Grandi irritazioni

1.3KReport
Grandi irritazioni

Quando i Cullen lo hanno portato a casa loro, Jasper, otto anni, ha pensato che fosse troppo grande. Era così terrorizzato dai soffitti alti e dagli spazi echeggianti nel loro elegante atrio, così luminoso e sterile. Pensò tra sé, Ci sono così tante cose da rompere. Vasi e statuine erano disseminati di mensole e ripiani dei tavoli, e Jasper era ben consapevole di non essere mai stato molto aggraziato. Così si premette le braccia lungo i fianchi e osservò le punte delle sue vecchie scarpe da ginnastica mentre lo guidavano attraverso la casa, fino alla sua nuova camera da letto. Ci si buttò dentro con molto sollievo. La sua stanza rosso rubino era comodamente priva di tutti i piccoli, delicati gingilli di porcellana e vetro che aveva incontrato salendo la scala a chiocciola.

Non avrebbe mai pensato che gli sarebbe mancata casa, ma quella prima notte gli era decisamente mancato. Il rosso delle pareti improvvisamente sembrò sangue. Inoltre, c'erano così tanti posti in cui i mostri potevano nascondersi nella grande casa, piccoli angoli e fessure dietro mobili e tavoli.

Si nascose sotto il letto il giorno seguente quando il dottor e la signora Cullen annunciarono la sua nomina dal dottore. Era terrorizzato dagli aghi, era appena stato dimesso dall'ospedale dove lo avevano costantemente punzecchiato e pungolato.

Il pavimento di legno su cui era adagiato era freddo e confortante, e poteva guardare la porta attraverso lo spazio a lui assegnato. Dopo tanto tempo, si aprì e vi entrarono dei piedini. Esaminò le scarpe, marroni e pulite, e indietreggiò quando gli si avvicinarono.

La coperta fu improvvisamente tirata su e l'intruso si accovacciò, abbassando i capelli rossastri sul pavimento con uno sguardo verde, paziente e penetrante. Gli occhi di Jasper erano spalancati per la soggezione mentre guardava quest'altro ragazzo, non essendo mai stato vicino a qualcuno così chiaramente della sua età da quando era molto più piccolo.

"Non è buio là sotto?" chiese improvvisamente il ragazzo, e quando Jasper non rispose - perché era troppo stordito per farlo - il ragazzo si strinse nelle spalle e si unì semplicemente a lui. Scivolò lungo il legno duro e si sdraiò accanto a Jasper, appoggiando la guancia sul braccio mentre lo fissava. Sussurrò con la sua voce dolce e fanciullesca: "Pensavo che i mostri si nascondessero sotto i letti?" e arricciò contemplativamente le piccole labbra.

Jasper rise. Era così trillante, ma anche stranamente vuota. Quando la sua risata svanì, fissò il viso del ragazzo e ne tracciò i contorni con i suoi occhi spaventati. Cercò di trasmettere con uno sguardo come si sentiva sempre: l'aria scura e fredda che gli solleticava le dita dei piedi e si arrampicava sulle gambe dei pantaloni mentre giaceva immobile nell'oscurità.

Jasper era il mostro, perché i mostri non avevano mai paura di niente, nemmeno degli aghi.

Ma Edward, mentre si presentava, rimase sdraiato con lui fino a quando Jasper alla fine cedette ed emerse. Perché se Jasper era un mostro, allora questo Edward era un cavaliere bianco e splendente, così coraggioso da strisciare sotto un letto e parlare con il mostro in persona.

Edward rimase in piedi con il mento alto quando entrambi finalmente emersero e poi presero la mano di Jasper. Aveva un sorriso maliziosamente storto che innamorò Jasper. Edward ha quindi prontamente fatto sfilare Jasper nella loro grande casa, così orgoglioso e realizzato di aver raggiunto ciò che gli adulti avevano ritenuto impossibile.

Quando la zia di Edward, sorridente e gioviale all'ultimo emergere di Jasper, ha chiesto, Edward l'ha informata in modo pratico: "Jasper non può andare dal dottore. Sta giocando con me oggi".

E quello era quello.

Ha mostrato a Jasper i suoi libri, i soldatini e i videogiochi elettronici. Jasper non aveva mai visto videogiochi elettronici prima. Edward, sempre la creatura altruista, voleva dare ogni suo giocattolo a Jasper, e dopo molti giorni passati a giocare con lui, prese a lasciare le sue cose nella stanza di Jasper. Esme avrebbe trovato lì i costosi dispositivi di Edward e avrebbe chiesto: "E se volessi giocarci più tardi, Edward?"

Jasper si sentiva a disagio nel vedere ammonito il comportamento sperpero e negligente del suo nuovo migliore amico. Temeva la punizione di Edward. Così, Jasper gli stringeva la mano e tremava per la paura di vedere il dottor Cullen colpire il ragazzo. Questa era stata una punizione comune per Jasper prima che entrasse in casa Cullen.

Una punizione molto comune.

La prima volta che ha reagito in questo modo - ha spinto Edward dietro di sé e ha guardato impaurito negli occhi sconcertati di Esme - ha supplicato: "Gli ho rubato i giocattoli. Colpiscimi invece". E poi Jasper attese la furia di Esmé, si aspettava che scendesse al piano di sotto e chiamasse suo marito a casa dal lavoro per amministrare lui stesso la punizione di Jasper.

