Mai voltarsi indietro_(2)

725Report
Mai voltarsi indietro_(2)

Introduzione



"Ho sentito che qualcuno si è trasferito nella villa", disse il piccolo Jeremy con tono pratico. La sua voce adolescenziale era forte di sicurezza e il suo petto era alto mentre parlava.

"Bugiardo," ribatté subito Porter. Era impossibile, tutti sapevano che quella casa era infestata.

I due avevano 7 anni all'epoca e la loro immaginazione elaborava costantemente storie. Molte delle loro storie erano incentrate sulla misteriosa dimora che si trovava in cima al terreno montuoso che circondava la loro città in Colorado. I due erano convinti che fosse infestato, quindi la prospettiva che qualcuno lo abitasse era incomprensibile.

"No," Jeremy scosse vivacemente la testa, "È vero Porter, lo giuro."

Porter, che era un bel ragazzo con i capelli castani a punta, aggrottò le sopracciglia: "Bene, dimostralo".

"Come?" chiese Jeremy.

"Andremo a vedere di persona", annunciò coraggiosamente Porter.

"Sei pazzo."

"Baby," Porter sorrise.

Il giovane orgoglio di Jeremy era ora in gioco: "Va bene, andremo subito se sei così bravo".

"Va bene," Porter si alzò e iniziò a camminare in direzione della villa.

Entrambi si sentivano segretamente a disagio mentre si dirigevano verso il sentiero.







Era mattina presto prima della scuola, la loro città era relativamente piccola, quindi la scuola era raggiungibile a piedi. Ma mentre i due si inoltravano ulteriormente nel deserto, l'incertezza cominciò a prendere il cuore di entrambi.

"Porter," Jeremy attirò la sua attenzione mentre scricchiolavano sulle foglie cadute, "Forse dovremmo tornare indietro... Faremo tardi alla lezione."

"No, dobbiamo risolvere questo problema", ha risposto Porter, fingendo di essere un detective mentre aumentava il ritmo.

Non lo ammetto, Jeremy non sapeva con certezza se qualcuno si fosse trasferito e si sentiva a disagio man mano che avanzavano. Per essere onesti, l'ambientazione era snervante. Gli alberi torreggiavano sui ragazzi e appena la luce del sole del mattino riusciva a irrompere tra le foglie.

"Siamo quasi arrivati ​​dai," Porter iniziò a fare jogging, e Jeremy lo seguì proprio dietro di lui.

Porter era troppo carico di adrenalina per sentire i rumori più avanti. I rumori erano impercettibili, solo un fruscio di foglie e quant'altro, ma erano evidenti a Jeremy, che era nervoso. Si fermò di botto.

Porter continuò per alcuni secondi prima di notare che il suo amico si era interrotto. "Cosa c'è che non va?" Si voltò a guardare Jeremy.

"Credo..." disse Jeremy, la voce tremante per il nervosismo.

"Eh?" Porter sembrava confuso.

Proprio in quel momento le foglie dove Jeremy aveva precedentemente sentito i rumori iniziarono ad arruffarsi fisicamente. Rimase senza fiato, Porter fu sorpreso dall'espressione di immensa paura sul suo volto. Porter iniziò a chiedere cosa c'era che non andava, ma mentre lo faceva Jeremy si voltò e iniziò a correre.

"Dove stai andando?!" Porter ha immediatamente urlato dietro a Jeremy, che stava correndo più veloce che poteva nella direzione opposta.

"Pollo!" urlò Porter, ora irritato. Era ancora determinato a raggiungere la villa. Porter era così strano, gli mancava la paura che la maggior parte avrebbe avuto quando si trattava di avventure e viaggi. Si voltò per continuare.

Fu allora che notò il fruscio delle foglie.

"Ciao?" cominciò a sentire una quantità eccessiva di paura insinuarsi nel suo cuore, si sentì fare un passo indietro.

Deglutì quando la forza, qualunque cosa fosse, iniziò ad avvicinarsi sempre di più. Per qualche strana ragione, nonostante fosse spaventato a morte, non è scappato. Porter sentì lo strano bisogno di restare dov'era e affrontare il mostro. Ha assunto una faccia coraggiosa e si è messo in posizione di combattimento. In realtà, il bambino di 7 anni sembrava abbastanza ridicolo, in piedi da solo nella foresta, pronto a combattere. Ma nella sua mente, tuttavia, Porter era un grande guerriero che stava per affrontare una forza veramente malvagia.

I secondi sembravano prolungati, sentiva ogni battito del cuore che batteva senza pietà contro il suo petto e sperimentava ogni goccia di sudore che gli colava lungo il corpo.
Trattenne il respiro mentre qualcosa cominciava a uscire dal cespuglio.

Dal cespuglio è uscita una ragazza. Non era più vecchia di lui e solo un po' più bassa. Questa ragazza misteriosa uscì barcollando con alcuni grugniti di dispiacere aggravato. Alzò lo sguardo per vedere Porter, i due occhi chiusi e lui si rialzò. Lei sorrise.

