Sarah e la signorina Summers

1.3KReport
Sarah e la signorina Summers

Introduzione:

Sarah ha afferrato i suoi vivaci seni 34B, spingendoli insieme per renderli più grandi. Sospirando si arrese e fece un rapido controllo al resto del suo giovane corpo di 17 anni.
Aveva una bella pelle pallida senza imperfezioni, bei lunghi capelli ramati che quasi le cadevano sul sedere ben arrotondato. Era alta solo 5 piedi ed era la più bassa
ragazza della sua classe ma sapeva cosa le mancava in altezza che compensava in bellezza. Aveva grandi occhi verdi innocenti e un bel naso dritto e...
piccole labbra imbronciate che la facevano sembrare così sexy. Era una ragazza timida e non aveva molti amici a scuola, anche se tutti i suoi insegnanti l'amavano in particolare la signorina
Summers il suo insegnante di scienze di 31 anni. Sarah si chinò per esaminare la sua figa rasata pulita da dietro.

"hmmmm penso che potrei aver bisogno di radermi questa settimana... a che serve se nessuno riesce a vedere la mia figa?"
Sarah era sessualmente attiva da quando ha raggiunto la pubertà quando aveva 12 anni. Era ancora vergine, ma le piaceva scherzare e provare nuovi giocattoli che poteva riempire
la sua fica solo per mettersi alla prova. Ultimamente aveva preso in simpatia una lunga collana di perline. Le palline le rotolavano intorno alla fica mentre camminava e la portavano all'orgasmo
ogni volta che le piaceva senza che nessuno ne fosse più saggio. Ultimamente però si era stancata e voleva provare qualcosa che la riempisse di più. Ieri aveva comprato
una grande borsa di palline da golf. Corse eccitata al suo nascondiglio segreto dove tutti i suoi giocattoli erano nascosti sotto una delle sue scrivanie. Allargò le gambe e lentamente tirò fuori il
lunga collana di perline dalla sua figa fradicia dove l'aveva tenuta durante la notte.

"Ora su qualcosa di più grande" Sarah non vedeva l'ora di sentire la sua figa allungarsi, ma non vedeva l'ora di ottenere finalmente carne vera.
"Dio, voglio essere fottuto così male! I ragazzi sono stupidi a non notarmi."
Aprì la borsa e si chiese quante palline d'oro si sarebbero infilate nella sua figa senza gonfiare il suo ventre piatto. Lentamente, spinse dentro di sé due palline da golf emettendo un gemito.
Poi mettine altre due, la sua figa era decisamente piena ma sarah voleva rischiare di metterne altre due solo per spingersi. Ne mise lentamente uno sulla fica e lo spinse lentamente dentro.
Mentre lo faceva, un'altra delle palle stava minacciando di uscire di nuovo.

"hmmm... non va bene..." Sarah si guardò il sedere e si rese conto che forse... poteva metterne un po' anche lì. Aveva visto un sacco di porno che suo nonno lasciava in giro
nella sua stanza e sapeva che tutti i suoi buchi avrebbero dovuto essere allenati per ogni evenienza, quindi prese una delle palle dalla sua figa e la spinse lentamente contro il suo buco del culo vergine. Lentamente,
il suo piccolo foro si è aperto, Sarah ha emesso un forte gemito quando la pallina è entrata in lei.

"Dio, sembra molto meglio di quanto pensassi. Sembra strano ma così bello."
Sarah ha deciso che una palla nel culo non era abbastanza e ha spinto dentro un secondo, poi un terzo ed è persino riuscita a spingere una quarta palla nel suo buco.

"oooooooo, mi sento così pieno!" Le palle nella sua figa venivano spinte da parte da quelle che stavano entrando nel suo culo che la facevano sentire ancora più piena. Con cautela, Sarah si alzò
e con suo sollievo, non una pallina le è scivolata dalla fica o dal culo. Si infilò un paio di mutandine un po' troppo piccole per lei per assicurarsi che nessuna palla potesse scivolare fuori inosservata.
Si vestì con la sua uniforme scolastica e si diresse verso la cucina dove suo nonno era seduto a mangiare un toast.

