Il circo delle tenebre 2

1KReport
Il circo delle tenebre 2

Dahlia corse per la casa urlando. Indossando una camicetta grigia e una minigonna grigia abbinata con un paio di scarpe da corsa bianche, la ragazza bionda ha urlato di orrore per aver appena visto il suo ragazzo, Tim, pugnalato ripetutamente e fatto a pezzi da mostruosi pagliacci non morti. Ora non sapeva dove stava correndo. Non le importava. Voleva solo uscire. Attraversò una porta dopo l'altra sentendo ridere tutto intorno a lei. Pensò che un altro emergesse fuori nella notte frizzante. Ma non c'era solo il buio. C'era un cielo notturno per essere vero. Ma c'erano luci ovunque. La musica da circo stonata suonava nelle luci notturne di rosa, bianco e rosso che brillavano e giravano intorno al parco dei divertimenti distorto e sconvolto. Il marciapiede di cemento era consumato e incrinato da zucchero filato marcio e tazze vuote di soda con cannucce che ancora spuntavano da esse. Attraversò spaventata il parco dei divertimenti recintato. Il suo cuore batteva a un ritmo folle. Il suo petto si sollevava solo a metà respiro. Ha visto un grande coniglio rosa su una panchina. Era come se la stesse fissando. Si guardò intorno vedendo una giostra con i cavalli con la vernice scheggiata e consumata. Ha quindi iniziato a correre in avanti ascoltando la musica. Vide un'altra panchina alla fine del parco che vedeva il coniglietto rosa. Lo guardò con uno sguardo strano poi si voltò verso l'altra panca. Il coniglietto era sparito. Ansimò voltandosi, anche il coniglio era sparito da quella panchina. I suoi occhi erano pieni di orrore. Aveva le gambe piegate all'altezza delle ginocchia, le braccia tese con le dita tese e sudate. Cominciò lentamente a girarsi in cerchio sentendo gli occhi su di lei. Improvvisamente sentì un rapido scalpiccio dietro di lei. Lei si voltò. Poi ha ricominciato a correre più veloce che poteva. Vide un'ombra muoversi davanti a lei. Era terrorizzata ma ha continuato ad andare avanti. Le sue gambe tremanti pomparono finché un piede non trovò un pezzo di zucchero filato marcio. Il suo piede scivolò all'indietro mentre cadeva a terra. Cominciò a rialzarsi quando il suono del picchiettio divenne sempre più forte. Improvvisamente cessò proprio vicino alla sua testa. Si è girata intorno al sedere a terra e la parte superiore del corpo è stata sostenuta dalle sue mani. Ai suoi piedi c'era il grande peluche rosa, il muso insanguinato, gli occhi neri e lucenti. Un unico pezzo di innocenza con un sorriso offuscato dal male e dalla distruzione e dalla maledizione che affligge la casa del circo. Il coniglietto di otto piedi era sopra di lei mentre la sua mascella tremava per la paura e la confusione. Un membro dall'aspetto quasi umano che si alza tra le sue gambe cotonate.
"Che cazzo?" Sussurrò a se stessa pensando che fosse tutto ridicolo. Il mostro cadde su di lei, un'improvvisa presa ferma e dura le inchiodò le braccia alle strade di cemento mentre le sue gambe si agitavano e lei urlava. È un cazzo eretto che le spunta tra le gambe. L'odore di zucchero filato e soda appiccicosa riempì l'aria mentre la bocca del coniglio si apriva sibilando in modo strano. Una mano le strappò la camicetta spalancandola e sparando bottoni in ogni direzione. Esponendo la sua pelle di porcellana all'aria notturna, i suoi seni si gonfiarono in cima al petto perché inarcò la schiena cercando di scappare. I suoi grossi seni erano fermi nel reggiseno. Il coniglietto ha quindi afferrato il reggiseno con tatto mentre un rapido colpo è stato dato strappandolo via. Urlò sempre più forte quando il suo pugno aperto si alzò colpendo il lato della sua testa. Il suo pugno sbuffò ripetutamente contro la sua soffice testa senza fare assolutamente nulla per fermarlo. Le immobilizzò di nuovo il braccio mentre l'altra mano scendeva lungo il suo braccio fino al petto nudo e aperto. Sentì una mano soffice ma ferma afferrarle i seni, gridò in segno di sfida gettando indietro la testa. La sua mano le scese lentamente sul petto e poi sullo stomaco, sopra la gonna e poi sotto. I suoi occhi si spalancarono sentendo la mano ferma che sfregava contro il suo tesoro. Ha cercato di scappare emettendo un grido preoccupato e le sue gambe hanno cercato di rientrare solo per essere fermate dalle stesse gambe del coniglio. La mano le strappò via gli indumenti intimi mentre volava in strada. Le luci passavano freneticamente mentre tutto colpiva Dahlia in modo così surreale. La sua testa girava, il coniglio le afferrò l'interno delle cosce. C'era un odore terribile proveniente dal coniglio. Puzzava di decomposizione, morte e sporcizia. Il coniglietto allargò lentamente le zampe mentre lei chiudeva gli occhi stringendo i denti facendo del suo meglio per tenerli chiusi il più poltiglia possibile. Ma si sono aperti lentamente. All'improvviso lo sentì. Secondo dopo secondo sentì il grosso membro duro del mostro immergersi nella sua piccola vagina stretta. Prima la sua grande testa si scontrò alla sua apertura, spalancando le labbra mentre lei urlava di dolore, la sua figa continuava ad allargarsi e da sola cominciò a inumidirsi. La testa era a metà strada quando la tensione iniziò a cessare alla sua apertura, ma la pressione sulle morbide e setose parti interne della sua figa doveva ora