Migliori amici con vantaggi

1.1KReport
Migliori amici con vantaggi

Annabelle gridò dall'altra parte della casa "Sbrigati! Faremo tardi!" È una mia vecchia amica d'infanzia e si è trasferita da poco, poiché i suoi genitori hanno deciso che doveva trasferirsi da casa loro. Ho deciso di fare la cosa giusta per farla trasferire da me. Voglio dire, perché no? Entrambi abbiamo fatto tutto insieme. Frequentavamo le stesse classi, andavamo in giro al cinema e passavamo anche molti pigiama party insieme. Divento troppo timido quando provo a chiederle di uscire. "Ehi! L'autobus non ci aspetterà più!" Il clacson dell'autobus suonò fuori dal finestrino e io sfuggì rapidamente al mio sguardo, dove ho attirato l'attenzione sulla foto che ho di me e lei fuori nel parco vestiti per il prossimo ballo di fine anno. Le mie guance arrossirono rapidamente quando iniziai a sentirmi un po' agitata. Mi sono precipitato a indossare il resto dei miei vestiti, ho raggiunto e afferrato il mio zaino e l'ho messo sul tavolo della sala da pranzo. Ho tenuto la foto in mano, la stringevo appassionatamente e mi sono seduta sul divano. Il suo aspetto rendeva gelosa la maggior parte delle ragazze a scuola. La figura snella, la vita stretta, il portapacchi incredibile, le cosce spesse..la mia mente si trascinava al pensiero di lei di più, e con ogni dettaglio che mi saltava in testa mi rendeva solo più difficile. Ho messo la mia mano sul mio grembo e con movimenti continui, faccio scivolare il mio palmo fermo lungo il membro carnoso, peggiorando il mio problema. Chiudo gli occhi, immaginandola in ogni posizione disponibile di fronte a me, chiedendo l'attenzione che desidera. Il sorrisetto sul suo viso, l'occhiolino negli occhi, la risatina carina della scolaretta che sento, quel culo grosso, sinuoso e sodo con il modo in cui cammina verso il letto in quella lingerie sexy con lacci neri, strisciandoci sopra. Dava una pacca sul bordo del materasso, sollevandosi appoggiando la schiena alla testiera, avvolgendo una gamba intorno all'altra. "Ehi, che cazzo stai facendo? Dovremmo essere a scuola!" Sbattei le palpebre ripetutamente, mi resi conto che era proprio di fronte a me, che mi guardava. Ho guardato in basso per notare dov'era la mia mano, allungandomi velocemente, e mi sono alzato per coprire la mia asta indurita con il mio cestino del pranzo.. "ohh, scusa. Stavo solo uhh..sì.. stavo meditando." Il mio rossore si infittisce, sapendo che lei sapeva che non era la verità. Alzò un sopracciglio, seguito da un suono di disgusto. "Comunque, andiamo."



