La figlia del contadino - Parte 1 e 2

1.2KReport
La figlia del contadino - Parte 1 e 2

Nota dell'autore: questa non è una storia d'amore, per favore cerca altrove se è quello che stai cercando

Parte 1 - Catturato

All'inizio non potevo credere alle mie orecchie. Mentre andavo in giro ad occuparmi del bestiame e dei raccolti, ho sentito i lamenti sommessi di una femmina che veniva dalla stalla. Diverse biciclette giacevano a terra nelle vicinanze. Quando ho sbirciato dentro attraverso una fessura nella porta di legno della stalla, non potevo credere ai miei occhi. C'era la mia dolce piccola figlia di sedici anni, Elizabeth, nuda a quattro zampe per terra. Era circondata da una mezza dozzina di adolescenti che si masturbavano i loro piccoli cazzi e un bambino la stava scopando da dietro! Mia figlia veniva scopata come una troia proprio davanti ai miei occhi! La rabbia si è insinuata su di me. Mi faccio scopare nel mio fienile, nella mia fattoria! La fattoria dove mi sono rotto la schiena lavorando dall'alba al tramonto per mettere cibo nella pancia di questa troia e vestiti sulla schiena dopo che sua madre mi ha lasciato!

Il mio sangue ribolliva, eppure rimasi congelato sulle mie tracce, troppo accecato dalla rabbia per pensare chiaramente. I minuti scorrevano. Uno dopo l'altro, i ragazzi si fecero avanti e la presero da dietro. Ognuna le ha sborrato nella fica. Con ogni disgustoso carico di crema pompato nel suo grembo, la mia rabbia cresceva in modo esponenziale. I miei pugni erano serrati lungo i fianchi. Stava succhiando i cazzi di quelli che non la stavano scopando, riportando in vita i loro cazzi così da poter continuare a prenderli nel suo buco della puttana gocciolante! Non avevo idea che fosse sessualmente attiva. Eppure eccola lì, così, così... matura. Potevo vedere il suo squarcio nella figa gonfia, le sue labbra così rosee e gonfie per tutti i cazzi che la penetravano. Le pieghe penzolanti della carne succulenta della fica venivano spinte dentro e fuori a ogni spinta ritmica. Era assolutamente ipnotico. Anche se la sua fica sembrava quasi glabra, ho intravisto quella che sembrava essere una piccola macchia di peli pubici biondi proprio sopra la sua fessura.

Mi sono reso conto che il mio cazzo si stava contorcendo mio malgrado. Stava diventando sempre più difficile alla vista della sua carne umida della fica, delle sue natiche elastiche, del suo piccolo buco del culo increspato, dei suoi fianchi... Dal mio punto di vista avevo un'ottima visuale della sua figa ma non delle sue tette, però Li sentivo sbattere contro il suo petto. Sembrava quasi da un giorno all'altro che fosse passata dal petto piatto a una bella tazza a C! Ogni tanto vedevo le sue tette oscillare, i suoi capezzoli che sembravano grandi e rosa e gonfi come la sua carne di fica! La vista e il suono della penetrazione di mia figlia adolescente mi stavano facendo impazzire!

Era difficile distogliere lo sguardo dalla scena, ma alla fine mi voltai e tornai di corsa a casa. Sono uscito con il mio fucile e il mio grosso pastore tedesco maschio nero di nome Lucifer, noto anche affettuosamente come Luke. Poi tagliai in fretta un sentiero attraverso un grande campo di grano verso il fienile. Mentre mi avvicinavo all'uscita del campo di grano, il mio cuore sussultò quando sentii di nuovo i deboli gemiti e schiaffi provenire dal fienile. Le sue grida si fecero più forti finché non fui in piedi fuori dalla porta della stalla ancora una volta a scrutare la vista di lei che veniva scopata duramente da un gruppo di ragazzi adolescenti. Stavano ancora a turno martellando il suo doggystyle con una sfilata infinita di cazzi che entravano e uscivano dalla sua bocca da troia. La rabbia mi ha sopraffatto di nuovo, ma potevo anche sentire il mio cazzo fitre per l'eccitazione. Dopotutto era una succulenta ragazza bionda con una figa gloriosamente bagnata e spessa!

