Lato selvaggio

1.2KReport
Lato selvaggio

Lato selvaggio
di DDWard©
rivisto da DinoMagick (non ho scritto questa storia, l'ho solo rivista e apportato alcune piccole modifiche grammaticali per renderla più facile da leggere. Ho aggiunto un po' al finale, ma la maggior parte della storia appartiene a DDWArd e Asylumchild.

Un'erotica di World of Warcraft di Asylumchild



Disclaimer: questa storia è un'opera di finzione solo per l'intrattenimento. World of Warcraft e tutto il materiale correlato sono copyright di Blizzard Entertainment. Inoltre, la storia seguente rasenta temi maturi come la bestialità minore. Si consiglia la discrezione del lettore.




Il Tempo del Raccolto era giunto su Azeroth e le terre erano piene di brezze più fresche e dei colori brillanti del mutare delle stagioni. Le vaste foreste dell'Albero del Mondo, Teldrassil, non facevano eccezione. Le erbe erano un tappeto lussureggiante che ricopriva la scena di oro, rosso, giallo e marrone mentre le molte varietà di alberi mistici perdono le foglie annunciando l'arrivo dell'inverno. I corsi d'acqua scorrevano più lenti man mano che diventavano più freddi sulle colline e sulle scogliere, preparandosi anche al ghiaccio che sarebbe presto seguito.

Tale era anche la scena in cui il volto luminoso di Elune si alzò su queste terre magiche. Questo era il momento scelto dagli Elfi della Notte. Ad unirsi a loro in questa celebrazione notturna della natura e della bellezza c'erano i profughi dalle lontane terre di Gilneas, i Worgen. Guidati dagli Elfi della Notte, i Worgen avevano trovato una nuova casa e una nuova speranza. Alcuni erano stati persino addestrati nelle arti sacre del druidismo.

Il barone Wyatt sedeva vicino al ruscello sentendo l'erba e il vento. I suoi lunghi capelli neri erano raccolti in una coda di cavallo e dimenava le dita dei piedi nudi nella terra vicino alla riva di un ruscello mentre il vento gli rinfrescava il viso. Come la maggior parte delle notti, stava seduto a guardare la luna e ringraziare in silenzio la dea per la sua gentilezza nell'avere gli Elfi della Notte in soccorso del suo popolo. Senza di loro, non aveva idea di cosa sarebbe successo. Da allora si dedicò alla pratica della magia druidica. Scoprì di essere più frustrato di qualsiasi altra cosa cercando di fare le cose meravigliose che aveva visto fare agli Elfi della Notte, ma pensava che la maggior parte della sua rabbia fosse dovuta alla Maledizione di cui soffrivano tutti i rifugiati.

I suoi pensieri furono interrotti quando sentì la presenza di qualcosa di grande nell'ombra. Si guardò con cautela dietro le spalle e scrutò nell'oscurità raggiungendo prudentemente il suo bastone ferrato. Mentre le sue dita si strinsero sull'arma di legno, trattenne il respiro e ascoltò. Nessun suono raggiunse le sue orecchie. Non si mosse, ma ascoltò e guardò l'oscurità a cui i suoi occhi non si erano ancora abituati. Pensando di essere sciocco e paranoico, si maledisse silenziosamente per essere stato così ombroso e allentò la guardia. Fu allora che il grosso gatto si avventò.

Gridò allarmato quando l'animale lo fece cadere completamente dal suo trespolo e lo fece volare nell'acqua fredda del ruscello. Baron tornò in superficie ansimando per lo shock. Scappi di risate musicali risuonarono per tutta la notte mentre Baron se ne stava in piedi nell'acqua poco profonda fradicia fino all'osso e arrabbiato come un calabrone. Il gatto non c'era più e al suo posto c'era un bellissimo druido Elfo della Notte che si rotolava sull'erba ridendo in modo incontrollabile.

La sua pelle non era del normale tono viola come gli altri della sua razza, ma invece era del colore pallido della luna con i capelli blu scuro che le cadevano sulle spalle e giù per un torso snello. Occhi giocosi e luminosi come stelle gemelle erano decorati da segni tribali e labbra carnose e piene si curvavano in un ampio sorriso che illuminava un viso quasi da ragazza a forma di cuore.

