Dolce tortura

2.5KReport
Dolce tortura

Entro nella stanza e tu mi bendi, mi conduci al letto e mi dici di spogliarmi. Mi tolgo lentamente la maglietta. Mentre lo sollevo sopra la mia testa, sento che ti allunghi, metti le mani nel mio reggiseno e mi pizzichi i capezzoli, forte. Trattengo il respiro, rabbrividendo, le mani che mi tengono la maglietta sul viso, e aspetto. Poi ti allontani e so che dovrei continuare. Tolgo la maglietta e la metto da parte.

Apro la gonna, la faccio scivolare sui fianchi, fino alle caviglie, e la tolgo con un calcio. Mi allungo indietro e sgancio il reggiseno e lo faccio cadere sul pavimento, liberando il seno. I miei capezzoli si alzano pieni e orgogliosi, intirizziti dall'aria e tesi per l'eccitazione. Mi tolgo i tacchi alti, poi tiro giù le mutandine. Li prendi da me e me li ficchi in bocca. Poi mi spingi indietro finché non raggiungo il letto, poi mi tieni le spalle e mi spingi indietro sul letto.

"Su." Tu comandi.

Mi alzo sul letto finché non mi sdraio al centro. Sento che ti proteggi e mi afferro la caviglia sinistra, tirandola verso l'angolo mentre la leghi alla ringhiera. Quindi ripeti con la mia caviglia destra, quindi muovi per ripetere lo stesso con le mie braccia. Sono legato con morbida seta, non doloroso, ma troppo stretto per muovermi. Ti sento nella stanza ma non riesco a vederti o sentirti. Sono nudo, bendato, legato e imbavagliato con le mie mutandine. In attesa di ciò che verrà dopo.

Improvvisamente ti sento mordere il mio capezzolo destro. Duro. Poi ti fermi e lo lecchi lentamente con la lingua, calmando il dolore. Allora te ne sei andato...

Solo per riapparire dall'altra parte. Questa volta mi pizzichi il capezzolo, stringendo e torcendo. Quindi massaggi entrambi i miei seni con i palmi delle mani mentre ti pieghi su di me.

Mi sussurri all'orecchio: "Ti farò urlare per me come non hai mai fatto prima".

Inspiro e all'improvviso le mutandine mi vengono tolte dalla bocca. Mi baci, forte, spingendo la tua lingua nella mia bocca. Rivendicandomi. Allora te ne sei andato di nuovo.

Un attimo dopo ti sento scorrere le dita sulla mia gamba. Gemo e mi contorco, e tu mi colpisci la coscia proprio dove c'è la tua mano. "Non muoverti." Io piagnucolo e annuisco... E tu avvicini la tua mano alla mia figa.

Improvvisamente mi infili tre dita, più profondamente che puoi, senza preavviso. Grido e sobbalzo, anche se cerco di non farlo.

"Tsk tsk tsk... Sarai punito per questo."

Tiri fuori le dita e pizzichi il mio clitoride. Poi te ne sei andato... Ma solo per un momento.

Sento il tuo respiro sulla mia figa, e poi la tua lingua gira intorno al mio clitoride. Apri le mie gambe il più possibile nei loro attacchi e inizi a scoparmi la figa con la lingua. Comincio a spingermi per incontrarti e tu mi tieni premuto, spingendo la tua lingua sempre più velocemente. Comincio a tremare e tremare, e proprio quando sto per venire, tu ti alzi e ti allontani.

Non riesco a vedere nulla, ma sto quasi piangendo per l'improvvisa perdita. Voglio venire ma non posso. Non so se te ne sei andato. sto solo aspettando. Il mio respiro rallenta e il mio corpo si calma, aspettando ancora l'orgasmo ma non così vicino al limite.

Proprio quando penso che te ne sei andato ti sento aprire le labbra della mia figa. Ci infili qualcosa dentro, qualcosa di morbido e di stoffa. "Le tue mutandine dovrebbero andar bene qui per un po'."

Poi fai scorrere le dita sul mio corpo mentre cammini verso la testata del letto. Sento il materasso spostarsi mentre sali, anche se non so dire esattamente dove.