Usciamo di casa e non ho potuto fare a meno di fissare cosa indossava Annabelle. Indossava una camicia di flanella rossa, le maniche ben rimboccate fino al gomito, saldamente legate sotto i suoi seni 36DD per esporre la sua piccola vita stretta. Un corto paio di jeans tagliati, che mettevano in risalto lo spessore delle sue cosce. I suoi capelli rosso scuro svolazzavano nella brezza leggera e indossava stivali di pelle di serpente abbinati. Rallento, e persi una trance tracciando i miei occhi intorno al suo sedere ampio e tondo. Un culo così perfettamente riempito per cui potresti usare un cuscino. Ora so perché tutti i ragazzi a scuola spettegolavano su quanto fosse bello ogni volta. Vederla davvero dimenarsi quando camminava mi ha fatto cadere la mascella e le ginocchia quasi deboli. Mi morsi bruscamente il labbro, completamente inconsapevole di quello che stavo facendo. Arrivammo alle porte dell'autobus, lasciandola salire per prima come avrebbe fatto qualsiasi gentiluomo. La seguii ai nostri posti mentre Annabelle si sedeva, spingendosi contro il finestrino. Mi lasciai cadere accanto a lei, guardando in avanti verso l'autobus. Ci sono voluti 30 minuti per arrivarci e potevo dire che era stanca perché aveva avuto un brutto incubo la notte precedente prima di averla spaventata ad andare a dormire. Mi siedo dalla mia parte del sedile, appoggiando lo zaino sul pavimento di fronte a me. Non ci volle molto perché Annabelle si spostasse verso la mia direzione, appoggiandosi alla mia spalla.. Il mio primo istinto in quel momento fu dal momento che era vulnerabile e incosciente, fu di allungarsi sopra il suo collo e accarezzare i suoi grandi seni morbidi nel mio mani. Invece, ho allungato la mano, mettendo la mia mano sulla sua vita, tirandola più vicino a me mentre ero il suo cuscino per il corpo sulla strada per la scuola. Il suo respiro corrispondeva al mio ritmo, avvolgendosi intorno a me. L'odore dei suoi capelli mi riempiva le narici, lo shampoo infuso di olio di menta piperita dolce la faceva odorare come un bastoncino di zucchero. Erano entrambi i nostri profumi preferiti. Annabelle sussultò forte e pensai che doveva aver fatto di nuovo il sogno. Povera Annabelle. Ha sofferto molto e non mi ha detto tutto e non ho intenzione di ficcanasare. Vorrei solo che potesse essere felice con qualcuno che può prendersi cura di lei come faccio io.



A metà del viaggio in autobus, si svegliò con il viso intontito, allungandosi verso l'alto per far scoppiare le articolazioni delle braccia e delle costole. Annabelle mi ha guardato con un mezzo sorriso e mi ha detto in faccia "è successo di nuovo". Ho guardato nei suoi occhi azzurri e ho detto con calma: "torna a dormire, Anna. ne hai bisogno per oggi". Sbuffò pacificamente, il suo sorriso si allargò mentre ricadde su di me. Teneva le braccia sotto i seni con le mani sotto le spalle. "Ho freddo. Perché fa freddo qui?" Ridacchiai e mi tolsi la giacca pesante, mettendogliela intorno alle spalle. "sai sempre come prenderti cura di me. Cosa farei senza di te?" la sua faccia si agitò al commento, chiudendo gli occhi e il suo respiro rallentava mentre si addormentava con calma sopra di me. Dissi piano sottovoce: "Non lo so, bambina. Non lo so". Rendermi conto che non mi aveva sentito dire mi ha fatto sospirare di sollievo.



La giornata di scuola è finita e mentre stavamo tornando a casa, si è addormentata di nuovo su di me, solo diversa, ha la sua piccola mano sul mio grembo contro il mio cazzo sdraiato lì privo di sensi. L'ho lasciato lì per l'intero viaggio verso casa. Riuscì in qualche modo a sorridere nel sonno, qualche risatina qua e là. L'autobus si ferma e le spingo leggermente il braccio, svegliandola. Lei mi guardò con uno sguardo turbato negli occhi. Faccio spallucce, mettendola sulla mia schiena. Si aggrappò a me schiacciando i suoi seni sul retro del mio collo. Ogni tanto dovevo spostarmi, correggendo la sua posizione. Sembrava che mi prendesse in giro di proposito o lo facesse per caso e non se ne accorgesse. Sospiro e mi limito a scrollarlo di dosso, lasciando che accada. Lei ridacchiò scherzosamente, e apro la porta di casa nostra chiudendo la porta dietro di noi. Scivolò via, i suoi seni scivolarono contro la mia schiena. “Vado a cambiarmi in qualcosa di più comodo. Le mie mutandine mi stanno salendo su per il culo e mi sento come un cuneo". non potevo fare a meno di ridere, il suo viso era più scuro di prima. Ha grugnito e si è precipitata di sopra nella sua stanza. Mi chinai sul divano, sorridendo e ridacchiando tra me e me pensando: ho sviluppato dei sentimenti per lei? Da stamattina è stato solo un sogno. Guardai di nuovo la mia asta, delineata nei miei pantaloni attillati. "Dannazione." dissi arrabbiato, imbronciato. Poi guardo fuori dalla finestra, scrutando l'esterno. La piscina appena fuori dalla finestra della sala da pranzo rifletteva la sua finitura cristallina, l'acqua che increspava sul muro. "È perfetto per il tempo in piscina" mi sono detto, spogliandomi solo della mia biancheria intima.

