi una tazza di tè: “È una bevanda energetica a base di erbe. Dimmi se ti piace il gusto.

Dopo colazione dici che ci sono alcune cose nella stanza degli ospiti che vuoi che provi. Hai di nuovo quello sguardo malvagio nei tuoi occhi, ma svanisce rapidamente. Mi faccio strada nella stanza degli ospiti e spalanco gli occhi a quella vista. Là sul divano letto c'è un completo da scolaretta. Gonna, camicetta con emblemi abbinati, cintura di protezione, calze, mutandine perizoma, tacchi alti e per finire una parrucca rossa.

Afferro l'appendiabiti con la gonna e la camicetta e torno di corsa in soggiorno: “Cos'è questo? Non vuoi che indossi questo, vero? Sembrerei una ragazza. Non sono una ragazza." La mia indignazione evidente. Guardami pazientemente per un momento. “È la mia fantasia. Non sto dicendo che sei una ragazza. Ma, date le circostanze, devi ammettere... cos'hai da perdere?" Sto ancora fumando guardandolo.

"Calmati. Non devi indossarlo fuori. Faccio un respiro profondo e guardo di nuovo i vestiti. Riesco a sentire di nuovo la mia voce: “Per favore, sii il mio fottuto amico. Qualunque cosa tu voglia, non dirlo a mia moglie. Ti scongiuro." Ripensandoti, vedo che hai registrato anche quello, ovviamente. “Provalo e basta. C'è uno specchio lì dentro.

Sento il cuore che batte forte mentre mi rassegno alla situazione. Va bene, lo proverò, dopotutto potrebbe essere divertente. Dopo aver indossato tutto mi guardo allo specchio. Il mio cuore sta ancora battendo forte e i vestiti o qualcosa del genere mi sta facendo agitare. Sembro davvero una ragazza. Le mie gambe pelose sono coperte e riesci a malapena a distinguere il mio pomo d'Adamo attraverso i capelli rossi.

Sollevo la gonna e vedo la mia erezione sporgere dal lato delle mutandine. Poi mi giro e mi chino, la gonna corta si solleva per esporre il mio culo nudo con solo il perizoma che mi sale al centro. Mi sta davvero eccitando per qualche motivo. Mi metto i tacchi e mi trascino in soggiorno. Mi metto in posa.

Ti illumini. I tuoi occhi lo mostrano. Questo è quello che speravi. Mi dà i brividi e sento il mio cazzo duro martellare con il battito del mio cuore. Mi giro di lato e mi chino di proposito esponendo le bretelle della calza, il tutore, le mutandine e il culo nudo. Cosa mi sta succedendo? Mi sento quasi potenziato in qualche modo. Non avrei mai immaginato che il travestitismo sarebbe stato così eccitante. Forse le erbe stanno funzionando.

"Hai visto la scatoletta bianca sul tavolo?" tu chiedi. Non l'avevo notato e sentendomi eccitato come una bambina mi precipito dentro per trovare una piccola scatola bianca anonima. Aprendolo c'è un piccolo oggetto dall'aspetto di un uovo con una corda ad anello attaccata ad esso. Lo porto fuori con me, uno sguardo interrogativo sul viso. Mi fai cenno di avvicinarmi.

"Girati e piegati un po'". Poi prendi un dito e bagna il mio buco. Ho quasi sparato attraverso il tetto, il mio corpo sussulta al tocco. Ti spingi un po' e chiedi: “Ti piace? Il tè che ti ho dato stamattina era roba potente. Un afrodisiaco. Le mie ginocchia si ammorbidiscono e mi sembra di strofinare seni immaginari. Con il petto ansante mi chino e appoggio le mani sulle ginocchia lasciandoti toccare il mio culo volentieri.