"Era n - n- non DIVERTENTE, Illstya!" Il barone ringhiò tremante per il freddo tuffo nel ruscello.

L'Elfo della Notte soffocò la sua risata trasformandola in qualche risatina tranquilla mentre tendeva la mano al barone per aiutarlo a uscire dall'acqua fredda. Le sue semplici vesti erano inzuppate e aderivano pesantemente al suo corpo bagnato. Si coprì di nuovo la bocca cercando di fermare l'ondata di risate che esplodeva ancora una volta.

"Mi dispiace", ha detto con una voce simile a una canzone. "Non ho potuto fare a meno di approfittare di quella situazione, mio ​​carissimo Barone."

Illstya era la sua insegnante druidica e sebbene fosse più grande di lui di circa un secolo, sembrava ancora giovane e vivace come un'adolescente umana. Il barone non poteva essere arrabbiato con lei mentre si limitava a sedersi e sorridere. Sapeva che non poteva rimanere arrabbiato con lei e questo rendeva le cose ancora peggio per lui. Si sentiva sempre un povero novizio in sua presenza. Non era mai stata dura o crudele con lui, ma lui si sentiva sempre come se lo stesse prendendo in giro. Guardando il suo viso sorridente mentre sedeva sul bordo delle rocce facendo penzolare i suoi delicati piedi nell'acqua, sapeva che era la sua natura giocosa e il suo fascino che era arrivato ad adorare.

Nelle prossime settimane del suo addestramento, l'Elfo della Notte e i Worgen erano diventati amici intimi. Erano praticamente inseparabili. Il barone non poteva fare a meno di avvicinarsi al suo sé oscuro, ma non avrebbe mai potuto dirglielo. Anche se anche lei provava la stessa cosa (e non era mai chiaro se la ragazza fosse seria in qualcosa), lui era quasi completamente sicuro che avrebbe potuto e non avrebbe mai accettato lui e la sua... condizione. C'erano cose che anche lui aveva difficoltà ad accettare.

Cercò invano di strappare l'acqua dalle sue vesti quando sentì di nuovo allegre risatine provenire da Illstya. La rabbia iniziò a salire di nuovo in lui e guardò ferocemente l'Elfo della Notte. Non sembrava affatto minacciata dalla sua espressione e gli posò le labbra in modo scherzoso mentre continuava a sguazzare giocosamente i piedi nel ruscello. Quando distolse la sua attenzione da lui, Baron entrò in azione. Illstya guaì scioccato quando il barone si gettò su di lei. Aveva programmato di spingerla solo dentro, ma le sue vesti bagnate lo tirarono addosso e lui si gettò dietro di lei.

Il barone si ritrovò ancora una volta a sputare aria nel ruscello finché non ritrovò l'equilibrio. Illstya emerse davanti a lui ansimando. I capelli le coprivano il viso in boccoli bagnati e le sue vesti ora erano fradice come quelle di lui ora due volte inzuppate. Le risate erano cessate e il barone ora stava guardando una donna Elfa della Notte furiosa e completamente inzuppata. I suoi occhi brillavano ferocemente mentre calpestava con uno sguardo omicida il tremante Worgen.

"Ora, Illstya," balbettò il barone alzando una mano nel debole tentativo di scongiurare la sua furia. "Non volevo... volevo solo... Non arrabbiarti... per favore... io..."

Ha cercato di scappare ma si è ritrovato a fare retromarcia in acque più profonde. Quando l'acqua fredda gli raggiunse la vita, si rese conto di non avere un posto dove scappare. L'Elfo della Notte è arrivato. Il suo corpo tremava e il barone non era sicuro che fosse per il freddo o la sua furia. Con uno strillo primordiale, Illstya si avventò su Baron mandandoli entrambi in un torrente di spruzzi d'acqua fredda. Si schizzarono a vicenda e lottarono nel torrente fino alla vita. Illstya mormorò imprecazioni in Darnassian e Common mentre agitava i pugni a malincuore verso Baron, che poteva solo schivarsi meglio che poteva e proteggersi la faccia da colpi e schizzi vaganti.