Luke rimase obbediente al mio fianco, aspettando la mia prossima mossa. Prendendo un respiro profondo, spalancai la porta della stalla e contemporaneamente armai il mio fucile. Tutti urlavano. Luke abbaiò forte e poi ringhiò, scoprendo i suoi denti bianchi e aguzzi. Ha spaventato a morte i ragazzi: due di loro sono scappati nudi, lasciando dietro di sé vestiti e biciclette. Gli altri sono riusciti a mettersi i vestiti ea lasciare mia figlia prona a terra sulle mani e sulle ginocchia, con i suoi begli occhi azzurri spalancati per la sorpresa. I suoi capelli biondi ondulati erano lisci dal sudore e raccolti in una coda di cavallo sciolta.

"Papà, mi hai salvato! Mi stavano violentando! Sei il mio eroe!" disse Elizabeth senza fiato, guardandomi da terra.

"Oh, per favore, risparmiami le tue stronzate, piccola puttana!" gridai, puntando il mio fucile verso di lei. "Stavi lasciando che si fottassero la figa e ti divertivi fino in fondo!"

«Ma, papà, mi stavano facendo del male...» disse con un lamento nella voce. Che patetico! Le sue bugie mi hanno solo fatto incazzare ulteriormente.

"Cazzate!" Ho urlato, sputo che volava sulla sua schiena nuda. La canna della mia pistola si è spostata di pochi centimetri dalla sua faccia. Sembrava imperturbabile.

"Beh, che diavolo vuoi che ti dica, papà? Ti dirò la verità, adoro scopare con quei ragazzi, ho scopato un sacco di ragazzi, e continuerò a scopare un sacco di ragazzi, Grazie mille!" disse con un sogghigno.

Poi ha alzato gli occhi al cielo. Bruciavo di rabbia: questa fottuta troia ha avuto l'audacia di alzare gli occhi al cielo! La mia mano scese sulla sua guancia con un potente schiaffo, facendola guaire. Camminando dietro di lei, ho visto un rivolo costante di sperma che trasudava dal suo buco della fica, rivestendole le cosce con una glassa cremosa. Era un disastro disgustoso, e gliel'ho detto. Sputai a terra, a pochi centimetri dal suo viso, facendola sussultare. Poi all'improvviso le ho messo un ginocchio nella schiena, costringendo a far uscire tutta l'aria dai suoi polmoni, e ho afferrato un gomitolo di spago dalla tasca. Le ho tirato le braccia dietro la schiena e le ho legato i polsi con lo spago mentre lei urlava e cercava di strapparmi di dosso. Ha urlato forte quando la mia mano è scesa di nuovo con forza sulla sua guancia. Ho tolto il collare e il guinzaglio di pelle al mio cane e l'ho messo al collo di Elizabeth.

"Che cazzo, papà? Che cazzo stai facendo? Smettila! Basta! Papà! Papà, andiamo..."

Ho tirato forte il guinzaglio, soffocando la sua frase. Con il mio fucile in mano, l'ho presa in braccio e l'ho trascinata fuori. Elisabetta ha gridato e chiesto aiuto, ma la nostra terra era vasta e isolata. Non c'erano vicini a sentire le sue grida e tutti i suoi patetici fidanzatini erano scappati per le colline! L'ho gettata in ginocchio a terra e ho spinto la sua faccia nell'erba, il suo culo in aria. Luke ansimava accanto a me, osservando ogni mia mossa. Ho posato il fucile. Elizabeth grugnì mentre io spingevo l'estremità di metallo duro di un tubo per l'irrigazione verde nel suo buco della figa. Ho girato la manopola, rilasciando un torrente di acqua fredda nella sua fica. Strillò e si contorceva sull'erba. L'acqua le inondò la fica, pulendo lo sperma dalle sue profondità.

La sua figa era ancora così rosa e gonfia per tutti quei ragazzi che la scopavano, anche se avevano tutti piccoli cazzi da ragazzino -- per nulla forte e virile come il mio cazzo quando è pronto per scopare. Ho messo in valigia 9 pollici e 1/2 di acciaio, spesso quasi quanto una lattina, e ora pulsava nei miei jeans alla vista della fica rosa e gonfia di Liz con le sue fica folte e penzolanti. Potevo vedere la carne increspata della fica che circondava il suo buco, potevo persino vedere la sua dura, minuscola perla di clitoride. Il suo corpo sussultava per la paura. Il mio cazzo era semieretto da quando avevo sbirciato per la prima volta attraverso la porta della stalla e avevo visto il suo corpo nudo e stretto che veniva martellato da tutti quei ragazzi. Fissare il suo buco umido e pulsante ha reso il mio cazzo più duro.