Proprio quando Porter si è rilassato, ha iniziato a diventare teso una volta stabilito il contatto visivo. Era la ragazza più carina che avesse mai visto.

"Oh," urlò la ragazza, "Ciao." Aveva i capelli corvini raccolti in una coda di cavallo e indossava un bellissimo vestito rosso, che stava iniziando a sporcarsi a causa della natura che stava attraversando.

Deglutì, poi cercò di salutarla, ma uscì solo come un sussurro impercettibile. I suoi occhi. Erano di un blu brillante e non riusciva a distogliere lo sguardo.

Fece un sorriso adorabile mentre aspettava pazientemente che lui si riprendesse e rispondesse. "Chi sei?" chiese Porter.

"Sono Alice," sorrise.

"Sono Porter", dopo aver detto questo i due si fissarono per alcuni secondi. Porter non sembrava del tutto convinto che fosse una ragazza normale, e non una specie di mostro.

"Io e la mia famiglia ci siamo appena trasferiti lassù", indicò tra gli alberi.

"La casa stregata?!" disse incredulo, sorpreso che Jeremy non stesse mentendo.

"Beh, a me non sembra infestato," Alice afferrò il suo vestito e guardò a terra con un sorriso.

Porter, non volendo spaventare troppo la bella ragazza nuova, sta zitto sull'argomento. "Vai da Jefferson?" chiese nervosamente.

"Sì, certo, c'è solo una scuola", ha risposto.

"Puoi mostrarmi come arrivarci... mi sono persa," ammise.

"Va bene, è comunque spaventoso qui fuori. Seguimi!" Si voltò ei due camminarono insieme lungo il sentiero.

"Ero persa, non spaventata", lo corresse mentre camminavano verso il cuore della città.

"Sì, certo," rise, "Dovresti incontrare il mio amico Jeremy. Ha pensato che fossi un mostro ed è scappato!"

"Ti ha lasciato tutto solo?"

"Sì."

"Non lo farei. Gli amici devono restare l'uno con l'altro, non importa quanto sia spaventoso il mostro."





Passano gli anni





Non passò molto tempo dopo che si erano incontrati quando Porter iniziò a notare i lividi. All'inizio erano piccoli, solo qualche protuberanza e scolorimento sulle braccia. Ma con il passare degli anni sono peggiorate sempre di più. Raramente si faceva lividi in punti visibili, ma ogni tanto lo incontrava al mattino con un occhio nero o segni rossi sul collo. Porter non l'ha mai chiesto. All'inizio era così giovane e non capiva, ma se ne accorse. Ricordava un caso in cui lei lo aveva portato a casa sua, avevano circa 9 anni all'epoca e, per qualche motivo, Alice si rifiutò di andare a nuotare con lui. Dopo averla infastidita per alcune ore, alla fine ha accettato, nel qual caso Porter ha scoperto perché era così titubante.

Quando uscì in costume da bagno la povera ragazza aveva ciglia e lividi su tutta la schiena e sulle costole. Porter ricordava di averla guardata dall'alto in basso, e poi di essersi imposto di non comportarsi in modo anomalo. Tuttavia se ne accorse e arrossì per l'imbarazzo prima di continuare a nuotare.

Non passò molto tempo dopo che divenne abbastanza maturo per capire.

Porter e Alice sarebbero stati insieme quasi tutti i giorni della loro vita da quando si erano incontrati nei boschi, ma non avrebbe mai incontrato suo padre. Alice non lo menzionerebbe mai e Porter non lo chiederebbe mai. Sapeva di essere un importante dirigente di una banca di successo e le gestisce tutte a Denver, che distava solo poche miglia. Ecco perché erano così ricchi. Ma a quanto pareva non era mai a casa, solo di notte, e quando era a casa Alice non lo invitava mai a casa sua.

Porter si rese lentamente conto che suo padre la stava picchiando. Era ancora giovane, l'idea gli è balzata in testa a 10 anni, e piano piano gli è diventata sempre più chiara.

Un giorno, quando i due avevano circa 14 anni, Alice si presentò a casa di Porter alle 2 del mattino. Lo faceva spesso, senza mai spiegare perché... Perché Porter lo sapeva. Ma questa volta però era diverso... Non aveva mai visto il suo viso così battuto. Aveva il viso gonfio e il naso sanguinante.

«Gesù Cristo», disse piano ma con allarme, «vieni qui». Le afferrò il braccio e la vita mentre entrava nel suo soggiorno.

"Sto bene", continuava a ripetere, stordita e non nel giusto stato d'animo, "sono solo caduta".

Porter la fece sedere sul divano e recuperò in fretta una borsa di ghiaccio. Si sedette accanto a lei e cominciò a premere il ghiaccio sul suo viso. Rimasero seduti in silenzio per un po', lei fissò le assi del pavimento mentre lui le faceva scorrere la mano su e giù per la schiena. Il silenzio era intenso, sembrava far fischiare le loro orecchie mentre ribollivano di emozione.