"Buongiorno nonno!" Lei lo baciò leggermente sulle labbra e si sedette per la colazione attenta a non far cadere nessuna pallina o un gemito dalle sue labbra.
"Buongiorno dolcezza, hai impiegato troppo tempo a vestirti e ora perderai l'autobus." La guardò accigliato nel suo modo speciale, stuzzicandola come faceva ogni mattina, spinse
una ciotola di cereali verso di lei. Sarah ridacchiò e prese un cucchiaio pieno di cereali.

"nonno, stasera devo restare a scuola per un progetto di scienze. Puoi ancora venire a prendermi alle 7:00?"
"Certo pisello dolce, purché tu mi dia un bacio."
"Ci vediamo stasera nonno!"
Sarah si alzò lentamente e si diresse verso la fermata dell'autobus, camminando sempre con cautela per non rivelare nessuno dei suoi "segreti".

Capitolo 1:

Mentre Sarah sedeva nella sua lezione di inglese, si è pentita di aver spinto la sua figa e il suo culo a un tale limite. "Dannazione, perché ho provato a mettere un sacco di palle lassù?" Lei ha pensato. Si è spostata
a disagio al suo posto, desiderando che la giornata finisca finalmente in modo da poter svuotare la figa e il culo doloranti. Quando finalmente suonò la campanella, Sarah si era quasi dimenticata di essere scappata dalla classe
finché non si ricordò di stare attenta a non far cadere le palle. Andò in bagno così per tirar fuori un po' di palline e magari nasconderle. Non poteva sopportare di tenerli
dentro di lei più a lungo. Lentamente, Sarah ha spinto ogni palla fuori dalla sua figa dolorante e poi dal culo. Ha deciso di metterli in un sacchetto a chiusura lampo nella sua borsa. "In questo modo li pulisco male e li riutilizzo
più tardi" pensò sorridendo mentre si dirigeva verso l'uscita principale della scuola.

"Sara!"
Sarah si girò di scatto al suono della signorina Summers che la chiamava per nome. "Al diavolo il progetto scientifico!" Si era completamente dimenticata che fosse oggi.
Ho davvero bisogno di farmi un bagno per far sparire questo dannato dolore!"
Camminò goffamente verso la mancanza di Summers e cercò di sembrare malata.

"Oh, ciao signorina Summers, mi dispiace non mi sono sentito bene ultimamente, posso fare il progetto un altro giorno?" La signorina Summers sorrise dolcemente ma rispose,
"Temo che tu non possa rimandarlo. Ci sono altri studenti nella mia classe, sai, e ognuno ha bisogno di un giorno sotto la mia supervisione in modo che non facciano incidenti per questo laboratorio.
Vieni, ho bisogno di parlarti nel mio ufficio prima di iniziare comunque il laboratorio."
Miss Summers era una nuova insegnante a scuola che si era diplomata solo la scorsa primavera e quindi sembrava avere poco più di vent'anni. "È così carina! e guarda i suoi seni! devono esserlo
almeno coppe D." si chiese Sarah con nostalgia. "Vorrei che i miei seni fossero più grandi." pensò. Miss Summers in realtà aveva solo 22 anni, aveva preso lezioni tutto l'anno, anche durante
estate in modo che potesse diplomarsi il più velocemente possibile. Quando raggiunsero l'ufficio della signorina Summers, Sarah si sedette sulla sedia davanti alla sua scrivania mentre la signorina Summers chiudeva la porta.

"Allora Sarah dimmi, cosa ti ha distratto così tanto ultimamente?"
"Whaa...cosa? niente.." rispose Sarah chiedendosi se la sua maestra conoscesse il suo malizioso segreto.
"I suoi ragazzi non è vero?" Miss Summers ha detto consapevolmente.
sono così immaturi?"
Sarah era così sollevata che la signorina Summers non avesse scoperto il suo segreto che acconsentì immediatamente.

"Sai, a volte diventano fastidiosi, cercano sempre di impressionarmi con le loro stupide battute." ha aggiunto Sara.
La signorina Summers mise la mano sulla coscia di Sarah per rassicurarla. "Non preoccuparti dei ragazzi Sarah, vali molto di più. Sei diventata una bellissima giovane donna nell'ultimo anno.
Fidati di me, non ti meritano.