Poi prendi la cosa a forma di uovo e me la spremi dentro. Ora ci si sente abbastanza a proprio agio. Mi alzo e mi inarco indietro lasciando che si stabilizzi in posizione. Poi sento qualcosa. Comincio a tremare. Ma non sono io. Poi si ferma e mi giro a guardarti con in mano un piccolo telecomando. Mi guardi sorridendo e premi uno dei pulsanti.

L'uovo nel mio culo inizia a ronzare a intervalli. Le mie gambe si piegano e mi inginocchio davanti a te. “Voglio che tu mi succhi il cazzo. Ti piacerebbe quella bambina? La mia voce si è alzata di due ottave: "Sì, signore". Inizi ad allentare la cintura e sorridi: "Sì cosa, piccola troia?" L'uovo vibrante sta togliendo tutto il mio ragionamento: "Voglio succhiarti il ​​cazzo, signore, per favore".

I tuoi pantaloni sono abbassati fino alle caviglie mentre aspetti. Aspetto a malapena una risposta mentre succhio il tuo cazzo mezzo duro nella mia bocca. Allungo la mano indietro con entrambe le mani e separo le guance, inarcandomi e contorcendomi mentre spingo il tuo cazzo più a fondo nella mia gola. Tossisco ma vado avanti. non riesco a trattenermi. Sento la tua mano dietro la mia testa che mi tiene fermo. Il tuo cazzo sta diventando più duro e più lungo mentre si riempie di sangue che si fa strada lungo la mia gola.

Mi lasci andare e io succhio furiosamente e succhio la tua carne. Alzo lo sguardo e ti vedo sorridere con quello sguardo diabolico sul viso ma non mi interessa. Sono le erbe, l'uovo vibrante, entrambi? Mi sto comportando da pazza come la ragazza della scuola cattolica andata male. Voglio il tuo cazzo e tu vuoi darmelo. “Pensavo che ti sarebbe piaciuto. Hai solo bisogno di un piccolo incentivo. dici e spegni l'uovo.

Quando il ronzio si ferma, rallento e crollo sulle scarpe. Comincio a riacquistare i miei sensi mentre ti siedi, la tua furia si insinua tra le tue gambe. «Vieni a sdraiarti qui con me e appoggiami la testa in grembo. Sei la mia bambina e papà sa cosa vuoi. Ho il tuo ciuccio preferito. Dici indicando il tuo cazzo.

Mi alzo in piedi barcollando e cado a pancia in giù sul divano. La mia testa si è allineata con il tuo cazzo duro mentre comincio a leccare e succhiare la testa nella mia bocca. Le mie ginocchia sono piegate con i piedi in aria, le gambe incrociate come tante foto che vedi di ragazze carine o sexy. La mia gonna mi copre a malapena il culo, appoggi la tua mano sulle mie guance. Ti strofini leggermente mentre ingoio lentamente il tuo cazzo.

Premi un altro pulsante sul telecomando e il ronzio ricomincia. Mi inarco e tiro via il tuo cazzo bagnato. "Oh si!" Piango e mi abbandono per risucchiare il tuo cazzo nella mia bocca. La mia lingua ne esplora ogni parte mentre scivola. Fai scattare il cinturino a g contro il mio buco un paio di volte. Quindi strofina la mano sotto il cinturino. Strofinare la mia fessura mi sta facendo impazzire e lo dimostro impazzendo sul tuo palo.

I tuoi fianchi iniziano a spingere al ritmo del tuo sfregamento. Sposto la testa e spingo più in basso la tua asta. Sento l'uovo vibrante che fa impazzire le mie viscere e sono a metà del tuo cazzo quando improvvisamente ho un'illuminazione. Mi hai aiutato con la mia fantasia e ora sto aiutando te. Hai sempre desiderato che una scolaretta sporca ti facesse piacere. mi viene un'idea.

