Gli impulsi arrapati della figlia - 6

360Report
Gli impulsi arrapati della figlia - 6

Janie si svegliò la mattina dopo sentendosi fresca e viva. Si alzò e si guardò allo specchio. I suoi occhi brillavano e la ritrovata consapevolezza brillava in profondità dentro di loro.

Volendo compiacere suo padre, si sedette al suo comò, nuda. Si è truccata con la stessa cura che sapeva e poi si è sistemata i capelli in una coda di cavallo. Quando ebbe finito, scelse una camicetta beige sottile e una gonna corta marrone chiaro. Dopo aver scelto un reggiseno rosa e un bikini slip di nylon trasparente, si è vestita. Guardandosi allo specchio, sapeva di essere abbastanza brava da mangiare e lui era sicuro che suo padre avrebbe pensato la stessa cosa.

Ma la mattinata trascorse lentamente per lei. Per tutta la mattina, ha continuato a guardare suo padre, a guardarlo e a sperare in qualche segno. Ogni volta che passava, lei lo guardava con la coda dell'occhio. Voleva che la facesse sentire bene. Aveva bisogno che lui le desse ancora un po' del suo cazzo, ma tutto ciò che ha fatto è stato sorridere e darle una pacca sulla testa.

Nel pomeriggio Janie fu fortemente tentata di entrare nella sua stanza e farsi fottere con la sua spazzola per capelli. Ma riuscì a controllarsi, sperando che suo padre facesse qualcosa per la sua fica pruriginosa. Quando finalmente fu quasi pronta per andare a farlo da sola, suo padre la chiamò in soggiorno mentre sua madre era in cucina.

"Janie," disse, prendendola in grembo e baciando le sue dolci labbra, "è stato difficile per me controllarmi tutto il giorno, lo sai?"

Janie annuì e sorrise, guardandolo negli occhi. Poteva sentire il suo cazzo che le spuntava tra le chiappe, spingendole il buco del culo. Il suo buco del culo bruciava per qualcosa dentro e sapeva che voleva essere scopata lì. Ma poi si ricordò delle dimensioni del cazzo di suo padre e ci ripensò. Forse non sarebbe stata in grado di prendere il suo cazzo lì, dopotutto. Dimenò il sedere mentre lui le pizzicava i capezzoli attraverso la camicetta.

"Ecco cosa faremo", sussurrò. "Tra poco tua madre va al negozio. Se ti chiede di accompagnarla, dille che non ti senti bene." Le sue dita affondarono sotto la sua gonna. "Scommetto che ti sentirai dannatamente bene subito dopo che se ne sarà andata, tesoro, ah-ah."

"Va bene, papà," rispose lei con entusiasmo. "Non vedo l'ora!"

Più tardi, dopo che sua madre se ne fu andata, Janie si precipitò tra le braccia di suo padre. Lo abbracciò forte e lo baciò sulle labbra. Ha risposto proprio come avrebbe dovuto, felice di scoprire che sua figlia aveva ereditato la sua eccitazione.

Le loro bocche si aprirono e scivolarono l'una sull'altra. Janie leccò la bocca di suo padre finché non fu bagnata, la sua lingua vorticava tra le sue labbra. Sentì il tocco della sua lingua sulla sua e le loro lingue iniziarono a danzare nella lussuria. Girando la testa da una parte all'altra, si baciarono appassionatamente alla francese mentre il bruciore nei loro lombi si diffondeva.

Poi Janie si sentì allontanare. Si fece indietro mentre John la guardava dalla testa ai piedi.

Ha ispezionato il suo trucco e i suoi capelli: impeccabili. Il suo cazzo si contrasse mentre ispezionava le linee lisce e aggraziate della sua testa e del collo. Il suo cazzo si irrigidì. Scrutò le sue tette da dove i suoi capezzoli uscivano dal suo reggiseno. Il suo cazzo pulsava. I suoi occhi vagarono lungo il suo corpo snello e sulle sue gambe lisce e snelle. Il suo cazzo pulsava. Fissò avidamente i suoi piedi, poi i suoi occhi si spostarono verso l'alto. Si sono concentrati sul posto sopra la sua fica. Visualizzò le labbra morbide, gonfie e avvincenti della fica tra le sue cosce. Il suo cazzo si alzò e attirò la ragazza a sé. Le loro bocche si incontrarono di nuovo e le sue mani si riempirono delle sue chiappe.

Il corpo di Janie era in fiamme. Il calore si diffondeva in lei, la sua fica bruciava. Il suo clitoride era gonfio e palpitante, rendendo nota la sua presenza. Il sedere le formicolava mentre allargava le gambe e premeva la fica contro il cazzo duro di suo padre. Lo voleva dentro di sé!

