IMENE cap.2

1.3KReport
IMENE cap.2

Allora, ragazzi, questo è il secondo capitolo..

Juan Estaria prese da parte il tenente Johnson, mentre Christine Miller continuava a setacciare l'area alla ricerca di altri testimoni dell'orgia spontanea avvenuta nella pista di pattinaggio del centro commerciale locale. Estaria interruppe lo sguardo lascivo di Johnson mentre osservava Miller che si spostava lentamente da una persona all'altra.

"Tenente, so che c'è molto Miller, abbastanza per entrambi, ma preferisco le mie donne magre," sussurrò.

"Dannazione Juan, non sai cosa ti perdi, non c'è niente come affondare le mani, o la bocca o il cazzo se è per questo, in quella morbida carne rotolante."

"Ah ma, tenente, preferisco di gran lunga la donna più atletica."

"Vuoi dire come Margret?"

"Oh sì," rispose Estaria, "molto simile a Margret. Pensi che..."

"Hmm, abbiamo bisogno di ulteriore aiuto su questo caso e non riesco a pensare a nessuno che abbia una visione migliore della nostra situazione. Perché non vai a parlarle? Lo chiarirò al quartier generale una volta tutte le informazioni personali da lei."

"Grazie tenente, ora vado a parlarle," disse, tornando a passo svelto verso la sala di controllo della sicurezza.

Invece di irrompere dall'ingresso sul retro direttamente nella sala di controllo, Estaria entrò nell'ingresso principale e percorse il piccolo labirinto di corridoi fino alla finestra che dava sulla sala di controllo. Sbirciando attraverso il vetro colorato, vide Margret, su una sedia, appoggiata allo schienale mentre si passava le mani sui capezzoli. Le sue gambe erano drappeggiate sulle spalle del capo dell'investigatore mentre le leccava vigorosamente la figa, facendo scorrere la lingua dalla sua apertura bagnata su e sopra la sua clitoride. Margret stava rispondendo con una spinta ritmica dei suoi fianchi, spingendo forte la sua fica sul viso del Capo.

Estaria osservò Margret inarcare la schiena e muovere le mani sulla testa del suo amante, attirandolo a sé. Gemette forte, così forte che Estaria credette di poter sentire le vibrazioni nel vetro. Strinse le gambe attorno al Capo e si sporse in avanti, crollando su di lui.

In pochi istanti, il capo si alzò, il viso luccicante nella venuta di Margret e disse: "Ecco fatto, ora lascerai che ti fotta nel culo?"

"Oh sì, dopo un'esibizione del genere, puoi scoparmi dove vuoi. Tieni, lascia che ti lubrifica un po'," disse, tuffandosi in bagno e tornando con un tubetto di lubrificante. Il Capo si appoggiò allo schienale, mentre Margret applicava il lubrificante, accarezzandolo con le mani mentre gli copriva il membro dolorante. "Ecco fatto, unto e pronto per partire."

Margret allora si chinò sulla consolle, appoggiando entrambe le braccia sul freddo rivestimento di metallo mentre allargava le gambe e inarcava leggermente la schiena. Estaria osservò mentre il capo, il suo cazzo luccicante nella debole luce, si avvicinava al suo culetto vivace. Sentendo il proprio cazzo salire sul sito di Margret, il suo culo che ondeggiava arbitrariamente, Estaria si abbassò e iniziò a strizzarsi attraverso i suoi pantaloni.

Il Capo allungò la mano sinistra sui suoi fianchi mentre la sua mano destra posizionava il suo cazzo sul suo minuscolo ano. Tenendosi saldamente, si chinò verso di lei mentre, molto lentamente, lei si apriva a lui. Rilasciando il cazzo e afferrandole i fianchi con entrambe le mani, il Capo la tirò lentamente indietro su di sé, fermandosi quando incontrò la resistenza del suo sfintere per un momento e poi spingendosi più a fondo dentro di lei. Fermandosi mentre raggiungeva tutta la profondità, indietreggiò lentamente e poi ripeté il suo lento processo di entrata.

Dopo alcune penetrazioni più lente, il Capo aumentò il ritmo a ogni spinta, finché non si tuffò dentro di lei così velocemente e con una tale forza che i suoi seni sussultarono selvaggiamente mentre la speronava fino in fondo. Margret allungò una mano e le massaggiò la clitoride mentre lui continuava a penetrarla, le sue palle schiaffeggiavano contro la sua fica bagnata.

Estaria guardò mentre gli occhi di Margret si chiudevano improvvisamente in estasi mentre veniva. Vide i muscoli del suo culo stringersi attorno al cazzo del capo mentre continuava il suo movimento. Proprio mentre Margret sembrava riprendersi dall'orgasmo, il Capo improvvisamente gemette e si spinse in profondità nella sua stretta apertura, iniettando il suo sperma caldo nel profondo del suo culo.