Elizabeth emise un altro guaito di dolore quando l'ho tirata su per i polsi legati e l'ho messa in piedi, malferma. Fissai il suo corpo nudo dall'alto in basso, dai suoi seni impertinenti con grandi capezzoli fino al ventre piatto e al pube gonfio alle gambe magre e pallide e ai piedi nudi con le unghie dipinte di rosso. Gli occhi azzurri di mia figlia si spalancarono quando notò l'erezione in crescita nei miei jeans. Luke ansimò con calma, fissandoci. Deglutì a fatica, fissando il mio rigonfiamento crescente. Ho afferrato il mio fucile e l'impugnatura del guinzaglio che le penzolava dal collo e l'ho trascinata nel campo di grano. Il mio piano era di scoparla senza sosta in tutta la fattoria.

Parte 2 - Punizione e piacere

Una volta che fummo su un sentiero a pochi metri nel campo di grano, l'ho spinta con forza a terra, facendola gridare di nuovo dagli steli affilati che le graffiavano il corpo nudo. Cominciò a supplicarmi, con le lacrime agli occhi. Ho puntato il mio fucile contro di lei e le sue grida si sono trasformate in singhiozzi incontrollabili. Luke trotterellò con calma tra gli alti steli di grano. Mi guardò impotente, i suoi seni si sollevavano dai suoi singhiozzi, ma poi iniziò a urlare e implorare di nuovo quando la mia mano andò alla cerniera. I suoi occhi azzurri in lacrime si spalancarono mentre liberavo la mia enorme puntura dai miei boxer, centimetro dopo centimetro. Le vene si gonfiavano lungo l'asta spessa e dura. Per la prima volta vedeva il cazzo di un uomo! Questo non era uno di quei cazzi da ragazzino che si stava scopando. Ho preso in mano la base della mia asta e l'ho pompata un paio di volte, il mio fucile nell'altra mano. I suoi occhi erano sulla mia testa di cazzo grande, viola, a forma di fungo. Un sorriso si è insinuato sul mio viso.

"Succhialo," ho detto, puntando il mio cazzo duro verso il suo viso.

La bocca di Elizabeth si aprì per lo shock e io mi avvicinai rapidamente, spingendo il mio cazzo tra le sue labbra socchiuse. Ha resistito e le ho puntato la pistola. Le ho detto che se avesse provato a mordermi o qualsiasi altra cosa divertente le avrei sparato. Poi ho piegato forte i fianchi e ho iniziato a fotterle la faccia. Le lacrime le scorrevano lungo le guance. Mi guardò con i suoi grandi occhi pieni di lacrime, seduta in ginocchio con le mani legate dietro la schiena mentre papà le spingeva il cazzo in gola. L'ho scopata in faccia così potentemente che è caduta sulla schiena, grugnendo e sputando intorno al mio cazzo. Si contorceva a terra sulla schiena e io mi chinai e continuai a spingerla nella sua gola, sentendo la sua lingua sfiorare il fondo della mia asta. Alla fine, le ho soffiato un enorme carico giù per la gola, facendola tossire e soffocare. grugnii, il mio enorme deposito di sperma le inondava l'intestino. La mia mano sinistra stava ancora stringendo il calcio del fucile, che ora puntava nel terreno mentre eiaculavo le ultime gocce di sperma in profondità nella gola della mia dolce figlia.

Pensava che le avrei solo fottuto la bocca e che avrei finito con lei. Ma ovviamente avevo altre intenzioni. Sapevo che sarei stato in grado di mantenere la mia erezione quasi indefinitamente una volta sparato un carico. Di solito potevo andare per qualche ora dopo aver soffiato il mio primo batuffolo, e ci sono state molte notti in cui ho passato a scopare la mamma di Liz da mezzanotte all'alba finché la sua figa non ce l'avrebbe più fatta. Era passato troppo tempo dall'ultima volta che avevo avuto quel tipo di azione. Ma tutto questo stava per cambiare.

Quando il mio cazzo ha pulsato le sue ultime gocce di sperma nella gola di mia figlia, l'ho tirato fuori dalla sua bocca e lei mi ha fissato scioccata, deglutendo a fatica. Penso che si sia spaventata ancora di più quando ho posato la pistola, la mia mano ancora sul mio cazzo. Le sue gambe erano divaricate mentre giaceva prona sulla schiena. Potevo vedere il suo squarcio bagnato e rosa luccicante alla luce del sole screziata che brillava attraverso il grano. Era davvero così meravigliosamente matura. Il mio cazzo non si sarebbe nemmeno sgonfiato. L'ho accarezzato di nuovo alla massima durezza in pochi minuti, ispirato dalla vista del corpo nudo di mia figlia disteso davanti a me. Le sue lacrime ora cadevano tranquillamente.