"Oh, papà," ansimò, "fottimi!"

Suo padre ridacchiò: "Lo farò, piccola, ma non ancora".

Una delle sue mani scivolò sulla sua figa mentre l'altra continuava a stringerle il culo. Janie sentì le sue mutandine essere spinte da parte e due dita iniziarono a solleticarle la figa esposta. Diventando sempre più eccitata di minuto in minuto, allargò ulteriormente le gambe per permettergli di prendere la sua fica gocciolante.

Le dita di suo padre le stuzzicarono lentamente le labbra della figa. Leggermente, sfiorarono su e giù le labbra carnose e Janie gemette di piacere. Dopo aver solleticato i peli sensibili, un dito si è immerso nella fessura della sua figa. Janie gemette un po' più forte. Il dito giaceva longitudinalmente lungo la sua fessura e spingeva. Le sue labbra di fica si separarono e il dito affondò tra di loro. La sua fica bruciata e il succo scivoloso del cazzo è uscito dal suo buco della figa.

Lentamente il dito scivolò su e giù per tutta la lunghezza della fessura rosa della sua fica. Si è spinto tra le labbra della sua fica, massaggiando molto bene la carne sensibile della figa. Prima che si tuffasse nel buco, però, si ritrasse e scivolò ancora una volta in cima alla fessura della sua fica.

Dopo che suo padre le aveva preso in giro la fica quasi al punto di scoppiare, alla fine ha trascinato il dito sul suo clitoride. Usò la punta del dito per circondarlo, massaggiandolo in delicati cerchi a spirale verso l'interno, il dito si avvicinava sempre di più al segno. Quando finalmente lo raggiunse, Janie aveva le gambe ampiamente aperte, spingendo la figa contro la sua mano.

Il clitoride della ragazza era dolorante ed estremamente gonfio. I suoi occhi erano semichiusi, brillavano di piacere. Guardò suo padre con uno sguardo di lussuria. Il suo sedere girava, masturbandosi il clitoride contro il dito di suo padre. Il piacere è stato così buono che la ragazza ha pompato la fica più saldamente.

"Oh, sì! Oh, sì, papà... strofinalo! Strofinami il clitoride, papà... ohhhh, è bello! Oh, sì! Oh, sì! Oh, sì! Non fermarti... ohhhh , nooo ... non fermarti, non fermarti mai!"

Ma ormai il cazzo di John stava per esplodere di lussuria. Pulsava, grosso e gonfio dentro i suoi pantaloni. Ha teso la cerniera. Voleva uscire, voleva essere sepolto in un posto caldo e umido.

L'uomo guardò il viso grazioso e liscio della sua giovane figlia. Le sue labbra erano morbide, rosse e invitanti mentre le baciava. Sì, voleva succhiare il suo cazzo.

"Janie," sussurrò solleticando l'orecchio di sua figlia con il suo respiro caldo, "voglio che tu mi succhi il cazzo!"

Janie si sentiva bene e calda e la sua fica sfrigolava. Il suo cervello era preso dal piacere e sembrava che il calore nei suoi giovani lombi fosse tutto ciò che avesse mai conosciuto. Pensò di succhiare il cazzo di suo padre, immaginò di prendere il suo enorme cazzo in bocca. Aveva sentito parlare di fare una cosa del genere e il pensiero l'ha eccitata.

"O-ok, papà. B-ma... non l'ho mai fatto prima."

"Va tutto bene, tesoro, te lo insegnerò. So che sarai in grado di farlo bene."

Attirò la ragazza a sé, sentendo il calore del suo corpo giovane e magro. Il suo cazzo si alzò più potentemente mentre pensava di avere sua figlia che gli prendeva il cazzo in bocca.

«Inginocchiati davanti a me, Janie», ordinò suo padre.

Lentamente, quasi ipnotizzata, Janie si inginocchiò.

"Ora, calami i pantaloni."

Tremante, Janie si allungò tra le sue gambe. Ha slacciato i pantaloni di suo padre, poi li ha aperti. Ha visto l'enorme rigonfiamento sul suo cazzo e ha respirato più forte mentre si avvicinava ad esso. Muovendosi più velocemente ora, gli tirò giù i pantaloni e prese il suo cazzo mentre si liberava. Puntava su e fuori mentre suo padre era in piedi di fronte a lei con i pantaloni abbassati intorno alle caviglie.