All'improvviso, il muro del silenzio fu rotto da Alice che crollò. Le lacrime le sgorgarono dagli occhi e crollò sul petto di Porter, dove lui l'abbracciò con una stretta forte.

"Fanculo quel bastardo," Porter continuava a ripetere mentre la teneva stretta, aveva le sue lacrime che gli rigavano il viso. Alice non avrebbe mai detto le parole "Mi picchia", ma da quel momento in poi si era capito che entrambi lo sapevano e lui era sempre lì per lei.

Dopo quelle che sembravano ore di pianto, Alice si addormentò tra le sue braccia. Ricordava vividamente di averla baciata sulla testa e di aver sussurrato "Ti amo" al suo migliore amico addormentato. Tra loro non è mai successo niente di romantico, ma i due si amavano e non c'era un momento in cui non fossero lì l'uno per l'altra, e quello non era un segreto.

Lo convinse a non dirlo alle autorità. Il che, col senno di poi, era sciocco ed egoista da parte di Porter, ma era un ragazzino e non sapeva niente di meglio.

Per molto tempo sembrava che Porter avesse sempre sostenuto Alice e la sua vita difficile. Ma un giorno, quando aveva 15 anni, tutto è cambiato. Era un ricordo che perseguitava i suoi sogni per gli anni a venire.

Sua madre e suo padre lo chiamarono in soggiorno dove sedevano entrambi mano nella mano. Ricordava il suo stomaco che affondava e cercava alacremente di capire cosa potesse essere andato storto. Ma dopo aver parlato a lungo di quanto lo amassero, ottenne la sua risposta.

L'intera situazione sembrava essere uno scenario di divorzio, ma Porter sapeva che i suoi genitori erano felicemente sposati. In realtà non è stato un divorzio. A sua madre è stato diagnosticato un cancro ai polmoni.

Non ha mai fumato una sigaretta in vita sua.
Cancro ai polmoni.

Ha odiato tutto per un po', ma ha amato sua madre fino alla fine. Quando è morta, aveva un tale vuoto nel cuore. Alice ha fatto tutto il possibile per riempire quel vuoto e ha aiutato con la sua depressione ogni giorno. Suo padre è stato comunque il più colpito.

L'anno dopo la morte di sua madre, lui e suo padre erano lì l'uno per l'altro. Ma la loro relazione non è mai stata giusta. Non si è mai ripreso dalla ferita lasciata dal cancro.

2 anni dopo la diagnosi e 1 anno dopo la sua morte. Le cose iniziarono lentamente a tornare alla normalità.

Tuttavia, la loro situazione si è rifiutata di migliorare.

Un fine settimana d'inverno, Alice è scomparsa. Non manca esattamente, ma non si è presentata affatto a casa di Porter e non ha risposto ai suoi messaggi. Questo ovviamente non era un grosso problema perché erano solo 3 giorni, ma lo trovava strano. Di solito lei almeno faceva il check-in con lui.

Lunedì non era a scuola. Una volta a casa sua iniziò a preoccuparsi. Porter si stava appena preparando per andare a casa sua quando è apparsa alla sua porta. Ed era inorridito da ciò che vedeva.

Alice non è stata ferita fisicamente. Ma lei non era Alice. I suoi capelli erano un disastro e i suoi occhi erano spalancati come se guardasse solo negli occhi di un fantasma. Il mascara era spalmato su tutto il viso e il suo corpo era rigido come una tavola.

Gli passò accanto senza parlargli, "Alice, cosa c'è che non va?!" chiese allarmato.

Lei lo ignorò e si sedette sul suo divano.

Si accovacciò di fronte a lei, "Che cazzo è successo, Al?" chiese, guardando direttamente nei suoi bellissimi occhi azzurri, che erano vitrei e insensibili, "Che cazzo ti ha fatto?" Mormorò tra sé.

Una volta che lei non ha risposto, ha iniziato a sollevarle la maglietta, alla ricerca di ferite. A parte i normali lividi, non c'era niente di straordinario.

"Alice, mi stai spaventando", ha affermato.

Disse, con una voce ferita che lui non le aveva mai sentito prima: "Mia madre se n'è andata".

"Lasciato dove?"

"Se n'è andata... Ha lasciato mio padre," mormorò.

Sua madre non è mai stata così cattiva come persona. È stata picchiata tanto quanto sua figlia ed era sulla stessa barca, ma non avrebbe mai difeso sua figlia, il che l'ha resa una cattiva madre nella mente di Porter. "Beh, va bene, ora puoi vivere con lei," disse Porter con voce speranzosa, era ferito dall'idea che non l'avrebbe più vista, ma sperava che sarebbe sfuggita a quel mostro di uomo.

"No Porter non capisci," Alice si sforzò di parlare, "Se n'è andata, se n'è andata nel cuore della notte... Mi ha lasciato."