Sono uscito fuori, accendendo le luci del portico appese alle pareti, illuminando il cortile. Mi siedo sul bordo della piscina, infilando i piedi nell'acqua tiepida. La porta sul retro che conduce all'interno si apre di nuovo, Annabelle esce con un paio di mutandine allacciate bianche, che le delineano le guance. Indossava un reggiseno senza spalline, intonato alla biancheria intima, una vestaglia bianca trasparente, che ondeggiava al vento. Le sue curve piene si mettono in mostra, il suo culo che ondeggia da un lato all'altro mentre camminava. "Esci per unirti?" le dissi guardando verso l'acqua. "Forse. Oggi ti è andata bene?" Ha chiesto, sfilandosi l'accappatoio, solo in mutande. Si avvicinò a me, sedendosi un gradino più in alto, a soli piedi nell'acqua. Poi ha messo l'altra gamba sopra la mia spalla, appoggiandola nell'acqua vicino al mio braccio, e si è seduta dietro di lui. Arrossisco leggermente cercando di nasconderlo. Tiro le sue braccia sopra le mie spalle fino al mio petto nudo, respirando il suo profumo corporeo di fiori di ciliegio, i suoi capelli che ondeggiano da una parte all'altra sul mio viso. “Mah. era ok. Ma sarò fi-” La mia frase fu interrotta, lei mi tirò indietro la testa, spingendo la mia faccia nei suoi seni, intrecciando il mio naso nel tessuto. Si chinò, posando le sue labbra sulle mie. Posso assaporare il suo respiro mentre si tratteneva lì, felice e contenta mentre era avvolta intorno a me. Il mio rossore si infittisce ancora di più, mentre lei mette le mie mani sulle sue cosce, stringendole insieme. Lei gemette dolcemente nel bacio, tirandosi indietro. “Ho notato che sei stato così duro per tutto il giorno, vero? L'ho visto per la prima volta stamattina prima di partire. E la seconda volta in classe. L'ultimo indizio che lo ha fatto esplodere è stato quando mi sono sfregato contro di esso durante il viaggio in autobus". ridacchiò e arrossì, appoggiandosi all'indietro con i seni pendenti tutt'intorno.