accogliere il grosso membro. Piangeva mentre il membro continuava a premere contro ogni cosa all'interno del suo giardino di velluto. Sentì il suo soffice bacino toccare il suo. Le sue mani ora rilasciano le sue braccia e vanno dietro ai suoi seni che li sbranano. Gridò di terrore battendogli ripetutamente il petto. Urlando per la fine. Ma si è resa conto dopo la prima pompata pesante del suo cazzo, che era appena iniziata. Fissò quegli occhi neri cercando una sorta di conforto che avrebbe fermato. Eppure vedeva solo un profondo abisso. Le sue mani afferrarono la parte inferiore delle sue cosce sollevandole ai lati mentre pompava il suo grosso cazzo dentro di lei ancora e ancora. È un membro lungo e duro che scivola dentro e fuori dalle sue labbra bagnate ancora e ancora. I suoi lombi pulsavano, piangeva mentre la tradivano. Il suo urlo successivo fu il suo venire con gli occhi chiusi, gridandolo nell'aria della notte, il suo respiro si vedeva nell'aria della notte. Adesso si sollevò sulle ginocchia mentre pompava dentro e fuori di lei. La sua mano era sul suo viso ora, i suoi occhi erano chiusi mentre il suo respiro era rapido seguendo ogni pompa del suo cazzo. Gli effetti dell'orgasmo si propagarono lentamente attraverso il suo corpo mentre un altro cominciava a formarsi. Le sue mani toccarono terra. Sollevò prima il suo corpo con i gomiti, l'orgasmo iniziò a salire. Cercò di sopprimerla sollevando il suo corpo con le mani ma non fece altro che alzarsi ulteriormente. Improvvisamente gridò in un gemito che la fece cadere a terra. La sua voce perforava l'aria in un grido di forzato piacere mentre lo shock dell'orgasmo le risuonava nel corpo, facendolo pulsare ancora e ancora. Il coniglietto la lasciò cadere mentre si girava in ginocchio desiderando strisciare via. Ma la sua testa era confusa. Ha strisciato molto lentamente mentre la sua figa gocciolante pulsava. Poi ha sentito qualcosa che le ha colpito duramente il sedere. Si voltò mentre il coniglio le schiaffeggiava il sedere, poi le avvolse un braccio intorno alle gambe, posizionandosi sopra il suo sedere. Dahlia ha cercato di strisciare via in qualsiasi direzione. All'improvviso lo sentì seguito da un sussulto. Si sentì gridare dal dolore quando la sua testa iniziò ad allungare il suo buco del culo. Il grosso membro liscio premette con forza in avanti. Allungò la mano per qualsiasi cosa, le sue mani picchiettarono sul terreno di cemento in preda alla disperazione mentre il coniglio sibilava di piacere mentre la sua testa si alzava in aria tastando l'interno del suo culo liscio e liscio. Sono le mani che si strofinano sulle natiche e le schiaffeggiano violentemente. Il mostro sentì il piacere in grado di solleticare tutto il suo albero mentre spingeva dentro e tirava fuori. Apprezzava il fatto che lei urlasse e urlasse perché finisse. Un finale che non avrebbe ricevuto mentre pompava sempre più forte. Dahlia sentì il grosso shlong dentro di lei che la tendeva mentre gridava per il dolore crescente. Le sue suppliche di "per favore smettila" apparentemente inosservate mentre la solcavano come la neve. Allungò la mano cercando di allontanare il mostro con entrambe le braccia quando il mostro le afferrò i polsi tirando forte e l'unico modo per le sue braccia di non slogarsi era che inarcasse la schiena e andasse con la creatura sollevando la parte superiore del corpo da terra. . Era lì sospesa in aria mentre la creatura le faceva dondolare il corpo scossa dopo scossa, sbattendole il sedere con il proprio bacino. Pompava più forte e più veloce, le mani le afferravano le natiche, stringendole mentre il sibilo si trasformava in un basso ringhio. Le sue spinte diventano più lente ma più potenti mentre poi ruggiva un ruggito soprannaturale che spruzzava l'interno del suo culo. Si ritirò lentamente mentre tornava indietro dando uno spruzzo secondario. Le fece cadere le braccia mentre cadeva sul cemento. La sua faccia contro il terreno, gli occhi spalancati mentre respirava a fatica quasi senza fiato. Sentì le sue mani rilasciarle il culo, cadde di lato. Deglutì a fatica mentre lottava per riprendere fiato. Alzò lo sguardo vedendolo in piedi sopra di lei con un lungo coltello seghettato. Ha urlato di orrore mentre iniziava a strisciare via. Inciampò in piedi mentre si sollevava per uno scatto traballante. La porta apparve alla sua vista, sempre più vicina mentre il rumore di picchiettii si faceva sempre più vicino. Raggiungerla. Improvvisamente smise di girare su se stessa sollevando il piede. Il coniglietto si è allineato sul suo piede. Il coniglio si sdraiò a terra mentre ricominciava a correre. Il suo respiro divenne teso mentre respirava in modo irregolare. Corse su per i gradini mentre il coniglio la fissava da lontano, il suo sorriso errie appena stampato sul suo viso come non faceva altro che sedersi lì con la testa leggermente inclinata a destra. Corse attraverso la porta sbattendola. Il suo corpo si premette contro di essa preparandosi ad attaccare la porta. Non si accorse che i pagliacci emergevano dall'ombra dietro di lei. Risero silenziosamente e la schernirono indicandola.
Deglutì lentamente rendendosi conto di cosa si nascondeva dietro di lei. Si voltò lentamente vedendoli tutti. Aprì la bocca mentre esplose un urlo agghiacciante.