Illstya inciampò tra le braccia del barone e loro sguazzarono per un po' prima che ritrovasse l'equilibrio. I loro occhi si incrociarono: lui per la paura e lei per la rabbia. Quando la lotta e gli schizzi cessarono, entrambi si fissarono e notarono che entrambi erano bagnati e tremavano al punto che i loro denti battevano a un ritmo quasi perfetto. All'unisono sorrisero e poi tremarono di risate che iniziarono nelle loro viscere gelate ed esplosero come lunghe risate sonore.

Risero per quella che sembrò un'eternità fino a svanire in alcune risatine vaganti. Illstya fece scorrere le mani sulle spalle larghe del barone (anche se era quasi una testa più alta di lui) e lo guardò negli occhi. Il barone deglutì notando lo sguardo che le attraversò il viso. Era inconfondibile mentre sembrava scrutare ogni centimetro del suo viso mentre le sue mani si muovevano lentamente sulle sue spalle. Le sue labbra si aprirono leggermente e la punta della lingua le inumidiva inconsciamente il labbro superiore. Baron era congelato, perso nei suoi occhi e nel suo tocco che la teneva intorno alla sua vita snella. Non poteva parlare. Tutti i dubbi su come si sentiva svanirono in quel flusso freddo tra le sue braccia accentuato dallo sguardo crudo di desiderio nei suoi occhi. I suoi occhi si chiusero a metà mentre si avvicinava al suo viso. Baron poteva sentire il suo respiro sulle sue labbra e sentì i suoi occhi chiudersi. Poi, all'improvviso, sembrò tornare in sé.

"No, Illstya," disse allontanandosi dalle sue avances. "Non possiamo."

«Oh, barone», sussurrò. "Voglio questo. Per favore, non lo vuoi?"

Il barone la guardò impotente. "Lo sai che lo so," rispose, "ma non possiamo. Lo sai che non possiamo. Lo sai... lo sai cosa sono."

Illstya gli prese il viso tra le mani morbide e lo guardò profondamente negli occhi. "Sì, lo so", disse con fermezza, "e non mi interessa. Puoi controllare la tua forma proprio come puoi trasformarti in un grande gatto o in un potente orso."

Le sue labbra sfiorarono le sue ei loro occhi si chiusero. "Forse trovo attraente il tuo lato selvaggio", sussurrò. Il suo bacio era come un fuoco che lo scaldava dalla testa ai piedi.

Il barone riusciva a malapena a respirare mentre ricambiava il bacio. Il calore delle sue labbra gli fece dimenticare l'acqua fredda che vorticava intorno a loro. Tutto quello che sapeva era la connessione magica tra le sue labbra e le sue mentre lei gli cullava il viso e lui l'attirò vicino a sé. Poteva già sentire il suo profumo mentre il suo desiderio cresceva. Sospirò mentre la sua lingua ballava con la sua. Cominciò a baciarle il collo e la guancia lisci e Illstya gemette mentre lo faceva. Baron inspirò il suo muschio ed era opprimente. Cominciò a baciarla avidamente anche mordicchiandole le orecchie finché non sentì iniziare il cambiamento. Inorridito, Baron sussultò e si ritrasse scuotendo la testa. Illstya gli baciò le labbra e non lo lasciò andare.

«Puoi farcela», sussurrò. "Concentrati solo su di me. Concentrati su di me e su come si sente il tuo lato umano."

Si diressero verso la riva dove il barone si tolse le vesti inzuppate di Illstya. La sua pelle carnosa d'oca sotto era tesa e liscia. Il barone baciò ogni centimetro di lei che era scoperto mentre il panno bagnato veniva tirato via e la sua pelle umida sotto si riscaldava sotto le sue leccate e baci. Illstya si contorse sull'erba mentre il barone le solleticava lo stomaco con la lingua. Sussultò quando le sue vesti furono aperte liberando i suoi seni generosi nell'aria notturna. I suoi capezzoli si indurirono fino al punto di soffrire quando l'aria fredda soffiava sulle cime bagnate. Il barone ne prese uno nella sua calda bocca e Illstya gemette sonoramente inarcando il petto, cedendo e arrendendosi alla sua lingua e alle sue labbra abili.

"Oh Dea," gridò afferrando le sue vesti e cercando debolmente di strapparle via dal suo corpo fradicio. "ooooh che si sente così bene."