"Io..io..non so di cosa..stai parlando.." borbottai, cercando di nascondere la mia erezione sporgente, guardando altrove imbarazzato. “Mi ha guardato in modo seducente, le sue mani che seguivano la sua pancia, avvolte intorno ai suoi seni sodi e morbidi. Lei gemette un po', guardandomi direttamente negli occhi, supplicando di aver bisogno. “Stavi accarezzando pensando a me stamattina, vero? Vuoi essere dentro di me, riempiendomi con il tuo grosso cazzo palpitante, vero? mi hai voluto. Ti vedo sbirciare sotto la doccia di tanto in tanto". “continuava a massaggiarsi il corpo, stringendosi in più punti, lanciando gemiti qua e là. "M-m-forse..Sì..lo sono stato.." le dissi disgustato con me stesso, tenendo la mia erezione in mano per coprirla. "In realtà sono un po' bagnato quando so che mi guardi... il modo in cui mi vedi nudo desiderando di essere schiacciato contro di te, su di te in alcuni punti." Lei gemette con me, il rossore sul suo viso si rabbuiò distogliendo lo sguardo imbarazzata. Cominciò a togliersi lentamente il bikini senza spalline, sollevandolo sopra la sua testa. I suoi seni rimbalzavano e traballavano, liberi dalla loro prigione di tessuto. Si sedette eretta allargando le cosce, continuando a giocherellare con i suoi bei seni. "Vieni qui." mi sussurrò, muovendo un dito verso di lei al suo fianco. Mi sono avvicinato lentamente imbarazzato e timido, in piedi di fronte a lei. Ho guardato le sue tette, i globi che le imprimevano le mani, i capezzoli tra le dita. Allungò una mano, correndo lungo il mio albero indurito, la lunghezza che pulsava al tocco di una bella donna. “Cosa ottengo in cambio di un po' di divertimento? Sono stato umido e sembri l'unico così gentile da volermi toccare e sentirmi dappertutto. " ridacchiò, coprendosi la bocca, lasciando andare il seno mentre cadeva. Allargò le gambe, prendendo la mano libera e in piccoli circoli stretti, strofinò la sua protuberanza sensibile sopra le mutandine ora fradicie. Lei gemette alla sensazione, aggrappandosi al mio cazzo, e io mi irrigidii, guardando il cielo stellato. Chiudo la bocca: cosa ho fatto per meritarmi questo momento? Deglutii rumorosamente, guardando di nuovo in basso, i suoi occhi che imploravano attenzione sessuale. Le dico, "non lo so..ma voglio solo che tu sia soddisfatta.." Lei annuì dolcemente, prendendo le sue dita agili, facendole scivolare nell'apertura dei miei boxer, afferrando la pelle del mio cazzo. Con un movimento rapido, lo tirò fuori, studiandone la lunghezza. Annabelle sussultò, arrossendo ancora di più mentre distoglieva lo sguardo, la sua mano ancora avvolta attorno al mio albero con una presa salda. Si guardò indietro, aprendo la bocca per tirare fuori la lingua stretta, leccando la punta su e giù, i gemiti si fanno leggermente più forti. "Mi scoperai e non ti fermerai finché non sarò vuoto, capito?" Disse ferocemente puntando un dito su di me avvolgendo la mano intorno alla base del mio cazzo, fissandomi negli occhi. "y-y-sì..Anna, quello che vuoi." Ho aspettato che arrivasse questo momento. Finalmente riesco a scopare la ragazza dei miei sogni. Questo è un sogno o realtà? Sorrise felice, guardandomi timidamente negli occhi. La base della mia asta iniziò a sentirsi stretta sotto la sua presa mentre spostava la mano su e giù. Non ho potuto resistere a un piccolo gemito mentre lei ridacchiava con me, provocandomi a prendere il controllo. "Hai bisogno di questo e anch'io. Allora perché non dai una mano con il tuo amico?" mi disse, tirando fuori la lingua, strofinando la punta della sua lingua contro la mia uretra, assaporando il mio sapore. Il mio membro si contrasse al tocco essendo appagato sensibilmente. Potevo sentire i gemiti provenire dalla sua bocca, la sua lingua larga che strofinava la parte inferiore della testa del suo cazzo.

"M-m-more..la tua bocca e la tua lingua si sentono così bene!" Lei allungò la mano libera, succhiando ancora la sua punta. Iniziò a giocare con il suo fiorellino sensibile, ora intriso dei suoi stessi succhi. Lei gemette e gemette dappertutto, e allargò la bocca, inghiottendo la sua asta fino in fondo alla sua gola. Le enormi dimensioni rendevano quasi impossibile respirare mentre riempiva il suo esofago. Sbavare su tutto il bastone duro che possedeva rendeva più facile ingoiare il suo cazzo mentre lei iniziava a dimenare la lingua avanti e indietro sotto. La sua mano che accarezzava le sue palle gonfie, l'altra mano libera che si strofinava saldamente sul suo clitoride, e la sua graziosa piccola bocca che succhiava la sua asta era la sua visione da sogno che si sarebbe avverata. “Ti piace prendermi in giro? Mi vuoi duro e palpitante nella tua bocca?" chiese, mordendosi il labbro mentre lei lo prendeva tutto dentro, strofinandosi più velocemente. Lei annuì, dimenando il suo cazzo nella sua bocca, spingendo via la sua bocca lentamente e prendendolo con forza. Lei si stava chiudendo nel suo orgasmo, lui sentì la sua bocca stringere forte la sua asta carnosa, che ora perdeva precum mentre lei leccava qualunque cosa drenasse dal suo cazzo. Le piaceva il suo sapore, accarezzandolo più forte, cercando di farlo raggiungere l'orgasmo.