Mi sono messo a cavallo del suo corpo e poi ho lasciato che tutto il mio peso cadesse su di lei. Elizabeth urlò di nuovo, sentendo il mio cazzo duro conficcarle nella coscia. La mia faccia era a pochi centimetri dalla sua. Lei ricambiò il mio sguardo, senza battere ciglio. Ho sorriso e l'ho presa in giro, facendola gemere mentre spingevo il mio albero lungo la sua fessura succosa prima di penetrarla. Mentre infilavo il suo squarcio umido, piegai la testa e le baciai il collo. Ha lottato sotto di me, ma ho facilmente sopraffatto il suo telaio di appena 5 piedi. La mia testa di cazzo ha aperto le sue labbra e lei ha sussultato. Ora sapeva che non c'era modo di sfuggirgli: suo padre l'avrebbe scopata con il suo cazzo grosso e forte! Ho iniziato a spingere costantemente, ora costringendo la mia carne spessa dentro il suo buco della fica adolescente centimetro dopo centimetro. Ha urlato sotto di me fino a quando ho dovuto tenerle la mano sulla bocca, a tacere le sue fastidiose urla. Metà del mio cazzo era dentro il suo buco caldo e vellutato, le pareti della sua figa si sentivano aderente al mio muscolo furioso. Le lacrime le scendevano lungo le guance. Mi ha fissato, dritto negli occhi, per tutto il tempo.

"Prendilo, Lizzy," ringhiai. "Prendi quel grosso cazzo nella tua piccola figa!"

Il mio cazzo l'ha squarciata, aprendole la fica. Le sue grida sono state attutite dalla mia mano. Era glorioso, la sua figa ancora così stretta nonostante avesse scopato tutti quei ragazzi. Meno male che avevano tutti dei cazzi piccoli! Ho accelerato il passo fino a quando non sono stato selvaggiamente contro di lei mentre lei giaceva sotto di me sugli steli di mais spezzati. Ha cercato di buttarmi via, ma ho mantenuto le mie spinte costanti. Sono stato sepolto con le palle nel profondo della sua fica, la mia testa di cazzo si è bloccata saldamente nel suo grembo. La stavo dominando, punendo il piccolo ciccione con il mio potente cazzo! Il mio corpo l'ha schiacciata a terra. La stavo davvero martellando forte e grugnindo per tutto il tempo, delirante ora per l'eccitazione e la rabbia. I miei occhi si chiusero, un mix contrastante di beatitudine e rabbia mi avvolgeva mentre mi perdevo nel ritmo delle mie stesse spinte. Scopo mia figlia, la mia stessa carne e il mio sangue, riempiendo la sua figa di sedici anni incredibilmente stretta con il mio potente cazzo, cercando di inondare il suo grembo con il mio sperma...

Poi all'improvviso mi ha morso la mano e io ho imprecato e l'ho schiaffeggiata forte in faccia, la mia fantasticheria è finita bruscamente. Ho tirato fuori il mio cazzo dalla sua fica calda e lei ha boccheggiato di nuovo. Tirò su col naso, le lacrime continuavano a scendere, i suoi occhi sul mio grosso cazzo tutti lucidi e vitrei dai suoi succhi di fica. L'ho presa in braccio e l'ho gettata sopra la mia spalla, piegandomi per prendere anche il mio fucile. Il pastore tedesco mi seguiva al trotto mentre portavo il corpicino di Liz nel capannone. Il cane si chiamava Lucifero, perché poteva essere feroce a comando, a mio comando. Lizzy era sempre stata terrorizzata da lui, ma lui mi amava e non mi ha mai disobbedito. Era Luke per me, Lucifero per tutti gli altri. Il cane attese pazientemente fuori dalla porta del capanno, facendo la guardia al suo padrone.

All'interno del capannone, ho preso un rotolo di nastro adesivo dal mio banco di lavoro e ne ho strappato un pezzo con i denti. Gliel'ho messo sulla bocca, mettendo a tacere le sue urla e le sue imprecazioni. Poi l'ho piegata sul mio banco da lavoro e ho iniziato a scoparla duramente da dietro. gemette nel nastro. Le ho grugnito nell'orecchio mentre spingevo dentro e fuori la sua fica succosa, assaporando la sensazione delle sue giovani pareti della figa che stringevano il mio cazzo. Il capannone fu presto riempito dai suoni schiaffeggiati del mio cazzo che penetrava nella sua fica e delle mie palle che schiaffeggiavano contro il suo squarcio. C'erano strumenti appesi tutt'intorno a noi, tutti tremavano per la forza delle mie spinte nel buco della figa di mia figlia.