Vedendo che i due avevano finito, Estaria tornò silenziosamente davanti all'ufficio della sicurezza per dare al capo ea Margret il tempo di vestirsi. Dopo diversi minuti gridò: "Capo, Margret!"

«Di nuovo qui nella sala di controllo», lo chiamò Margret.

Estaria tornò rapidamente indietro arrivando proprio mentre il Capo scivolava fuori dal bagno, apparendo solo un po' arruffato. "Ah, detective... ehm,"

"Estaria signore," rispose.

"Detective Estaria, ho visto il nastro, ma penso che avrò bisogno di rivederlo. Può procurarmene una copia per ulteriori studi?"

"Certamente signore," disse Estaria, alzando le spalle verso Margret.

Margret annuì: "Me ne farò fare subito una copia".

"Grazie", rispose il capo, "detective, dov'è il tenente?"

"È tornato alla pista con il detective Miller, signore."

"Va bene, finisci qui."

Estaria sorrise e annuì mentre il capo scivolava bruscamente fuori dalla porta sul retro. Estaria si avvicinò alla porta e sbirciò fuori finché il Capo non fu in fondo al corridoio.

"Margret, ti piacerebbe entrare in una vera polizia?"

"Vuoi dire la polizia?"

"Sì signora, sembra che abbia bisogno di un partner per questa indagine, uno che conosca i dettagli di questo caso particolare", ha risposto.

"Sì, volevo entrare in servizio, non sono riuscito a superare il test."

"Bene, ora hai superato il test. Il tenente risolverà tutto, dovrai solo procurargli alcune informazioni personali, ma per il resto, ora sei un detective ufficiale."

"Oh grazie Juan," disse, abbracciandolo e inondandogli il viso di baci.

"Va bene, va bene, ora abbiamo un caso importante di cui occuparci ora. Vai avanti e fai quelle copie del video."

"Due copie?"

"Uno per il Capo, uno per il Tenente e ah... meglio farne uno per te e per me, non si sa mai quando avremo bisogno di darci un'occhiata."

"Va bene, sono tre copie," rispose, sedendosi alla consolle di controllo.

Estaria la osservò mentre azionava i controlli, regolando la sua crescente erezione. Questo caso sembrava migliorare sempre di più.

Storie simili

Gli ingredienti di una troia Capitolo 1

Era una calda giornata estiva, stavo camminando verso il centro commerciale dove si trovava la mia migliore amica Rosie. L'ho aspettato tutta la settimana. Non la vedo da qualche mese. Dopo qualche minuto di camminata sotto il sole cocente ho finalmente raggiunto il centro commerciale. Eccola lì, bella come sempre. Era lì in piedi con i suoi jeans preferiti, una maglietta nera e una giacca di pelle che la facevano sembrare una motociclista. I suoi capelli erano ricci e rosso brunastro. Ero innamorato di questa ragazza e volevo dirglielo ma non sapevo come. Mi vide e un sorriso si allargò sul...

2.2K I più visti

Likes 0

Motel rurale di Corsicana Texas

'Lo sento,' sussurrò, la sua voce rauca per il dolore che pulsava ovunque, ma da nessuna parte più che dove il suo cazzo premeva attraverso gli strati tra di loro. Tenne lo sguardo sulla sua bocca mentre l'eccitazione trasudava attraverso di lei. Ellen ha riferito la sua storia da Corsicana, quindi si è registrata al Best Western Executive Inn. Ellen ha aperto la porta della sua stanza, aprendo la porta, è sorpresa di vedermi ad aspettarla. Ellen sospirò, posò la valigia sul letto, mi alzai dalla sedia, afferrando la mano di Ellen nella mia presa. Bene, andiamo nell'altra stanza. Ne voglio...

2.1K I più visti

Likes 0

La festa dei laureati (parte 1)

Ero a casa del mio amico Garret per la festa di laurea di sua sorella Jordan. Lui ed io eravamo solo matricole all'epoca ed era la prima festa a cui andavo. Per quanto fossi eccitato, mi sono reso conto che non avrei scopato. Io, me stesso e io eravamo a un INCREDIBILE 5 piedi e 4 pollici. Ragazzo alto non ero io? Ovviamente sto scherzando, in realtà ero uno dei ragazzi più bassi della mia classe, a parte le ragazze. Pesavo solo 130 libbre, per lo più muscoli per fortuna, e potevo mettere in panchina solo 135 libbre. Non ero magra...