“Vuoi che venga, piccola? Scolare entrambi?" disse, arrossendo per il commento che aveva appena fatto, fissando il suo corpo lucido e sudato. Lei annuì velocemente alla sua risposta, facendo scivolare la bocca fuori dalla sua asta. Lei lo guardò, fissandolo negli occhi con desiderio. Lei stese le gambe spalancate avvolgendole intorno alle caviglie. “Sono così bagnato ora. Fottimi. Scopami come se mi avessi rubato". Lei piagnucolò dolcemente, gridando, strofinando il suo sensibile bottone d'amore con il dito, digrignando duramente il culo contro il bordo di ciottoli della piscina. Scosse la testa su e giù rapidamente, chinandosi mentre scrutava il suo corpo, seppellendo il viso nei suoi seni. Non poteva più resistere, strofinando la punta del suo cazzo spingendola nel suo clitoride. Lei gemette più forte di prima, avvolgendo le mani intorno alla sua testa, spingendole ulteriormente nelle sue tette. "P-p-mettilo dentro, piccola!" le sue guance arrossirono per l'imbarazzo, seguite dallo sfregamento dei lembi contro il suo cazzo, lubrificandolo con i suoi succhi.

Scivolò nella sua verga dura, riempiendo la sua carne umida e stretta, sentendola ingoiare il suo cazzo, guardandola, lei lo baciò profondamente, occhi da cucciolo e iniziò a dimenare la vita, facendo oscillare il suo cazzo dentro di lei. Pollice dopo centimetro, lo sentì inghiottire le sue viscere fino in fondo. “O-o-oh mio Dio! Quindi h-h-enorme ..!” Lei gridò, schiaffeggiandogli la vita con le cosce, bloccandolo mentre non poteva muoversi. "Ora fottimi, cane cornuto!" disse con rabbia nel suo orecchio, mordicchiando sul bordo. Lui grugnì, sentendo il suono della sua voce supplichevole bisognosa, ansimando dolcemente contro il suo timpano. Cominciò a spingere avanti e indietro, aumentando la pressione all'interno della sua asta. Le sue spinte diventavano più dure ad ogni colpo, schiaffeggiando le sue palle contro le sue chiappe. Sentì ogni spinta dimorare in lei, perforandole le viscere, allungando la sua cavità vaginale imbevuta di succo. "Di più! Di più! Di più! Per favore, non fermarti, cazzo! Batti la mia fottuta figa fino all'oblio! Intrecciami le viscere con il tuo seme!” Il suo corpo iniziò a tremare più forte, il suo climax raggiunse il punto di rottura.

I suoi lembi pulsavano disperatamente con ogni secondo che il suo cazzo spingeva fuori, tentando di tirarlo indietro. "Ma rimarrai incinta!" urlò per la paura, rallentando le sue potenti pompe. “Non mi interessa! Lo spingerò fuori! Vienimi dentro!" Lei distolse lo sguardo, il rossore diventa rosso aragosta al commento le sue cosce che battono contro la sua vita. Lei sollevò i piedi, appoggiandosi sulla sua schiena, bloccandolo in posizione. Lei ridacchiò gemendo, mordendosi il labbro per il piacere di entrambi. Iniziò a morderle il capezzolo in modo aggressivo, cosa che sapeva che lei amava. I suoi occhi si spalancarono, i suoi artigli come mani afferrarono i suoi capelli, tirando rudemente. Grugnì, avvicinandosi all'orgasmo, il suo cazzo che pulsava in risposta alle sue palle che si stringevano e si serravano, pronto a soffiare. "Sei pronta bambina?" sorrise felice, baciandola profondamente. Lei lo rassicurava, il suo orgasmo cominciava a precipitare.