Dopo alcuni minuti che l'hanno penetrata duramente sul mio banco da lavoro, ho tirato fuori il cazzo all'improvviso. La mia mano era ancora sul manico del guinzaglio. L'ho spinta sulla schiena sulla panca e ho afferrato uno dei miei trapani elettrici. Aveva una punta da trapano attorcigliata lunga diversi pollici, e lei iniziò a urlare nel suo bavaglio mentre lo inserivo lentamente nella sua fica spalancata. Ho tracciato dei cerchi attorno al bordo del suo buco con esso prima di infilarlo ulteriormente all'interno. Si bloccò, piangendo e urlando nel nastro. Ridacchiai, spingendo un altro pollice della punta del trapano nella sua figa. Poi ho iniziato a spingerla dentro e fuori di lei, fotterla mentre lei piangeva.

"Ascolta qui, troia," dissi a denti stretti. "È nel tuo interesse non resistermi. Non sei proprio nella posizione di resistere a tuo padre ora, vero?" Elizabeth scosse la testa, i suoi occhi azzurri così spalancati. "Esatto, puttana. Devi essere punita per quello che papà ti ha beccato a fare. Quanti ragazzi c'erano in quel fienile, Lizzy? Sette? Otto? Tutti a turno ti fottono... Che sgualdrina! Bene! per nient'altro che un cazzo! E hai appena sedici anni!"

Ho rimosso la punta del trapano e l'ho tirato al guinzaglio, tirandola fuori dalla panca rigida e poi costringendola a uscire dal capanno e di nuovo alla luce del sole. Ora aveva del nastro adesivo che le copriva la bocca, un collare da cane e un guinzaglio intorno al collo, e le mani ancora legate dietro la schiena. E la sua schiena era tutta fangosa e graffiata dalla dura scopata sul campo di grano e dalla scopata sul banco di lavoro. I suoi capelli biondi erano arruffati fino al cranio. Le lacrime tagliavano la sporcizia sulle sue guance fangose. Inciampò alcune volte mentre la guidavo in avanti attraverso un campo, fermandosi davanti a un gigantesco trattore agricolo lungo la strada. Lucifero trotterellava con noi, ansimando nel calore del sole pomeridiano.

Nonostante il nastro adesivo sulla sua bocca, potevo sentire le urla soffocate di Liz quando l'ho gettata sulle mani e sulle ginocchia, spingendo la sua testa sotto una delle enormi ruote del trattore. Il mio cazzo è ricaduto dentro di lei e in pochi secondi sono stato di nuovo fino alle palle nella sua fica, gettando indietro la testa in estasi. L'ho scopata così forte che stavo spingendo il suo corpo in avanti sotto di me finché il suo viso non è stato proprio contro la gomma dura della ruota gigante. Abbiamo entrambi grugnito dalla mia penetrazione selvaggia. Calciò con le gambe nel futile tentativo di togliermi di dosso. Il mio corpo forte e muscoloso è stato indurito e scolpito da una vita di lavoro nella fattoria, dominando facilmente la mia piccola figlia adolescente e bloccandola in modo che il mio cazzo potesse affascinare nelle profondità della sua carne umida!

Dopo alcuni minuti che la scopavano selvaggiamente contro il trattore, dovevo tirarmi fuori e riprendere fiato. Pianse, con le spalle accasciate e il viso che cadeva sull'erba. I ritagli d'erba si stavano attaccando alla sua pelle sudata. Il suo squarcio nella figa era di un colore rosso brillante, sexy, il suo piccolo buco nero si spalancava per la mia potente spinta. I radi capelli biondi sul suo grasso monticello della fica luccicavano al sole. Scossi la testa: sarebbe stata una giovane donna così adorabile se non si fosse trasformata in una troia così cattiva! Che dannata vergogna. Ma non c'era nient'altro da fare a parte unirsi e crogiolarsi nelle profondità delle sue pareti calde della fica, scopandola come solo un vero uomo sa fare!

Luke era seduto al mio fianco, entrambi a fissare l'adolescente biondo usato. Raccolsi Elizabeth, gettandola sopra la mia spalla, e camminai lentamente verso casa. Tutto quel cazzo duro mi aveva fatto venire sete! In un colpo solo del mio braccio ho fatto cadere tutto dal tavolo della cucina in un pasticcio sferragliante sul pavimento, e poi ho fatto stendere mia figlia sulla schiena. Ho versato un bicchiere di acqua ghiacciata e ho continuato a ingoiarlo mentre spingevo lentamente il mio cazzo nel suo buco. Gocce di liquido freddo caddero sul suo squarcio caldo mentre la scopavo, facendola contorcere e contorcersi sul tavolo. Sorrisi, buttando giù il bicchiere d'acqua mentre la scopavo, sapendo che doveva anche essere inaridita dal sesso bollente e dalle temperature torride all'esterno. Quando ho finito il bicchiere, l'ho capovolto e ho lasciato che le ultime gocce piovigginassero sul suo corpo nudo.