Il calore del suo cazzo le bruciò nella mano. Afferrandolo saldamente, ne sentì la levigatezza satinata. Con una forte inspirazione, se lo immaginò in bocca, i nove pollici di cazzo caldo e palpitante. Il suo cazzo la fissò con il suo unico occhio fisso, aspettando con impazienza. Con aria interrogativa, Janie guardò suo padre.

"Annusalo!" chiese Giovanni.

Il suo cuore batteva forte mentre Janie si tirava il cazzo sotto il naso. Inspirò profondamente ancora e ancora. Chiudendo gli occhi, si godette l'odore del cazzo, premendo il naso contro la testa viola del gallo. Il suo calore le bruciava la carne mentre la sua eccitazione si trasmetteva alla sua fica.

"Ummm... aaahhh... mmmm," gemette.

"Annusa le mie palle! Sentile!"

Janie annusò la parte inferiore del cazzo di suo padre, scendendo con il naso. Le sue palle erano enormi, pelose e gonfie. Li ha annusati. Avevano un odore eccitante. Li soppesò nel palmo della mano. Erano pesanti. Meravigliosamente, strofinò il viso tra le gambe di suo padre, sotto i suoi dadi. Inalò ripetutamente, la sua fica sussultava per l'eccitazione mentre l'odore inebriante le riempiva i sensi. Automaticamente, la sua lingua serpeggiava fuori e gli leccò appena dietro le palle. Il gusto meraviglioso e sensuale le scivolò in bocca.

Suo padre le tenne delicatamente la nuca. Quando ebbe finito di leccare il sudore da sotto le sue palle, lui alzò la testa. Tenendo il cazzo con una mano, iniziò a strofinarlo su tutta la faccia all'insù di sua figlia.

"Senti il ​​mio cazzo contro la tua faccia!"

Janie sentì il calore del cazzo contro la morbidezza delle sue guance. Prima suo padre lo posò lungo un lato del suo viso. Giù un controllo le scivolò, sul mento, poi su per l'altra guancia, lasciando una scia di sperma appiccicoso. Lì, alla sua guancia destra, appoggiò il cazzo palpitante, bruciandole la carne con il suo calore. Suo padre poi glielo fece scivolare sulla fronte e sul naso. Alla fine, lo strofinò sulle sue labbra da un lato all'altro. Partendo da un angolo della sua bocca, lo passò all'altro. Quindi, invertendo il movimento, lo spinse indietro di nuovo. Lo posò al centro del suo viso, dalla fronte, sul naso, al mento.

"Leccalo!" ha comandato.

La lingua di Janie schizzò fuori, incontrando la parte inferiore del suo cazzo appena sopra la radice. La carne calda e setosa del gallo arse nella sua lingua morbida. Le faceva nuotare la testa con la lussuria del cazzo. La sua lingua iniziò a scivolare in giro e in giro, su e giù, mentre diventava più eccitata. Era felice di sentire il grosso cazzo rispondere.

"Oh, sì, Janie... ecco fatto, piccola... leccami il cazzo! Oooohhhh, sì... Ora, leccalo dappertutto! Tienilo alla radice mentre lo fai!"

Janie non perse tempo a fare come le era stato detto. Lei afferrò il suo cazzo alla base e lo afferrò. Cominciò a leccare il cazzo gonfio, dapprima con esitazione, poi con più entusiasmo. Lo fece puntare verso l'alto, tamponando la parte inferiore. Ha leccato avidamente dalla radice alla corona e viceversa mentre ci entrava. Andò su e giù, notando quanto favorevolmente reagiva suo padre.

La testa di John si piegò all'indietro ei suoi occhi erano chiusi per il divertimento. Un sorriso increspò le sue labbra mentre la sua mente registrava gli effetti delle dolci labbra e della lingua di sua figlia.

"Sì, Janie... ora muovi la lingua in piccoli cerchi. Presta molta attenzione al punto proprio sotto la testa... ooohhh, sì! Ecco fatto!"

Janie iniziò a leccare il cazzo come da istruzioni. La sua lingua roteò intorno alla parte inferiore del suo cazzo dalla radice alla manopola. Quando è arrivata alla testa, ha leccato sotto di essa. La sua lingua tamponò sensualmente il punto super sensibile sotto la testa del cazzo di suo padre.

"Ora, piccola... lecca anche i lati e la parte superiore. Bagna bene la testa!"

Rapidamente, la ragazza fece come le era stato detto. La sua lingua corse su e giù da un lato, poi si spostò dall'altro. Quando anche lui luccicava di umidità, ha tamponato la superficie superiore. Gemendo piano, lo fece brillare nella luce. Dopo essersi accertata che era proprio come aveva ordinato suo padre, fece scivolare la lingua sul pomello del suo cazzo. Prima di leccarlo, però, si appoggiò allo schienale solo per un momento per guardare il suo cazzo.