Il barone si allontanò rapidamente le vesti bagnate fradicie dalle braccia muscolose e dal busto senza mai distogliere la sua attenzione e la bocca dai suoi capezzoli sassosi. Ne mordicchiò uno mentre le sue dita pizzicavano l'altro, facendolo rotolare tra il pollice e l'indice. Illstya si mosse sotto di lui sgroppando e miagolando persa nei suoi desideri. Baron annusò profondamente e annusò il suo muschio femminile forte e dolce. La Bestia dentro di lui ringhiò e lui lo schiacciava di nuovo, ma non prima di aver sentito il suo cazzo agitarsi.

Illstya fece scorrere freneticamente le mani sulle forti braccia di ferro che la tenevano e le sue unghie graffiarono i muscoli inflessibili della sua ampia schiena. Non si era mai sentita così viva. Era se la sua stessa Bestia stava artigliando per cercare di emergere. Sentì mani ruvide accarezzarle le cosce e gemette aprendo le gambe e sollevando i fianchi per guidare Baron dove lo voleva. Le baciò e le succhiò l'altro capezzolo con forza mentre la sua mano indagatrice sentiva il calore e le accarezzava il sesso liscio.

Lo sentì ringhiare mentre si alzava verso di lei. I suoi occhi erano già gialli e i suoi denti erano allungati. Non si tirò indietro, ma gli prese il viso a coppa e lo calmò.

"Resta con me," sussurrò, "TU sei la Bestia. Non ti controlla."

Alle sue parole, il suo viso tornò su Human ei suoi occhi persero il loro bagliore arrabbiato. La baciò ancora una volta. La sua mano non si mosse mai dalla sua femminilità e lei sapeva che poteva sentirla bagnarsi. Vederlo così selvaggio e primordiale l'aveva eccitata al di là di qualsiasi cosa avesse mai conosciuto. Come se percepisse i suoi pensieri, sentì le sue dita aprire le sue labbra inferiori. Illstya si inarcò verso di lui e gemette il suo nome, implorando e implorando il rilascio. Le sue dita stuzzicarono il suo ingresso finché non si sentì come se stesse per esplodere. Poi, quando le sue dita si sfregarono contro il suo clitoride pulsante, lei lo fece.

Il barone non aveva idea che una donna potesse reagire in quel modo al suo tocco. Illstya gettò indietro la testa e spalancò la bocca. Il suo lamento acuto risuonava come un uccello da preda mentre tutto il suo corpo si tendeva e lui la sentì pulsare e rilassarsi, bagnandosi la mano come se l'avesse immersa nel fiume. Il suo muschio gli riempì le narici ancora una volta e lui era stordito dal desiderio.

La Bestia si mosse di nuovo artigliando e ruggendo per essere liberata. Il barone pensò alle sue lezioni druidiche. Ha deciso di cavalcare la bestia invece di combatterla. Posizionandosi sul corpo ancora tremante di Illstya, mise il suo cazzo in bilico sul suo sesso fradicio. Lo sguardo che Illstya gli rivolse era la cosa più erotica che Baron avesse mai visto. L'Elfa della Notte gli avvolse le braccia attorno al collo contemporaneamente alle sue lunghe gambe intorno alla sua vita mentre la sua lingua inumidiva languidamente le sue labbra secche mentre ansimava ancora riprendendosi dall'orgasmo.

"Prendimi," sussurrò con voce roca, "voglio questo, barone. Per favore... prendimi."

La entrò con una spinta profonda che la fece sussultare. Era così bello che i suoi occhi si spalancarono per l'attesa. Il barone iniziò ad addentrarsi più in profondità in Illstya, sentendo le pareti del suo tunnel, accarezzando la sua asta dall'interno di lei. Illstya iniziò a gemere a denti stretti mentre cercava di muoversi in sincronia con lui costringendo il suo glorioso cazzo più in profondità dentro di lei.