Damien e Carmen rimasero entrambi senza fiato sentendo Dahlias urlare di terrore. Si guardarono incerti se aiutare o scappare. Ma non importava. Perché qualcosa era già venuto a trovarli.

Storie simili

Non è mai successo: è vero??

Non è mai successo: è vero?? Tutti noi abbiamo alcuni oscuri segreti che vogliamo tenere nascosti; alcuni di noi riescono a conservare quei segreti nella tomba, altri... beh, chissà? Questi sono i miei segreti, non ho mai voluto che venissero svelati, ma mentre mi avvicino alla fine della mia strada, ho pensato, forse, di poter cancellare dalla mia memoria i sensi di colpa e le incertezze che hanno rovinato la mia vita. Non posso mai essere sicuro di non aver semplicemente permesso che accadesse, che se avessi avuto il coraggio di dirlo a qualcuno, allora le cose e la mia vita...

2.7K I più visti

Likes 0

Un mio bramoso desiderio per Tom 2

Beh, certo che lo amo. Stavo spiegando al telefono alla mia migliore amica Heather. Sei sicuro, e non è solo una cotta. Perché Hun gli hai lasciato prendere la tua verginità. Heather mi ha detto con cautela. Non permetterei a nessun ragazzo di farmi questo! Per cosa mi prendi, una puttana?! dissi scherzando. La nostra conversazione andò avanti per un po'. Voleva solo assicurarsi che fossi al sicuro e com'era. Erano circa le 9:30 quel venerdì ei miei genitori erano al casinò e io sono salito a bordo dopo aver parlato con Heather, quindi ho chiamato Thomas. Suo padre era via...

874 I più visti

Likes 0

Scopare la matrigna del mio amico

Oggi è stata una giornata calda e soleggiata. Gli alberi erano mossi dal vento e le foglie volavano fuori dalla mia finestra. Il mio telefono ha iniziato a suonare. Ho guardato il mio telefono, confuso quando ho visto che era il numero di Jake. Perché dovrebbe voler uscire? Era fuori città con suo padre per una battuta di pesca. Ciao? Ho chiesto. Ehi Brad! Sono Lindsey! Lindsey era la nuova calda matrigna di Jake. Aveva capelli ramati e seni ampi, un culo enorme e labbra dall'aspetto delizioso. Il mio cazzo ha iniziato a indurirsi solo pensando a lei. Ho bisogno di...

