Ex figlia cresciuta, parte 7, innamorata: di chi

443Report
Ex figlia cresciuta, parte 7, innamorata: di chi

Ex figlia cresciuta, parte 7 - Innamorati: con chi?
(Introduzione: se avete letto le parti 1-6, conoscerete le persone coinvolte: un marito tornato a lavorare nel paese che ama e dove la sua figliastra adulta di 17 anni, nata da un precedente matrimonio, ha organizzato per lei ' papà" di essere curato da altri durante i suoi semestri scolastici nella sua Australia adottiva, dove vive con sua madre, l'ex moglie. Sono dovuta andare di nuovo nel mio ufficio nel nord per affari, ho fatto più sesso, più amore lì , ma allora non sapevo che la mia ex moglie vietnamita, Ha, madre di Yen, era in viaggio per il Vietnam, e lei ha commosso me, il mio cuore, come nessun'altra donna aveva mai fatto quando ci siamo incontrati di nuovo...)

Dopo aver visto la mia ex moglie uscire dal ristorante dell'hotel; la mia bellissima ex moglie, il vestito aderente modellato sul suo nuovo corpo più snello, ho mangiato un po', ho bevuto il mio caffè e ne ho bevuto un altro, poi sono tornato nella mia stanza per fare le valigie e aspettare la mia macchina. Ho fatto il check-out, ho pagato il conto e ho rivisto Linh; poi il mio cellulare ha squillato e Ha ha detto "Ci vediamo a Ho Chi Minh, Anh...chung em" Non potevo parlare; il suo uso delle parole per "suo marito" mi ha fatto piangere e non ho potuto fare altro che singhiozzare al telefono prima di interrompere la chiamata. Cosa dovevo fare adesso? mi sono chiesto. Non avevo mai smesso di amarla, ma ora amavo sua figlia.
Sono salito in macchina e sono volato a casa.
Tornato nella mia macchina all'aeroporto, era tardi per l'ora di pranzo, quindi mi sono fermato prima a casa, ho lasciato le valigie e, sebbene la signora Phung non fosse lì, era evidente che c'era stata; e anche Ping, poiché ho notato che faceva il bucato ad asciugare sullo stendino nel cortile. Sono andato in ufficio, ho salutato tutto lo staff e ho chiesto un caffè. Ho aspettato che il capo tornasse da un pranzo tardivo. Ho controllato messaggi, e-mail, documenti e in generale ho riordinato le cose, ed era quasi la fine della giornata prima che un capo piuttosto trasandato e la nostra receptionist che ho notato, tornassero insieme. Hmm, interessante, ho pensato. Lui e io abbiamo fatto un riepilogo di mezz'ora delle questioni al nord, e lui era soddisfatto perché tutti abbiamo concluso la giornata, e sono andato a casa per disfare le valigie e rilassarmi.