"Non si preoccupi signorina Summers, io.. non ci faccio caso. Sono t..troppo maturo." La signorina Summers si inginocchiò davanti a Sarah come per vederla faccia a faccia, allungando lentamente la mano verso di lei
L'inguine di Sarah. Sarah ha notato che era davvero molto eccitata e si è resa conto che nella fretta di tirare fuori le palline da golf si era dimenticata di rimettersi le mutandine! La sua gonna era l'unica cosa
in piedi tra la mano della signorina Summer e la sua giovane figa intatta.

"Sei molto carina Sarah, l'ho notato fin dal primo giorno. Hai una figura molto delicata e delle labbra così belle." Come ha detto, la signorina Summers ha rubato il primo bacio di Sarah
Infilandosi la lingua in bocca e baciandola con affetto. Sarah è stata colta alla sprovvista e non sapeva come rispondere, eppure il suo corpo stava rispondendo bene. I suoi capezzoli divennero duri
e la sua figa era fradicia e calda. La signorina Summers ha continuato il suo attacco appassionato alla bocca di Sarah mentre la sua mano ha trovato la sua strada verso le labbra bagnate della figa di Sarah.

"Oh... Sarah, sei stata cattiva, vero? Non dirmi che hai perso la verginità con un ragazzo idiota. Mi spezzerebbe il cuore." La signorina Summers sembrava arrabbiata e una Sarah spaventata ha risposto
"No, no lo giuro! Mi stavo solo esercitando..."
"Esercitarsi come Sarah? Con cosa?" La signorina Summers notò che Sarah stava cercando di nascondere la borsetta dietro di sé e sorrise maliziosamente. "Oooo Sarah cosa c'è nella tua borsetta?" La signorina Summers l'ha portato via
e ne ha scaricato il contenuto sulla sua scrivania. Sarah tremava per l'eccitazione e la paura, non aveva mai visto la sua amata maestra comportarsi così. Miss Summers sollevò la borsa piena di palline da golf
e lo spinse dritto in faccia a Sarah.

"Sarah cosa sono questi? Hai allungato quella tua bella fica giovane con questi hmmm? Ti piace essere allungato?"
Sarah scosse energicamente la testa, improvvisamente terrorizzata dal suo insegnante.

"No mi.. signorina Summers non lo so."
"Non dovresti mentirmi Sarah," Miss Summers sembrava triste.
"Pensavo che fossi una brava bambina, ma a quanto pare sei una troietta, vero?"
Sarah tremò ma non disse nulla. La signorina Summers ha raggiunto la borsa e ha tirato fuori una delle palle che era stata nella sua figa e l'ha leccata lentamente.

"Mmmmmmmmmmm, Sarah hai davvero un gusto delizioso. Ma sono molto deluso dal fatto che tu sia diventata una tale sgualdrina. Devi essere punita dolcemente..."
"No... no per favore..." piagnucolò Sarah. Sapeva che a quell'ora non era rimasto nessuno a scuola, quindi nessuno l'avrebbe sentita se avesse urlato.
"Quando viene il tuo caro nonno a prenderti Sarah?" Sarah si limitò a scuotere la testa. La signorina Summers schiaffeggiò leggermente Sarah sulla guancia e si inginocchiò davanti alla ragazza terrorizzata.
"Sarah voglio sapere così non ti trova in una brutta posizione. Vuoi che tuo nonno ti veda per la sgualdrina che sei, hmm?
tu e veramente Sarah non voglio farti del male. Ma lo farò se non rispondi sinceramente alle mie domande. Quando viene a prenderti tuo nonno?" Sarah si limitò a scuotere la testa piangendo.
La signorina Summers sospirò e afferrò Sarah per i capelli e la fece piegare sulla scrivania urlando di dolore. Afferrò entrambe le mani di Sarah e se le tirò dietro la schiena legando un tubo del laboratorio intorno
i suoi polsi in modo che Sarah non si muovesse. Continuando a tenerla china sulla scrivania, la signorina Summers spinse dolorosamente la testa di Sarah contro la scrivania e le sussurrò all'orecchio:

"Sarah, un'ultima volta ti chiedo, quando viene tuo nonno?"
"ALLE 7:00! per favore, per favore, non farmi del male!" Sarah ha lottato contro la sua amata insegnante.
"Eccellente ora voglio che tu smetta di lottare, così sarà divertente per entrambi va bene?" Sarah si afflosciò ma continuò a singhiozzare contro la scrivania.
"Brava Sarah.Shhhhhh." La signorina Summers tirò dolcemente Sarah per le braccia e la fece sedere sulla sedia. Ha quindi proceduto a legare entrambe le gambe di Sarah alla sedia e alla sua vita. Accuratamente,
La signorina Summers ha spogliato Sarah e ha ammirato il suo bel corpo giovane.