"Grazia di Elune!" gridò gettando indietro la testa e letteralmente dimenandosi sotto di lui. Il barone si mosse sempre più velocemente. Si allungò, avvolgendo la sua gamba attorno al suo braccio per tenerla aperta più ampia mentre andava il più in profondità possibile. Illstya gemette di estremo piacere, sentendolo martellare nel suo corpo lussurioso.
Mentre un altro orgasmo la attraversava, Baron poteva sentire l'odore del suo sesso piangente. Sudore, lussuria, sesso e desiderio gli riempivano il naso e i polmoni. La Bestia dentro di lui sbatté ancora una volta la sua gabbia. Il barone lo combatté mentre segava furiosamente la figa di Illstya, sentendo i suoi muscoli contrarsi intorno a lui.

Illstya afferrò la testa del barone e se lo portò alle labbra, baciandolo completamente con tutta la sua lussuria eccitata. Lei gemette e sospirò consumando le sue labbra con le sue. A un certo punto lei gli morse il labbro inferiore con un ringhio.

"Barone, voglio che tu mi prenda davvero," gemette con un desiderio folle, guardandolo negli occhi. Lo sguardo feroce del desiderio sfrenato e del bisogno primordiale sembrava chiamare la Bestia che desiderava disperatamente uscire allo scoperto. Il barone non sapeva cosa fare, sentì che il suo controllo stava svanendo.

"Fottimi come un animale, lascia che la tua bestia esca." ringhiò disperatamente verso di lui.

La Bestia uscì mentre continuava a martellare la sua dolce carne. La pelliccia gli spuntava su tutto il corpo muscoloso. Le orecchie e la faccia si allungavano fino a diventare un muso di lupo pieno di zanne affilate, le unghie estese in artigli che squarciavano il terreno attorno all'Elfo della Notte nudo, e i suoi muscoli si muovevano e si contorcevano sotto la pelle tesa mentre le sue gambe si agganciavano e si piegavano diventando quelle di un lupo, invece di un uomo. Illstya si inarcò fino al suo corpo peloso gridando mentre anche il suo cazzo cambiava diventando più lungo e più spesso dentro di lei, allungandola al limite.

Il barone ruggì un basso ringhio roboante e poi si lamentò quando sentì Illstya gridare da sotto di lui. L'ultima cosa che avrebbe voluto fare era ferirla. Cominciò ad allontanarsi finché lei improvvisamente avvolse le sue lunghe gambe sexy intorno alla sua vita e lo attirò vicino spostando furiosamente i suoi fianchi verso i suoi. Capì allora che le sue grida non erano di dolore, ma di estasi. Con un ruggito di trionfo, il barone afferrò i fianchi dell'Elfo e se la fotte brutalmente più velocemente e duramente che poteva.

Illstya urlò e gemette tirandosi freneticamente la pelliccia e muovendosi con lui come meglio poteva. La sua figa si allungava per accogliere il suo cazzo appena allargato mentre si spingeva dentro di lei ancora e ancora inzuppando lui e il terreno sottostante con il suo dolce nettare. Quando alla fine sentì il calore familiare crescere nelle sue viscere, capì che non sarebbe durato a lungo. Illstya strinse i denti e capì che anche lei era vicina. Il barone si infilò in lei senza pietà mentre gemeva sempre più forte.

"Barone!" gridò: "Oh Barone sì! Datemelo!"

Inarcò la schiena quando il suo orgasmo la colpì con uno shock, fluendo attraverso il suo corpo come un'onda di marea prima di schiantarsi sulle rive della sua figa esigente. Il barone si spinse in profondità dentro Illstya e gettò indietro la testa e urlò. Il suo ululato era lungo e profondo quasi in concerto con il suo seme caldo e denso, che scorreva nel corpo sexy di Illstya. Non riuscì a fermarlo, l'istinto si impadronì di lui e spinse profondamente nel nucleo di Illstya ancora e ancora, mandando fiotti dopo zampilli del suo caldo seme Worgen nel suo grembo. Illstya sussultò e grugnì con ciascuna delle sue enormi spinte sentendo il suo cazzo di lupo deliziosamente duro ed enorme mentre seppelliva in profondità nella sua figa tremante.

Per alcuni istanti, i due amanti tremarono mentre i loro orgasmi diminuivano e scorrevano. Ansimando e senza fiato, i cuori che battevano come tamburi di guerra, crollarono insieme. Illstya accarezzò il soffice petto peloso del barone e iniziò ad accarezzarlo con dolci baci e tubature. Il barone la tenne stretta a sé, respirando il suo sudore salato e l'odore muschiato. Quando alla fine presero fiato, Illstya prese a coppa la parte inferiore del muso del barone e lo guardò negli occhi.