Alzo le gambe sotto di me esponendo il mio culo. "Papà, oggi il preside mi ha mandato a casa prima da scuola, con un biglietto." Dico tra fa schifo. Gemi e sembri un po' intontito, “Nota? Che cosa?" "L'ho buttato via." Ti stai chiedendo di cosa sto parlando, “Quale nota? Che cosa diceva?" "Diceva che ero una ragazza sporca perché mi hanno trovata tra i cespugli a giocare con i ragazzi." dico e muovo il culo. Poi faccio scivolare la mia bocca in profondità nella tua asta.

Ora ho raggiunto il picco del tuo interesse e tu allarghi le gambe e ti pieghi verso la mia gola dandomi più accesso. "Cosa stavi facendo tra i cespugli con quei ragazzi?" chiedi rimproverando. "Tommy voleva fottermi nel culo.." dico e tu infili il tuo cazzo, "e un altro ragazzo mi ha fatto succhiare il suo cazzo." Gemi e spingi di nuovo. Bagni due dita e cominci a punzecchiarmi e pungolare il mio buco del culo. "Ti ha fatto succhiare il suo cazzo?" chiedi spingendo. "Papà, sai che è così che mi piace." Rispondo tirando su la punta del tuo cazzo liscio e stuzzicandolo con la lingua.

"Sei una ragazza sporca." dici afferrandomi per i capelli, o per la parrucca e spingendomi di nuovo giù per il tuo cazzo. Gemo e muovo di nuovo il culo. Mi spingi e tiri i capelli mentre mi fotti dentro e fuori dalla bocca. Le tue dita ora si aprono nel mio culo toccando il vibratore a uovo. Lo sento muoversi dentro di me e il suono del ronzio che cambia tono.

Mi lasci andare la testa e io mi alzo, "Sono una ragazza sporca perché voglio succhiare il tuo enorme cazzo papà?" Gemi forte e spingi la mia testa verso il basso, poi spingi le dita in profondità per spingere più in profondità anche l'uovo vibrante. "Sì piccola. Sei la mia ragazza sporca, vero? Il tuo cazzo è profondo, appena nella mia gola. Gemo intorno alle sue spinte. “Dovresti dirmelo quando lo vuoi così posso aiutarti. Non hai bisogno di quei ragazzini immaturi dal cazzo. dici spingendo le dita e i fianchi.

Mi hai lasciato alzare. “Ho pensato tutto il tempo al tuo grosso cazzo. mi dispiace papà. Mi punirai?" dico e rimetto il tuo cazzo nella mia bocca. Riprendi a spingere e spingere, respirando affannosamente. Il tuo cazzo diventa improvvisamente più grande e più rigido. Sento il sapore dei tuoi succhi salati che iniziano a scorrere. “Oh sì, sto venendo piccola. Ingoia tutto adesso. dici spingendo e sussultando.

Il tuo orgasmo è enorme e dura più a lungo di prima. Ingoio tutto quello che posso, un po' mi esce dalla bocca. Conato un po' mentre spingi più forte finendo il tuo orgasmo. Continuo a succhiare e leccare tutti i tuoi succhi nella mia bocca finché non sei asciutto ma non morbido. Devono essere le erbe. Rimani rigido anche se hai avuto un enorme orgasmo. Devi aver spruzzato tutto il tuo sperma.

Le tue dita sono ancora sepolte nel mio culo mentre inizi a rilassarti. “Ho fatto il bravo papà? Sei arrabbiato con me per essere stato mandato a casa? Hai intenzione di rimproverarmi? Punirmi? dico e spingo contro le tue dita. Appoggio la testa sulle tue ginocchia accanto al tuo cazzo ancora duro. Comincio a dondolarmi avanti e indietro, l'uovo continua a farmi ronzare in una leggera frenesia. Torni lentamente dall'enorme orgasmo. Stringi la presa contro il mio culo e muovi le dita all'interno muovendo l'uovo.

“Oh papà, è così bello. Vuoi scoparmi lì? Il tuo cazzo è ancora così duro. Fa male?" domando con una voce acuta da ragazzina. Ti metto la mano sul cazzo e lo stringo. "Vedi papà?" Sussulti leggermente ogni volta che stringo. Aspetto la tua risposta, dondolando pazientemente il culo avanti e indietro. L'uovo che mi fa impazzire il culo.