Sospirò, "Mi dispiace tanto Alice," la abbracciò.

Mentre Alice metteva la testa sopra la sua spalla muscolosa, prese in considerazione l'idea di dirgli altro. Voleva così tanto, ma sapeva anche che avrebbe causato problemi.

"Mio padre..." Sputò impulsivamente.

Si allontanò da lei, "Tuo padre cosa?" Ora preoccupata per come ha reagito suo padre.

Lei lo fissò negli occhi, i suoi profondi occhi castani. Cercò disperatamente di leggere i suoi mentre tirava su col naso.

"Tuo padre cos'è Alice, ti ha fatto del male?" domandò piano Porter.

"No."

"Cosa ha fatto allora?"

"Mi ha fatto delle cose," iniziò improvvisamente a piangere e crollò contro il suo petto.

"Caro dio," disse mentre la realizzazione si precipitò nella sua testa.

Si staccò e si alzò in piedi, lei si alzò dietro di lui mentre lui cominciava ad allontanarsi da lei. "Cosa stai facendo?" chiese debolmente.

"Chiamo la polizia," disse sfacciatamente mentre alzava il telefono.

"No," cercò di strappargli il telefono, che lui deviò.

"Alice," la guardò incredulo, "Cosa c'è che non va in te?"

"NON LO SO!" Ha urlato e ha preso il telefono, "NON CAPISCI NON L'HAI MAI FATTO! NON PUOI CHIAMARE NON PUOI NON PUOI!"

Porter ora si sentiva malissimo, avrebbe dovuto scegliere le parole con più attenzione.

"Questo è per te Alice," disse, "non puoi lasciare che ti faccia questo."

"È stato solo una volta!" Ha supplicato: "È stato solo una volta perché mia madre se n'è andata. Se dovesse succedere di nuovo, puoi chiamare la polizia, te lo dirò subito. Mi ucciderà, non puoi chiamare". Ricominciò a singhiozzare.

Pensò a lungo e intensamente. "Sto chiamando," mormorò e iniziò a comporre i numeri.

Alice poi ha fatto qualcosa che ha scioccato Porter. Si strinse forte i capelli con entrambe le mani, cadde in ginocchio e urlò più forte che poteva. Le urla erano così miserabili e orribili che Porter non ebbe altra scelta che mettere giù il telefono e confortarla.

"Guarda... Guarda," ripeté freneticamente, "nessun telefono che non chiamerò."

Smise di urlare e andò in posizione fetale, dove Porter la teneva. Inorridito e confuso, Porter deglutì: "Non chiamerò. Ma dimmi se lo farà mai più. E questa è l'ultima goccia".

È stato così stupido da parte di Porter, così sbadato e infantile. Ma non sapeva cos'altro fare. Tutto quello che sapeva era che amava Alice e voleva che fosse felice, e odiava l'uomo che le aveva fatto questo.

Quando Porter aveva 17 anni... suo padre si suicidò. Porter lo ha trovato impiccato e non si sarebbe mai ripreso completamente da quell'immagine mentale. Si è incolpato di non essere abbastanza bravo. Se fosse stato un figlio migliore, suo padre non l'avrebbe mai fatto. Questo è quello che pensava.

I due mesi successivi furono i più strani della vita dei due. Alice veniva ancora stuprata... Ma non l'ha mai detto a Porter. E Porter non era fisicamente in grado di esprimere a parole cosa provava per suo padre. Quindi Alice sarebbe venuta e i due si sarebbero seduti in silenzio. Entrambi non sapendo cosa dire o come dirlo... Ma allo stesso tempo, avevano bisogno di stare l'uno con l'altro.

Un giorno i due erano seduti nel soggiorno vuoto di Porter (si era trasferito da suo zio che viveva solo a pochi isolati di distanza). Improvvisamente, Alice alzò lo sguardo e ebbe un'esplosione di felicità nel suo cuore. Non riusciva a spiegarlo... Ma c'era. L'ha presa alla sprovvista, non era felice da molto tempo, ha deciso di cavalcare la sensazione.

"Ricordi quando abbiamo fatto uno scherzo a Jeremy?" Alice sorrise, Jeremy si era trasferito 2 anni prima.

"A che ora?" Porter ora si ritrovò a sorridere.

"Quello della bambola."

"Oh giusto... Amico, era così nervoso."

"Ha urlato così forte", ha riso.

"E correva così veloce", ha aggiunto.

"Avremmo dovuto prenderlo almeno una volta nella foresta prima che si trasferisse," si sedette sul divano.

"Non lo avremmo mai portato lì", le ricordò Porter.

Rimase in silenzio per un po', "È lì che ci siamo incontrati, lo sai."

"Fidati di me... lo so," il suo cuore era pieno di calore.

"Bugiardo... te ne sei dimenticato," lo accusò.

«No», ribatté lui con un sorriso.

"Dimostralo", aveva un sorriso adorabile sul viso.