Mi sono seduto con una birra dopo aver finito i miei compiti e ho chiamato Yen. “Tua madre è qui – beh, non qui, ma ad Hanoi; lei è rimasta nella stanza accanto alla mia nello stesso albergo e abbiamo fatto colazione insieme. Perché non mi hai detto che sarebbe venuta Yen? È stata una vera sorpresa! “Oh, papà, volevo sapere cosa sarebbe successo quando l'avessi vista; ma non mi aspettavo che vi incontraste nello stesso hotel! Come è stato?" “Beh, piuttosto difficile; ma devo dire: sembra molto più magra dell’ultima volta che l’ho vista 3 anni fa!” “Sì, è bellissima, vero? So cosa provavi per lei, Steve, e non mi aspetto che tu – non tu, perché ti conosco – sia in grado di ignorarla o dimenticarla. Mi fido di te e ti amo, qualunque cosa accada, ok? Come sta Ping, l'hai vista?" "Sì, sono tornato solo poche ore fa, e no, non l'ho vista, ma dovrei chiamarla: la sua biancheria è qui ed è asciutta!" “Ha della biancheria intima sexy in mostra per te, papà? Scommetto che lo fa! "Yen, perché mi fai questo? Preparami, fai del tuo meglio per tentarmi, mettimi in ogni situazione in cui sono impotente, o così attorcigliato attorno al tuo mignolo e a quelli che hai selezionato... Mi sento davvero confuso , Yen!” “Oh, Steve, stai bene; me lo dicono tutte le ragazze. Ti amo, mi sto solo prendendo cura di te. Ciao"
Se n'era andata, aveva staccato il telefono e non mi aveva lasciato sapere nulla. Cinque minuti dopo Ping telefonò: “Ti vengo a prendere a cena tra trenta minuti, ok Anh? Yen mi ha appena chiesto di assicurarmi che tu mangiassi del cibo. Lei mi ha riattaccato e io ho semplicemente alzato gli occhi al cielo – verso me stesso – e ho rinunciato: come avrei potuto competere contro mosse così predestinate contro di me. Ho fatto la doccia e ho indossato abiti casual, pensando che avremmo girato l'angolo lì vicino.
Ping è arrivata, ha parcheggiato la bici nel cortile e mi ha chiesto se ero pronta; Ho chiuso e abbiamo camminato lungo la strada, ma in un altro ristorante. È stato bello, fuori come piaceva a me, e un'atmosfera molto country, come piace anche a me. "Buona scelta" dissi a Ping mentre ci sedevamo. Lei sorrise “Tinh mi ha detto che ti piace lo stile country, quindi spero che vada bene. Era anche d’accordo con me su quanto sia carino quando alzi gli occhi al cielo, proprio come stai facendo adesso!” In effetti ho pensato: "Ping, non ho alcun segreto o confidenza?" “Beh... no, Anh, siamo tutti connessi. Ordiniamo." La cameriera lì intorno sembrava quasi una sorella di Ha, del ristorante di Hanoi – ma sicuramente no – i miei occhi vedono parenti o associazioni in tutti questi giorni, mi sono detto. Portò la mia birra e l'acqua per Ping e portò giù i piatti che Ping aveva ordinato.
Ping ha detto: “Yen mi ha detto che hai incontrato sua madre ad Hanoi; com'è, Anh?" “Potrei dirti com'era quando ci siamo incontrati e quando ci siamo sposati, Ping; ma com'è adesso: non lo so, solo che a 3 anni dall'ultima volta che l'ho vista è sicuramente dimagrita ed è sì, molto bella: di nuovo. Sembra anche piuttosto ricca” aggiunsi con un leggero sorriso, pensando che forse aveva fatto meglio di me dal nostro matrimonio in termini di ricchezza monetaria – ma non rimpiango un solo momento della mia vita passata, né disprezzo i suoi sforzi per una vita migliore per se stessa e Yen.
Abbiamo mangiato quando è arrivato il cibo, ma non avevo molta fame; "Stai bene, Anh?" chiese Ping con una certa preoccupazione. Annuii e in risposta mi misi in bocca un cucchiaio di riso. Mi sono seduto dopo aver preso la mia birra “Non è facile incontrare un'ex moglie - e tu sei così giovane, Ping, non potresti provare questi sentimenti; i ricordi di stare insieme vengono facilmente quando si trattava di qualcuno che amavi, e io l'amavo moltissimo. E ora c'è Yen, cresciuta, e la amo in modo diverso dalla figlia che era nel nostro passato.
E ci sei tu, Ping; e ti amo, ma in un altro modo; "Amore" ha espressioni diverse, Ping, e non rende un modo meno importante di un altro. Capire?" “E tua moglie in Tailandia, Anh? tu la ami?" “Sì, Ping, ma anche in un altro modo: ora è più come un'amica con cui condivido la casa e il letto; ma è un amore di conforto. Ho fatto una pausa “Devi pensare che io sia un uomo cattivo se posso amare così tante persone allo stesso tempo, in così tanti modi diversi. Ma te lo prometto, Ping: il mio amore non è mai destinato a ferire nessuna donna. “No, Anh, non puoi fare del male a me, a Yen o ad altri; sei un brav’uomo e sei – questa è una nuova parola che ho imparato oggi: unico”.
Ho riso e ho toccato gli occhiali con lei mentre sorrideva al suo nuovo uso delle parole. “Posso dormire con te stanotte, Anh; Non voglio che tu rimanga solo e penso di poterti dare conforto”. Ho guardato il giovane, dolce Ping, bello, sexy e dolce, e scelto da Yen per essere il mio principale custode; era adorabile e, anche se temevo che le sue emozioni diventassero più travagliate, era matura oltre i vent'anni e accettavo che fosse sincera. “Sì, Ping, se vuoi – e puoi anche piegare tutti i tuoi vestiti lavati!” Lei rise e noi sorridemmo per la rottura della serietà.
Ma avevo un'altra questione seria; "Ping, Yen ti ha detto che sarà qui tra un mese circa per le vacanze?" "Sì, Anh, lo so, e non preoccuparti: Yen e io abbiamo pianificato e curato tutto." Ancora una volta, cosa potevo fare se non iniziare ad alzare gli occhi al cielo, fermarmi quando vidi Ping iniziare a ridere e rassegnarmi a qualunque destino stesse per arrivare.
Siamo tornati a casa subito dopo. Era ancora presto, quindi mentre Ping piegava i suoi vestiti e li metteva in una borsa, io ho aspettato, e poi ho guardato BBC News, aiutando Ping con il suo inglese mentre si univa a me per guardare. Quando iniziò lo sport, disse che avrebbe fatto la doccia e sarebbe andata a letto; Ho risposto che lo avrei fatto presto, quindi ho chiuso la bocca, mi sono ssintonizzato e ho fatto la doccia al piano di sotto alla fine del telegiornale. Salii le scale e trovai Ping a letto, nuda come sempre, e la coccolai mentre ci sistemavamo. Ha chiesto "Fai sesso con tua moglie in Thailandia, Anh?" "Di questi tempi è raro, Ping, ma non parlo nemmeno con le altre donne di questi argomenti." Le baciai le guance e le labbra, le presi il seno con la mano e la tenni stretta a me; sollevò una gamba e appoggiò il ginocchio sul mio inguine. Il mio cazzo sussultò e Ping disse: "Ti piace fare sesso con me, Anh?" “No, em, mi piace fare l'amore con te: sì, mi piace. Vai a dormire, Ping."
Il mio cazzo era vivo e saltava la mattina quando mi sono svegliato, ma l'ho allontanato da Ping e mi sono girato, allungandomi indietro per tirarla a cucchiaio e trascinando il suo braccio sul mio petto per tenermelo in faccia. Le ho baciato le dita e lei ha reagito tenendomi stretto, modellato sul mio corpo da dietro, liscio e piccolo e con i suoi seni che mi premevano sulla schiena: ovviamente, il mio cazzo stava saltando! È suonata la sveglia e ho allungato la mano per premere il pulsante, trascinando Ping con me, poi sistemandomi e coccolandole di nuovo il braccio per un altro minuto. “È ora di andare a scuola, signorina; e tempo per lavorare per i ‘vecchi come me’.” Sbadigliò e poi ridacchiò, mentre stringeva il mio corpo tra le sue braccia, i suoi seni mi massaggiavano la schiena e i suoi capezzoli si indurivano e pungevano; Sono saltato giù dal letto, ma alla vista del mio cazzo che sbatteva, Ping mi ha fissato e ha detto: "Sicuro che sei pronto per alzarti, Anh?" “Ping, il tuo inglese sta diventando molto buono, ma le tue buone maniere stanno andando nella direzione opposta: dovresti mostrare ‘rispetto’ a un ‘vecchio zio’ come me.” “Sì, ‘zio’, ma alcune parti di te non mi sembrano così ‘vecchi’.” Non mi sono nemmeno messo i pantaloncini, sono semplicemente andato di sotto a farmi la doccia, gridando da sopra la mia spalla che, dato che era stata l'ultima ad alzarsi dal letto, doveva farcela!
Piena di caffeina, Ping caricò la biancheria e la borsa sulla bicicletta, proprio mentre Long arrivava a prendermi. Mentre lui si concentrava sul parcheggio, lei ebbe il tempo di alzarsi e baciarmi, e io ebbi il tempo di abbassarmi e torcere entrambi i capezzoli attraverso la sua maglietta e il reggiseno, indurendoli mentre lei gemeva; «Nemmeno tu sembri così vecchio, em! Buona giornata." “Oh, sei una provocazione, Anh; come posso andare per strada in questo modo?” Indicò i suoi capezzoli sporgenti, mentre io ridevo e aprivo il cancello per farle passare la bicicletta, lo chiudevo a chiave e partivo per il mio ufficio.
I giorni passavano nella normalità: lavoro, telefonato a mia moglie in Thailandia – lì tutto bene, non c'è bisogno di preoccuparsi; telefonavo a Yen in modo irregolare, ma l'ultimo aspetto della normalità sembrava essere che Ping viveva virtualmente con me: andavamo a cena ogni sera, lei dormiva con me ogni notte, facevamo l'amore spontaneamente in qualunque stanza fossimo, interrompendo qualunque cosa avessimo potuto fare facendo altrimenti, ed era sempre fresco ed eccitante, eppure a volte dopo era malinconica e sembrava voler dire qualcosa di più... ma si tratteneva qualunque cosa fosse, e io non ho spinto, un po' spaventata. L'ho detto a Yen, che avevo paura delle emozioni di Ping, ma lei mi ha sempre detto di non preoccuparmi "lei e Ping erano in costante contatto e tutto aveva funzionato".
Che diavolo significava, mi chiedevo, e perché una giovane donna come Yen non dovrebbe essere gelosa di Ping e degli altri che vanno a letto con me? Sembrava che diventasse ogni giorno più enigmatica.
Una settimana dopo il mio ritorno da Hanoi, Ha mi ha chiamato, annunciandomi che era tornata a HCMC (Ho Chi Minh City), e forse avremmo potuto cenare stasera, ok? Ho accettato e le ho dato l'indirizzo del ristorante dove lavorava Phung, e ho immediatamente chiamato sia Kim che inviato un sms a Ping invitandoli a incontrarsi anche lì, e dicendo anche a Kim di invitare la mamma di Ha; non c'erano dubbi che avessi paura della mia ex moglie, delle mie emozioni intorno a lei, di come lei bastasse annuire e io rispondessi immediatamente e facessi quello che voleva: la protezione sta nell'avere altri con noi, non solo due di noi , e Kim era una zia più grande, e sua madre era sua madre, quindi avrebbero ricevuto un certo rispetto, e Ping avrebbe potuto dimostrarle che non ero solo nella vita: anche se quello che volevo era stare con lei come eravamo stati prima. quando sposato. Ma questo significava vivere nel passato, e il passato svanisce in un batter d'occhio, sostituito dalla realtà del presente e, forse, da un anticipo del futuro. Ho dovuto dimenticarla.

Sono stato un disastro per il resto della giornata al lavoro, preoccupandomi, e ho mandato un sms a Yen per farglielo sapere; era in classe, ma dopo ha risposto "Steve, starai bene, smettila di preoccuparti". Eccomi qui, un uomo di mezza età, a cui un 18enne (beh, 18 in Vietnamita, 17 altrimenti) dice di smettere di preoccuparsi; Ero emotivamente una persona aperta, lo ero sempre stata, e forse quelle emozioni erano state ciò che mi aveva guidato dentro e fuori quattro matrimoni e forse avevano anche interrotto la mia carriera troppo presto. In qualche modo ero sopravvissuto, ma sentivo le cose profondamente, sia amore che tristezza e tutto il resto, e sono stato fortunato che Buddha mi abbia aiutato a non provare anche odio; ma non l'ho mai fatto.
Ho fatto un respiro profondo, ho rassicurato la mia segretaria che non ero malata e sono riuscita a leggere e prendere appunti su diversi fogli dalla mia posta in arrivo, mentre sorridevo e le chiedevo un altro caffè in affitto. Sono arrivato presto e ho chiesto a Long di lasciarmi al ristorante mentre tornava a casa; lì sarei stato solo, e Phung rimase sorpreso dal mio aspetto, così andai a rinfrescarmi e a spazzolarmi i capelli mentre lei mi portava una birra, e l'ho usata per calmarmi. Forse una visita ad un tempio sarebbe stata un'idea migliore, sedersi con il Buddha per qualche minuto per ripristinare un po' di calma interiore, ma ormai era troppo tardi, ed ero già passato alla seconda bottiglia quando mi è venuta in mente questa buona idea. Mi sono dato un colpo sulla gamba, non capendo cosa ci fosse alla radice del mio nervosismo, o forse non disposto ad affrontarlo.
Per fortuna, Ping è arrivato per primo, anche se Phung, con pochi clienti a quest'ora, era rimasto lì e aveva fatto una conversazione leggera per distrarre il mio evidente disagio per qualcosa; Le avevo detto chi sarebbe venuto a cena, e poi lei ha detto “Oh…” e forse ha capito senza bisogno di aggiungere altro. Lei e Ping si baciarono su entrambe le guance, e io guardai come si era vestita bella e sexy: pronta a combattere, mi chiesi, mentre mi alzavo per farla sedere accanto a me - un tavolo più grande stasera quando avevo detto a Phung che ci sarebbero dovute essere 5 di noi, più se stessa durante una pausa. Ping indossava una camicetta nera, sottile e setosa, spalline nere del reggiseno seducentemente visibili sulla schiena, ma arruffate sul seno senza sminuirlo, e un paio di pantaloni caldi bianchi, con sandali a tacco alto aggiunti per accentuare le gambe in tutto il suo aspetto. dalle caviglie alle cosce.

