Il mio cavaliere...

1.1KReport
Il mio cavaliere...

Il suo cuore batteva forte mentre le sue gambe la portavano più in alto sulla montagna. Si rifiutò di guardare indietro sentendoli guadagnare terreno su di lei. La sensazione gommosa si stava calmando, specialmente nelle sue gambe stanche. Continuava a ripetersi di andare avanti, ma le sue gambe volevano fermarsi. Il suo petto si sollevò cercando di afferrare mentre i suoi polmoni potevano reggere. Si sentiva santificata, stanca e impaurita. Il terrore si era costruito dentro di lei e alla fine le sue gambe risposero, spingendola nella foresta oscura le sue braccia la graffiarono mentre penetrava più a fondo nella sua anima oscura. Per un momento desiderò di avere le ali e di poterle spiegare, planando nel vento... alzandosi in alto sopra la foresta e coloro che la seguivano. La sua mente lottava con la consapevolezza che questa volta... questa volta era davvero nei guai e non c'era nessun cavaliere in armatura scintillante là fuori che l'avrebbe salvata questa volta. Questa volta... era da sola.

Il suo piede scivolò sul pavimento sinistro di poppa. Cominciò a cadere e poi si raddrizzò, lasciando un po' più di pelle sul corpo ruvido dell'albero. Ogni nuovo passo costava al suo corpo più di quello che aveva. Si guardò intorno disperatamente, sapendo che non sarebbe stata in grado di continuare. Aveva bisogno di fermarsi e riposare. Quello di cui aveva bisogno era un buon nascondiglio. Si fermò bruscamente in una radura e si guardò intorno. Vide un vecchio albero marcio a diversi metri di distanza e si affrettò verso di esso. Senza preoccuparsi dei ragni o di altri insetti che avrebbero potuto scegliere la sacra oscurità come loro casa, si infilò nella piccola apertura. Cercò di calmare il respiro, cercando di non soffocare per l'aria morta. Morto... la sua mente lottava con la consapevolezza che qualcosa era davvero morto nelle viscere dell'albero. E quel qualcosa, potrebbe essere vicino a lei... accanto a lei... aspettando il momento giusto per...

La sua mente non aveva più il tempo di interrogarsi lungo il suo oscuro e tetro sentiero... perché la vera paura si stava avvicinando e si stava avvicinando rapidamente. Sentì le loro voci attutite e arrabbiate. "Non poteva essere scomparsa" "L'avevamo... l'avevamo se non l'avevi spaventata!"

I ragazzi... i ragazzi della scuola di cui si era fidata. Voleva disperatamente essere accettata nella sua nuova scuola. Questi ragazzi erano i più popolari e i più belli. Era lusingata quando le hanno chiesto di andare nei boschi dopo la scuola. Sapeva che avrebbe dovuto spegnersi... e questo non lo sapeva. Si era spenta prima. Aveva 15 anni quando è successo la sua prima volta. Un altro ragazzo popolare e un'altra scuola.

Avevano iniziato con un bacio innocente. Man mano che diventava più sicuro di sé, spostò le mani sui suoi seni e iniziò a stringere. All'inizio la spremitura si è sentita scomoda e poi è iniziato a succedere qualcosa. Ha iniziato a sentirsi calda, calda dappertutto. Su e giù per le sue gambe qualcosa cominciò a sembrare umido, caldo e desideroso. Voleva qualcosa e sapeva cos'era. Non si è mai presa in giro nel voler essere una "brava ragazza". Sua madre non era una "brava ragazza" e aveva chiuso per sempre quella porta dell'innocenza.

Le "brave ragazze" pensavano che fosse cattiva a causa di sua madre. Aveva sentito tutte le storie e le voci, tutte false fino a quel momento. "Come si chiamava..." La sua mente faticava a ricordare. Harry, Henry... qualcosa del genere. Come primo incontro non era niente male. Una volta che ha deciso che avrebbe lasciato andare, il momento è andato avanti rapidamente. Le mise le mani fredde e sudate sulla camicia e sentì la pelle dei suoi seni. Ha iniziato a tremare ea tremare e poi... a bagnarsi. Qualcosa in lui scattò e si bagnò i pantaloni. Non era pipì... Questa roba aveva un odore caratteristico e lei sapeva che lui aveva sborrato. Per come va il primo incontro, non è stato poi così male... c'è sempre spazio per miglioramenti.