Ma invece, si fece avanti con gli occhi pieni di lacrime. Questo allarmò Jasper, che sussultò istintivamente, incapace di sapere che lei voleva solo abbracciarlo. Fu allora che scese davvero al piano di sotto per chiamare suo marito, e Jasper - frenetico e spaventato - tentò di infilarsi sotto il letto, per diventare il mostro che non avrebbe nemmeno avuto paura del dottor Cullen e delle sue cinture e aghi.

Ma Edward non glielo ha permesso. Edward sembrava capire più di Jasper, ed era triste mentre lo portava a sdraiarsi sul letto, invece che sotto di esso. Si rannicchiarono ed Edward si strinse vicino a Jasper, gli accarezzò i capelli mentre piangeva e tremava di paura. Erano stretti forte quel pomeriggio, i piccoli singhiozzi di Jasper attutiti dalla camicia gialla di Edward mentre Edward lo zittiva.

Così stanchi per la loro breve giornata di gioco, si addormentarono in quella posizione.

Ed è così che li hanno trovati il ​​dottor e la signora Cullen: gambe e braccia tutte aggrovigliate e avvinghiate come rampicanti attorno a una staccionata mentre dormivano pacificamente. Non osarono disturbarli, e Jasper si svegliò sentendosi molto meglio quando si rese conto che non si stava svegliando da solo.

I ragazzini non dormirono mai più da soli.

---

Di notte, Edward andava da Jasper e in cambio doveva aver guadagnato qualcosa, anche se Jasper non ha mai capito perché Edward non si annoiasse a stare sdraiato lì al buio con lui mentre si comportava come un gatto spaventapasseri. A volte giocavano tranquillamente o usavano pennarelli neri per scrivere sui muri di Jasper. Esme lo aveva incoraggiato a farlo quando lo aveva trovato a tracciare parole sulla vernice rossa con la punta delle dita, un piccolo sorriso concentrato che gli adornava le labbra. I minuscoli sussurri dei ragazzi riecheggiavano e si annidavano all'interno di quelle mura di notte, scrivendo piccoli frammenti di strategie tattiche utilizzate dalle loro action figure.

Erano inseparabili per impostazione predefinita. Jasper osservò i grandi sorrisi di Edward con meraviglia e lo strinse a differenza di quanto farebbe un ragazzo normale, le braccia sempre attorno alla sua piccola vita o alle sue spalle. E Edward ha toccato Jasper in modi estranei. Si accarezzava i capelli e gli teneva la mano, ea Jasper piaceva. Non ha mai fatto sentire Jasper come un cucciolo che era stato portato a casa in offerta al nipote solitario, anche se era già giunto alla conclusione che probabilmente era così.

Edward lo faceva sentire amato.

Gli anni passarono con le loro prevedibili routine di svegliarsi e giocare e andare alle elementari e addormentarsi rannicchiati l'uno intorno all'altro, e Jasper non mise in dubbio i suoi sentimenti. Era l'unica vera amicizia che avesse mai conosciuto. Lo stesso Edward raramente socializzava con gli altri bambini nel cortile della scuola, optando invece per piantarsi accanto a Jasper nella sabbia sotto le sbarre delle scimmie. Era lì che mangiavano gli stravaganti pranzi al sacco di Esme, i denti perlati che addentavano mele rosse lucenti e le loro risatine riguardo alle ragazze con i pidocchi che adulavano i capelli disordinati di Edward tirandoli.

Gli altri bambini alla fine hanno accettato che nessuno dei due si sarebbe unito ai loro gruppi sulle altalene.

Ma stavano invecchiando con il passare degli anni, le estati andavano e venivano e scalavano i ranghi della loro scuola elementare l'una con l'altra. Le scarpe erano diventate troppo grandi, i pantaloni erano diventati troppo corti e cose strane iniziarono ad accadere alle emozioni di Jasper.

Edward era la casa di Jasper. Si era affezionato a lui in modi che nessuno della sua età poteva comprendere. Per molto tempo, Jasper non ha potuto mangiare, dormire o uscire senza sapere dove si trovava Edward.

Un giorno, Edward andò al fiume dietro la proprietà. Ha lasciato Jasper perché stava facendo il bagno, ed Edward era sempre impaziente. Jasper gli aveva detto di aspettare, che lo avrebbe aiutato a catturare i girini per il loro progetto scolastico, ma Edward se ne andò, camminando goffamente tra gli alberi oscuri fino alla riva del fiume da solo.

Jasper emerse dalla camera da letto e lo cercò in casa, venendo preso dal panico quando si rese conto che Edward non era più dentro. Non riusciva a capire il modo in cui il suo respiro si faceva affannoso, o perché il suo battito accelerava e la sua vista si annebbiava. Jasper corse fuori di casa nel cortile sul retro, con tanta fretta di raggiungere la riva del fiume che inciampò nei rami e si sfregò le ginocchia. Non gli importava. Si alzò e continuò il suo cammino, gli occhi spalancati e spaventato ogni secondo che non poteva vedere il suo amico e sapere che stava bene.

Jasper aveva sempre temuto che sarebbe successo qualcosa a Edward, che i mostri avrebbero sconfitto il suo cavaliere bianco. Edward era sempre stato protetto. Jasper sapeva che in questo mondo esistevano mali peggiori al di là dei banali trucchi da cortile della scuola a cui Edward era abituato.

Scivolando nel fango della riva del fiume, Jasper notò la lucentezza dei capelli rossi di Edward, le gambe dei pantaloni arrotolate mentre si accovacciava nell'acqua, immergendo un barattolo di vetro sotto la superficie per catturare i girini viscidi.

Jasper voleva corrergli dietro, ma aveva paura e non sapeva nuotare. Era felice solo sapendo che Edward stava bene, e mentre il ragazzo si girava verso di lui, un piccolo viso largo mentre esclamava: "Preso sei!" Jasper era sollevato.