"Beh, io e Jeremy siamo andati a caccia di mostri nella magione spettrale abbandonata prima della scuola," iniziò.

"SBAGLIATO! Jeremy non era con te!"

"Sì, lo era... È appena scappato quando ti ha sentito arrivare."

"Assolutamente no... Davvero?" Lei scoppiò in una sonora risata.

"Sì, sei davvero sorpreso? È scappato una volta che eri a meno di 10 piedi", Porter si chinò, "Ma ovviamente essendo io l'eroe coraggioso che sono ... ero pronto a combattere il mostro."

"Oh e come ha funzionato per te Principe Azzurro?"

"Beh, sei uscito inciampando dai cespugli e ho pensato 'Accidenti, è un mostro carino'", hanno riso.

Il suo sorriso si trasformò in un cipiglio, "E se corressi con Jeremy... E io parlassi con altri ragazzi il primo giorno?"

Sorrise con sicurezza, "Sento che troveremmo un modo per incontrarci".

"Siamo una bella coppia, vero?" disse Alice.

"Sì, lo facciamo."

"Cosa faremo quando andremo al college?" Alice era di nuovo triste.

"Beh... stavo pensando che ora potremmo andare allo stesso college," ammise Porter.

"Veramente?" Lei lo guardò.

"Certo", disse con un sorriso, "Siamo il duo".

"Grazie per essere rimasto con me Porter."

"Lo stesso con te, Al."

Alice era immersa nei suoi pensieri, ma riuscì comunque a mormorare con un sorriso: "Quante volte devo dirti di non chiamarmi così?"

Porter cominciò a parlare, ma lei non stava ascoltando. Stava pensando a qualcosa di molto più importante.

"Porter," lo interruppe.

"Sì?"

"Mio padre non si è mai fermato".

Silenzio.

Ci è voluto un po' per registrarsi, ma quando lo ha fatto, Porter ha iniziato ad arrabbiarsi. Non ad Alice ovviamente, ma al suo stronzo di padre.

"Quel figlio di puttana," Porter si alzò, "Marcirà in una cella."

"No, non lo è," disse con voce monotona.

"Alice, non ho tempo per quello... Avevamo un accordo," disse con autorità.

"No, non capisci," stava sorridendo ora, sfoggiava un volto di speranza.

"Cosa non capisco?" Stava diventando impaziente, convinto che lei avrebbe di nuovo difeso suo padre.

"Non andrò al college," era piena di sorrisi adesso.

Porter ora era generalmente preoccupata per la sua salute mentale, "Alice, va tutto bene ora so che deve essere ..."

"No no no," si alzò, "Nemmeno tu lo sei."

"Alice..."

"Scappa con me," ora si stavano fissando negli occhi.

"Alice, è pazzesco," scosse la testa.

"Perché?" Lei si lasciò sfuggire una mezza risata, "Cosa ci trattiene qui, Porter?"

Non poteva rispondere.

"Vedi, potremmo farcela! Decolla e non voltarti mai indietro", era stordita dall'eccitazione ora.

Porter iniziò a provare la stessa sensazione, ma la soffocò immediatamente, "Alice. So che le nostre vite sono state difficili. Ma... non possiamo farlo. Non è così che funziona la società."

"Fanculo la società", ha detto, Porter ha dovuto lottare contro un sorriso, "Basta uscire dalla mappa, viaggiare per il paese. Il MONDO forse!"

"Soldi," scosse la testa.

Lo guardò negli occhi, Porter vide una serietà nei suoi occhi che non si aspettava: "Deruberò mio padre. Prendi ogni fottuto centesimo che ha. Quella merda se lo merita."

Porter era d'accordo con questo, in realtà si è entusiasmato con la prospettiva, "Potresti?"

Lei annuì con la testa: "Posso ottenere milioni di dollari, Porter. Anche una delle sue auto."

"Come?"

"A volte sviene ubriaco per giorni alla volta... lo farò ubriacare e ritirerò ogni centesimo che ha."

Porter sorrise, ma ancora una volta... se lo asciugò dalla faccia, "Non possiamo semplicemente farlo... Cosa succede quando vogliamo fermarci... Non possiamo restare in viaggio per sempre."

"Lo so. Non ho pensato così lontano... Ma so che lo voglio."

"Alice, smettila di parlare in modo folle, per favore. Sembra fantastico, ma non è proprio possibile. Generazione sbagliata per questo. Hai bisogno di un'assicurazione, supporto vitale, una laurea..."

"Me ne vado comunque, Porter." Lei lo interruppe.

Rimase in silenzio, lasciando che ciò che lei diceva penetrasse. Porter alzò lentamente lo sguardo nei suoi occhi azzurri... quelli di cui si era innamorato.







Mentre Porter lanciava la sua borsa piena dei suoi averi più cari sul sedile posteriore di una Ford Mustang del 2015, notò quante altre borse c'erano là dietro.

"Porca miseria, Al," disse con una risata, "Quante borse ti servono."