Aveva un trucco leggero, ma un lucidalabbra rosso brillante che creava un tale contrasto che avrei voluto avere la mia macchina fotografica lì in quel momento. L'ho incorniciata tra le mani e le ho detto quanto fosse bella, a cui Phung ha aggiunto il suo consenso, e lei si è chinata verso di me per toccarmi le guance prima di sedersi. Phung suggerì un cocktail colorato per Ping, e lo portò indietro con un piatto di stuzzichini, mentre io e Ping brindavamo, e Phung prendeva un piccolo sorso del cocktail. Mentre eravamo seduti ad aspettare, Ping ha detto che sarebbe dovuta partire l'indomani per un corso pratico di una settimana in un resort come parte dei suoi studi, e ha detto che era preoccupata per me, per chi si sarebbe preso cura di me. Le ho sorriso e ho detto: “Ping, non sono un bambino – davvero! Posso prendermi cura di me stesso; Sarò esattamente lo stesso quando tornerai, promettilo. Mi ha messo la mano sulla coscia, io ho messo la mia sopra e l'ho stretta, ma guardando le sue gambe ho detto: "Cavolo, forse dovremmo andare a casa adesso: sei così sexy, Ping!" Ha spostato la mano sul mio inguine per un momento, ha sentito la crescita e ha detto: “Beh, forse sono 'calda' se posso farti questo, Anh; Grazie." Lei sorrise e mi rimise la mano sulla coscia, raccontandomi del resort in cui sarebbe andata, a metà costa, una bella zona che amavo visitare negli anni passati – con Ha e Yen diverse volte.
Ha e Mae arrivarono insieme, Kim un attimo dopo, e li osservai mentre entravano per unirsi a noi. Mae era vestita in modo casual con jeans e top bianco, mostrando le sue ampie tette, ma non in modo scandaloso; Kim era vestita come al solito in modo vistoso: il nuovo stile che mi era stato detto, un abito corto di cotone nero, quasi in stile premaman, che si gonfiava in fondo attorno alle cosce; in Tailandia, i pantaloncini sarebbero stati indossati sotto, ma nel caso di Kim ero quasi sicuro che non si sarebbe preoccupata: avrebbe voluto che gli uomini e le donne i cui occhi la seguivano, compreso il mio, si chiedessero: cosa c'è lì sotto? Quanto ai suoi seni: erano magnifici e naturali, e mi ricordai fugacemente di quando li avevo baciati e ingoiati qualche mese prima.
È apparso vestito per la proverbiale uccisione; Non avevo dubbi che fosse un abito griffato; uno aderente, rosso, simile al tessuto di cui non ricordo il nome – setoso, ma leggermente più spesso – e a uno stile del vestito grigio che aveva indossato a colazione la settimana prima. Era incollato su ogni sua curva, quasi colato addosso, ma aveva un corpetto scollato per rivelare l'ampia scollatura a disposizione dello sguardo. Era un vestito semplice, ma così sensuale nella sua attrazione – forse il segno distintivo dei grandi stilisti: semplicità, ma dire tutto con un solo sguardo:
"Desideri cosa c'è qui?" Non era bassa comunque, ma i tacchi alti le aggiungevano la statura di una modella, insieme al trucco e ai lunghi capelli pettinati che scendevano giù, Dio quanto era bella! Mi sono alzato, come ha fatto Ping, salutando prima Mae, baci sulla guancia per Kim, e poi mi sono rivolto a Ha; mi mise una mano sulla spalla, lunghe unghie rosso sangue che serpeggiavano per abbracciarmi, mentre mi avvicinava per baciarmi le guance. Ho fatto un passo indietro e ho presentato Ping come un amico di Yen; Ha fu educato, ma guardò Ping per diversi, lunghi istanti. Lei sorrise e si sedette, accanto a me, di lato, Kim e Mae di fronte mentre Phung iniziava a chiedere cosa avrebbero voluto bere. Sudavo, lo sentivo.
Ha era arrivata solo prima quel giorno e non aveva ancora avuto molto tempo con sua madre, quindi ci furono molte chiacchiere per assorbire i minuti mentre Phung consegnava i piatti ordinati e altre bevande. Avevo poco da contribuire e sono rimasto per lo più in silenzio, come ha fatto Ping, ma anche Kim guardava le persone più che aprire bocca – l'ho notato, perché normalmente è così loquace e parla un minuto alle nostre cene. I suoi occhi incontrarono i miei e sorrise, e sapevo che sentiva sia il mio dolore del passato, sia la mia confusione nel presente. Le ho fatto un cenno, riconoscendo la sua perspicacia senza parole. Le ero grato. Ping mi teneva la mano in momenti strani, e anche questo mi consolava; Dio, ero inutile, mi dicevo. Ho sussultato quando Ha si è rivolto a me e mi ha chiesto "Come va il tuo lavoro, Anh?"
“Ah, in realtà, è davvero bello, em; Mi diverto, viaggio, nuovi progetti spuntano – si spera – e anche se potrebbe non essere lo stesso stipendio di prima, è abbastanza per me e per prendermi cura di coloro di cui ho bisogno. Sì, sto bene, grazie. E tu, Ah?" “Sì, Anh, sto bene, e anche Yen” aggiunse tranquillamente “Mi hai aiutato a iniziare, ma da allora ho fatto bene; Forse un giorno potrò aiutarti, se avrai bisogno di... qualcosa da me." Lei allungò la mano per prendermi la mano, e per un momento sentii il vecchio formicolio e la trattenei, ma poi mi ritirai, sorridendole "No Ha, il re della Thailandia dice: 'abbastanza è sufficiente', ed è così che mi sento in questi giorni, e sono soddisfatto.”
Ho tirato un sospiro di sollievo e mi sono sentito meglio: in qualche modo le sensazioni erano diminuite, e anche il mio turbamento lo era, e mentre prendevo il bicchiere per brindare a tutti noi seduti a quel tavolo, Ping mi strinse dolcemente la gamba e Kim guardò io con un'espressione 'ben fatto'. Mae, quando mi voltai per tintinnare il bicchiere, aveva le lacrime agli occhi e sapevo che si stava rammaricando di ciò che era accaduto anni prima: la sua stessa reticenza ad afferrarmi, la fame di soldi di sua figlia e il successivo abbandono di sua figlia; Ho detto: “È bello avere una famiglia di amici insieme, Mae, non è vero? una volta famiglia, ora amici; mangiamo – Ping, pensavo avessi detto a Yen che mi avresti dato da mangiare!” Ho interrotto la serietà e Ping mi ha servito del cibo nella ciotola: un lavoro che Ha aveva fatto per me per molti anni del nostro matrimonio.
La conversazione divenne frivola, adatta ad una cena divertente; e poi ho trovato Mae che parlava con Ping, chiedendo dei suoi studi; naturalmente le aveva detto che l'indomani sarebbe andata via per un corso la settimana successiva, quindi doveva tornare a casa presto e prepararsi dato che l'autobus partiva presto la mattina dopo. Non lo sapevo, quindi mi sono irrigidito e ho guardato Ping; “Mi dispiace, Anh, ma ho detto a Yen che ci saranno altri che si prenderanno cura di te; Non preoccuparti." (Perché tutti mi dicono 'non preoccuparti', mi sono chiesto esasperato - non sono un bambino!!) Ho detto con molta calma "Ping, divertiti e studia bene, ma fai attenzione a nuotare lì - il la sabbia scende ripidamente molto velocemente, ok? Lei sorrise e mi diede una pacca sul braccio: “So nuotare Anh, ma grazie. Ti dispiace se torno a casa presto?" Mae intervenne per dire "Vedrò che torni a casa, Ping, quindi non preoccuparti".
Ping si alzò, e poi si chinò per baciarmi entrambe le guance, lentamente; Le ho augurato ogni bene e lei ha salutato rispettosamente tutti gli altri, tutti più grandi di lei. Ho visto il suo sedere e le sue gambe allettanti allontanarsi dal tavolo; lei si voltò e mi afferrò, e sorrise come per dire "ricordati di me, Anh".
Si è girata verso di me – Dio, il suo corpo era meraviglioso – e mi ha chiesto “È la tua ragazza, Anh?” Prima ancora che potessi rispondere, Kim ha detto “Ah, Ping è un'amica di Yen, e Yen le ha chiesto di assicurarsi che Anh Steve mangiasse e stesse bene; inoltre, ha cugini o amici di cugini in ogni ufficio in cui lavora Anh Steve, quindi è sempre curato e sotto sorveglianza!” Lei ha riso della sua stessa battuta, e io sono arrossita e ho detto: “Non posso andare da nessuna parte senza trovare un parente o un amico di un parente, o qualcuno che Yen ha certificato! È semplicemente impossibile”. Mi ha guardato con uno sguardo piuttosto duro: “Allora è vero: tu e tua figlia avete stretto un legame?” Ho deglutito e ho risposto “Ha-oi, Yen e io siamo sempre stati vicini; ti ricordi che eri spesso via? Ci siamo avvicinati e abbiamo fatto tutto insieme. Adesso è una giovane donna, a volte sembra saggia oltre la sua età, e pensa che io sia troppo magra: mi ha detto che si sarebbe assicurata che mangiassi, e Ping è il suo strumento principale, ma anche le tue Mae e Kim fanno la loro parte per assicurati che esca e mi sottoponga ad alimentazione forzata se necessario. Amavo Yen quando aveva 3 anni. e la amo ora che ha 17/18 anni."
“Ok, Anh, capisco; ora ho una riunione; Mae, tornerò a casa più tardi e ti telefonerò Anh domani." Kim le ha offerto la moto, ma Ha ha detto che non ne aveva bisogno: un taxi sarebbe andato bene. Si alzò, come me, ma questa volta mentre si massaggiava entrambe le guance, decise chiaramente di non preoccuparsi del lucidalabbra, e girò il viso per incontrare il mio e premere con forza contro le mie labbra, aprendole per la sua lingua; Ero imbarazzato: in Vietnam non si fa così, e ho fatto fatica a separarmi! "Ha-oi, non possiamo farlo qui!" “Certo che possiamo, Anh: ho un passaporto australiano, come te; possiamo fare quello che vogliamo. Cosa vuoi, Anh – so cosa voglio” e premette il suo corpo contro il mio, senza lasciarmi alcun dubbio. Mi staccai “Ah, ti ho amato così tanto, tutto il tempo che siamo stati insieme – da quella prima, costosa cena a base di granchio quando ho dovuto chiederti in prestito dei soldi per il conto – ricordalo! Da quei primi giorni fino a molto, molto tempo dopo, ti ho amato, ma cosa posso pensare adesso – se non confuso, ah. Buon incontro, ci sentiamo presto.”
L'ho baciata sulla guancia, proprio mentre apriva il portafoglio e mi porgeva molto più del necessario per coprire il conto: "Ti ho invitato" è stato tutto ciò che ha detto.
L'ho vista dondolare lungo il sentiero in modo così sexy, poi ha girato la testa e mi ha catturato, con un sorriso complice sul viso. Mi sono perso.
Ho pensato questo, e poi ho chiesto a Phung, che era lì in piedi, un'altra birra. Mae e Kim dissero che avevano mangiato abbastanza, ma Kim guardò Phung e disse "Beh, forse prenderò il dessert 'speciale'" e lei, Phung e io ridemmo al ricordo dell'ultima volta che Phung servì me e Kim, quella notte. Kim ha preso Phung per sé e sono diventati una coppia. Ho dato i soldi di Ha a Kim e lei ha detto che avrebbe saldato il conto più tardi - "buona mancia a Phung", ho detto, mentre Mae si è offerta di portarmi a casa quando la mia birra era vuota. "Ancora un'altra, Mae, per favore" e io ordinammo, e accendemmo una sigaretta quando Mae acconsentì. Il piede di Kim – beh, sicuramente non era quello di Mae, pensai – sondava la mia sedia e mi arrivava fino all’inguine; Kim ama correre rischi ed essere sensazionale. Mi ha trovato duro, ha fischiato e ha detto “Allora, ok se Mae ti porta a casa, Anh? Starai bene, ti prenderai cura di te, ok; sorella, prenditi cura di lui, ok! Era una provocazione diabolica e si divertiva a interpretare il ruolo!
Mae rispose molto seriamente: "Porterò Steve a casa e sarà sano e salvo, em, non preoccuparti."
Alzai gli occhi al cielo, mentre mi alzavo, e Kim mi strinse al suo corpo, mentre mi baciava; mai timida, zia Kim! Stavo arrossendo quando ho sentito la mano di Mae che mi tirava via dolcemente. Kim rise, ma dolcemente mentre diceva “Oh, Anh, sei un vero tesoro! Buona notte, a presto” e lei fece per afferrarmi di nuovo, ma io mi nascosi letteralmente dietro Mae, cercando di non essere più imbarazzata di quanto lo fossi io! Mae mi ha accompagnato fuori, ma almeno ho girato la testa dietro la spalla di Mae e ho fatto vedere a Kim la lingua! Lei rise e io guardai per salutare Phung, diretto alla moto di Mae; "Oh, Mae, hai una nuova bicicletta!" dissi mentre la urtavo quando lei si fermò improvvisamente davanti a me. "Sì, mi ha mandato i soldi e li ho comprati 2 giorni fa prima del suo arrivo." Era uno dei modelli più nuovi, grande e potente rispetto alla norma locale, e aspettai in fondo al parcheggio mentre Mae usciva. Mi sono infilato accanto a lei e subito sono scivolato giù per il sedile inclinato per spingermi contro di lei; "Scusa Mae, scivoloso" mi sono scusato; "Sì, lo sono", ha detto, aprendo l'acceleratore e decollando, le mie braccia le afferravano la vita per tenerla stretta. Lei rallentò momentaneamente, per appoggiarsi allo schienale e girare la testa verso di me. “Aspetta, Steve; Ha mi ucciderebbe se ti perdessi, e certamente anche Yen lo farebbe. Ci siamo fatti strada nel traffico, intenso come sempre il venerdì sera, e Mae ha riso mentre mi arrampicavo davanti a casa mia. Ha accettato l'offerta di un po' d'acqua ed è entrata in bicicletta mentre io spalancavo il cancello e aprivo la porta d'ingresso mentre mi guardavo indietro; sembrava contemplare, poi si voltò verso il cancello e mise il lucchetto: aveva deciso di restare, a quanto pareva. Si voltò e mi guardò direttamente: “Ti ha preso prima; questa volta dovrà scavalcare una recinzione più alta e combattere con me per te, Steve; Non sto parlando contro Yen o Ping, ma non lascerò che Ha ti distorca, ti leghi e ti confonda; Ti proteggerò da mia figlia, perché so che sei troppo dolce per farlo da solo. Ho quasi pianto, aveva così ragione ed ero già contorto e confuso, mentre mi prendeva la mano e mi conduceva dentro, facendomi sedere sul divano mentre prendeva per me la sua acqua e una birra dal frigorifero. Mentre la ringraziavo, le ho detto: “Mae, sai che l'amavo e ho fatto di tutto per tenerla, per tenerci uniti come famiglia. Non sono mai stato così distrutto come quando mi ha negato di vedere o parlare con Yen, ma comunque non ho mai provato, e non sento, niente di male nei suoi confronti. Ma sì, distorce i miei pensieri in tanta confusione – senza nemmeno fare nulla! Quindi grazie, Mae." Si è chinata e mi ha baciato, dolcemente e con tanta delicatezza: "Ho detto a Ping che mi sarei presa cura di te stasera."
Mi baciò ancora, più profondamente, e mi attirò al suo seno; Appassii di nuovo, chiedendomi se non fossi così invischiato in tutti i fili che tirano le emozioni di queste donne come in Ha...
Mae si allontanò e io presi la mia birra, accendendo la TV perché era ancora presto e non ero ancora pronta per dormire. Ci sedemmo sul divano, ma Mae presto si stancò del BBC News in lingua inglese e mi lasciò a guardarlo. Mi ha chiesto se poteva fare la doccia e io ho accettato, rendendomi conto che in realtà non aveva mai dormito lì, né conosceva il bagno al piano di sopra. L'ho indirizzata e le ho detto che avrebbe trovato tutto ciò di cui aveva bisogno nel bagno; "Qualunque cosa?" sorrise interrogativamente. Ho annuito. Ho finito la birra, è finito il News, ho chiuso a chiave di sotto e sono salito; la doccia era ancora aperta, ho chiuso la porta della camera da letto, ho acceso l'aria condizionata su "potente" e ho guardato dentro il bagno:
Mae era lì, ad aspettarmi, immagino, e mi sono spogliata sulla soglia, sotto i suoi occhi, ed sono entrata. Era ancora una taglia grande, ma sembrava così 'adatta' a lei, e mentre mi avvicinavo dietro di lei, è stato facile tenerle i fianchi, tirarla indietro contro il mio cazzo agitato, quindi afferrarle i seni - seni così grandi che non potevo metterli a coppa, potevo solo provare a farlo, e li ho impastati con tutte le mani che potevo; Dio, aveva una pelle così bella, non solo il seno ma anche la schiena, le natiche e le gambe, e ovunque la toccassi; dolce e seducente, e fui tentato di baciarle la schiena, le spalle e il collo; masticarle il lobo dell'orecchio, quindi spostarlo dall'altra parte, mordicchiarlo e spostarlo lungo le scapole, fino alla vita; aveva un po' di grasso intorno alla mia bocca, le mie mani si allacciavano sopra i suoi capezzoli – i suoi seni troppo grandi, così grandi, non posso tenerli tutti tra le mie mani! Ma la mia bocca poteva muoversi, e lo fece, facendo scorrere l'acqua sulla mia testa mentre la mia bocca trovava un posto dove la mia lingua potesse scivolare fuori e incollarsi: proprio nella sua fessura, e l'ho fatto.
Nel giro di un secondo ero in ginocchio e la mia lingua si muoveva su e giù mentre Mae diceva: “Oh sì; oh sì...” e poi squittii mentre attorcigliavo la lingua e spingevo con forza nella sua vagina, spingendola contro la parete piastrellata del bagno; mi sono spinto dentro e fuori, il muro come sfondo per tenerla ferma mentre sondavo con forza con la lingua, e lei è arrivata molto rapidamente con una spinta contro la mia lingua, che ho tenuto rigida e forte finché non ha spinto di nuovo - e sono caduto all'indietro sul pavimento!
Mae mi raggiunse sul pavimento e ci baciammo mentre il suo peso giaceva completamente sopra di me, il seno schiacciato contro il mio petto mentre le circondavo la schiena con le mani, massaggiandomi dappertutto mentre l'acqua ci cadeva addosso. Ho spostato le mani sulle sue natiche, l'acqua lo ha reso un massaggio violento mentre scavavo nella sua fessura e giocavo con il suo bocciolo di rosa tra le mie dita. Mi baciò forte il collo, sentendomi eccitato, capii, e alzai una mano per trasformare l'acqua in una leggera spruzzata che cadeva su di noi mentre ci muovevamo e ci contorcevamo. L'ho fatta rotolare via, mi sono fermato sopra di lei mentre prendevo del sapone e mi lavavo velocemente; ha raggiunto il mio cazzo quando il sapone è caduto laggiù e mi ha massaggiato ancora più forte, facendo scorrere le mani lungo tutta la sua lunghezza e indietro, mentre finivo altre parti del mio corpo.