Raramente perdeva di vista Edward, scegliendo di fare il bagno dopo il tramonto, quando sapeva che a Edward era proibito uscire di casa. Non sembrava mai infastidire Edward, che comunque raramente lasciava il fianco di Jasper. Per molto tempo, tutto è stato perfetto, perché Jasper era abituato a cose strane che accadevano alle sue emozioni. Le emozioni erano qualcosa che poteva gestire.

Ma poi, cose strane iniziarono ad accadere al corpo di Jasper.

---

L'ha visto in televisione tra una coppia sposata. L'uomo e la donna erano a letto insieme, e lui si sdraiò sopra di lei, premette contro di lei e le mise la lingua in bocca. Jasper era abbastanza certo che questo fosse il tipo di televisione che non gli era permesso guardare, ma era malato di raffreddore ed Esme gli aveva permesso di dormire sul divano mentre lui restava a casa da scuola. Aveva appena sfogliato i canali quando un lampo di carne gli fece fermare il dito sul pulsante di gomma.

Osservò l'uomo metterle una mano sul petto, e loro emisero dei suoni, i suoi fianchi la spingevano contro il letto mentre lei iniziava a togliergli la camicia. Jasper era eccitato. Si sedette e si sporse più vicino al televisore, i fazzoletti mocciosi che gli venivano schiacciati nei pugni mentre fissava lo schermo a bocca aperta, con gli occhi spalancati. L'uomo cominciò a spingere ea muoversi sopra di lei e... Jasper sapeva che voleva farlo.

Prima è, meglio è, in effetti.

Si sentiva così elettrizzato nel guardarlo. Voleva spegnere la televisione e andare subito a letto. Ma Jasper si fermò in cima alle scale. Ci pensò un po' di più, e si rese conto che non condivideva il letto con una donna.

Divideva il letto con Edward.

Jasper non è stato in grado di pensare a niente da allora. L'unica cosa più eccitante che farlo con una donna era farlo con Edward.

Il pensiero lo divertì anche quella notte mentre Edward saltava nel suo letto. Le molle li avrebbero fatti rimbalzare, Jasper ne era certo. Voleva così tanto farlo con lui. Sembrava così divertente. Ma qualcosa in superficie gli ha impedito di emergere sotto forma di esibizioni coraggiose ed emozionanti. Aveva paura di svegliare la zia e lo zio di Edward con le sue risatine cupe e rimbalzare, rimbalzare, rimbalzare.

Poco dopo, Jasper iniziò ad avere curiose reazioni fisiche al corpo di Edward, anche se non le capiva completamente. Fu costretto a nascondere innumerevoli, sconcertanti irrigidimenti del suo pene e l'evidenza di sogni elettrizzanti contro il suo ventre morbido e appiccicoso all'alba nei loro letti condivisi.

La prima volta che accadde, fu preso dal panico, pensando di aver bagnato il letto e che - sicuramente - si era umiliato di fronte all'unica persona la cui opinione gli era mai importata. Frenetico, ha buttato giù dal letto uno sconcertato Edward e ha spinto la sua biancheria sporca sul fondo del bidone dei rifiuti del bagno, pregando che non venisse catturato e punito per aver fatto qualcosa di così incredibilmente infantile.

Esme li ha trovati e ha prontamente informato il marito. Ciò ha stimolato una conversazione piuttosto scomoda e imbarazzante su parole estranee a Jasper: masturbazione, eiaculazione, penetrazione. Tutte le "-azioni" confondevano Jasper mentre sedeva nell'ufficio del dottor Cullen, rosso in viso e sconcertato. Soprattutto da quando il dottor Cullen continuava a menzionare le ragazze. A Jasper non erano mai piaciute le ragazze. Erano disgustosi.

Ma Edoardo no.

A Jasper piaceva Edward. Trovava il suo viso e la sua simmetria intriganti, poteva fissarlo per ore e non annoiarsi mai. Quando Edward si sarebbe sdraiato accanto a lui, Jasper avrebbe voluto il calore contro il suo stomaco e il petto, avrebbe voluto essere più vicino a lui.

Jasper non era in grado di stabilire se fosse giusto o meno provare sentimenti del genere nei confronti di Edward, quindi ritenne che fosse meglio tenerlo segreto fino a quando non avesse scoperto il contrario. Aveva troppa paura per chiedere al dottor Cullen. Non voleva rischiare la sua nuova casa, il suo migliore amico. Il solo pensiero lo terrorizzava. Era certo di non poter esistere senza Edward. Spesso odiava le sue reazioni nei confronti di Edward per questo motivo, anche se non riusciva a capire perché avrebbe dovuto nasconderle.

Sembrava così naturale.

Successivamente, Jasper fu consumato dalla curiosità per il suo corpo, rapito dalle sensazioni di toccare il suo pene. Si chiese come potesse essere quello di Edward. Avvolgeva le dita intorno alla lunghezza rigida e faceva finta che potesse essere suo. Voleva disperatamente sapere come ci si sentiva a strofinarli insieme, anche se temeva che chiedere potesse essere inappropriato.

Non si masturbava nemmeno come i ragazzi normali: preferiva sdraiarsi su un cuscino piuttosto che usare la mano, come una volta gli aveva spiegato goffamente il dottor Cullen. Era l'unico modo in cui aveva mai visto qualcuno fare sesso prima. Era più facile per lui immaginare che Edward fosse al di sotto di lui, ridacchiando e producendo suoni molto simili a quelli delle persone in televisione.