"Non mio", era al volante, "Guardali dentro".

Fece come gli aveva suggerito, e i suoi occhi si spalancarono per lo shock quando vide cosa c'era dentro. "Oh mio Dio," mormorò. Nelle borse c'erano più soldi di quanto Porter avesse mai immaginato.

"Sì," disse con voce tremante, "Noi... Abbiamo milioni di dollari sul sedile posteriore."

Dopo averlo detto, entrambi scoppiarono a ridere a disagio.

"Lo faremo davvero?" chiese Porter. Erano le 4 del mattino e il sole non era ancora sorto, ma l'aria era frizzante e gli uccelli cantavano.

"Sì," annuì a disagio, "Lo siamo."

"Andiamo," disse e lei avviò la macchina.

Il ronzio dell'auto sportiva faceva venire i brividi lungo la schiena. I due adolescenti si guardarono e iniziarono a sbucare sulla strada.

Proprio mentre lo facevano, tuttavia, il cancello della proprietà di Alice si aprì.

Alice ha frenato bruscamente, anche se stavano andando solo a un paio di miglia all'ora, hanno sobbalzato in avanti. Spense rapidamente la macchina.

"Scendere!" Disse ed entrambi si abbassarono.

Il padre di Alice è uscito barcollando dal cancello. Era ubriaco e uno sciattone. Non era così brutto, ma aveva la faccia del bastardo. Porter, che lo vedeva solo per la prima volta, lo fissò con odio dall'auto buia.

Suo padre continuava a borbottare la stessa cosa: "Dov'è quella fottuta puttana".

Porter ha sentito Alice mormorare accanto a lui: "Vedrà la macchina, vedrà la macchina".

Porter sapeva che aveva ragione. Così è sceso d'impulso dall'auto.

Ha cercato di fermarlo ma era troppo tardi, aveva già commesso.

Si diresse verso suo padre a passo svelto, che lo vide arrivare da 10 piedi di distanza.

"Cosa vuoi?" Gridò a Porter mentre si avvicinava.

Porter fece un sorriso amichevole e tese la mano: "Salve. Sig. Delmont. Giusto?"

Il padre di Alice si irrigidì sentendo il suo nome in forma formale, doveva aver pensato che Porter fosse una specie di socio in affari. "Si, è corretto."

Mentre allungava il braccio per stringere la mano di Porter, Porter, veloce come un cobra, si alzò e gli diede un pugno direttamente alla mascella.

Il padre di Alice cadde all'indietro, cadde sul sedere con un grugnito. Alzò lo sguardo su Porter appena in tempo per vedere arrivare il secondo swing.

Porter ha picchiato senza pietà l'uomo, "QUESTO... È... PER... COSA... HAI... FATTO... A... LEI... STRONZO!" Urlava a ogni pugno.

Porter si alzò e guardò il padre di Alice. Era sanguinante e privo di sensi. Porter ha ingoiato la sua rabbia, "È più difficile quando non è una bambina, eh?"

Si voltò per tornare alla macchina, ma non ci riuscì. Porter si voltò e continuò a prendere a calci l'uomo privo di sensi. Porter lo avrebbe ucciso se non fosse stato per il fatto che Alice lo stava guardando.

Una volta che Porter ebbe finito, disse semplicemente: "Vaffanculo". E tornò di corsa alla macchina.

Senza dire niente, Alice se ne andò. I due sono usciti dalla città a velocità superiori al limite di velocità. Il viaggio in macchina era silenzioso, si sentiva solo il forte rumore del motore.

Una volta che la loro città fu fuori vista, Alice sbatté i freni. L'auto si fermò sul ciglio di una strada quasi abbandonata in mezzo al terreno montuoso. Si voltò a guardarlo.

"Ascolta Alice io..." iniziò Porter, ma smise di parlare quando vide la faccia di Alice.

Lo stava fissando con occhi impazziti. Respirava affannosamente, e forse impazzita non era la parola giusta, i suoi occhi erano più... affamati.

"Alice?" chiese confuso. Senza rispondere, si avventò su di lui.

Alice gli afferrò il viso ed entrambi sperimentarono il loro primo bacio. Un'esplosione di emozione esplose nei loro petti. Alice si tirò indietro e lo guardò negli occhi, anche Porter ora respirava affannosamente.

Alice non aveva finito, iniziò a baciarlo più forte. Mentre lo faceva, spogliò Porter della sua giacca. Da cui Porter si è dimenato e l'ha avvolta tra le braccia. Alice poi si affrettò verso il suo lato della macchina, girò la gamba in modo da essere a cavalcioni della sua vita. Porter si appoggiò allo schienale della sedia, regolando il sedile in modo da essere quasi sdraiato.