Improvvisamente il tuo cazzo è alla mia bocca, spingendo con forza. Soffoco un po', ma inizio a succhiare e leccare più forte che posso. Le tue ginocchia sono ai lati della mia testa, le tue palle mi schiaffeggiano la faccia, il tuo cazzo mi riempie la gola e gemi mentre mi scopi la bocca.

Sento che acceleri e ti allontani all'improvviso, poi sento uno sperma caldo su tutto il viso e sul petto. Lecco quello che posso, gemendo e dimenando. Ringhi mentre mi copri, ancora e ancora, corde di sperma caldo su tutto il viso e il petto.

"Indossalo con orgoglio, mia piccola sgualdrina".

Ti allontani di nuovo, lontano da me, giù dal letto. Sei andata via più a lungo questa volta... non so se sono solo, o se mi stai guardando.

Poi appari al mio fianco, toccandomi il fianco, e dimmi di alzarmi. Alzo i fianchi in aria e tu mi infili un cuscino sotto la vita. Spinge i miei fianchi in alto, costringe le mie ginocchia ad aprirsi ulteriormente ed espone il mio stretto buco del culo a te.

Mi infili un dito nel culo senza preavviso. grido di sorpresa mentre mi stringo contro di essa. Togli il dito e lo sostituisci con qualcosa di duro, freddo. Resisto, ma spingi finché non ho altra scelta che accettare l'oggetto duro e spesso.

All'improvviso si anima, il vibratore che mi sta riempiendo il culo. Sto tremando e dimenando, il meno possibile. Ti sporgi e mi mordi i capezzoli, rendendoli duri e rossi. Sono così eccitato, ma incapace di raggiungere l'orgasmo, e lo sai.

Ti avvicini e mi sussurri all'orecchio: "Non ancora, amore mio. Non ho finito".

Te ne sei andato di nuovo, e io sono rimasto a contorcermi sul letto, con gli occhi bendati, la figa in aria, riempito con le mie mutandine, il vibratore che mi riempie il culo. Sembra un'eternità finché non ti sento respirare affannosamente e mi rendo conto che ti stai masturbando proprio accanto alla mia faccia. Giro la testa e apro la bocca, ma tu ridi mentre te ne vai.

"No, piccola, stavo solo preparando di nuovo il mio cazzo."

Poi in un istante sento il vibratore tirato fuori e tu sbatti il ​​tuo cazzo nel mio culo. Urlo di dolore e piacere simultanei, cullandomi mentre mi fotti il ​​culo.

"So quanto sia difficile per te venire senza che nulla tocchi il tuo clitoride, quindi mi assicurerò di non farlo." Hai ragione, e mi rende ancora più arrapato. Ho un disperato bisogno di venire ma tu stai assicurando che non posso. Sento che mi fotti il ​​culo più forte e più velocemente, poi improvvisamente ti fermi. Ti tieni dentro di me per un po', poi tira fuori il tuo cazzo dal mio culo allungato.

Non ce la faccio più. Non mi interessa cosa fai, sono al punto di rottura. "Per favore, signore, ho bisogno di raggiungere l'orgasmo per te. Ho bisogno di venire!"

"Va bene, puoi." All'improvviso prendi le mie mutandine e me le strappi dalla figa. Sento che ti arrampichi sopra di me, poi sento che mi metti due dita in bocca. Apro per leccarle e succhiarle, poi tu mi infili le mutandine in bocca. "Assaggia quanto sei bagnato", dici. Sento il tessuto sottile inzuppato nei succhi della mia figa, li succhio e assaggio quanto mi hai bagnato. Ti allunghi e inizi a pizzicare e arrotolare i miei capezzoli, massaggiandomi i seni e facendomi gemere.

Sono così pronto... Coperto dal tuo sperma. Mi hai fottuto la bocca, mi hai fottuto il culo e mi hai fatto implorare. Sono legato, bendato, figa in aria, mutandine gocciolanti e bagnate in bocca. Ho bisogno di raggiungere l'orgasmo così tanto, ma mi hai tenuto al limite.