Dopo qualche altro minuto di riposo inizi a strofinare il cazzo contro i miei capelli e la mia faccia. resisto. Mi metti una mano sulla testa e mi accarezzi delicatamente i capelli. Aspetto pazientemente. Diventi più energico con le dita e io gemo. Giro la testa per leccare la tua asta. Tiri lentamente la mia testa contro di essa schiacciando le mie labbra ei miei denti sulla tua carne. Apro la bocca lasciandola scivolare dentro. Tu spingi un paio di volte facendola entrare e uscire.

“Per favore papà. Non farmi implorare. I piccoli cazzi dei ragazzi non mi hanno fatto divertire affatto. Ho bisogno del tuo grosso cazzo. Ora stai gemendo e strofinando la tua mano nel mio culo. I tuoi fianchi stanno spingendo di nuovo più forte mentre mi spingi indietro sulla tua carne ancora rigida. Lo succhio fino in fondo e lo tengo lì facendo rotolare la lingua meglio che posso prima di staccarmi. “Va bene, ti prego. Per favore, fottimi nel culo con il tuo grosso cazzo duro papà! dico e scivolo di nuovo fino in fondo, ripetendo un paio di volte.

Ti sento tirare fuori le dita insieme all'uovo che continua a vibrare. Poi mi rimetti le dita nel culo spingendomi e sculacciandomi allo stesso tempo. "Oh si!" Piango. Continui a sculacciarmi e a fottermi con le dita: “Sei la mia ragazza sporca. Devi essere punito. “Mi dispiace papà. Non essere arrabbiato. Continui a sculacciarmi e mi costringi a tornare sul tuo cazzo. Il sapore salato è tornato mentre la punta trasuda di succhi. Ti risucchio di nuovo fino in fondo e faccio un po' di vomito per effetto. Questo ti fa sobbalzare e io continuo a succhiare.

Presto sarai di nuovo a pieno regime e io sarò impazzito tra le tue dita e il tuo cazzo. Comincio ad addormentarmi completamente preso dalla mia estasi erotica. Il mio corpo si contorce e si agita automaticamente, la mia mente è completamente vuota. "Ora ragazzina, ti mostrerò come ci si sente ad essere fottuti nel culo da un vero cazzo." L'affermazione mi fa salire la temperatura e ricordo ogni volta che mi hai ficcato il cazzo nel culo. Scuoto e tiro via il tuo cazzo. "OH PAPÀ!"

Salto giù dal divano eccitato, recitando la parte della scolaretta sporca. Ti afferro la mano e ti tiro giù dal divano: “Vieni con me. Ho una brutta idea.» Mi assicuro di prendere anche il tuo cellulare e di trascinarti nella stanza degli ospiti. Davanti allo specchio, mi chino esponendo il mio buco del culo a te e al tuo cazzo duro. Poi indico lo specchio e ti passo il cellulare. Hai di nuovo quell'espressione malvagia sul viso.

"Succhiami prima." dici di preparare la fotocamera del telefono. Mi inginocchio e comincio a succhiare mentre tu inizi a scattare foto. "Ora alzati e piegati in vita per continuare a succhiarmi." istruisci e scatti alcune foto di quella postura. Continui a cambiare posizione e ogni volta fai un paio di scatti. Finché finalmente mi stai fottendo nel culo e il telefono cade a terra mentre mi afferri per i fianchi e ti sbatti il ​​cazzo più a fondo. La testa inizia a gonfiarsi e gonfiarsi. Caldo e pronto ad esplodere dentro di me.