Alice si allontanò e si appoggiò allo schienale, per qualche secondo osservò il suo corpo tonico. Era nuova al sesso consensuale, ma questo non era imbarazzante come avrebbe dovuto essere, tutto sembrava così giusto. Fece scorrere le mani su e giù per i suoi addominali prima di infilarsi tra le sue ginocchia. Rimase senza fiato quando tirò fuori il suo cazzo, era incredibilmente colpita. Porter non aveva mai avuto qualcuno che gli toccasse il cazzo prima, ed è rimasto sbalordito dalla sensazione. Le sue morbide dita erano fantastiche, poi la sua bocca era ancora meglio.

Lei non sapeva davvero come fare un pompino, ma era in un tale momento di estasi che non ci ha pensato affatto prima di tuffarsi. contorcersi di piacere. Alice ci ha capito velocemente, stava andando a un bel ritmo costante quando ha sentito Porter tirarle indietro i capelli e aiutarla. È stata una sensazione davvero incredibile.

Dopo un po', Alice si staccò e si tolse la felpa, poi fece fatica a togliersi i pantaloni. Lasciandola in nient'altro che una canottiera. Istintivamente si strofinò la figa un paio di volte prima di salire sopra Porter.

Mentre Alice dirigeva il suo cazzo dentro di lei, Porter disse: "Whoa Al, sei sicuro di volerlo fare?"

Lei però lo ignorò e scivolò fino in fondo sul cazzo. Non era la prima volta che veniva penetrata grazie a suo padre. Ma questo era molto diverso da quei tempi. Alice tremò sopra di lui mentre entrambi riacquistavano la calma. Porter le avvolse le mani intorno alla vita e l'aiutò a rimbalzare.

La sensazione non assomigliava a niente che nessuno dei due avesse mai provato. Entrambi gemettero di piacere mentre aumentavano il ritmo.

Dopo un po' di intensa scopata, Alice sentì le forti braccia di Porter avvolgerla. Grugnì.

"Stai per venire, vero?" chiese ansimando. Sono andati più veloci.

"Sì", ha risposto.

"Aspettami," riusciva a malapena a pronunciare le parole.

Porter ha provato ad aspettare, ma è durato solo pochi secondi in più. Questo è tutto ciò di cui aveva bisogno comunque. Entrambi gli adolescenti sono venuti contemporaneamente. Alice è venuta sul cazzo di Porter mentre svuotava il suo carico dentro di lei. Per qualche secondo i due rimasero senza parole. Si sono tenuti stretti l'uno all'altro mentre si riprendevano da un'esperienza di una vita.

Lo baciò, "Ti amo, Alice." Egli ha detto.

Lei si tirò indietro, "Sei la prima persona che l'abbia mai detto."

Mentre pensava a una risposta, Alice si mise al posto di guida e mise in moto.

"Ti amo anch'io, Porter," sorrise e mise la macchina in marcia.



È qui che inizia la loro storia...

Storie simili

UNA SAGA SUGAR-DADDY, 4 di 5

4 (Ciao a tutti! Ho pensato di provare una breve serie in cui ogni voce è dal punto di vista delle due persone coinvolte. Questa è dal suo punto di vista, (notate che non è lo stesso incontro... è troppo facile!) il mio primo tentativo a scriverlo. Divertiti!) La prospettiva di Layton: Beh, era ovvio che, nonostante una storia passata di decisioni davvero sbagliate, dovevo prenderne una buona. Il sesso era davvero incredibile, e la parte migliore era che il mio papà (detestavo ancora chiamarlo così a quel punto) sembrava sinceramente interessato a me come persona. Avevo paura che non sarebbe...

0 I più visti

Likes 0

Punito dai dipendenti

Mi sono chinato sul marciapiede e ho raccolto la moneta che ho trovato. Giornata fortunata, ho pensato. Non capita tutti i giorni di trovare una moneta sul marciapiede. I soldi non sono facili da ottenere, mi sono rimproverato. Essere proprietario di un piccolo bar non è un compito facile. Sono stato solo per quasi tutta la mia vita. I miei genitori erano divorziati e comunque nessuno di loro si prendeva cura di me. Per loro ero solo un ragazzo da sfamare, tenere un tetto sopra la testa e un pesante fardello. Fortunatamente, ho superato tutta quella negatività che mi tratteneva. Ho...

200 I più visti

Likes 0

Giro sulle montagne russe -- 3

CAPITOLO 13 Sono entrato nell'aula di Judith alle 11:30 in punto. Mi ha visto, ha atteso il momento opportuno per sospendere l'udienza della giornata e ha annunciato una sospensione fino al mattino seguente. L'ufficiale giudiziario mi ha convocato nelle sue stanze. Sono entrato e l'ho trovata mentre si toglieva gli abiti. Mi ha preso la mano e mi ha portato via. Su due piani in ascensore, siamo usciti per trovare un affollato ufficio licenze. Judith fece il giro di una porta anonima, bussò una volta ed entrò, trascinandomi con sé. George, questo è Frank Martinson, il mio fidanzato. Si alzò, mi...