Ho tirato fuori il mio cazzo dal suo buco liscio e ho preso un cubetto di ghiaccio dal vassoio. Poi ho allargato le fica di Liz con le dita e ho spinto velocemente il cubetto di ghiaccio nel profondo del suo buco. strillò Elizabeth nel suo bavaglio. L'acqua ha iniziato a gocciolare fuori dalla sua figa rovente pochi istanti dopo. Sul tavolo si formò una pozzanghera. Ho sorriso, dicendole che questo è ciò che accade alle ragazze che si danno così facilmente ai ragazzi -- non fanno altro che scopare! Mi guardò con rabbia, ma io ricambiai il sorriso. Poi l'ho presa dal tavolo e l'ho messa in piedi. Tutta la schiena era rossa per il duro martellamento che stava ricevendo e anche per la tensione delle sue braccia ancora legate saldamente dietro la schiena.

Elizabeth era sporca e disgustosa -- era una giovane puttana disgustosa ma era anche sporca perché l'avevo scopata per tutto il terreno sporco. Quindi l'ho scopata sotto la doccia per un po'. Le sue grida erano ancora attutite dal nastro adesivo sulla sua bocca, ma a un certo punto mentre la scopavo da dietro nella vasca da bagno, giuro che potevo sentire un gemito provenire dalla sua gola. Per quanto fosse bello scoparla dappertutto, le mie palle stavano iniziando a farmi male e avevo un forte bisogno di sborrare! L'ho tirata fuori dalla vasca e non mi sono nemmeno preoccupato di asciugarci. Ha grugnito quando l'ho presa in braccio e l'ho portata fuori dal bagno e nella sua camera da letto. Ho aperto la porta con un calcio e l'ho lasciata cadere sul letto. Liz ha gridato aiuto quando le ho strappato il nastro adesivo dalla bocca. I suoi occhi incontrarono i miei, le lacrime le scendevano lungo le guance.

"Che cazzo, papà?! Vaffanculo! Vaffanculo, papà! Smettila! Per favore! Smettila, mi stai facendo male, per favore, basta, lasciami in pace! No! No! Per favore!" gridò Liz, la sua voce suonava roca.

Mi fissò dal suo letto rosa da ragazza mentre giaceva lì così impotente sulla schiena. Ma mi sono messo a cavallo del suo corpo prono e ho costretto le sue cosce tese ad aprire. Era indebolita per avermi opposto resistenza, le sue gambe si aprivano facilmente. Mi fermai per alcuni secondi, con la base del mio cazzo d'acciaio in mano. Le mie palle erano dure; erano pronti a esplodere, ma io stavo cercando di durare il più a lungo possibile umanamente. Poi ho puntato il mio grosso cazzo viola proprio per il suo squarcio e ho aperto la sua figa con il mio muscolo furioso, punendo la sua fica con la forza della mia penetrazione. Liz emise un forte urlo. Il suo letto iniziò presto a scricchiolare rumorosamente dal mio duro martellamento. Ho adorato scoparla sul suo copriletto rosa da ragazza! Era ancora abbastanza giovane da avere delle bambole e degli animali di peluche che circondavano il suo letto insieme alle foto dei suoi simpatici amici di scuola nei loro vestitini sgargianti.

Ho afferrato le caviglie di Liz e ho costretto le sue gambe magre sopra la sua testa, permettendo al mio cazzo di penetrare il suo buco al massimo. Sapevo che il mio cazzone era pronto a soffiare un carico enorme direttamente nella sua cervice! Stava ancora urlando, quindi ho preso un cuscino e gliel'ho messo sul viso, tenendolo fermo per alcuni secondi ma rilassandomi quando ha smesso di urlare. Ho sentito dei grugniti soffocati provenire da sotto il cuscino mentre continuavo a inchiodarla duramente con il suo corpo piegato sotto di me. I suoni osceni di schiaffi del mio cazzo nella sua fica riecheggiavano dalle pareti. Ho grugnito come un pazzo, usando ogni muscolo del mio corpo per scoparla, per impalarla, per inondarla di cazzo e sperma! Stava gemendo piano: "No, no, no" da sotto il cuscino.