851 I più visti

Likes 0

Il ciondolo 2

Il Ciondolo Capitolo due Il giorno dopo a scuola è stato un po' strano. Bobby continuava a guardarmi come se volesse dire qualcosa ma non lo fece. Continuavo ad aspettarmi che mi chiedesse cosa fosse successo al Ciondolo, ma non ha mai detto niente. Dopo la scuola non vedevo l'ora di usare di nuovo il Pendente. Quando sono tornato a casa ho deciso di farlo a letto questa volta perché il pavimento era troppo scomodo. Ho chiuso a chiave la porta, l'ho recuperata dal mio nascondiglio, mi sono spogliata e mi sono sdraiata sul letto. Ho guardato in basso e ho...

811 I più visti

Likes 0

Il Capitolo dell'Accademia. 4

Tutti e sei ci siamo svegliati più o meno alla stessa ora, solo perché uno di noi ha cercato di alzarsi e ha cercato di non svegliare il resto di noi fallendo miseramente. Abbiamo preparato la colazione cucinata e ci siamo preparati per il torneo. *Toc, toc, toc* Sono andato alla porta per rispondere. Mr. Owens: Ah, bene, sei pronto, allora andiamo, va bene? Kyle: Sì, vinciamo questa cosa ragazzi! Tutti e sei ci alzammo e uscimmo dalla porta, ma il signor Owens ci fermò. Mr. Owens: Mi dispiace, le quattro partite di oggi sono solo per squadre da due. Adam:...

669 I più visti

Likes 0

The Pet - Parte 2 - la prima ora

Il viaggio verso casa era stato divertente per i quattro amici. Beh, divertimento per tutti tranne che per Sally che aveva estratto la paglia corta e stava guidando il furgone che avevano preso in prestito per il fine settimana libero dal proprietario di Kim. L'aveva adattato soprattutto per quelle occasioni speciali in cui invitava uno, ma solo uno, dei suoi amici in giro per abusare di Kim per un po', li portava in giro per la città. Il retro del furgone era stato completamente spogliato di tutti i suoi accessori e il pavimento era stato riparato con un materasso. In ciascuno...

641 I più visti

Likes 0

Giro sulle montagne russe -- 3

CAPITOLO 13 Sono entrato nell'aula di Judith alle 11:30 in punto. Mi ha visto, ha atteso il momento opportuno per sospendere l'udienza della giornata e ha annunciato una sospensione fino al mattino seguente. L'ufficiale giudiziario mi ha convocato nelle sue stanze. Sono entrato e l'ho trovata mentre si toglieva gli abiti. Mi ha preso la mano e mi ha portato via. Su due piani in ascensore, siamo usciti per trovare un affollato ufficio licenze. Judith fece il giro di una porta anonima, bussò una volta ed entrò, trascinandomi con sé. George, questo è Frank Martinson, il mio fidanzato. Si alzò, mi...

516 I più visti

Likes 0

BACIA LA VAGINA DELLA MAMMA

.....Mia madre Megan, 31 anni, sentiva che non si comportava molto bene a letto. Non faceva più eccitare papà, che era molto più grande. Non voleva che papà si rivolgesse a un'altra donna, quindi è andata dal dottore. Questo era un nuovo dottore, ed era un ragazzo giovane che secondo lei poteva essere più adatto al suo problema. Gli disse che voleva accendere suo marito ed essere più sexy a letto per lui. La mamma aveva un corpo da urlo. Aveva una bella pelle liscia, grandi tette, fianchi e gambe perfetti. Questo dottore ha visto l'opportunità di approfittarsi di lei. Le...

521 I più visti

Likes 0

Primo Trio - MMF

Sapevo che la palestra sarebbe stata chiusa presto, quindi mi sono affrettata a tornare negli spogliatoi ea farmi la doccia. Ho dovuto saltare la sauna questa volta, cosa che mi ero affezionata a fare, così posso allungarmi correttamente, per non parlare del fatto che è lì che ho succhiato il mio primo cazzo e mi riporta alla mente ricordi così belli. Ma non avevo tempo, quindi sono andato dritto alle docce nudo, con solo il mio asciugamano appeso sopra la spalla. Lo spogliatoio era completamente vuoto, proprio come piaceva a me. Ho avviato l'acqua e ho regolato la temperatura in modo...

496 I più visti

Likes 0

Il Sogno_(1)

È scivolata nella mia stanza così silenziosamente che ho pensato che fosse un sogno. Il suo abito dafenoso fluttua in una brezza sottile come la scena di un film. Lei sorrise mentre attraversava la stanza con il suo sorriso timido e timido da ragazzina e io fui subito duro. Probabilmente stavo sognando, era troppo bello per essere vero. Quando si avvicinò al mio letto si fermò e mi lasciò ammirare tutta la sua gloria. L'abito aderiva al suo splendido seno e ai capezzoli duri, quindi anche se non potevo vederli, potevo vedere la loro forma completa suggerita. La luce rendeva l'abito...

444 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.