I pantaloni di Jasper diventavano sempre stretti quando prendeva un nuovo cuscino.

---

"Fa freddo," rabbrividì Edward mentre balzava attraverso la porta della stanza di Jasper. Jasper stava aspettando da quando la sua porta si era chiusa quella sera. Adesso era troppo vecchio per temere cose ridicole come i mostri: un tredicenne. Un adolescente. Questo pensiero eccitò Jasper.

Non vedeva l'ora che finisse la scuola per l'estate in modo che lui ed Edward potessero andare in spiaggia. Jasper non sapeva ancora nuotare, ma non aveva importanza. Gli piaceva vedere Edward in costume da bagno, lo aveva persino incoraggiato a comprare quelli neri.

Gli piaceva vedere il corpo di Edward, molto più tonico del suo. Jasper veniva solitamente descritto come "ramoscello", con le sue braccia e gambe magre e la struttura goffamente fragile. Jasper aveva anche lunghe e irregolari cicatrici sulla schiena che era troppo imbarazzato per rivelare. Ma Edward era così perfettamente proporzionato e simmetrico e... perfetto. Jasper avrebbe voluto essere così.

Jasper ridacchiò e gettò indietro le coperte proprio mentre Edward si avvicinava al letto, tuffandosi sotto battendo i denti. L'inverno sarebbe passato presto, ma per ora Forks era umido e freddo e il pavimento in legno delle loro stanze non aiutava le cose. Jasper sibilò quando sentì una delle dita fredde di Edward toccare la sua.

Poi disse: "Stai congelando! Vieni qui" e aprì con entusiasmo le braccia a Edward, che non esitò ad accettare l'offerta di Jasper. I loro petti si schiacciarono l'uno contro l'altro e brividi residui emanarono attraverso il corpo di Edward mentre Jasper gli scaldava le braccia con le mani.

Jasper strofinò il naso tra i capelli di Edward - i capelli profumati di sapone di Edward - e sospirò, felice di non essere più solo. Perché anche se Jasper era troppo vecchio per temere cose ridicole, di certo non poteva negare che essere solo al buio lo innervosiva.

Schiacciato petto contro petto sotto le trapunte, Jasper poté finalmente spegnere la sua lampada e trovare pace. Jasper si infilò più a fondo in lui, come faceva sempre, e agganciò una delle sue gambe intorno a quella di Edward. Voleva tenerlo inchiodato al suo fianco mentre i suoi occhi ansiosi scrutavano l'oscurità della sua camera da letto. I respiri assonnati di Edward gli bagnarono il collo e alleviarono Jasper.

Fu allora che l'attenzione di Jasper si spostò dall'oscurità al corpo contro di lui. Jasper sentì il suo petto alzarsi e abbassarsi e spingere e tirare. Sentì la mano di Edward sulla sua schiena, inerte mentre scivolava nel sonno. Jasper sentì i fianchi di Edward contro i suoi e dovette indietreggiare, solo un po'.

L'erezione di Jasper pulsava.

Segretamente, si strofinava dolcemente contro Edward alcune notti in cui era certo che il suo sonno fosse abbastanza profondo. Solo uno sfioramento contro la sua coscia, leggero come una piuma. Era abbastanza per creare lunghi sogni che erano molto più appaganti. Avrebbe sentito le sue curve e gli avrebbe fatto scivolare le braccia intorno al busto, stringendolo con cautela e ma una leggera spinta era sufficiente per soddisfare il suo bisogno e far correre la sua immaginazione.

Mentre Edward ora dormiva contro di lui nella stanza fredda, Jasper previde quel momento. Il suo pene pulsava e desiderava essere premuto contro qualcosa. Nulla. Jasper rimase immobile finché non fu assolutamente certo che non avrebbe svegliato Edward. Poi, lentamente, portò i fianchi in avanti e il suo pene eretto toccò il fianco di Edward.

Jasper voleva emettere suoni e strofinarsi ancora di più contro di lui, anche se sapeva di non poterlo fare. Era frustrato. Si rimproverò di essere sbadato e di non essersi masturbato come faceva spesso prima che Edward entrasse nella sua stanza.

Aveva visto altri ragazzi della loro età baciare alla francese ragazze proprio come aveva visto in televisione quel giorno.

Ma Jasper non voleva baciare alla francese le ragazze. Sospirò tra i capelli di Edward e alla fine chiuse gli occhi, chiedendosi se sarebbe mai riuscito ad avere quelle cose con Edward. Ma per ora, a Jasper non importava davvero. Per quanto passasse il suo tempo a pensare al sesso ea baciare e strofinare la sua erezione contro il cuscino che desiderava fosse Edward, era certo che - fintanto che avesse avuto questo - sarebbe stato perfettamente contento per il resto del tempo.

Jasper abbracciò Edward più forte.

---

Il primo momento in cui Jasper ha riconosciuto l'esistenza di una sottile frattura tra lui ed Edward è stato al pianoforte. Era una cosa estranea, sconcertante, questa crepa che poteva trasformarsi in un baratro in qualsiasi momento. Per quanto cercasse di ignorarlo, una domenica mattina si rivelò impossibile.

"No. Le tue dita non si muovono abbastanza velocemente," lo istruì Edward a denti stretti, le sopracciglia corrugate per il fastidio. Aveva il cipiglio più adorabile che gli adornava le labbra, duro e tuttavia morbido.

Jasper ha risposto: "Cosa c'è di sbagliato nell'andare piano?" e riprovò la melodia, così languida che si trasformò in una serie di note acute e irregolari.