"Non hai idea di quanto ho voluto che mi prendessi nella tua forma Worgen", sussurrò sognante.

"Temevo di farti del male", spiegò la voce roca di Baron mentre tornava alla sua forma umana.

"L'unico modo in cui potresti farmi del male è che non credi in te stesso", rispose. "Devi accettare e domare le Bestie che hai dentro. Diventa tutt'uno con la natura, la sua ferocia e la sua bellezza. Imbrigliala come un Druido e controllala come un Worgen."

"Vedo che ho ancora molto da imparare," sospirò burbero.

"Mmmm," Illstya afoso fece le fusa e lo baciò profondamente. "Forse... E ho tanto da insegnarti, mio ​​allievo."

Lo baciò completamente mentre accarezzava il suo petto muscoloso ora nudo e gli mordicchiava l'orecchio prima di aggiungere: "Inoltre, la notte è ancora giovane...". Tubò, alzando le sopracciglia in modo invitante.
Il barone le rivolse un sorriso malizioso, il suo corpo teso mentre iniziava a trasformarsi nella sua forma Worgen. Questa volta il dolore del cambiamento è stato molto minore perché ha accolto con favore la sua bestia interiore. Con un'espressione malinconicamente eccitata, gli occhi di Illstya si spalancarono per l'attesa e il desiderio. Quando ebbe finito di trasformarsi, il suo basso grugnito verso di lei segnalava il suo controllo, che il barone era lì dietro gli occhi del lupo.
Quando la afferrò con le sue grandi mani artigliate, lei squittì di felice sorpresa. Nessuno dei suoi artigli affilati ha lasciato un segno sul suo corpo liscio e sexy mentre la costrinse sulla schiena, allargò le sue lunghe gambe e premette il suo muso tra le sue cosce e iniziò a leccare generosamente il suo liscio sesso nudo. Si lamentò e si opponeva alla lunga lingua di talento del barone mentre lui le leccava e le sondava la figa.
Per molti lunghi momenti, ha infilato la lingua nella fica di Illstya. Soffocò un grido quando il suo corpo si tese e lasciò scorrere la sua crema. Ha mandato Baron in delirio mentre ingoiava la sua gustosa crema, tirandole il sesso in bocca mentre beveva da lei.
Una volta che lei emise un sussulto sensuale e il suo corpo si rilassò un po', lui la fece girare senza sforzo sullo stomaco, poi le afferrò i fianchi e sollevò il suo splendido culo in modo da poter arare il suo cazzo duro e palpitante gonfio di sangue nella sua figa calda e stretta. Emise un grido primordiale di inspiegabile bisogno quando lui iniziò a martellarle selvaggiamente il suo fallo di Worgen dentro di lei.
L'ha scopata come voleva, come lei gli aveva chiesto. Pestando in lei come un animale feroce e feroce. Con un ululato di gioia, la strinse saldamente e si chinò sul suo corpo nudo, la sua lussuria colmava la rabbia che faceva gemere e singhiozzare Illstya. Con una potente spinta che la fece grugnire forte, emise un ringhio e iniziò a pompare il suo denso sperma caldo di Worgen nelle profondità del suo grembo. Spinta dopo spinta mandò sempre più del suo potente seme a Illstya. Poteva solo sussultare e grugnire mentre il respiro le veniva tolto di dosso ad ogni colpo punitivo del suo cazzo.
Ha fatto accoppiare il sexy Elfo della Notte, a lungo nella notte e poi per molte altre ore fino al mattino presto del giorno successivo, ognuno dei quali unirsi ai due è stato più divertente e soddisfacente dell'ultimo.
Il barone non temeva più la bestia dentro di lui e con grande piacere di Illstya, provava molta soddisfazione mentre la prendeva costantemente nella sua forma di Worgen, riempiendola con il suo seme e rivendicandola pienamente come sua compagna.
Pochi giorni dopo, non lo sorprese affatto, ma sbalordiva tutti gli altri, quando Illstya annunciò di essere incinta.
"Amore mio, partorirò volentieri i tuoi figli." Illstya gli ha detto dopo che le celebrazioni erano terminate dal suo annuncio.
Non pronunciò una sola parola, ma la trascinò a casa loro nel profondo della foresta e la fotteva nella notte e molto tempo dopo che il sole era sorto il giorno successivo. "Mia cara..." iniziò seriamente il barone con respiri affannosi una volta tornato in forma umana. "Voglio che mi porti molti figli, mi credi?" Disse con un sorriso malizioso stampato in faccia.
"Non ho dubbi su questo, barone amore mio." Lei ha risposto in modo seducente e lo ha tirato sopra il suo corpo nudo, il suo sperma ancora gocciolava pesantemente dalla sua figa ben fottuta. "Ora, dammi più della tua pelliccia."
Illstya ha continuato a insegnare al barone le vie dei druidi e il loro amore non è mai diminuito o rallentato fino a quando il suo ventre non è stato grande e maturo con suo figlio. Non sapeva quasi mai che lui non la tenesse nuda e ben soddisfatta. Avrebbe continuato a dare alla luce i suoi amorevoli figli Worgen, quanti ne voleva.
Le loro lunghe vite insieme erano costantemente piene dei suoni di bambini amorevoli e del bagliore di Illstya sempre incinta.