La sua mente la riportò velocemente al presente. Poteva percepire i passi che si allontanavano. "Penso che tu abbia esagerato quando l'hai tirato fuori." "Come potevo sapere che avrebbe risposto in quel modo! Sua madre accetterebbe qualsiasi cosa! Ho solo pensato che una madre fosse una figlia!"

"Sua madre accetterebbe qualsiasi cosa..." Il pensiero indugiò. Wow... tale padre tale figlio. Perché non ci aveva pensato? Sua madre era stata con questo ragazzo diversi mesi fa. Ha detto la sua "cosa"... (Non ha mai saputo perché sua madre si rifiutasse di chiamarlo con il suo vero nome... cazzo, pene... lancia! Qualcosa di diverso da "Cosa" - ah ma quella era sua madre. Eppure cercando di nascondersi sotto un mantello che non aveva il suo nome). Non sapeva nulla che facesse questo a un uomo... a meno che non fosse il diavolo o qualcosa del genere. Ha detto che sembrava enorme e aveva tutte queste piaghe aperte dappertutto. Le piaghe trasudavano di micio rosso e bianco! Quella del figlio non era poi così male... le sue non avevano ancora le piaghe anche se erano prossime alla schiusa. Il suo aveva solo i grossi dossi sfigurati! Fu uno shock quando lo tirò fuori e glielo scosse in faccia.

Attese per quella che sembrò un'eternità. Quando non sentì più alcun rumore si staccò lentamente dal tronco marcio. Scrutò nel tutto per vedere se riusciva a vedere cosa era morto. Bianchezza... ossa... Trasse un rapido respiro e inciampò all'indietro sorpresa. Andò a sbattere contro qualcosa di morbido, umano... oh no... la sua mente pianse. Era una trappola!

Si voltò lentamente e guardò la persona. Era giovane, come lei, ma non uno degli altri ragazzi. Lei lo guardò negli occhi, la paura ancora luccicava dentro di lei. "Va tutto bene... va tutto bene... ora sei al sicuro." Era lei... la sua mente discuteva. Questa potrebbe essere solo una trappola. Una trappola!

La convinse a sistemarsi accanto a lei e lei si ritrovò a raccontare frammenti della storia. Le mise un braccio caldo intorno alla spalla e le ricacciò le lacrime. Era gentile e dolce. Non ha mai incontrato un ragazzo gentile e dolce a cui piacesse prima. Rimase seduta lì cercando di riprendere fiato e calmare i suoi nervi. Le sue lacrime erano tutte sparite e si sentiva vuota.

Alzò lo sguardo sul ragazzo e le loro labbra si incontrarono. Non è stato forzato ma qualcosa di naturale. Come se avessero delle calamite nelle labbra e fossero attratte l'una dall'altra. Era molto più esperto di qualsiasi altro ragazzo con cui era stata. Le tolse rapidamente ciò che restava della sua camicia. Le sue mani le presero dolcemente i seni e iniziarono a giocherellare con il capezzolo. Fu sorpresa quando le sue stesse mani iniziarono ad accarezzarlo.

Prima la sua testa di folti capelli scuri, e poi lungo la schiena. Lo tirò più vicino a sé, aveva bisogno di sentire il suo calore... aveva bisogno di sentire la sua forza gentile. La tirò delicatamente a terra con sé e la adagiò sulle morbide foglie ammuffite. I suoi giovani seni rosa erano liberi dall'imbracatura e si era dimenata fuori dai jeans. Tutto ciò che restava dove le sue mutandine di cotone bagnate. Le ha tolto le mutandine e ha iniziato a toccare la sua umidità. Sentì la sua erezione attraverso i jeans. Lo voleva... non importa come fosse. Era pronta a ricevere.