Mi chinai per aiutarla ad alzarsi, suggerendole di asciugarci e di metterci a letto. È uscita per prima mentre mi lavavo gambe e piedi, e mi puliva i denti mentre si asciugava sul mio asciugamano, tirandolo seducentemente tra le sue cosce.
L'asciugamano era abbastanza asciutto per me, quindi entrai in camera da letto, lasciando la luce accesa per vedere meglio dove si trovava Mae sotto la trapunta, ma lasciando i suoi seni esposti all'esterno. I lay down and opened my mouth wide, trying to swallow one tit, but not even covering half before my mouth was full; I used my tongue on her nipple, already hard but even now growing firmer as I licked it and sucked it between my lips, slobbering all over her breast. I moved to her neck and ears – my fetish areas – and nibbled and sucked and bit lightly as my hands uncovered her and stroked and darted over all parts of her body as I exposed it and moved my own body around to be sideways to her. She moaned, and I kissed her mouth, and she placed her hands on my back and pulled me closer to her, but I moved and began licking and kissing sideways down her body, relishing the different way to taste each part of her: it felt like a new breast this way, licking under the huge mound where it spread from her chest down her sides, and I pushed it up with my tongue and my mouth, then laid across her to grab her other nipple in my teeth and gently pull it, stretch it as far as it could go, while Mae pushed it towards me by arching her back.
I moved back and down, slathering her body with saliva dripping from my mouth and tongue as I covered each new area of smooth skin, until I reached her slit and slurped a hard tongue across her from side to side and back. She was nearly hairless, but I was able to grasp a few wisps in my teeth and pull, just enough to stimulate her into a squeak, before changing from a bite to a suck on her hair and lips, probing with my tongue to find her clit waiting, begging for a mouth. I gripped it in my lips and twisted myself straighter down her body so my tongue was now going more vertically on her slit. Mae reached for my cock and wanted to pull it up towards her mouth, but I resisted, burying my mouth down her slit and probing my nose at her perineum and under her, dragging her attention back to her own body feelings and her groans and attention were re-directed to herself, her hands just idly stroking my rod of a prick laying against her left breast.
I felt Mae lift her buttocks to help me, and I burrowed my face further under her, breathing hard but wanting to go from her front slit to her back slit, and I coated the bed under us with saliva as I tongued everywhere. She reacted by rolling and I immediately, lifted myself over and was now laid down along her back, my prick pressed hard against her, while my mouth delved hard into her crack and I found her rosebud with my tongue. She squealed even as she opened her legs wide, and I buried my hands under her front side, up at her breasts where I pulled on her nipples, and then pushed them down to not only lift her pelvis up, opening her rear to my mouth, but to pry her pussy lips open and jab two thumbs inside her. Mae screamed this time, then covered her mouth and quieted as I continued to probe both sides. She pushed her arse up at my mouth, and so I kissed and slurped down her thighs and legs, even as my pre-cum oozing prick slithered down her back to the crevice of her buttocks and she gasped as I passed over her opening. I bit her ankles and turned around, laying a trail of juice back up her thighs, and at her pulsing hole, I again put my hands under her pelvis and raised her higher.
Then, I brought my cock to her gaping vagina and pushed the tip from opening to end, in one slow, strong movement; Mae bucked and pushed at me, and I withdrew equally slowly, and then – right then – I buried myself hard, slamming my own pelvic bones hard against her buttocks, trying to come out through her mouth, and she released into the pillow a wail of high intensity and her body pumped and pumped up against my buried prick as she climaxed, and it seemed to go on and on without me even moving, just staying there, pulsing but not cumming. When she began to subside, I withdrew to plaintive cries, but then moved my cock to her pumping rosebud and I used her juices on my prick to lace her with wetness, as I placed my tip at her entrance. She was totally relaxed, and my prick was so stiff it pushed in easily as she opened herself and, though I was slow and careful, she made only groans of contentment, not pain, and I kept feeding myself into her, allowing her pelvis to ease down to the bed so I wouldn’t be able to go too hard, but I was soon buried and now I pumped in and out, slow, repetitions of slow, a full thrust, repeating the same, keeping her on the edge as I eased one hand back under her upper body to stroke a breast and nipple and my other hand to fondle and play with her tit, while I kept my upper body raised and allowed my prick to play inside her rectum for minutes, until I felt it pulsing and ready.
I pulled out slowly, then reached under and guided it into her pussy, her pussy waiting it seemed for that final few moments of sliding in and out until we both hit the ceiling of passion together, and then our juices met in the middle of her tunnel and they must have had the force of two opposing waves as I certainly felt my body shudder, and Mae’s under me jumped equally. I continued to pump inside her for some moments, and she could do nothing it seemed but groan and lay there trembling in diminishing shivers, and then I relaxed my body down to lay fully along her, kissing her back and neck softly and tenderly, as we both sighed and came down floating from a very long way up in the Clouds it seemed.
Eventually, I rolled my wet cock and body to Mae’s side, and she rolled to face me; she was crying, and I licked her face. I hoped they were not sad tears, and I didn’t think they were – only emotions releasing, but she clung to me fiercely, and buried my face into the crook of her neck as she crushed my body to hers, and sobbed quietly for some minutes. When she brushed her hand on my cheek, I moved my head away to focus on her; she was smiling.
“Never have I had a man do all of that. Never have I had a man give me all of that. Never have I had a man make me feel like a woman like that. I am a Woman from my hair to my toes at this moment: thank you, Steve.” I kissed her lightly, not speaking – deciding anything I said would sound trite, but happy if Mae was happy, so I squeezed her back, hoping that would tell her what words might not.
The bed was wet from sweat and cum; we slept.
When I woke, daylight behind the curtains, and a glance at the clock told me it was five minutes before my alarm would go; I rolled over, but Mae had again slipped silently away – she didn’t seem to like saying farewells after sex, but I understood she had mixed emotions. When the alarm buzzed, I pushed the button and showered and dressed casually for work – Saturday so only a half-day and a weekend to myself: wow, it had been quite a while since there was no Ping around every day, and I was quite bemused at the idea of time to myself.
I offered a quiet thought to send to Mae: ‘I love you but in another way’ and I left for work when Long drove up.
I phoned Yen in the car; “Yen, I need you; I am getting too ‘long-song’ here without you. That’s it: go back to class – oh, it’s Saturday! Ok, then study hard!” That’s all I said, but I needed to say it – tell her I was confused here.
Then I phoned Mae; her phone was off, yet I wasn’t surprised: I had never known in my years of marriage to her daughter how emotionally complicated she was. Yet, I had seen a new side of her, and found her warm and passionate – exceedingly so – and I could only hope the happiness she felt, I was sure, during and after our sex, our love-making, over-rode her feelings which drove her to run away so fast, so that the good outweighed any bad.
Ping would normally be in class at this time, Saturday notwithstanding, so I text her just to say ‘Hello Ping’.