Storie simili

Il viaggio di Sandra Capitolo 2

Costantemente maltrattata Sandra si era stabilita in una vita di servitù. La sua umiliazione fu completa quando fu introdotta alla bestialità. Ma lungi dall'essere caduta in disgrazia, scoprì di apprezzare ciò che aveva ottenuto da un animale che non aveva avuto da nessun uomo: un lungo cazzo. Ormai “venduta” attendeva il suo nuovo Maestro. Caricata nell'auto di Paul, si rese conto che ora le apparteneva. Seduta sul sedile posteriore con Tyson, ha accarezzato il suo nuovo animale domestico. Ti sei esibita perfettamente stasera signorina disse Paul mentre tornava a casa Penso che ci sia una miniera d'oro tra le tue gambe...

0 I più visti

Likes 0

La sua ragazza, mia cugina

Immagino che tutto sia iniziato un sabato pomeriggio. Il reggiseno di mia madre era in cima alla pila del bucato. Ha attirato la mia attenzione e ne sono rimasto subito affascinato. Ho rubato il reggiseno e sono corsa in camera mia a provarlo. Ricordo la fretta che mi diede. Mi è piaciuto e ho deciso di continuare. Ho fatto tutto il possibile per mettere le mani su più vestiti. Ho rubato reggiseni, mutandine, collant, slip e vestiti a mia madre. Costumi da bagno e reggiseni di mia cugina e di mia nonna. Non potevo averne abbastanza. Mi sforzavo di sembrare e...

743 I più visti

Likes 0

Mia moglie scopa suo fratello

Quando Sue ha scopato suo fratello --------------------------------- L'inizio di questo incidente è stato quando il fratello minore di mia moglie è venuto a trovarci nei giorni prima che le fotocamere digitali fossero così popolari. Avevo allestito una camera oscura dove sviluppavo e stampavo le mie fotografie e lui mi aveva portato un rullino di suo fratello maggiore da sviluppare e stampare. Le foto erano scatti di nudo della moglie di James, Mary. Non i nudi di tipo artistico ma il vero tipo XXX, le gambe aperte, tenendo aperte le labbra della sua fica, ecc. Tutti e 36 erano solo con lei...

282 I più visti

Likes 0

Un culo fuori di te e me

Copyright © 2007 di Tim King Laboratorio di narrativa del Goucher College Tutti i diritti riservati Un culo fuori di te e me Di Tim King Sciamai come un alveare lungo la strada fino all'appartamento di Susie. Quello che avevo appena visto era indicibile. Non c'era niente di buono in questo. Era disgustoso e sbagliato e la parte peggiore era che era completamente credibile, completamente nel regno della realtà. Questo è probabilmente ciò che mi ha fatto così incazzare. Non mi ero nemmeno preso la briga di chiamarla. Nel momento in cui ho capito che era lei, ho chiuso di colpo...