Entrambi diedero le loro ultime spinte, le loro ultime spinte alle loro vittorie orgasmiche, il suo cazzo rilasciando tutta la pressione che aveva accumulato in lui. Emise un gemito di gioia, ridacchiando e ansimando alla sensazione di sperma caldo cremoso e molto denso che sgorgava dentro di lei. “Nyaaa! Dio! Sembra caldo! È così caldo!” Si staccò eccitata, spingendo in fuori lo stomaco, cercando di spingere fuori il suo grosso carico. Piccoli rivoli della sua essenza bianca fuggivano dalla sua carne bagnata in uno stretto flusso continuo, che scorreva sul bordo delle pozze. Si guardarono negli occhi, sorridendo mentre lui si chinava per un bacio, inclinando la testa di lato per un accesso più facile. Si baciarono appassionatamente, scambiandosi la saliva, avvolgendo le lingue nella mascella. "Y-y-tu mi hai segnato... il che mi rende tuo.." si allontanò, la sua figa ora dolorante, iniziò a strofinare il suo clitoride, rilasciando il resto del suo orgasmo su di lui, mescolando i loro dolci profumi. "M-m-mio per sempre."

Storie simili

Il viaggio di Sandra Capitolo 2

Costantemente maltrattata Sandra si era stabilita in una vita di servitù. La sua umiliazione fu completa quando fu introdotta alla bestialità. Ma lungi dall'essere caduta in disgrazia, scoprì di apprezzare ciò che aveva ottenuto da un animale che non aveva avuto da nessun uomo: un lungo cazzo. Ormai “venduta” attendeva il suo nuovo Maestro. Caricata nell'auto di Paul, si rese conto che ora le apparteneva. Seduta sul sedile posteriore con Tyson, ha accarezzato il suo nuovo animale domestico. Ti sei esibita perfettamente stasera signorina disse Paul mentre tornava a casa Penso che ci sia una miniera d'oro tra le tue gambe...

0 I più visti

Likes 0

Mia moglie scopa suo fratello

Quando Sue ha scopato suo fratello --------------------------------- L'inizio di questo incidente è stato quando il fratello minore di mia moglie è venuto a trovarci nei giorni prima che le fotocamere digitali fossero così popolari. Avevo allestito una camera oscura dove sviluppavo e stampavo le mie fotografie e lui mi aveva portato un rullino di suo fratello maggiore da sviluppare e stampare. Le foto erano scatti di nudo della moglie di James, Mary. Non i nudi di tipo artistico ma il vero tipo XXX, le gambe aperte, tenendo aperte le labbra della sua fica, ecc. Tutti e 36 erano solo con lei...

282 I più visti

Likes 0

Un culo fuori di te e me

Copyright © 2007 di Tim King Laboratorio di narrativa del Goucher College Tutti i diritti riservati Un culo fuori di te e me Di Tim King Sciamai come un alveare lungo la strada fino all'appartamento di Susie. Quello che avevo appena visto era indicibile. Non c'era niente di buono in questo. Era disgustoso e sbagliato e la parte peggiore era che era completamente credibile, completamente nel regno della realtà. Questo è probabilmente ciò che mi ha fatto così incazzare. Non mi ero nemmeno preso la briga di chiamarla. Nel momento in cui ho capito che era lei, ho chiuso di colpo...

45 I più visti

Likes 0

Segna il punto_(1)

Segna il punto Stavo pensando mentre attraversavo la porta laterale di casa mia che questo era probabilmente il giorno peggiore della mia vita. Umiliato sul lavoro... no, minato da una merda piagnucolona che ha funzionato per me e mi ha quasi fatto licenziare. Per finire, il mio parco auto viene rovinato e devo implorare un passaggio a casa. Più umiliazione... proprio quello di cui ho bisogno. Perché ho trasferito la mia famiglia in questa città quando stavo già bene? Compreso oggi, mi sono fatto la stessa domanda 265 volte finora quest'anno. La casa è silenziosa, quasi. Sento un leggero gemito dal...