Work passed swiftly, mostly by reading the weekly reports from the other offices; though the reports were usually glowing about their activities, sometimes I detected ‘something’ underlying the words, and it was on these I often acted on instinct and made a visit soon after.
It was Liem’s office manager’s report which took my attention today, and I made a note to phone him on Monday…just something about his report disturbed me. I made a mental note to call Liem first; maybe she would help me understand without in any way betraying confidences. I asked my boss if he had heard anything from that office’s manager, Duc; but he hadn’t, and asked if I had a concern about something. “Not sure at the moment” I answered. He said “Well, I trust you to handle ‘it’, whatever ‘it’ might be, ok”.
Back at my desk, thinking of Liem led me to realize I had yet to pick up the photos of my weekend’s shoot of Kim, Phung, Trinh and Ping a few weeks back; I had forgotten when I had to fly north and, surprisingly, the girls hadn’t asked me about them – why not, I wondered?
When it was time to close the office, I asked Long to drive to the film shop, found the manager, and he grinned at me, while handing me a large bag of ten developed films – and the negatives. He said “Miss Ping said you would remember one day!” I looked rather blankly at him, and he continued “Miss Ping came the day after you left the last lot with me, and asked for one set to take and show the other girls. I knew her from being with you, and seeing her in the photos, so I agreed. So here is the master set, and she has the copies, ok Mr. Steve?” I accepted, understanding now the girls had already seen them – well, Ping at least – so I paid and left for home, still rather confused, though guessing they wouldn’t want to talk about them, let alone show them around, when we had last met for dinner and Ha was there, and also perhaps Mae’s presence. Ok, that made sense.
I arrived home, told Long I wouldn’t need him for the weekend, and grabbed a beer, stripping my work clothes off and substituting a loose pair of house shorts and no shirt. No sport I wanted on TV until this evening, so I opened the photo folders one-by-one, then began again when I had them in order. God, my cock jumped in my pants!
And my phone rang; “Hello?” I answered “Hi, Steve, it’s Trinh, what are you doing?” “Actually, Trinh, I am looking at photos of you!” “Oh, Ping told me you didn’t have them yet! Can I come over and see them, please?” After the briefest of thoughts that Ping still thought she had to battle Trinh for my affection, and maybe had kept her copy of the photos to herself, I couldn’t refuse “Sure, Trinh, I am just relaxing at home. Come over.”
As Trinh pulled up outside on her bike, my mobile rang again: it was Ha; “Hi, Anh, what are you doing?” Oh, I am lost, I thought – and as per usual, I couldn’t lie. “Oh, hi Ha – how are you? Actually, Trinh has just arrived to see me.” “Oh, so I can come over too, yes?” What could I do…but Trinh just then took my mobile from my hand and spoke “Hello, em, I didn’t even know you were here until this morning when Kim told me – I knew you had gone to Hanoi and thought you were still doing business there; I would love to see you before you go home again.” She paused, listening, then “I am just here to pick up Anh Steve, take him to lunch out in the countryside.” Another pause “Yes, I told him it would be hot, but he likes the countryside he told me; you want to come?”
“Oh, ok, yes, too hot – I know, but I promised him we would go. Yes, I’ll tell him, and we’ll phone you when we are back –‘bye Ha”. She hung up, handing the phone back to me.
I was dazed “Where are we going Trinh?” “Inside” she said, “I just told Ha that stuff to keep her away! She said she will call you later.”
‘I am dead’ was my unspoken thought, if Ha finds out, so I let Trinh park in the courtyard and motioned her inside: I needed a beer, but now I had a chance to look at Trinh: she was tall naturally, but with a short jeans skirt on, her long legs seemed unnaturally longer, and when my eyes lifted, her mostly unbuttoned red blouse, exposing a white tube top over large, firm breasts – she can’t have a bra on, I thought, as I could see nipples protruding from either side when she walked past me – and, well: her face was just beautiful in any situation. She brushed closely past me, pausing to look closely at me, no doubt seeing the flush on my face, and equally no doubt feeling the growth in my shorts as she leaned against me; “Chao, Anh” she smiled, entering the front room.
“Want me to get us a beer?” she cooed, turning to look at me over her shoulder. “Yes, please, em – need cooling down, thanks.” I sat on the sofa, and Trinh joined me, a glass for her beer, and a cooler already encasing my can. She picked up the first folder of photos – and soon began moaning. I did notice when she was looking at a photo of Ping she was more subdued, but truly there were ten folders of erotica and they aroused me even looking upside-down or sideways from next to Trinh!
When she came to the final lot, taken when the 4 girls seemed totally in love and in lust with each other under the trees and at the fishing hut, she slumped against me, and said “You did this to us, did this to me, Anh” and she reached across and clamped her mouth on mine, certainly not a lesbian now, Trinh ate my mouth and tongue as if I was again taking her virginity as a male lover, rather than the females she had previously enjoyed. So much for time alone, I shrugged to myself and kissed her back. I broke apart for a moment, “Did you see yourself in the photos, Trinh? Do I take them as well as your studio-photographer friend?”
“Oh, yes, Anh, you do; he never made me wet when I looked at the results of his work – but yours has!” She reached for my hand and slid it under her skirt, to place it against her very wet panties; at the same time she leaned and kissed me and I raised my other hand to grope her breasts under her top. A knock on the door interrupted us; oh, hell has arrived: Ha was outside the door!
Trinh and I broke apart as Ha strode into the room. “Guess there is enough heat here so you didn’t need to go to the countryside, right? Aunty,” she addressed Trinh, “I need to talk with my ex-husband – do you mind if I borrow him for a few minutes?” Trinh couldn’t speak any more than me, as Ha reached for my hand – my cock pushing out my shorts as she pulled me upright and led me upstairs wordlessly. In my bedroom, she pushed me back on the bed, and within a minute she was naked and had stripped me the same! If Ha in Hanoi had raped me, then this Ha, here and now, raped me brutally; on top of me, thrusting her cunt against my rigid prick again and again, cumming for herself but with no thought of me: she didn’t care what happened to me, but she wanted – and she got - her own satisfaction it seemed.
When she collapsed on top of me, I decided to assert my own manliness, and I whipped her over and began.
I pounded inside her, and she grabbed my bum cheeks, just as she used to do when we were married, and squeezed them in her hands, pulling me into her more on every thrust. Nothing had changed, I thought – she had always been an enthusiastic lover when we were married - as she also bit my neck and I wrestled my hands between us and grabbed her boobs and nipples and pulled and stretched them all as I slowed and changed to a more love-making rhythm, deep and shallow, and deeper, as far as I could until she climaxed again, slowly withdrawing when she had settled down and let go of my neck between her teeth. “You didn’t cum – I want you to cum for me, Anh” she sobbed between gasps. “No, Ha, I keep that for another now.” “For whom: Trinh, or Ping, my mother – or maybe Yen?”
“Ha, a gentleman never talks about such matters with another lady; and I still always try to be a gentleman. Anyway, did you get what you wanted from me?” “Not yet, Anh, not yet all I want: I want you to love me again, just like you used to. I made a mistake, and I apologize; I will apologize every day of my life to you, if that’s what you want…” I leaned in and covered her mouth with mine, shutting off further words, and trying to stop myself from crying at the same time. But some tears ran from my eyes, down my cheeks and onto Ha’s also. She leaned back “You do feel it the same, don’t you Chung em?”
I rolled away and lay on my back, one arm under her neck and cuddling her breast gently. “Ha, you left me, you took Yen from me, you fought me to get a divorce, and then you took two years to pay me my small share of all I had given you. Then you forged papers from me and got yourself and Yen settled in Australia. Yet, through all that, I loved you and wanted us back together as a family; yes, I still love you, but not as before, Ha, I can’t do that now. I guess I love you as an ex-husband loves an ex-wife.” I wrapped her in my arms, kissed her forehead and more tears came from me. But not from Ha; she had always been strong – her early years had strengthened her, taught her to go for what she wanted until she got it – and emotions sometimes got in the way of avarice and needs of pure monetary concern.