"Oh Sarah, non avrei mai pensato che saresti stata così carina." La signorina Summers si è seduta sulle ginocchia della giovane adulta e l'ha baciata ancora una volta. Sondando delicatamente la bocca di Sarah con la lingua e accarezzandola
seni. La signorina Summers poi si è spogliata e ha guardato il viso di Sarah mentre i suoi grandi seni paffuti apparivano alla vista.

"Mmmm Sarah ti è piaciuto quello che vedi?"
"Sì..Sì." La ragazza rispose. La signorina Summers sorrise e aprì un cassetto della sua scrivania. Sempre sorridendo portò a Sarah il contenuto del cassetto. Gli occhi di Sarah si spalancarono per l'orrore
agli strumenti che giacevano all'interno.

"Ora è il momento di iniziare il progetto piccola Sarah."

Fine

Storie simili

Incesto --- [2]

Parte 2 [l'ultimo del tema bi per un po'] _____________________________ Il giudice Ciro T. Nikolai era seduto dietro un'enorme scrivania mentre Avan Volka e il suo giovane nipote Caci entravano nell'aula del giudice. Nikolai era un tipo burbero, con occhi duri e un viso rugoso e severo. Fece cenno ad Avan e al ragazzo di sedersi sul lato opposto della scrivania. Volka, iniziò, ho qui una borsa di studio per l'immigrazione e poiché il loro padre non può rispondere da solo, la tua firma sarà sufficiente. Il giudice sollevò il documento di quattro pagine e lo sfogliò fino all'ultima pagina. Qui...

2.5K I più visti

Likes 0

Dipendenza dolorosa.

Ciao sono Adam 21 anni. Farà parte di una serie, MA ogni storia può essere una storia a sé stante. Tutte le storie che sto per fare sono completamente vere. -Qualsiasi feedback è il benvenuto. **Toronto, Ontario** All'epoca ero giovane. Così finalmente ho avuto il coraggio di inviare un messaggio al ragazzo che ho incontrato online attraverso un sito di chat gay di nome Steve per un altro incontro. Perché il primo incontro è stato a dir poco illuminante. Pensavo che dal momento che aveva preso la mia verginità anale la prima volta, la seconda sarebbe andata altrettanto male. Quindi ho...

2.4K I più visti

Likes 0

Il mio piccolo sporco segreto (12)

Ehi ragazzi, questo è il capitolo finale. Spero sia stato un buon giro. C'è un epilogo in cui spiegherò tutto dopo che il trio sarà finito. La festa di Capodanno è stata un'esplosione... del mio sperma e dello sperma di altri due ragazzi. Uno di loro, come sai, era Mike. L'altro era... aspetta e vedrai. Diventerà ovvio abbastanza presto. Così sono entrata alla festa indossando un cardigan e pantaloncini corti. Ovviamente, mentre mi vestivo, avevo in mente l'idea del sesso. Era a casa di un anno 13 e avevo deciso di venire presto prima che tutte le buone camere da letto...

2.3K I più visti

Likes 0

Vita di una schiava

Mi chiamo Kitana Young. Mio padre è americano, mia madre libanese, e questa è la mia storia. Beh, non l'intera storia, intendiamoci... Solo una sfaccettatura della storia nascosta che la maggior parte delle persone non conoscerà mai. È la storia di una ragazza che trova un significato nell'essere posseduta. È la storia di una ragazza che trova conforto nei desideri del suo Maestro, dominante sulla sottomessa, e vive per il brivido di essere punita. Nessuno, nemmeno i miei amici più cari, sa della vita segreta che conduco. A volte vorrei dirglielo, ma come posso? Come fai a dire a qualcuno che...