Mi sono perso e ritrovato allo stesso tempo. Intrappolato eppure libero. Il mio corpo formicola e brucia. Bava che pende dalla mia bocca aperta. Mi guardo allo specchio e vedo l'unica cosa su cui hai fantasticato da quando eravamo giovani, la mia migliore amica che si scopa una scolaretta dai capelli rossi e in uniforme. Camicetta e gonna corta abbinate, mutandine con perizoma, cintura di protezione, calze e tacchi alti. La tua fantasia realizzata, la mia fantasia utilizzata. Sento l'orgasmo del mio corpo proprio mentre inizi a spruzzare e spingere. L'ultima immagine bruciata nel mio cervello è vedere la tua faccia e la mia nello specchio mentre entrambi raggiungiamo l'orgasmo.

Storie simili

Incesto --- [2]

Parte 2 [l'ultimo del tema bi per un po'] _____________________________ Il giudice Ciro T. Nikolai era seduto dietro un'enorme scrivania mentre Avan Volka e il suo giovane nipote Caci entravano nell'aula del giudice. Nikolai era un tipo burbero, con occhi duri e un viso rugoso e severo. Fece cenno ad Avan e al ragazzo di sedersi sul lato opposto della scrivania. Volka, iniziò, ho qui una borsa di studio per l'immigrazione e poiché il loro padre non può rispondere da solo, la tua firma sarà sufficiente. Il giudice sollevò il documento di quattro pagine e lo sfogliò fino all'ultima pagina. Qui...

2.5K I più visti

Likes 0

Il mio piccolo sporco segreto (12)

Ehi ragazzi, questo è il capitolo finale. Spero sia stato un buon giro. C'è un epilogo in cui spiegherò tutto dopo che il trio sarà finito. La festa di Capodanno è stata un'esplosione... del mio sperma e dello sperma di altri due ragazzi. Uno di loro, come sai, era Mike. L'altro era... aspetta e vedrai. Diventerà ovvio abbastanza presto. Così sono entrata alla festa indossando un cardigan e pantaloncini corti. Ovviamente, mentre mi vestivo, avevo in mente l'idea del sesso. Era a casa di un anno 13 e avevo deciso di venire presto prima che tutte le buone camere da letto...

2.3K I più visti

Likes 0

Vita di una schiava

Mi chiamo Kitana Young. Mio padre è americano, mia madre libanese, e questa è la mia storia. Beh, non l'intera storia, intendiamoci... Solo una sfaccettatura della storia nascosta che la maggior parte delle persone non conoscerà mai. È la storia di una ragazza che trova un significato nell'essere posseduta. È la storia di una ragazza che trova conforto nei desideri del suo Maestro, dominante sulla sottomessa, e vive per il brivido di essere punita. Nessuno, nemmeno i miei amici più cari, sa della vita segreta che conduco. A volte vorrei dirglielo, ma come posso? Come fai a dire a qualcuno che...

2.2K I più visti

Likes 0

Scatenare

Scatenare Holly svoltò sulla strada sterrata che portava al suo lago privato e tirò un sospiro di sollievo. Parcheggiando accanto alla grande quercia, dove faceva sempre, era a pochi metri dal lago. Appena sopra c'era la sua baracca. Avrebbe potuto costruire una villa qui se avesse voluto, ma la baracca che era qui quando ha acquisito la proprietà per la prima volta più di vent'anni fa. All'inizio era un luogo di divertimento e giochi con il suo primo amante. Adesso era il suo rifugio dal mondo aziendale ed era privato, lontano dalla strada principale. A meno che non si sapesse dov'era...

3.7K I più visti

Likes 0

La sua ragazza, mia cugina

Immagino che tutto sia iniziato un sabato pomeriggio. Il reggiseno di mia madre era in cima alla pila del bucato. Ha attirato la mia attenzione e ne sono rimasto subito affascinato. Ho rubato il reggiseno e sono corsa in camera mia a provarlo. Ricordo la fretta che mi diede. Mi è piaciuto e ho deciso di continuare. Ho fatto tutto il possibile per mettere le mani su più vestiti. Ho rubato reggiseni, mutandine, collant, slip e vestiti a mia madre. Costumi da bagno e reggiseni di mia cugina e di mia nonna. Non potevo averne abbastanza. Mi sforzavo di sembrare e...