La testa era viola, piena di sangue. Il buco era un po' sopra il centro e un rivolo di sperma denso e chiaro ne gocciolava fuori. Qualcosa le fece venire voglia di assaggiarlo. Si chiese se avesse un sapore diverso dalla crema per la fica delle sue amiche.

Notando il suo sguardo, suo padre disse: "Annusalo, tesoro. Assaggia... he-heh! È buono!"

Aveva un buon odore. L'odore inebriante del cazzo le riempì le narici e le fece desiderare di più. Teneva il cazzo in una presa salda e toccò la punta con la lingua. Un gusto meraviglioso stuzzicava le sue papille gustative e lo sperma era caldo e appiccicoso. Diventando più eccitata, leccò su e giù la fessura, pulendola.

Irrigidendo la lingua, cercò di farla roteare nel buco. Il buco si spalancò e lei vi infilò la punta della lingua. Il gusto era buono e il cazzo di suo padre si gonfiava più forte. Miagolando, gli accarezzò la testa del cazzo finché non luccicò.

"Ooohhh, sì, Janie... leccami la testa del cazzo! Oooohhhh! Ok! Basta! Voglio che te lo succhi. Inumidisci le labbra e mettile sopra il buco. Quindi fai scorrere la testa verso il basso. Lascia che le tue labbra si mantengano bene stringilo mentre il mio cazzo ti entra in bocca. Attento a non graffiarlo con i denti, però!"

La fica di Janie ora stava spremendo continuamente. Bruciava, urlava per attirare l'attenzione. Voleva scoparsi le dita e fregarsi il clitoride. Voleva allargare le gambe e lasciare che suo padre la scopasse duramente e profondamente ancora e ancora. Anche se era eccitante avere la bocca sul suo cazzo, voleva il suo cazzo nella sua fica. Ma glielo avrebbe dato in quel modo? si chiese. Doveva scoprirlo!

Storie simili

Il viaggio di Sandra Capitolo 2

Costantemente maltrattata Sandra si era stabilita in una vita di servitù. La sua umiliazione fu completa quando fu introdotta alla bestialità. Ma lungi dall'essere caduta in disgrazia, scoprì di apprezzare ciò che aveva ottenuto da un animale che non aveva avuto da nessun uomo: un lungo cazzo. Ormai “venduta” attendeva il suo nuovo Maestro. Caricata nell'auto di Paul, si rese conto che ora le apparteneva. Seduta sul sedile posteriore con Tyson, ha accarezzato il suo nuovo animale domestico. Ti sei esibita perfettamente stasera signorina disse Paul mentre tornava a casa Penso che ci sia una miniera d'oro tra le tue gambe...

0 I più visti

Likes 0

Gli ingredienti di una troia Capitolo 1

Era una calda giornata estiva, stavo camminando verso il centro commerciale dove si trovava la mia migliore amica Rosie. L'ho aspettato tutta la settimana. Non la vedo da qualche mese. Dopo qualche minuto di camminata sotto il sole cocente ho finalmente raggiunto il centro commerciale. Eccola lì, bella come sempre. Era lì in piedi con i suoi jeans preferiti, una maglietta nera e una giacca di pelle che la facevano sembrare una motociclista. I suoi capelli erano ricci e rosso brunastro. Ero innamorato di questa ragazza e volevo dirglielo ma non sapevo come. Mi vide e un sorriso si allargò sul...

865 I più visti

Likes 0

La sua ragazza, mia cugina

Immagino che tutto sia iniziato un sabato pomeriggio. Il reggiseno di mia madre era in cima alla pila del bucato. Ha attirato la mia attenzione e ne sono rimasto subito affascinato. Ho rubato il reggiseno e sono corsa in camera mia a provarlo. Ricordo la fretta che mi diede. Mi è piaciuto e ho deciso di continuare. Ho fatto tutto il possibile per mettere le mani su più vestiti. Ho rubato reggiseni, mutandine, collant, slip e vestiti a mia madre. Costumi da bagno e reggiseni di mia cugina e di mia nonna. Non potevo averne abbastanza. Mi sforzavo di sembrare e...

744 I più visti

Likes 0

Il seme dell'orrore: capitolo 9

Capitolo nove Allora come l'hanno presa i tuoi genitori? Chiese Christi, parlando con Jason attraverso i loro telefoni cellulari. Era seduto in un parcheggio innevato a Portland, dopo aver appena compilato la sua quinta domanda di lavoro. Davanti a lui ora c'era un'applicazione McDonalds. Dannazione, i suoi genitori gli avevano sempre detto di studiare sodo e di entrare in un buon college in modo da non dover mai girare gli hamburger. Grazie mille, Stimmate Nere. “Non posso davvero dirlo, sono andato a letto appena sono tornato a casa e me ne sono andato prima che qualcun altro si alzasse. In realtà...