Le mie palle si sono schiantate contro la sua ferita alla figa, pronte a scoppiare da un momento all'altro. Le ho tolto il cuscino dal viso e lei mi ha fissato con la bocca aperta mentre boccheggiava. Tutto il rumore nella stanza sembrava raggiungere un crescendo: lo scricchiolio del letto, lo schiaffo della pelle sulla pelle, i miei grugniti animaleschi, le grida di Liz, il suono del mio cazzo che strideva dalla sua figa succosa - tutto si è trasformato in un forte ruggito nelle mie orecchie fino a quando finalmente ci fu silenzio e mi resi conto che l'avevo spinta forte dentro per l'ultima volta. La mia puntura pulsava, la mia faccia si contorceva mentre torrenti di sperma eruttavano dalla mia testa di cazzo direttamente nel suo grembo. Stavo sussultando, le mie mani artigliavano le sue cosce morbide. Mi fissò negli occhi, la bocca spalancata per lo shock, il seno ansante. Sembrava che il mio cazzo continuasse a pulsare nel suo grembo per sempre. Sapeva che suo padre stava inseminando il suo buco da troia adolescente; sicuramente poteva sentire la mia puntura pulsante e i getti caldi di sperma che le lavavano le pareti della fica. Una sensazione che le era fin troppo familiare.

Rimasi dentro di lei, tenendole le gambe alte sopra la testa per diversi minuti dopo aver eiaculato nel suo grembo da adolescente. Il nostro respiro è rallentato. Elizabeth smise di fissarmi. Aveva chiuso gli occhi ed era semplicemente sdraiata lì a piangere con il cazzo di suo padre seppellito nella sua fica. Un sorriso si è insinuato sul mio viso sapendo che il mio cazzo arrivava più nel buco della sua fica di qualsiasi altro cazzo di ragazzino che si stava scopando. Il mio sperma ha sicuramente inondato la sua cervice. Non vedevo l'ora di scoparla di nuovo!

Storie simili

Il viaggio di Sandra Capitolo 2

Costantemente maltrattata Sandra si era stabilita in una vita di servitù. La sua umiliazione fu completa quando fu introdotta alla bestialità. Ma lungi dall'essere caduta in disgrazia, scoprì di apprezzare ciò che aveva ottenuto da un animale che non aveva avuto da nessun uomo: un lungo cazzo. Ormai “venduta” attendeva il suo nuovo Maestro. Caricata nell'auto di Paul, si rese conto che ora le apparteneva. Seduta sul sedile posteriore con Tyson, ha accarezzato il suo nuovo animale domestico. Ti sei esibita perfettamente stasera signorina disse Paul mentre tornava a casa Penso che ci sia una miniera d'oro tra le tue gambe...

0 I più visti

Likes 0

Mia moglie scopa suo fratello

Quando Sue ha scopato suo fratello --------------------------------- L'inizio di questo incidente è stato quando il fratello minore di mia moglie è venuto a trovarci nei giorni prima che le fotocamere digitali fossero così popolari. Avevo allestito una camera oscura dove sviluppavo e stampavo le mie fotografie e lui mi aveva portato un rullino di suo fratello maggiore da sviluppare e stampare. Le foto erano scatti di nudo della moglie di James, Mary. Non i nudi di tipo artistico ma il vero tipo XXX, le gambe aperte, tenendo aperte le labbra della sua fica, ecc. Tutti e 36 erano solo con lei...

282 I più visti

Likes 0

Un culo fuori di te e me

Copyright © 2007 di Tim King Laboratorio di narrativa del Goucher College Tutti i diritti riservati Un culo fuori di te e me Di Tim King Sciamai come un alveare lungo la strada fino all'appartamento di Susie. Quello che avevo appena visto era indicibile. Non c'era niente di buono in questo. Era disgustoso e sbagliato e la parte peggiore era che era completamente credibile, completamente nel regno della realtà. Questo è probabilmente ciò che mi ha fatto così incazzare. Non mi ero nemmeno preso la briga di chiamarla. Nel momento in cui ho capito che era lei, ho chiuso di colpo...

45 I più visti

Likes 0

Segna il punto_(1)

Segna il punto Stavo pensando mentre attraversavo la porta laterale di casa mia che questo era probabilmente il giorno peggiore della mia vita. Umiliato sul lavoro... no, minato da una merda piagnucolona che ha funzionato per me e mi ha quasi fatto licenziare. Per finire, il mio parco auto viene rovinato e devo implorare un passaggio a casa. Più umiliazione... proprio quello di cui ho bisogno. Perché ho trasferito la mia famiglia in questa città quando stavo già bene? Compreso oggi, mi sono fatto la stessa domanda 265 volte finora quest'anno. La casa è silenziosa, quasi. Sento un leggero gemito dal...