She wanted me back now like a lost possession suddenly re-found but in danger of being given to another, or others; I knew all this about Ha, perhaps better than she did herself, and I had long ago accepted it, and I still did. But I was at least a little stronger now myself, and knew it was time to step apart from her; so I gently disengaged, went to my bathroom for a shower, and put on a new, stronger, pair of shorts. Ha was still lying in the bed, exposed, watching me; I leaned down, smiled and kissed her gently, and left the room.
I was a little surprised to find Trinh still downstairs, curled on the sofa, dozing, but she woke as I stood over her. “Are you ok, Anh – what did Ha do to you?” I sat beside her for a moment, unsure what to say “She wants me to be hers again, like a dog which has been lost, but I hope I convinced her it cannot be that way again. We all change, and as much as going back might seem a good idea, it cannot be: we all must move forward. Love changes too, but it was, and always remains, Love.” Very sweetly, Trinh patted my hand; “You’re a nice man, Anh, too nice sometimes; I hope no more women do to you what Ha has done, even if she is my niece”.
I smiled and rose to get another beer for both of us, but Trinh declined for the moment, so I sat in the chair and watched Trinh’s legs as she straightened them along the sofa and closed her eyes, as I just contemplated Life at this moment.
Five minutes later, Ha appeared down the stairs, and I ran to the kitchen to get her some water. She had showered and, while subdued, she had a smile on her so-beautiful face; she drained the glass, then announced she was going home, kissing Trinh on the cheeks, and turning to me “Can we have dinner again soon, Anh, catch up some more before I go back to Melbourne?” “Of course we can Ha; next week for starters, and many more after that.” I kissed her cheeks, but she again turned her face to mine and lingered her mouth against mine, “’…many more…’ yes, I like that idea. ‘Bye my husband” and she trailed her tongue across my lips as she twirled away, repeating her ‘byes to Trinh, and only then I realized I hadn’t even heard her bike, her mother’s motorbike, ride up earlier. Now she rode it away.
“Are you ok, Anh?” Trinh asked quietly; “Fine, Trinh, but ready for an afternoon sleep soon. And you?” “Good idea, your place or mine?” sorrise.
“Well, since we are already here: what about here?” It was good to purge, even if only for a short time, serious thoughts and memories, and be in a more jocular mood for a while with Trinh. I locked up as Trinh preceded me up the stairs, undoing the buttons of her blouse and stripping it off as she went, then nonchalantly dropping it over her shoulder to land at my feet. “Do you have a slave pick up after you in your home?” I asked as I bent down for her blouse. She laughed, then paused while she crossed her hands over her chest and pulled her tube top off up over her head, dropping it behind her also; she had no bra to remove I knew already. At the top step she stopped, and as she reached behind and slowly unzipped her skirt, I was right there and I reached my hands around her back to cup her breasts, her soft, big breasts with nipples already stiff and begging. Her skirt fell down on my feet, then her panties on my head as I bent over, now with an armful of her clothes, and she padded off into the bathroom, while I folded her clothes and laid them on a chair, stripping off my only clothes – my shorts – and sliding under the quilt.