Edward rabbrividì. "Perché non è una canzone se ci vuole un anno per suonarla," e poi Edward chiuse la copertina così in fretta che colpì il polso di Jasper, e lui ritirò la mano sorpreso.

Fissando la linea dei lividi, Jasper sentì una fitta al petto dove di solito esisteva la sua felicità, annidata nel profondo delle morbide carezze e dei sorrisi gentili di Edward. Lo sbattere del suo polso lasciò un segno scuro e nero sul cuore di Jasper. Cercò di spingerlo via, nel retro della sua anima dove giacevano le altre indiscrezioni di Edward - una spallata, uno scatto infastidito, una chiacchierata con Esme - eppure Jasper non poteva semplicemente ignorarlo.

Stavano diventando sempre più frequenti, si rese conto con improvviso allarme.

Aveva cercato di convincere Edward a insegnargli a suonare il pianoforte. Sapeva così tanto di musica e sapeva suonare così bene. Jasper si sentiva chiuso fuori da un'oscura nicchia nella vita di Edward a cui non poteva accedere.

Ma Jasper era orribile a suonare il piano ed Edward era troppo impaziente per insegnargli come si deve. Gli ci era voluto più di un mese per imparare le semplici ninne nanne dell'infanzia, e le sue dita erano troppo corte e goffe per muoversi con la stessa velocità e grazia di quelle di Edward.

Jasper si strofinò il polso, guardando accigliato la copertina del pianoforte. Non gli piaceva più il pianoforte, non riusciva a cogliere la complessità di suonare quella dannata cosa. Lo faceva sentire inferiore a Edward, come se non fosse in grado di tenere il passo. Temeva di essere lasciato indietro nei suoi modi semplici e nella mancanza di lustro. Jasper non aveva nessun tipo di talento speciale.

Le dita di Edward arrivarono al ponte del suo naso perfettamente diritto e lo pizzicò, chiudendo gli occhi. Jasper mantenne lo sguardo fisso sul suo polso e alla fine sentì la mano di Edward sulla sua, che la sottraeva alla sua stretta dispettosa.

Edward sorrise mestamente, ma poi portò il polso di Jasper alle sue labbra - le sue labbra perfettamente rosa - e baciò la linea arrossata, gli occhi verdi fissi su quelli di Jasper, oh così contrito. "Scusa," sussurrò quando lasciò cautamente la sua mano, ma Jasper era in uno stato di shock per la sensazione che ancora gli faceva il solletico contro la sua carne livida.

Parlavano e ridevano, e Jasper era impaziente. Voleva che Edward se ne andasse, quindi gli ha chiesto di andare a configurare il suo nuovo sistema di gioco. Quando Edward fu su per le scale, lasciando finalmente solo Jasper, si portò il polso alle labbra e lo imitò, rubandogli un bacio fantasma che lo fece sentire eccezionalmente stordito.

Pregò che Edward potesse ferirlo di nuovo, e molto presto.

---

Tutti i ragazzi sedevano rannicchiati attorno alla tribuna più in alto, un paio di loro si muovevano in un modo abbastanza familiare a Jasper. Anche lui cambiò direzione, ma non a causa della rivista pornografica che si trovava tra Edward e Tyler.

Edward era eccitato, Jasper poteva dire.

Le sue guance erano arrossate della più bella sfumatura rosata, ricoprendo la punta delle sue orecchie di un rosa fervido. Jasper soprannominò mentalmente questa sfumatura di Edward, "Pretty Porno Pink", e dentro di sé ridacchiò. Gli occhi verdi di Edward erano spalancati sull'immagine di una donna – una donna bruna con le gambe lunghe e il seno grande – e la sua mano era nascosta sospettosamente nelle tasche corte. Jasper non riusciva a scrollarsi di dosso la visione di Edward che forse si toccava, proprio di fronte a lui.

"Dio, è sexy," sospirò Tyler, arricciando le labbra mentre la sua testa si avvicinava di più.

"Smokin'" fecero eco alcuni dei ragazzi, ma a Jasper non importava molto delle loro valutazioni.

I suoi occhi erano puntati su Edward, sperando che trovasse l'immagine ripugnante quanto lui.

Purtroppo, Edward era chiaramente eccitato e balbettava: "C-dove l'hai preso?" Ci fu un breve, sottile movimento sotto il tessuto corto di Edward, e Jasper aveva un disperato bisogno di tornare a casa e allentare il proprio.

"Mio fratello," rispose Tyler, la lingua che schizzava fuori per leccarsi le labbra. Anche quel piccolo gesto, da parte di qualcuno come Tyler, fece pulsare così forte l'erezione di Jasper che i suoi fianchi si piegarono.

Adesso la sua mente stava creando fantasie frenetiche sia con Edward che con Tyler. Poi di nuovo, Jasper era così frustrato che persino la disgustosa donna della rivista avrebbe potuto farlo fuori.

Edward si spostò di nuovo. "Mandagli i miei ringraziamenti," ridacchiò, basso e rauco e Jasper divenne incredibilmente più duro. Si avvicinò un po' di più a Edward, con lo stratagemma di volere un'angolazione migliore in cui vedere l'immagine, ed Edward, notando, gli diede lo spazio necessario per accoccolarsi vicino al suo corpo.

Edward riservava sempre a Jasper il posto più vicino a lui.

Le sue braccia erano calde, e quella più vicina a Jasper aveva ancora la mano infilata nella tasca. Jasper ha immaginato che tutti questi altri ragazzi se ne andassero in modo da potersi avvicinare e sussurrargli all'orecchio: "Posso aiutarti con quello..."