1.3K I più visti

Likes 0

LaMar e Leon (quello che è appena successo parte 2)

Dopo che Maestro mi ha lasciato incatenato lì, in quello che dovresti chiamare e ora ho capito che era una prigione, ho iniziato a farmi prendere dal panico. Non avevo voluto e avevo potuto evitare di affrontare il pensiero a ciò a cui mi aveva sottoposto il padrone, fottendomi il culo e non solo facendomi succhiare il suo enorme cazzo, ma ingoiando la sua sborra e poi ringraziandolo per avermi usato in quel modo. Ma ora che ero rimasto solo, ancora incatenato al pavimento, la realtà stava iniziando ad affondare. Come avrei fatto a uscirne e cosa era successo ai miei...

786 I più visti

Likes 0

Incesto --- [2]

Parte 2 [l'ultimo del tema bi per un po'] _____________________________ Il giudice Ciro T. Nikolai era seduto dietro un'enorme scrivania mentre Avan Volka e il suo giovane nipote Caci entravano nell'aula del giudice. Nikolai era un tipo burbero, con occhi duri e un viso rugoso e severo. Fece cenno ad Avan e al ragazzo di sedersi sul lato opposto della scrivania. Volka, iniziò, ho qui una borsa di studio per l'immigrazione e poiché il loro padre non può rispondere da solo, la tua firma sarà sufficiente. Il giudice sollevò il documento di quattro pagine e lo sfogliò fino all'ultima pagina. Qui...

2.6K I più visti

Likes 0

Mio padre si è seduto lì e ha guardato

Quando avevo 16 anni e quasi 17 mio padre si è risposato e con una moglie adorabile e molto formosa, tette molto più grandi di quelle che ha mamma e dice che è anche una delle sue tante qualità, è un'ottima cuoca e adora divertirsi di tutti i tipi . Beh, sono via per l'estate quando tutto questo accade, insegno informatica al liceo locale, sembra che abbia un talento naturale per questo per qualche strana ragione, vedo del codice nella mia testa o qualcosa del genere e io' Faccio sempre quattro o cinque cose contemporaneamente su di loro. Beh, comunque, quando...

2.4K I più visti

Likes 0

Le regole di detenzione

Il diciottenne Derek sedeva nel mezzo di un'aula semi-piena durante il giorno. Era stanco della sua insegnante puttana che assegnava venti pagine di compiti ogni notte. Si comportava sempre come se fosse su un cavallo alto. Diede un'occhiata ai suoi compagni di classe intorno a lui, la maggior parte dei quali stava lottando per completare i compiti prima che l'insegnante entrasse. Odiava che i compiti stessero diventando un problema con la sua capacità di giocare a calcio. Il suo allenatore gli ha detto che, a meno che non avesse alzato i voti, si sarebbe presto ritrovato in panchina fino a quando...

2.5K I più visti

Likes 0

La figlia del contadino - Parte 1 e 2

Nota dell'autore: questa non è una storia d'amore, per favore cerca altrove se è quello che stai cercando Parte 1 - Catturato All'inizio non potevo credere alle mie orecchie. Mentre andavo in giro ad occuparmi del bestiame e dei raccolti, ho sentito i lamenti sommessi di una femmina che veniva dalla stalla. Diverse biciclette giacevano a terra nelle vicinanze. Quando ho sbirciato dentro attraverso una fessura nella porta di legno della stalla, non potevo credere ai miei occhi. C'era la mia dolce piccola figlia di sedici anni, Elizabeth, nuda a quattro zampe per terra. Era circondata da una mezza dozzina di...

2.9K I più visti

Likes 0

Scatenare

Scatenare Holly svoltò sulla strada sterrata che portava al suo lago privato e tirò un sospiro di sollievo. Parcheggiando accanto alla grande quercia, dove faceva sempre, era a pochi metri dal lago. Appena sopra c'era la sua baracca. Avrebbe potuto costruire una villa qui se avesse voluto, ma la baracca che era qui quando ha acquisito la proprietà per la prima volta più di vent'anni fa. All'inizio era un luogo di divertimento e giochi con il suo primo amante. Adesso era il suo rifugio dal mondo aziendale ed era privato, lontano dalla strada principale. A meno che non si sapesse dov'era...

3.9K I più visti

Likes 0

Tre J e una S Go Ski - Giorno 3, Parte 2

Tre J e una S Go Ski - Giorno 3, Parte 2 A cura del tecnico BDSM FFF/F D/s / Lieve / Esibizionismo / Schiavitù consensuale / F/F / Neve / Freddo / Umiliazione / Sesso elettrico = = = = = = = = = = = = = = = = = = = = = = Quattro giovani studentesse del college in vacanza sugli sci devono trovare altre cose da fare quando un eccesso di neve fresca le intrappola nella loro cabina. Questa è la quarta di questa serie e descrive un'interessante giornata sugli sci su piste quasi...

2.1K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.