2.2K I più visti

Likes 0

Scatenare

Scatenare Holly svoltò sulla strada sterrata che portava al suo lago privato e tirò un sospiro di sollievo. Parcheggiando accanto alla grande quercia, dove faceva sempre, era a pochi metri dal lago. Appena sopra c'era la sua baracca. Avrebbe potuto costruire una villa qui se avesse voluto, ma la baracca che era qui quando ha acquisito la proprietà per la prima volta più di vent'anni fa. All'inizio era un luogo di divertimento e giochi con il suo primo amante. Adesso era il suo rifugio dal mondo aziendale ed era privato, lontano dalla strada principale. A meno che non si sapesse dov'era...

3.7K I più visti

Likes 0

Ancora insieme

Nel mio ultimo capitolo, Kim era tornata a casa. Aspettavo il suo ritorno da sei mesi. Kim era cambiata in molti modi, uno in cui era tornata come quella Kim premurosa e amorevole che avevo imparato ad amare quando eravamo solo dei bambini. L'altro cambiamento era nel suo aspetto, era ancora carina e sexy, tuttavia, il suo peso era cambiato drasticamente ed era passata da circa 140 libbre a oltre 200 libbre. Kim ed io ci siamo seduti sul nostro letto a parlare; L'avevo appena informata su quello che era successo da quando se n'era andata. Le avevo detto di aver...

2K I più visti

Likes 0

La sua ragazza, mia cugina

Immagino che tutto sia iniziato un sabato pomeriggio. Il reggiseno di mia madre era in cima alla pila del bucato. Ha attirato la mia attenzione e ne sono rimasto subito affascinato. Ho rubato il reggiseno e sono corsa in camera mia a provarlo. Ricordo la fretta che mi diede. Mi è piaciuto e ho deciso di continuare. Ho fatto tutto il possibile per mettere le mani su più vestiti. Ho rubato reggiseni, mutandine, collant, slip e vestiti a mia madre. Costumi da bagno e reggiseni di mia cugina e di mia nonna. Non potevo averne abbastanza. Mi sforzavo di sembrare e...

1.9K I più visti

Likes 0

Non è mai successo: è vero??

Non è mai successo: è vero?? Tutti noi abbiamo alcuni oscuri segreti che vogliamo tenere nascosti; alcuni di noi riescono a conservare quei segreti nella tomba, altri... beh, chissà? Questi sono i miei segreti, non ho mai voluto che venissero svelati, ma mentre mi avvicino alla fine della mia strada, ho pensato, forse, di poter cancellare dalla mia memoria i sensi di colpa e le incertezze che hanno rovinato la mia vita. Non posso mai essere sicuro di non aver semplicemente permesso che accadesse, che se avessi avuto il coraggio di dirlo a qualcuno, allora le cose e la mia vita...

2.9K I più visti

Likes 0

Porre l'altra guancia

Sono una persona profondamente religiosa. Credo nel fare il bene e nel resistere alla tentazione del male. Credo che i cristiani dovrebbero praticare l'umiltà e, quando subiscono un torto, porgere l'altra guancia. Con l'aiuto di mia moglie, Eve, lavoro sodo per essere una buona cristiana. Pensavo di salvare Eve e di portare la sua trasformazione. Sotto ogni punto di vista, Eva era una peccatrice. L'ho incontrata in un momento di debolezza. Un giorno, sono stato attirato in un club per gentiluomini contro il mio miglior giudizio e la mia conoscenza del bene e del male. Ero vergine in ogni senso della...

1.7K I più visti

Likes 0

L'inizio e 40 anni di ritardo il cambiamento

Jay e io giochiamo insieme da quando avevamo circa 15 anni. È iniziato una notte quando lui dormiva a casa mia e volevamo guardare la TV dopo che i miei genitori erano andati a letto. Ecco il breve background prima di entrare in quello che è successo lo scorso fine settimana. Quella notte, dopo aver spento la TV, abbiamo aperto il divano letto e ci siamo sdraiati per la notte. Poco dopo che eravamo sotto le coperte, ho sentito la sua mano scivolare sul mio fianco e toccare delicatamente il mio cazzo. A quel punto, come ogni ragazzo di 15 anni...

1.8K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.