I was falling into sleep when Trinh’s body spooned itself back against mine, and I automatically wrapped an arm across her to cup a breast – my preferred sleeping position – and lightly kissed her shoulder, “Good afternoon” I whispered and snuggled closer to sleep. Trinh settled against my body, pulling my arm tight against her and my hand tighter against her breast, and we both drifted off to sleep.
I normally wake from an afternoon nap after one hour, give or take five minutes; a clock in my brain seemed programmed to tell me this was enough – at least when I slept alone it worked. Today, when I looked at the clock beside my bed on opening my eyes, I was surprised to find it about two hours after we had come upstairs. Trinh was breathing softly beside me, and was still well asleep, as I found we were laying flat on our backs with our hands holding each other’s tightly between our bodies. I was in that half-woken state, not quite ready to give up a nice sleeping state, but I rolled to my side facing Trinh, and gently cupped the breast nearest to me, no intention of waking her, just feeling comfortable with her here.
She didn’t stir, and after perhaps five minutes I knew I wasn’t going to sleep further, so I withdrew my hands and quietly slipped sideways and out of bed. I picked up my shorts and crept downstairs to wash my face and clean my teeth there, then made a coffee and turned the TV on with low volume to watch the BBC. An hour later, I heard movement above, the toilet flush, and the water pump continuing: equal to telling me Trinh was washing or showering again. Then she appeared downstairs, wrapped in Yen’s sarong; “Is it ok if I borrow this, Anh, just until I shower and wash my hair soon?” “As I stared at her body, vaguely covered but hardly hidden behind the sarong, I answered of course, Yen wouldn’t mind. “Can I also borrow a toothbrush, Anh?” so I gave her a new one from the cupboard in the kitchen, and she used the downstairs bathroom. She came out smiling, “That was a most wonderful sleep! I must have been tired; did you sleep well, Anh?” “After making love with you twice, Trinh, I sure did sleep well!” She gaped at me “Really? I didn’t…I don’t believe you…you’re joking aren’t you, Anh?” I just smiled enigmatically but didn’t respond further, turned to watch the TV. “I would have known if you did, I would have woken; you didn’t! – But if you had, I hope it was nice for you, Anh; my dream of you was also really nice.”
“No Trinh, I didn’t do anything; you slept for about three hours, and I slept for two. I did nothing more than cuddle your breasts, and we both slept well, and I felt well, really nice, you know what I mean Trinh?” “Yes, I know, Anh; it was, and again you are the only man who could make me feel that nice”. She moved to me and leant down for a light kiss on my lips, and then she went into the kitchen and poured herself some orange juice, joining me on the sofa and holding my hand. Trinh picked up the photos again, just as her mobile rang, and when she answered I knew it was Kim. I understood from hearing Trinh’s side of the conversation, and when Trinh looked at me, I nodded: we were going for dinner with Kim.
Time for a beer, as Trinh said “Thank you for folding my clothes, Anh, that was sweet of you; I’ll just go and put them on, go home and get ready for dinner.” “Where are we going, Trinh, did Kim say?” Before she could open her mouth, her phone rang, and it was Kim again; when she said ‘bye she turned to me and said “Trinh wanted us to have dinner at her house, but now she says Phung can’t get the night off work, so she asked if ok we go to Phung’s restaurant – she said you always seem to enjoy it there, and hoped you would again tonight, ok Anh?”
“Fine, Trinh, I have always found enjoyment with beautiful women, wherever it is!” I smiled at her, as she went up the stairs, throwing the sarong over her shoulder to me. I folded it up, finished my beer as I stood outside with a cigarette, and Trinh came out to go home, starting her bike and getting on – her short skirt riding high on her thighs, but local girls know how to avoid ‘peeping toms’ by bending their knees in closely together. “I’ll pick you up in about an hour and a half, ok, Anh – enough time for you to get ready?” “Very funny, em – is it enough time for you is more likely. Bye.”
I had washed my hair, shaved and showered and was sitting in a pair of shorts within twenty minutes, a sigh escaping as I turned on BBC news for my first alone time of the weekend I had thought would be all alone. My mobile rang, “Hi Liem” I answered “I was going to call you Monday. What’s up, are you ok – your mother ok?” “Chao, Anh, yes, we are all fine, thanks. Anh…” she hesitated, “Liem is something wrong in the office?” “Yes, Anh, I think so and I could only think of you to talk to about it.”
“You did right, Liem; in fact, that’s why I was going to phone you Monday – something about Anh Duc’s weekly report I read this morning disturbed me, and I thought you might give me an idea before I talked to him, so go ahead Liem, I am listening.” “Yes, Anh Steve, Anh Duc has been acting strangely the past week or so, we all noticed it: he was hardly in the office and when he was he was always on his mobile, he was angry with all the staff, his secretary was in tears half the week after he was very rude with her, and yesterday and today he just didn’t turn up and nobody could reach him. Even his driver didn’t know where he was, there is nobody at his house, and he took his car himself Thursday night, and it’s gone. Anh Steve, this morning when I checked our bank balances, there was a lot of money withdrawn yesterday – by Anh Duc.” “Liem, he can’t withdraw without a second signature, those are our rules.” ‘Yes, Anh Steve, and when I advised Chi Tinh, our chief accountant, she checked the Bank and they had given Anh Duc the cash because he had an authority letter he signed in front of them – but he must have forged Chi Tinh’s signature first; that’s how it seems he got the Bank to agree.
What can I do, Anh Steve?” “Nothing just now, Liem, don’t worry; I will talk to the Boss here, and I will fly up tomorrow, and go and see the Bank Monday with Chi Tinh, then decide if we call in the police. How much did he take Liem?” “About $35,000, Anh, sorry; ok, I will phone Chi Tinh and tell her, and if you can advise ETA I will have a car pick you up. “Bye Anh Steve.”
What a mess! I thought, as I phoned my manager and appraised him, after first getting a disconnected message when I tried Duc’s mobile. My boss agreed I should go up, then contact him Monday and advise him if he needed fly up also – he was, after all, not only the Boss but also Vietnamese: there was only a certain amount I, as a foreigner, could do. He would phone his secretary to book a flight and she would let me know later. We left it at that, both sorry the weekend had taken a decidedly negative turn. I made some notes as to the steps I thought needed to be taken, the questions to be asked, and then put my pen down.
I went for a beer: time to put aside matters I could do nothing about for now, and compartmentalize them to drag out tomorrow; now I could watch BBC News and get ready for dinner.
I did, and I did; deciding, unusually for me, I would wear jeans and a nice, ironed, collared shirt from Thailand. When Trinh came soon after, she whistled “Wow, I haven’t seen you dressed up so nicely casually – only your business clothes, or shorts! You are a handsome man, Anh Steve.” “Sometimes, em, I do wear nice clothes – really; but, I mostly wear what’s comfortable: I don’t care for ‘hi-so’ fashion, and don’t pretend to be what I am not. You, however, always look stunning – as you do now, and my turn to say ‘wow!’”
Trinh was dressed in a mid-thigh length floral, cotton skirt which flared as she walked, accentuating the long, slim legs below, and a loose cotton top – loose, but which allowed the points of her breasts to push the material out and give a big hint as to what was also there: large breasts. But it was vaguely hidden by a blazer