Non si era mai sentito così sfacciato e così imperdonabilmente eccitato, anche solo guardando l'eccitazione di Edward. Non sapeva per quanto ancora avrebbe potuto tenere nascosto questo segreto a Edward. Hanno trascorso così tanto tempo insieme, da soli e in intimità, e le opportunità che avrebbero potuto esplorare erano così incredibilmente allettanti per Jasper.

Ma poi Tyler stava osservando Jasper con gli occhi socchiusi, e Jasper si rese conto che il suo sguardo non era sulla rivista, ma invece sull'inguine di Edward che si muoveva leggermente.

Jasper deglutì e distolse rapidamente lo sguardo, ignorando l'accusa nel suo sguardo.

"Ehi, Jasper," disse improvvisamente Tyler, e tutte le teste scattarono verso di lui, la maggior parte delle facce arrossate e vacue. Tyler sorrise e si chiese ad alta voce: "Immagino che questo non sia il tuo tipo di materiale". Poi Tyler ha tirato fuori una rivista sportiva, piena di uomini sudati e pubblicità atletiche, e l'ha schiaffeggiata sugli spalti, davanti a sé.

Gli altri ragazzi rimasero in silenzio solo per un momento prima che i loro occhi si spalancassero, e poi scoppiarono a ridere fragorosamente, Edward immobile e fissando sconcertato la rivista sportiva.

Jasper si alzò, indignato mentre guardava torvo i capelli ridicolmente unti di Tyler, e desiderò di poter versare candeggina nel suo cervello, solo per dissolvere la momentanea fantasia che aveva appena avuto di lui, macchiando la perfezione solitaria di Edward.

"Zitto," si difese alla fine Edward mentre Jasper si dirigeva verso i bagni, sperando che potessero tornare presto a casa.

Jasper non vedeva l'ora di rannicchiarsi vicino a Edward e sognare quella mano, persa nelle profondità del tessuto delle tasche.

---

"Cosa intendi?" chiese Jasper, appoggiandosi alla testiera del letto con un ginocchio appoggiato al petto. Il tenue bagliore della sua lampada da comodino illuminava il volto di Edward dal basso mentre si alzava, e accentuava le sue orbite, facendole sembrare infossate. Le sue labbra sembravano più grandi. Le linee del suo corpo di quindicenne erano quasi visibili attraverso la sua vecchia maglietta trasparente.

"Questo non è uno scherzo," sussurrò Edward, ma Jasper non stava ridendo. In effetti, Jasper stava per piangere, ma non voleva che Edward lo vedesse. Strinse i denti e avvolse strettamente il dito attorno a un filo sciolto del lenzuolo. Gli ha interrotto la circolazione e gli ha fatto diventare blu la punta delle dita.

Jasper tirò più forte.

"Andiamo," implorò Jasper dolcemente, un'ultima volta, annuendo con la testa allo spazio al suo fianco. Stava facendo del suo meglio per giocare, incerto su quanto fosse trasparente.

Gli occhi di Edward fissarono il vuoto, le coperte tutte sgualcite e spinte indietro per la promessa del suo corpo caldo.

Jasper non aveva voluto chiedere. Non ne avevano mai avuto bisogno e questa nuova necessità lo confondeva. I loro letti erano aperti l'uno all'altro da sei anni.

Gli occhi di Edward erano senza vita ora, la sua postura indifferente. Ha spostato il suo peso. "Mai," fu la sua tranquilla risposta e si voltò, uscendo dalla stanza a testa bassa.

Quando finalmente la porta si chiuse, Jasper lasciò che il cancro della sua assenza lo invadesse. Era cremisi e spoglio, come la sua camera da letto a mezzanotte. Le pareti rosse erano ricoperte di pennarelli, schizzi, scarabocchi e poesie che un tempo erano stati in grado di condividere. La lampada si illuminava poco e Jasper si accigliò per gli scarsi scarabocchi che riusciva a decifrare.

Il suo dito era ormai intorpidito.

Si chiese perché Edward stesse facendo questo, negando a Jasper il suo conforto. Ma lo sapeva già. Aveva sentito i sussurri intorno alla casa che gli arrivavano alle orecchie come un canto malvagio e sibilante.

"Non sono un po' grandi per andare a letto insieme, Carlisle? Non dovresti dire qualcosa?"

Jasper li aveva ignorati e avrebbe aspettato che arrivasse Edward. Se mai avesse fallito, Jasper sarebbe andato da lui. Ecco come funzionava la gravità. Anche durante le cene serali, si muovevano insieme, come una danza aggraziata. Edward era stato così ignaro e indifferente per così tanto tempo. Era stato il più dolce, piccolo abominio... questo desiderio segreto che Jasper aveva tenuto nascosto.

Jasper era incline a nascondersi.

Ma Jasper sapeva anche che il dispiacere della zia e dello zio di Edward non aveva nulla a che fare con questo. Jasper sapeva che era colpa sua. Era stato sbadato e stupido: aveva permesso a Edward di sentire la sua erezione mattutina e aveva reagito in modo spiacevole.

Era successo quella mattina presto e Jasper sapeva di aver rovinato tutto con una spinta semicosciente dei suoi fianchi. Edward aveva aperto gli occhi e corrugato le sopracciglia, e quando Jasper si era reso conto di quello che aveva fatto, non era scappato via. Invece, aveva tenuto i fianchi lì e aveva voluto farlo di nuovo. I loro occhi erano cadenti per il sonno, e la bocca di Jasper era confusa, ma era intontito e ancora avvolto dall'euforia del sogno che aveva fatto su Edward.