Le sue mani gli abbassarono la cerniera e gli tolsero i pantaloni. Non indossava biancheria intima. Il suo grande organo ondeggiava al vento. È stato perfetto. Privo di prepuzio e senza protuberanze o deturpazioni di cui parlare. Allargò avidamente le gambe spalancandosi. Il suo primo tuffo fu aspro, le tolse il fiato dai polmoni. La sua spinta successiva fu molto più gentile.

Entrambi cavalcarono in alto sui venti della passione. Stava crescendo in entrambi i loro corpi mentre si fondevano insieme. Lei si sollevò, tenendolo per il collo e incoraggiandolo ad approfondire le sue spinte. Le piaceva il caldo e il movimento. Sentì le sue labbra succhiarlo più a fondo. I suoi giovani seni si agitavano e si muovevano, rimbalzando liberamente sul suo bel petto giovane. Entrambi hanno urlato quando è arrivato il momento.

Si sistemò accanto a lei... Alzò lo sguardo verso l'albero. Si era dimenticata delle ossa. Si rannicchiò su un fianco e indicò l'albero. "Lo sai che ci sono ossa... vecchie ossa bianche... dentro quell'albero?"

"Certo", rispose il ragazzo... "ce li ho messi io!"

Storie simili

Incesto --- [2]

Parte 2 [l'ultimo del tema bi per un po'] _____________________________ Il giudice Ciro T. Nikolai era seduto dietro un'enorme scrivania mentre Avan Volka e il suo giovane nipote Caci entravano nell'aula del giudice. Nikolai era un tipo burbero, con occhi duri e un viso rugoso e severo. Fece cenno ad Avan e al ragazzo di sedersi sul lato opposto della scrivania. Volka, iniziò, ho qui una borsa di studio per l'immigrazione e poiché il loro padre non può rispondere da solo, la tua firma sarà sufficiente. Il giudice sollevò il documento di quattro pagine e lo sfogliò fino all'ultima pagina. Qui...

2.5K I più visti

Likes 0

Dipendenza dolorosa.

Ciao sono Adam 21 anni. Farà parte di una serie, MA ogni storia può essere una storia a sé stante. Tutte le storie che sto per fare sono completamente vere. -Qualsiasi feedback è il benvenuto. **Toronto, Ontario** All'epoca ero giovane. Così finalmente ho avuto il coraggio di inviare un messaggio al ragazzo che ho incontrato online attraverso un sito di chat gay di nome Steve per un altro incontro. Perché il primo incontro è stato a dir poco illuminante. Pensavo che dal momento che aveva preso la mia verginità anale la prima volta, la seconda sarebbe andata altrettanto male. Quindi ho...

2.4K I più visti

Likes 0

Il mio piccolo sporco segreto (12)

Ehi ragazzi, questo è il capitolo finale. Spero sia stato un buon giro. C'è un epilogo in cui spiegherò tutto dopo che il trio sarà finito. La festa di Capodanno è stata un'esplosione... del mio sperma e dello sperma di altri due ragazzi. Uno di loro, come sai, era Mike. L'altro era... aspetta e vedrai. Diventerà ovvio abbastanza presto. Così sono entrata alla festa indossando un cardigan e pantaloncini corti. Ovviamente, mentre mi vestivo, avevo in mente l'idea del sesso. Era a casa di un anno 13 e avevo deciso di venire presto prima che tutte le buone camere da letto...

2.3K I più visti

Likes 0

Vita di una schiava

Mi chiamo Kitana Young. Mio padre è americano, mia madre libanese, e questa è la mia storia. Beh, non l'intera storia, intendiamoci... Solo una sfaccettatura della storia nascosta che la maggior parte delle persone non conoscerà mai. È la storia di una ragazza che trova un significato nell'essere posseduta. È la storia di una ragazza che trova conforto nei desideri del suo Maestro, dominante sulla sottomessa, e vive per il brivido di essere punita. Nessuno, nemmeno i miei amici più cari, sa della vita segreta che conduco. A volte vorrei dirglielo, ma come posso? Come fai a dire a qualcuno che...