45 I più visti

Likes 0

Migliori amici con vantaggi

Annabelle gridò dall'altra parte della casa Sbrigati! Faremo tardi! È una mia vecchia amica d'infanzia e si è trasferita da poco, poiché i suoi genitori hanno deciso che doveva trasferirsi da casa loro. Ho deciso di fare la cosa giusta per farla trasferire da me. Voglio dire, perché no? Entrambi abbiamo fatto tutto insieme. Frequentavamo le stesse classi, andavamo in giro al cinema e passavamo anche molti pigiama party insieme. Divento troppo timido quando provo a chiederle di uscire. Ehi! L'autobus non ci aspetterà più! Il clacson dell'autobus suonò fuori dal finestrino e io sfuggì rapidamente al mio sguardo, dove ho...

1.1K I più visti

Likes 0

Segna il punto_(1)

Segna il punto Stavo pensando mentre attraversavo la porta laterale di casa mia che questo era probabilmente il giorno peggiore della mia vita. Umiliato sul lavoro... no, minato da una merda piagnucolona che ha funzionato per me e mi ha quasi fatto licenziare. Per finire, il mio parco auto viene rovinato e devo implorare un passaggio a casa. Più umiliazione... proprio quello di cui ho bisogno. Perché ho trasferito la mia famiglia in questa città quando stavo già bene? Compreso oggi, mi sono fatto la stessa domanda 265 volte finora quest'anno. La casa è silenziosa, quasi. Sento un leggero gemito dal...

1K I più visti

Likes 0

Alla mamma piace guardare

La mamma amava guardare Penso che la mamma fosse un po' gelosa di me e dei miei fratelli, quando poteva ci guardava scopare in piscina in soggiorno. Era un po' sovrappeso, ma aveva delle tette enormi non un brutto culo. Sapevo che Billy ne stava ricevendo un po' dalla mamma, l'avrei sentito camminare lungo il corridoio, poi l'avrei sentito andare nella stanza della mamma e poi sgattaiolare fuori un'ora o giù di lì. Un giorno d'estate io e Bob stavamo nuotando in piscina, all'inizio è normale che entrambi indossassimo i costumi da bagno. Ma poi ha nuotato dietro di me e...

956 I più visti

Likes 0

Paul, sua zia e sua cugina Becky

Non l'ho mai misurato, ma potevo mettere entrambe le mani intorno alla mia erezione e la testa sporgeva ancora. Le mie dita non si sono toccate quando hanno raggiunto la mia erezione. Ho potuto dire guardando gli altri ragazzi che facevano la doccia dopo gli allenamenti di squadra che avevo un grosso cazzo. Quando ho avuto un duro lavoro durante la scuola ho potuto vedere alcune ragazze e insegnanti che guardavano il rigonfiamento dei miei pantaloni. Mi ha fatto sentire bene. Una calda giornata estiva stavo nuotando nella nostra piscina. Ero a casa da solo ed è stato bello nuotare nuda...

1.5K I più visti

Likes 0

Gli ingredienti di una troia Capitolo 1

Era una calda giornata estiva, stavo camminando verso il centro commerciale dove si trovava la mia migliore amica Rosie. L'ho aspettato tutta la settimana. Non la vedo da qualche mese. Dopo qualche minuto di camminata sotto il sole cocente ho finalmente raggiunto il centro commerciale. Eccola lì, bella come sempre. Era lì in piedi con i suoi jeans preferiti, una maglietta nera e una giacca di pelle che la facevano sembrare una motociclista. I suoi capelli erano ricci e rosso brunastro. Ero innamorato di questa ragazza e volevo dirglielo ma non sapevo come. Mi vide e un sorriso si allargò sul...

865 I più visti

Likes 0

Fuori a fare festa

Frugando tra i miei vestiti mi metto su un vestito nero attillato che esprime bene le mie curve. Le mie grandi coppe rotonde B sono appoggiate sul bordo del vestito mentre il mio sedere si apre facendolo sembrare rotondo. Il mio ragazzo mi ha detto che stasera saremmo stati selvaggi e ci saremmo vestiti da troia. Non so mai cosa ha in mente, mi sorprende sempre con le cose. Che si tratti di eventi o regali, ha un'immaginazione. Mi chiedo come una parte di questo non lo abbia mandato in prigione con quello che fa. Vibrando nella mia tasca, il mio...

966 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.