Edward, che sembrava così confuso e stanco accanto a lui.

Jasper aveva avvicinato il viso a Edward, strofinando la sua erezione contro la coscia calda.

Da qualche parte nel profondo, Jasper si era convinto che Edward avrebbe provato le stesse cose. Aveva sperato che potessero tenerlo segreto ed esplorarsi a vicenda. Ma Jasper avrebbe dovuto saperlo meglio. Jasper sentiva spesso Edward adorare certe ragazze a scuola e sapeva che era stato attratto da loro. Non Jasper. A Edward piacevano i loro capelli castani e la loro corporatura minuta, teneva riviste nascoste sotto il materasso con dentro donne nude. Queste erano le cose che Edward sognava. Non Jasper. Mai Jasper.

Edward lo aveva spinto via con una fretta aggressiva.

Jasper voleva supplicarlo mentre Edward si lanciava fuori dal letto, atterrito e inorridito. Avrebbe voluto spiegare che non poteva farne a meno e che Edward aveva la pelle più morbida, più pallida e più bella. Voleva che Edward sapesse che avrebbe negato volentieri quelle reazioni se fosse rimasto semplicemente con lui.

Voleva che Edward sapesse che intendeva molto di più, che le curiosità e le reazioni di Jasper non erano la causa, ma l'effetto del suo legame con Edward.

Ora, Jasper aveva bisogno di Edward al suo fianco per farlo sentire al sicuro, amato e prezioso. Per dargli un posto nel mondo. Desiderava ardentemente la leggera leggerezza che spesso gli invadeva il petto quando Edward era vicino, toccandolo con piccoli gesti affettuosi. Desiderava ardentemente appoggiare la testa sul grembo di Edward, sentire le sue dita flessuose accarezzargli i capelli e fissare gli occhi verdi che scacciavano l'oscurità.

Tirò più forte il filo attorno alla punta del dito, piccoli formicolii che pizzicavano la carne. Stava per balzare in piedi e correre da lui. Voleva afferrare Edward per i polsi e sbatterlo contro un muro in modo violento, spaventoso. Voleva dirgli che non poteva sopravvivere senza di lui, dirgli di aprire gli occhi e vedere quanto si appartenessero, in quel modo, dirgli di aprire la bocca per poter finalmente assaporare la dolcezza delle sue labbra proibite.

Jasper non dormiva e non spegneva mai la lampada.

---

Jasper alla fine sentì i termini quell'estate, negli spogliatoi, in televisione, e provenivano dalle bocche sporche dei ragazzi del vicinato.

Omosessuale. Fata. Frocio. Queer.

Parlavano di ragazzi, come Jasper, che erano attratti da altri ragazzi, anche se il modo in cui ne parlavano era molto più volgare e umiliante. Jasper non aveva mai pensato che la sua attrazione per un altro ragazzo fosse sbagliata e trovava difficile capire perché necessitasse di un proprio termine. Voleva così tanto chiedere a qualcuno di spiegarglielo, ma trovò Edward evasivo nei confronti della sua compagnia.

Senza scuola ad occuparlo, Jasper seguì Edward per casa. Si lasciò cadere al suo fianco sul lussuoso divano bianco. Ha provato a guardare i loro programmi preferiti con Edward, ma non hanno mai parlato. Jasper poi lo seguiva fuori, muto e smarrito, mentre Edward cercava il gruppo di ragazzi che era venuto a chiamare amici. Jasper veniva raramente definito un "amico".

Odiava quando Edward lo chiamava suo "fratello".

Non ci volle molto perché Edward si infastidisse per l'insistenza di Jasper. "Smettila di seguirmi," sbottò infine un giorno. Jasper era rimasto dietro di lui, contando i loro passi mentre percorrevano il marciapiede. Il giro infuriato di Edward colse Jasper alla sprovvista.

Lui sussultò.

Edward alzò gli occhi al cielo, i suoi capelli brillavano alla luce del sole con chiazze rosso rubino. Una goccia di sudore gli colò dall'orecchio e si raccolse sulla clavicola. "Non vuoi farti dei tuoi amici?" he asked meaningfully, eyes alight with irritation, cheeks flushed with fury. His nostrils flared and Jasper had always thought Edward adorable when angry.

Of course, now, Edward was angry with him.

Jasper opened his mouth but couldn't speak. He didn't understand having anything of his own. Jasper shared with Edward and Edward shared with Jasper. There was no one thing owned solely by the other. They'd shared clothes and shampoo and candy bars and ice cream and soda pop and toys and... everything. He couldn't fathom the line required to sever that concept.

What was the point in having anything if he couldn't share it with Edward?

They could hear the voices of the other guys around the corner, and Edward shifted impatiently. Without waiting for an answer, he spun on his heel and loped toward them, so graceful as his muscular body moved. Jasper was still stuck in his awkwardly skinny body, all twiggy limbs and too tall to know what to do with them. Edward's hair stuck to his sweaty neck and Jasper memorized their curly Q's and matted O's.

And then, because he simply didn't know what else to do, Jasper followed.

Edward stepped right. Jasper stepped right. Edward stepped left, Jasper stepped left. Edward curved his path, Jasper curved his path. It was customary by this point. They even walked the same now. Talked the same. Used the same taboo language in private and liked the same junk food. Edward had adopted a fraction of Jasper's odd, southern accent, and in return, Jasper had adopted Edward's sharp annunciations, their speech becoming one, fused drawl unique only to them. Edward was an extension of him—a dual part of Jasper's body that he had no choice other than to accommodate.