185 I più visti

Likes 0

La lista dei cattivi capitolo 4

Tremavo al pensiero di quello che avevamo fatto da soli negli ultimi venti minuti. Sì, era stato più che bello. Imprecavo nella mia testa che avesse sempre la cosa giusta da dire. Chris ha premuto le sue labbra sulla mia fronte e mi ha massaggiato la schiena. Dato che qui siamo aperti, prima di andare oltre, penso che sia un buon momento per affrontare qualcosa di importante. Va bene... cominciai ad alzare lo sguardo e arrivai fino alla sua bocca. Holly, sei una brava ragazza? disse seriamente, come se la mia risposta fosse stata la decisione più cruciale della mia vita...

98 I più visti

Likes 0

Il ciondolo 2

Il Ciondolo Capitolo due Il giorno dopo a scuola è stato un po' strano. Bobby continuava a guardarmi come se volesse dire qualcosa ma non lo fece. Continuavo ad aspettarmi che mi chiedesse cosa fosse successo al Ciondolo, ma non ha mai detto niente. Dopo la scuola non vedevo l'ora di usare di nuovo il Pendente. Quando sono tornato a casa ho deciso di farlo a letto questa volta perché il pavimento era troppo scomodo. Ho chiuso a chiave la porta, l'ho recuperata dal mio nascondiglio, mi sono spogliata e mi sono sdraiata sul letto. Ho guardato in basso e ho...

478 I più visti

Likes 0

Accademia di Tarnheim, parte 2

Accademia di Tarnheim, parte 2 In piedi nudo nell'ufficio della signorina Krieger, la mia mente turbinava di emozioni fino a quel momento sconosciute. Mi sono sentito allo stesso tempo spaventato ed eccitato. Il mio fondoschiena brillava ancora di un rosso brillante per le spietate frustate che mi aveva dato la direttrice, e rabbrividivo ancora per le lascive provocazioni della sua lingua talentuosa. Mi sono sentito trasformato, ma in cosa? Aspettai con esitazione mentre la signorina Krieger si infilava metodicamente il suo attillato completo di pelle, non osando muoversi finché non veniva istruita. Alla fine si infilò i guanti di pelle nera...

397 I più visti

Likes 0

Il viaggiatore assetato

Per favore, segui questa storia perché ci vorrà un po 'per girare questa storia di come sono andate le cose. ************************************************** ************************************************** *************** Guardai il suo petto ansante nella fioca luce tremolante del motel. Tutto quello che ho saputo da lei è che si chiamava Mary ed era scappata dal Mississippi. Aveva percorso un'ottima distanza prima di imbattersi nella mia macchina e chiedermi un passaggio. Non sapeva che sarebbe stata l'ultima volta che avrebbe fatto l'autostop. Quando iniziò a svegliarsi dal suo sonno, cercai di non pensare ai ricordi che mi avevano portato qui, in questa piccola città della Louisiana, e...

431 I più visti

Likes 0

La lavatrice

Perché non lo provi? I grandi occhi castani di Laura si spalancarono mentre un brivido cattivo le attraversava il corpo facendola rabbrividire un po' al solo pensiero. “Sii seria” disse Laura con un timido sorriso alla sua migliore amica Tally. Laura e Tally erano sedute in un bar come facevano normalmente durante la pausa cena a chiacchierare. Tally era stata la migliore amica di Laura da quando erano a scuola; qui erano ancora migliori amici all'età di 33 anni, anche lavorando nello stesso edificio per uffici. Quello di cui stavano parlando era un regalo che Laura aveva ricevuto per il suo...

281 I più visti

Likes 0

Vendetta. Capitolo 1. (Revisionato)

Carmen Fox era seduta nella sua camera da letto buia con il bagliore del portatile come unica fonte di luce. I suoi capelli lunghi fino ai fianchi, lisci e nerissimi erano sparsi intorno a lei e sapeva che i suoi occhi azzurri riflettevano la luce del portatile. Non era stata impegnata a fare niente da quando Ross l'aveva lasciata. Ora passava la maggior parte dei suoi giorni a fare questo. Navigare in Internet e visitare siti Web come Google, Facebook e altre cose varie. Attualmente era su Facebook. Forse non farebbe male a niente visitare la sua pagina? Non sarebbe stato...

258 I più visti

Likes 0

Insegnante - 06 Giorno 1 – Fine della prima giornata e nuovi inizi

Laura andò nel cortile dove Adam stava studiando e gli disse che era ora di tornare a casa. Le ha chiesto come fosse andata la sua giornata e lei ha spiegato i punti salienti e i punti bassi della giornata. Sulla strada di casa chiamò Allen per fargli sapere che stavano arrivando. Stava anche uscendo dal suo lavoro. Ha suggerito di incontrarsi all'H-Store in modo che Laura potesse ottenere un altro top e qualsiasi altra cosa potesse desiderare per i prossimi cinque giorni. Lo incontrò mentre si fermava nel parcheggio. Hey bellissima. Adoro quello che hai fatto con il tuo guardaroba!...

334 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.