2.2K I più visti

Likes 0

Scatenare

Scatenare Holly svoltò sulla strada sterrata che portava al suo lago privato e tirò un sospiro di sollievo. Parcheggiando accanto alla grande quercia, dove faceva sempre, era a pochi metri dal lago. Appena sopra c'era la sua baracca. Avrebbe potuto costruire una villa qui se avesse voluto, ma la baracca che era qui quando ha acquisito la proprietà per la prima volta più di vent'anni fa. All'inizio era un luogo di divertimento e giochi con il suo primo amante. Adesso era il suo rifugio dal mondo aziendale ed era privato, lontano dalla strada principale. A meno che non si sapesse dov'era...

3.7K I più visti

Likes 0

Ancora insieme

Nel mio ultimo capitolo, Kim era tornata a casa. Aspettavo il suo ritorno da sei mesi. Kim era cambiata in molti modi, uno in cui era tornata come quella Kim premurosa e amorevole che avevo imparato ad amare quando eravamo solo dei bambini. L'altro cambiamento era nel suo aspetto, era ancora carina e sexy, tuttavia, il suo peso era cambiato drasticamente ed era passata da circa 140 libbre a oltre 200 libbre. Kim ed io ci siamo seduti sul nostro letto a parlare; L'avevo appena informata su quello che era successo da quando se n'era andata. Le avevo detto di aver...

2K I più visti

Likes 0

La sua ragazza, mia cugina

Immagino che tutto sia iniziato un sabato pomeriggio. Il reggiseno di mia madre era in cima alla pila del bucato. Ha attirato la mia attenzione e ne sono rimasto subito affascinato. Ho rubato il reggiseno e sono corsa in camera mia a provarlo. Ricordo la fretta che mi diede. Mi è piaciuto e ho deciso di continuare. Ho fatto tutto il possibile per mettere le mani su più vestiti. Ho rubato reggiseni, mutandine, collant, slip e vestiti a mia madre. Costumi da bagno e reggiseni di mia cugina e di mia nonna. Non potevo averne abbastanza. Mi sforzavo di sembrare e...

1.9K I più visti

Likes 0

Porre l'altra guancia

Sono una persona profondamente religiosa. Credo nel fare il bene e nel resistere alla tentazione del male. Credo che i cristiani dovrebbero praticare l'umiltà e, quando subiscono un torto, porgere l'altra guancia. Con l'aiuto di mia moglie, Eve, lavoro sodo per essere una buona cristiana. Pensavo di salvare Eve e di portare la sua trasformazione. Sotto ogni punto di vista, Eva era una peccatrice. L'ho incontrata in un momento di debolezza. Un giorno, sono stato attirato in un club per gentiluomini contro il mio miglior giudizio e la mia conoscenza del bene e del male. Ero vergine in ogni senso della...

1.7K I più visti

Likes 0

L'inizio e 40 anni di ritardo il cambiamento

Jay e io giochiamo insieme da quando avevamo circa 15 anni. È iniziato una notte quando lui dormiva a casa mia e volevamo guardare la TV dopo che i miei genitori erano andati a letto. Ecco il breve background prima di entrare in quello che è successo lo scorso fine settimana. Quella notte, dopo aver spento la TV, abbiamo aperto il divano letto e ci siamo sdraiati per la notte. Poco dopo che eravamo sotto le coperte, ho sentito la sua mano scivolare sul mio fianco e toccare delicatamente il mio cazzo. A quel punto, come ogni ragazzo di 15 anni...

1.8K I più visti

Likes 0

Una sorpresa estiva (parte 1)

Una sorpresa estiva, Parte 1 di Nicholas Chiglia Capitolo 1: Nick aveva diciannove anni ed era appena tornato dal suo primo anno al college, che se chiedevi a qualcuno coinvolto era al massimo poco brillante. L'estate dopo il diploma di scuola superiore, aveva avuto visioni di feste, ragazze, alcol, lavori. Ma la realtà era un po' meno eccitante di questa immaginazione pre-congelamento. Andava a un paio di feste, cercava di trovare un gruppo di ragazzi con cui uscire, ma finiva comunque per dormire da solo nel suo dormitorio ogni fine settimana. Il compagno di stanza di Nick non era così maledetto...

1.2K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.