1K I più visti

Likes 0

Alla mamma piace guardare

La mamma amava guardare Penso che la mamma fosse un po' gelosa di me e dei miei fratelli, quando poteva ci guardava scopare in piscina in soggiorno. Era un po' sovrappeso, ma aveva delle tette enormi non un brutto culo. Sapevo che Billy ne stava ricevendo un po' dalla mamma, l'avrei sentito camminare lungo il corridoio, poi l'avrei sentito andare nella stanza della mamma e poi sgattaiolare fuori un'ora o giù di lì. Un giorno d'estate io e Bob stavamo nuotando in piscina, all'inizio è normale che entrambi indossassimo i costumi da bagno. Ma poi ha nuotato dietro di me e...

956 I più visti

Likes 0

Paul, sua zia e sua cugina Becky

Non l'ho mai misurato, ma potevo mettere entrambe le mani intorno alla mia erezione e la testa sporgeva ancora. Le mie dita non si sono toccate quando hanno raggiunto la mia erezione. Ho potuto dire guardando gli altri ragazzi che facevano la doccia dopo gli allenamenti di squadra che avevo un grosso cazzo. Quando ho avuto un duro lavoro durante la scuola ho potuto vedere alcune ragazze e insegnanti che guardavano il rigonfiamento dei miei pantaloni. Mi ha fatto sentire bene. Una calda giornata estiva stavo nuotando nella nostra piscina. Ero a casa da solo ed è stato bello nuotare nuda...

1.5K I più visti

Likes 0

Gli ingredienti di una troia Capitolo 1

Era una calda giornata estiva, stavo camminando verso il centro commerciale dove si trovava la mia migliore amica Rosie. L'ho aspettato tutta la settimana. Non la vedo da qualche mese. Dopo qualche minuto di camminata sotto il sole cocente ho finalmente raggiunto il centro commerciale. Eccola lì, bella come sempre. Era lì in piedi con i suoi jeans preferiti, una maglietta nera e una giacca di pelle che la facevano sembrare una motociclista. I suoi capelli erano ricci e rosso brunastro. Ero innamorato di questa ragazza e volevo dirglielo ma non sapevo come. Mi vide e un sorriso si allargò sul...

865 I più visti

Likes 0

La sua ragazza, mia cugina

Immagino che tutto sia iniziato un sabato pomeriggio. Il reggiseno di mia madre era in cima alla pila del bucato. Ha attirato la mia attenzione e ne sono rimasto subito affascinato. Ho rubato il reggiseno e sono corsa in camera mia a provarlo. Ricordo la fretta che mi diede. Mi è piaciuto e ho deciso di continuare. Ho fatto tutto il possibile per mettere le mani su più vestiti. Ho rubato reggiseni, mutandine, collant, slip e vestiti a mia madre. Costumi da bagno e reggiseni di mia cugina e di mia nonna. Non potevo averne abbastanza. Mi sforzavo di sembrare e...

744 I più visti

Likes 0

Porre l'altra guancia

Sono una persona profondamente religiosa. Credo nel fare il bene e nel resistere alla tentazione del male. Credo che i cristiani dovrebbero praticare l'umiltà e, quando subiscono un torto, porgere l'altra guancia. Con l'aiuto di mia moglie, Eve, lavoro sodo per essere una buona cristiana. Pensavo di salvare Eve e di portare la sua trasformazione. Sotto ogni punto di vista, Eva era una peccatrice. L'ho incontrata in un momento di debolezza. Un giorno, sono stato attirato in un club per gentiluomini contro il mio miglior giudizio e la mia conoscenza del bene e del male. Ero vergine in ogni senso della...

537 I più visti

Likes 0

Perdo la mia verginità anale con un ragazzo di Grindr nel suo camper

Questa è la vera storia di quando ho perso la verginità anale da un ragazzo di Grindr. Per una piccola informazione su di me, ero un atleta 6'2 di 18 anni con un bel sedere che i ragazzi sembrano amare così tanto. A quel tempo ero in un collegio e andavo su Grindr e chiacchieravo e scambiavo foto con altri ragazzi. Parlavo con molti ragazzi della mia zona ma l'unico problema era che mi trovavo in una zona così disabitata che non c'erano molti ragazzi molto vicini a me e non potevo viaggiare perché non avevo la macchina . C'era questo...

449 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.