Storie simili

Insegnanti Pet_(0)

Sono uno studente di liceo di quindici anni e immagino di essere piuttosto mediocre in molti modi. I miei voti sono nella media e la mia vita sociale è a posto, ma con lo sport e il tempo trascorso con la rock band in cui mi trovo, non ho molto tempo libero. Al liceo tutti hanno una Home Room dove inizi ogni giornata di scuola. Ogni anno ne ricevi uno nuovo e quest'anno sono stato messo nella stanza della signorina Porter. È una trentenne insegnante di inglese con i capelli biondi e un bel fisico ma quello che ho notato di...

2.3K I più visti

Likes 0

Steph - Si prende cura del mio coinquilino

Conosco Stefano da 5 anni. Ci siamo incontrati per la prima volta quando era una studentessa universitaria di 20 anni in Inghilterra. Era tutto ciò che un uomo potrebbe desiderare, è una splendida rossa, 5 4 e molto magra. Lei come un culo da morire per e per qualcuno così magro, ha un seno di 32E, tanto sodo quanto grande. La mia fortuna è stata il giorno in cui l'ho incontrata, e la prima volta che abbiamo scopato, è solo andata meglio, ha un desiderio insaziabile di sesso e la figa più carina e stretta che abbia mai incontrato o sborrata...

2.4K I più visti

Likes 0

Mordie pt1

In una piccola città, in mezzo al nulla, viveva un uomo sconosciuto chiamato Mordie. Per anni Mordie ha trascorso le sue giornate a casa sua pensando alla donna perfetta per lui. Vedi, Mordie non è un cattivo ragazzo, è solo frainteso. Da ragazzo cresciuto in una grande città, veniva sempre preso in giro per il suo peso, la sua faccia fraintesa e la sua instabilità mentale. Temendo per la sicurezza di suo figlio, la madre iperprotettiva di Mordie è fuggita dalla città per vivere in una piccola città. Per paura del ridicolo, la madre di Mordie non voleva che uscisse di...

2.3K I più visti

Likes 0

RACCONTAMI UNA STORIA - PARTE 1

Erica Fry ha riflettuto a lungo prima di decidere di entrare. Aspettò nervosamente che l'addetto alla reception finisse con una signora di mezza età che fu poi accompagnata in quello che doveva essere il retro degli uffici. Posso aiutarti? chiese la giovane donna dai capelli rossi. Uh, lo spero, mormorò Erica, ho letto il tuo annuncio e mi chiedevo se forse potevo………… Se potessi raccontarci la tua storia? intervenne la testa rossa. Sì, sospirò Erica con gratitudine, è esattamente così. Capisci la natura delle storie che stiamo cercando? chiese l'addetto alla reception. Ehm, credo di sì, rispose Erica quasi in un...

2.4K I più visti

Likes 0

Incesto --- [2]

Parte 2 [l'ultimo del tema bi per un po'] _____________________________ Il giudice Ciro T. Nikolai era seduto dietro un'enorme scrivania mentre Avan Volka e il suo giovane nipote Caci entravano nell'aula del giudice. Nikolai era un tipo burbero, con occhi duri e un viso rugoso e severo. Fece cenno ad Avan e al ragazzo di sedersi sul lato opposto della scrivania. Volka, iniziò, ho qui una borsa di studio per l'immigrazione e poiché il loro padre non può rispondere da solo, la tua firma sarà sufficiente. Il giudice sollevò il documento di quattro pagine e lo sfogliò fino all'ultima pagina. Qui...

2.3K I più visti

Likes 0

Dipendenza dolorosa.

Ciao sono Adam 21 anni. Farà parte di una serie, MA ogni storia può essere una storia a sé stante. Tutte le storie che sto per fare sono completamente vere. -Qualsiasi feedback è il benvenuto. **Toronto, Ontario** All'epoca ero giovane. Così finalmente ho avuto il coraggio di inviare un messaggio al ragazzo che ho incontrato online attraverso un sito di chat gay di nome Steve per un altro incontro. Perché il primo incontro è stato a dir poco illuminante. Pensavo che dal momento che aveva preso la mia verginità anale la prima volta, la seconda sarebbe andata altrettanto male. Quindi ho...

2.3K I più visti

Likes 0

Mio padre si è seduto lì e ha guardato

Quando avevo 16 anni e quasi 17 mio padre si è risposato e con una moglie adorabile e molto formosa, tette molto più grandi di quelle che ha mamma e dice che è anche una delle sue tante qualità, è un'ottima cuoca e adora divertirsi di tutti i tipi . Beh, sono via per l'estate quando tutto questo accade, insegno informatica al liceo locale, sembra che abbia un talento naturale per questo per qualche strana ragione, vedo del codice nella mia testa o qualcosa del genere e io' Faccio sempre quattro o cinque cose contemporaneamente su di loro. Beh, comunque, quando...

2.1K I più visti

Likes 0

Migliori amici con vantaggi

Annabelle gridò dall'altra parte della casa Sbrigati! Faremo tardi! È una mia vecchia amica d'infanzia e si è trasferita da poco, poiché i suoi genitori hanno deciso che doveva trasferirsi da casa loro. Ho deciso di fare la cosa giusta per farla trasferire da me. Voglio dire, perché no? Entrambi abbiamo fatto tutto insieme. Frequentavamo le stesse classi, andavamo in giro al cinema e passavamo anche molti pigiama party insieme. Divento troppo timido quando provo a chiederle di uscire. Ehi! L'autobus non ci aspetterà più! Il clacson dell'autobus suonò fuori dal finestrino e io sfuggì rapidamente al mio sguardo, dove ho...

2.2K I più visti

Likes 0

Segna il punto_(1)

Segna il punto Stavo pensando mentre attraversavo la porta laterale di casa mia che questo era probabilmente il giorno peggiore della mia vita. Umiliato sul lavoro... no, minato da una merda piagnucolona che ha funzionato per me e mi ha quasi fatto licenziare. Per finire, il mio parco auto viene rovinato e devo implorare un passaggio a casa. Più umiliazione... proprio quello di cui ho bisogno. Perché ho trasferito la mia famiglia in questa città quando stavo già bene? Compreso oggi, mi sono fatto la stessa domanda 265 volte finora quest'anno. La casa è silenziosa, quasi. Sento un leggero gemito dal...

2K I più visti

Likes 0

VIDEONASTRO

Stai scherzando, vero, disse Becky incredula alla sua migliore amica Dana!?! Ti sto dicendo la verità, disse Dana con una risatina, dai un'occhiata a questo, mentre infilava il nastro nel videoregistratore e premeva il pulsante di riproduzione!!! Entrambe le ragazze fissavano lo schermo in attesa che apparissero le prime immagini, che si è rivelata parte di una camera da letto!!! Vedi, sussurrò Dana, c'è papà, si sta mettendo a letto!!! Hanno guardato un po' più a lungo e Becky ha offerto: Sta solo leggendo un libro, Dana, è così eccitante, non credo di poterlo sopportare!!! Tieniti addosso la maglietta, l'ammonì Dana...

2.1K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.