1.9K I più visti

Likes 0

Porre l'altra guancia

Sono una persona profondamente religiosa. Credo nel fare il bene e nel resistere alla tentazione del male. Credo che i cristiani dovrebbero praticare l'umiltà e, quando subiscono un torto, porgere l'altra guancia. Con l'aiuto di mia moglie, Eve, lavoro sodo per essere una buona cristiana. Pensavo di salvare Eve e di portare la sua trasformazione. Sotto ogni punto di vista, Eva era una peccatrice. L'ho incontrata in un momento di debolezza. Un giorno, sono stato attirato in un club per gentiluomini contro il mio miglior giudizio e la mia conoscenza del bene e del male. Ero vergine in ogni senso della...

1.7K I più visti

Likes 0

L'inizio e 40 anni di ritardo il cambiamento

Jay e io giochiamo insieme da quando avevamo circa 15 anni. È iniziato una notte quando lui dormiva a casa mia e volevamo guardare la TV dopo che i miei genitori erano andati a letto. Ecco il breve background prima di entrare in quello che è successo lo scorso fine settimana. Quella notte, dopo aver spento la TV, abbiamo aperto il divano letto e ci siamo sdraiati per la notte. Poco dopo che eravamo sotto le coperte, ho sentito la sua mano scivolare sul mio fianco e toccare delicatamente il mio cazzo. A quel punto, come ogni ragazzo di 15 anni...

1.8K I più visti

Likes 0

Una sorpresa estiva (parte 1)

Una sorpresa estiva, Parte 1 di Nicholas Chiglia Capitolo 1: Nick aveva diciannove anni ed era appena tornato dal suo primo anno al college, che se chiedevi a qualcuno coinvolto era al massimo poco brillante. L'estate dopo il diploma di scuola superiore, aveva avuto visioni di feste, ragazze, alcol, lavori. Ma la realtà era un po' meno eccitante di questa immaginazione pre-congelamento. Andava a un paio di feste, cercava di trovare un gruppo di ragazzi con cui uscire, ma finiva comunque per dormire da solo nel suo dormitorio ogni fine settimana. Il compagno di stanza di Nick non era così maledetto...

1.2K I più visti

Likes 0

L'ENORME CAZZO DEL VICINO CI IMPRESSIONA NELLA VASCA IDROMASSAGGIO

Mi chiamo Amelia. Mio marito, Terry, e io ci siamo trasferiti in un quartiere tranquillo nel Tennessee occidentale circa 12 anni fa. Abbiamo comprato una bellissima casetta e, dopo esserci trasferiti, abbiamo deciso di aggiungere una bella e grande vasca idromassaggio nel cortile sul retro, con un ponte spa abbastanza grande che la circonda. La casa e la vasca idromassaggio erano perfette per noi... dato che non avevamo figli, trascorrevamo molto tempo rilassandoci - per lo più nudi - nella vasca idromassaggio nei fine settimana e quasi tutte le sere. In realtà, dato che sono rimasto a casa mentre Terry lavorava...

1.1K I più visti

Likes 0

PICCOLO BOBBY

Chi è il tuo amico? chiese Jake mentre scartava due delle sue carte e ne chiedeva altre due al mazziere!?! Uh, questo è Bobby Reynolds, il mio migliore amico del liceo rispose Peter, è qui solo per il fine settimana!!! I cinque ragazzi che giocavano a poker nella stanza del dormitorio di Jake salutarono tutti con un cenno del capo il giovane esile prima di tornare al loro gioco! Peter e Bobby si sedettero in un angolo a guardare, ma prima ancora che si sistemassero ai loro posti Jake disse: Conosci le regole, Pete, chiunque guardi deve spogliarsi proprio come il...

1.2K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.