Improvvisamente mi viene strappata la benda... Provo a guardarti, chino su di me, steso sopra di me, il viso a pochi centimetri dal mio. Proprio mentre i miei occhi si concentrano su di te, tu sorridi e sbatti il ​​tuo cazzo dentro di me. "Sborra, troia!"

Quasi mi soffoco sulle mutandine che sborro così forte. Ti allunghi e li tiri fuori, poi mi baci mentre continui a picchiarmi più forte che puoi. Sto urlando, gemendo e baciandoti tutti allo stesso tempo. Mi stai sbattendo sul letto contro i nodi che mi tengono fermo. Ti muovi sempre più velocemente e poi sento che mi spari pieno del tuo sperma.

Proprio in quel momento mi sussurri all'orecchio, "sborrami di nuovo!"

E ho l'orgasmo più grande della mia vita.

Storie simili

Il mio regalo di laurea 2

Stordito, sono inciampato nella mia stanza, il bikini stretto nel pugno. Salii lentamente le scale, cercando di non attirare l'attenzione. Trasalii quando uno scricchiolò sotto il mio peso, fermandomi per assicurarmi di non aver svegliato nessuno, sospirando mentre non sentivo altro che il ronzio del condizionatore d'aria. Dio cosa avrebbero detto i miei genitori se mi avessero visto? Alla fine sono arrivato nella mia stanza e ho chiuso la porta dietro di me lasciandomi cadere sul letto. Non mi sono nemmeno preso la briga di infilarmi sotto le coperte prima di addormentarmi, il suono del mio ventilatore a soffitto mi faceva...

922 I più visti

Likes 0

La lista dei cattivi capitolo 4

Tremavo al pensiero di quello che avevamo fatto da soli negli ultimi venti minuti. Sì, era stato più che bello. Imprecavo nella mia testa che avesse sempre la cosa giusta da dire. Chris ha premuto le sue labbra sulla mia fronte e mi ha massaggiato la schiena. Dato che qui siamo aperti, prima di andare oltre, penso che sia un buon momento per affrontare qualcosa di importante. Va bene... cominciai ad alzare lo sguardo e arrivai fino alla sua bocca. Holly, sei una brava ragazza? disse seriamente, come se la mia risposta fosse stata la decisione più cruciale della mia vita...

605 I più visti

Likes 0

La pillola cap. 4

Il Doob's Bar era originariamente un buco nel muro. Il posto dove si poteva andare e sedersi nell'oscurità e godersi un drink. Era il tipo di posto che normalmente è tranquillo e rilassante. Questo finché non venne costruito un college nelle vicinanze e divenne uno dei punti caldi per i giovani che studiavano. Oggi il bar era pieno di musica ad alto volume, gente e luci. Non era rimasto molto del bar un tempo tranquillo da bere da soli in un angolo. Ragazze urlanti e ragazzi chiassosi della confraternita rendevano l'atmosfera meno che desiderabile. Vallerie odiava un posto come quello. Le...

554 I più visti

Likes 0

La punizione_(4)

Sono passate settimane dall'ultima volta che l'ho visto, annusato la sua colonia, sentito la sua presenza. È molto più vecchio di me; cammina con un atteggiamento sicuro, muscoli delicatamente incisi e lineamenti scuri ed esotici. Mi sono appena trasferita nel mio nuovo appartamento e cerco freneticamente di scoprire dove ho messo il mio maglione preferito quando il mio telefono vibra. Guardo il telefono e vedo il suo nome nel messaggio sullo schermo. Il mio cuore salta un piccolo battito. Speravo che mi contattasse da quello che sembra un'eternità. Mi manca più di quanto potesse capire, anche se sono stata io a...