26 I più visti

Likes 0

Mordie pt1

In una piccola città, in mezzo al nulla, viveva un uomo sconosciuto chiamato Mordie. Per anni Mordie ha trascorso le sue giornate a casa sua pensando alla donna perfetta per lui. Vedi, Mordie non è un cattivo ragazzo, è solo frainteso. Da ragazzo cresciuto in una grande città, veniva sempre preso in giro per il suo peso, la sua faccia fraintesa e la sua instabilità mentale. Temendo per la sicurezza di suo figlio, la madre iperprotettiva di Mordie è fuggita dalla città per vivere in una piccola città. Per paura del ridicolo, la madre di Mordie non voleva che uscisse di...

1.2K I più visti

Likes 0

Migliori amici con vantaggi

Annabelle gridò dall'altra parte della casa Sbrigati! Faremo tardi! È una mia vecchia amica d'infanzia e si è trasferita da poco, poiché i suoi genitori hanno deciso che doveva trasferirsi da casa loro. Ho deciso di fare la cosa giusta per farla trasferire da me. Voglio dire, perché no? Entrambi abbiamo fatto tutto insieme. Frequentavamo le stesse classi, andavamo in giro al cinema e passavamo anche molti pigiama party insieme. Divento troppo timido quando provo a chiederle di uscire. Ehi! L'autobus non ci aspetterà più! Il clacson dell'autobus suonò fuori dal finestrino e io sfuggì rapidamente al mio sguardo, dove ho...

1.1K I più visti

Likes 0

Segna il punto_(1)

Segna il punto Stavo pensando mentre attraversavo la porta laterale di casa mia che questo era probabilmente il giorno peggiore della mia vita. Umiliato sul lavoro... no, minato da una merda piagnucolona che ha funzionato per me e mi ha quasi fatto licenziare. Per finire, il mio parco auto viene rovinato e devo implorare un passaggio a casa. Più umiliazione... proprio quello di cui ho bisogno. Perché ho trasferito la mia famiglia in questa città quando stavo già bene? Compreso oggi, mi sono fatto la stessa domanda 265 volte finora quest'anno. La casa è silenziosa, quasi. Sento un leggero gemito dal...

1K I più visti

Likes 0

Alla mamma piace guardare

La mamma amava guardare Penso che la mamma fosse un po' gelosa di me e dei miei fratelli, quando poteva ci guardava scopare in piscina in soggiorno. Era un po' sovrappeso, ma aveva delle tette enormi non un brutto culo. Sapevo che Billy ne stava ricevendo un po' dalla mamma, l'avrei sentito camminare lungo il corridoio, poi l'avrei sentito andare nella stanza della mamma e poi sgattaiolare fuori un'ora o giù di lì. Un giorno d'estate io e Bob stavamo nuotando in piscina, all'inizio è normale che entrambi indossassimo i costumi da bagno. Ma poi ha nuotato dietro di me e...

957 I più visti

Likes 0

Basi

Ho cambiato i nomi, ovviamente. Oltre a quello... Avevo circa nove anni quando ho scoperto che stare in camera mia con i pantaloni intorno alle caviglie e ripetermi il nome di Linda Reed (la ragazza bionda davvero carina della classe di Miss Jones) più e più volte aveva il curioso effetto di farmi il pene crescere più a lungo e diventare duro. Avevo appena compiuto dieci anni quando ho capito che se avessi pronunciato il nome di Linda per indurire il mio pene, e poi strofinato la sua pelle su e giù, le cose laggiù avrebbero iniziato a sentirsi davvero bene...

1.2K I più visti

Likes 0

Paul, sua zia e sua cugina Becky

Non l'ho mai misurato, ma potevo mettere entrambe le mani intorno alla mia erezione e la testa sporgeva ancora. Le mie dita non si sono toccate quando hanno raggiunto la mia erezione. Ho potuto dire guardando gli altri ragazzi che facevano la doccia dopo gli allenamenti di squadra che avevo un grosso cazzo. Quando ho avuto un duro lavoro durante la scuola ho potuto vedere alcune ragazze e insegnanti che guardavano il rigonfiamento dei miei pantaloni. Mi ha fatto sentire bene. Una calda giornata estiva stavo nuotando nella nostra piscina. Ero a casa da solo ed è stato bello nuotare nuda...

1.5K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.