1K I più visti

Likes 0

Alla mamma piace guardare

La mamma amava guardare Penso che la mamma fosse un po' gelosa di me e dei miei fratelli, quando poteva ci guardava scopare in piscina in soggiorno. Era un po' sovrappeso, ma aveva delle tette enormi non un brutto culo. Sapevo che Billy ne stava ricevendo un po' dalla mamma, l'avrei sentito camminare lungo il corridoio, poi l'avrei sentito andare nella stanza della mamma e poi sgattaiolare fuori un'ora o giù di lì. Un giorno d'estate io e Bob stavamo nuotando in piscina, all'inizio è normale che entrambi indossassimo i costumi da bagno. Ma poi ha nuotato dietro di me e...

956 I più visti

Likes 0

Paul, sua zia e sua cugina Becky

Non l'ho mai misurato, ma potevo mettere entrambe le mani intorno alla mia erezione e la testa sporgeva ancora. Le mie dita non si sono toccate quando hanno raggiunto la mia erezione. Ho potuto dire guardando gli altri ragazzi che facevano la doccia dopo gli allenamenti di squadra che avevo un grosso cazzo. Quando ho avuto un duro lavoro durante la scuola ho potuto vedere alcune ragazze e insegnanti che guardavano il rigonfiamento dei miei pantaloni. Mi ha fatto sentire bene. Una calda giornata estiva stavo nuotando nella nostra piscina. Ero a casa da solo ed è stato bello nuotare nuda...

1.5K I più visti

Likes 0

Gli ingredienti di una troia Capitolo 1

Era una calda giornata estiva, stavo camminando verso il centro commerciale dove si trovava la mia migliore amica Rosie. L'ho aspettato tutta la settimana. Non la vedo da qualche mese. Dopo qualche minuto di camminata sotto il sole cocente ho finalmente raggiunto il centro commerciale. Eccola lì, bella come sempre. Era lì in piedi con i suoi jeans preferiti, una maglietta nera e una giacca di pelle che la facevano sembrare una motociclista. I suoi capelli erano ricci e rosso brunastro. Ero innamorato di questa ragazza e volevo dirglielo ma non sapevo come. Mi vide e un sorriso si allargò sul...

865 I più visti

Likes 0

La sua ragazza, mia cugina

Immagino che tutto sia iniziato un sabato pomeriggio. Il reggiseno di mia madre era in cima alla pila del bucato. Ha attirato la mia attenzione e ne sono rimasto subito affascinato. Ho rubato il reggiseno e sono corsa in camera mia a provarlo. Ricordo la fretta che mi diede. Mi è piaciuto e ho deciso di continuare. Ho fatto tutto il possibile per mettere le mani su più vestiti. Ho rubato reggiseni, mutandine, collant, slip e vestiti a mia madre. Costumi da bagno e reggiseni di mia cugina e di mia nonna. Non potevo averne abbastanza. Mi sforzavo di sembrare e...

744 I più visti

Likes 0

Porre l'altra guancia

Sono una persona profondamente religiosa. Credo nel fare il bene e nel resistere alla tentazione del male. Credo che i cristiani dovrebbero praticare l'umiltà e, quando subiscono un torto, porgere l'altra guancia. Con l'aiuto di mia moglie, Eve, lavoro sodo per essere una buona cristiana. Pensavo di salvare Eve e di portare la sua trasformazione. Sotto ogni punto di vista, Eva era una peccatrice. L'ho incontrata in un momento di debolezza. Un giorno, sono stato attirato in un club per gentiluomini contro il mio miglior giudizio e la mia conoscenza del bene e del male. Ero vergine in ogni senso della...

537 I più visti

Likes 0

Perdo la mia verginità anale con un ragazzo di Grindr nel suo camper

Questa è la vera storia di quando ho perso la verginità anale da un ragazzo di Grindr. Per una piccola informazione su di me, ero un atleta 6'2 di 18 anni con un bel sedere che i ragazzi sembrano amare così tanto. A quel tempo ero in un collegio e andavo su Grindr e chiacchieravo e scambiavo foto con altri ragazzi. Parlavo con molti ragazzi della mia zona ma l'unico problema era che mi trovavo in una zona così disabitata che non c'erano molti ragazzi molto vicini a me e non potevo viaggiare perché non avevo la macchina . C'era questo...

449 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.