552 I più visti

Likes 0

Danno collaterale - Una storia di Halloween

Una festa privata al The Cantina Club diventa un po' fuori controllo quando un uomo vestito da pilota dell'era del Vietnam entra nel club. = = = = = = = = = = = = = = = = = = = = AVVERTIMENTO! Tutta la mia scrittura è destinata SOLO agli adulti di età superiore ai 18 anni. Le storie possono contenere contenuti sessuali forti o addirittura estremi. Tutte le persone e gli eventi raffigurati sono fittizi e qualsiasi somiglianza con persone vive o morte è puramente casuale. Azioni, situazioni e risposte sono SOLO fittizie e non dovrebbero essere...

933 I più visti

Likes 0

Segni di parto - parte 1

Terri osservava le mucche. Durante la sua ultima discesa, le macchioline nere e marroni delle mucche lontane si trasformarono in cose grossolane che muggivano. Terri osservava i grandi animali stupidi che si aggiravano intorno, masticando l'erba. Sbatté la testa contro il vetro di plastica della finestra. Non c'erano bovini al college. Era il punto morto nel degrado urbano. L'aveva scelto in parte per questo motivo. E ora stava tornando... alle mucche. * * * Sua madre non l'ha incontrata al cancello. Terri raccolse tre borse pesanti e uscì dal terminal. Alla fermata dei taxi scelse un grosso furgone giallo, l'autista raggelato...

934 I più visti

Likes 0

Dominion: Capitolo 6 - Ingegneria Un orrore

Ingegneria: un orrore L'intera riva del fiume era transennata, con seghe e torce che sibilavano e gemevano nel freddo. Tutti gli operai edili della contea erano stati assunti per questo progetto, molti dei quali avevano richiesto tangenti, minacce o estorsioni per accettare il lavoro. Venivano pagati in oro, evocati grazie ai poteri del Dominio. Lavoravano giorno e notte, non importa quanto nevicasse o quanto fossero forti i venti del nord. I magazzini venivano ristrutturati con la scusa che sarebbero stati trasformati in mattatoi e centri di lavorazione, mentre nuovi edifici spuntavano come erbacce. Ad altri è stato detto che sarebbe stata...

656 I più visti

Likes 0

L'isola, capitolo 40

Capitolo 40 Era quasi l’ora di cena quando sono tornato al campo, e i cuochi erano al lavoro con il pesce pescato stamattina dalla classe di Do Hun. Qualunque cosa stessero preparando, cominciava ad avere un buon profumo. Ho guardato per un momento le cheerleader tagliare la frutta, godendomi il gioco dei loro giovani corpi agili sotto i vestiti succinti. Il mio sguardo è stato ricompensato dal breve lampo dell'intera tetta destra della mia cheerleader preferita, visibile attraverso lo scalfo oversize della sua canottiera, mentre versava un po' di papaya in un secchio. Dio, quanto era bella. Osservavo, incantato, mentre la...

424 I più visti

Likes 0

Gli ingredienti di una troia Capitolo 1

Era una calda giornata estiva, stavo camminando verso il centro commerciale dove si trovava la mia migliore amica Rosie. L'ho aspettato tutta la settimana. Non la vedo da qualche mese. Dopo qualche minuto di camminata sotto il sole cocente ho finalmente raggiunto il centro commerciale. Eccola lì, bella come sempre. Era lì in piedi con i suoi jeans preferiti, una maglietta nera e una giacca di pelle che la facevano sembrare una motociclista. I suoi capelli erano ricci e rosso brunastro. Ero innamorato di questa ragazza e volevo dirglielo ma non sapevo come. Mi vide e un sorriso si allargò sul...

2.1K I più visti

Likes 0

La sua ragazza, mia cugina

Immagino che tutto sia iniziato un sabato pomeriggio. Il reggiseno di mia madre era in cima alla pila del bucato. Ha attirato la mia attenzione e ne sono rimasto subito affascinato. Ho rubato il reggiseno e sono corsa in camera mia a provarlo. Ricordo la fretta che mi diede. Mi è piaciuto e ho deciso di continuare. Ho fatto tutto il possibile per mettere le mani su più vestiti. Ho rubato reggiseni, mutandine, collant, slip e vestiti a mia madre. Costumi da bagno e reggiseni di mia cugina e di mia nonna. Non potevo averne abbastanza. Mi sforzavo di sembrare e...

1.9K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.