But then the guys' voices got closer and Edward's fists curled at his side. Jasper furrowed his brow at them, tilted his head and pondered their meaning.

And then Edward spun.

Jasper flinched.

Edward put his palms to Jasper's shoulders and shoved him with an angry growl. Jasper watched his face as if in slow motion—the furling of his pink lips, the forward sway of his messy hair, the darkness of his eyes, and the creasing of his pale forehead.

Jasper—shocked and puzzled—tumbled to the ground and landed on his bare elbows with a blinding "crack."

He cried out in pain, could feel the course pavement below him scrape his skin away from bone and burn. It reminded Jasper of that excruciating moment when leather had met his flesh as a child. It wasn't the pain that hurt. Jasper found the pain to be oddly stimulating and, though the sensations burned, the throbbing made him acutely aware of his every nerve ending.

Jasper liked that.

No. The pain did not hurt Jasper.

Jasper was hurt by the persons who intentionally inflicted it.

His watery gaze was trained on the figure above him, and Jasper whimpered. Even though his elbows bled, it was his chest that ached. Jasper found it difficult breath. Edward's face was pale now, not flushed. His green-apple eyes were wide and aghast, and he staggered back, mutely shaking his head from side to side.

Jasper felt a tickle of pleasure from the remorse and horror that covered Edward's face like a tragic mask. Jasper was so weak physically, so vulnerable, and he hated feeling that way. This guilt was his only power over Edward. His perfect lips parted, and he did apologize, but when the guys grew nearer, Edward did not offer Jasper his hand. He hung his head and his remorse transformed to pity. Then Edward's face was blank, and he was turning to the others with a small, guilty shrug.

Blood trailed down Jasper's arms as he stood, using his blonde hair to veil his humiliating tears. He dusted the dirt off his back and when he extended his arms, a smatter of pain speckled his sensitive and raw skin. The guys all shot him odd looks and continued their laughter and walking.

Edward followed them, but Jasper followed nothing.

---

Esme and Carlisle were beginning to worry about Jasper, and he knew it. He hid away in his room for the remainder of the summer and spent his time dreaming and sulking. He only came out for dinner, never capable of containing his bitter tears when Edward would return home at twilight, flushed and sweating and exhausted from a long day of playing baseball with the other guys.

Jasper hated baseball—not that he was ever invited to play, of course.

One evening while the two were washing dishes, Jasper heard Esme asking Edward why he was never invited. "It's just a little odd that you were so attached at the hip, and now you won't even take him out to play with you," she wondered aloud.

Edward lied quite easily, "I asked him to come and he said 'no.'"

This produced a term from Dr. Cullen when Esme went to him, concerned: "Social dysfunction."

Jasper balked at these words, infuriated at Edward. He wasn't certain how, but he made a plan to get back at him—to make Edward feel as excluded as he did. He began listening to music that he knew Edward would loathe. He chose the loudest, heaviest, most obscene and frowned upon songs and played them whenever he was certain Edward would be home. He was always quite pleased whenever he'd catch a glimpse of Edward's face, wrinkled in distaste.

But Jasper actually found himself relating to the words of the songs—angry and withdrawn.

Before school began again, Esme took Jasper out to buy his own clothes, since Edward's bedroom—and consequently, his closet—were now off-limits to Jasper. He chose clothes that were the farthest from what Edward wore.

Edward liked blue and green and yellow, and so Jasper chose black and white and grey.

When school started again, Jasper found it difficult to watch Edward with the other boys. He had to sit at his own table Sophomore year, exiled from his usual spot at Edward's side. Outwardly, Jasper remained emotionless and numb, but inwardly, Jasper was anguished with every moment that he had to watch Edward's smile from across the room.

Jasper stopped caring about his grades, found it difficult to remain focused on the boring material. He'd spend his afternoons gazing out windows and concocting fantasies of Edward's ultimate absolution. In his daydreams, Edward would come to him, remorseful and pleading, and Jasper—never capable of saying no to him—would accept him with wide, open arms and a joyous grin.

They'd kiss in Jasper's fantasies.

It wasn't always on the mouth.

On Halloween that year, Edward took Tanya Denali out on a date, to a costume party that Jasper hadn't been invited to. Tanya went as Marilyn Monroe. Edward went as John F. Kennedy. Jasper went to the Cullens' liquor cabinet when they fell asleep and got drunk for the very first time.

He vomited in his closet.

When his "parents" had found their liquor missing that Thanksgiving, they'd punished Jasper—a first. He was prepared for a myriad of methods used to accomplish this. Jasper knew by then that Dr. Cullen would never strike him. Instead, they grounded Jasper to his room, where he had round-the-clock access to a brand new computer, high speed internet, and websites where he could watch men do what he always wished Edward might.

As if he went anywhere else.

---

The numbness never came. Jasper always read and heard about people becoming numb to this kind of pain, but he wasn't so lucky. Rage filled Jasper like a violent waterfall, brimming over the edges and threatening to spill over at any given second. Whenever it did, he'd be forced to lock himself away like a volatile prisoner, too afraid of his flagrant transparency to simply... snap.

God, how he wanted to snap.

Now, Jasper was watching by the ledge, his ribbons of smoke twirling like a zephyr toward the night sky as it twinkled. He tucked himself away in a dark corner of the balcony and watched. He was always watching. Two glowing eyes in the darkness of the forest. Something's off, but you don't know what.

He flicked his cigarette and narrowed his eyes—his jasper-colored eyes.

He hated that fucking gemstone. He hated the humid breeze, caressing his flesh with nothing but chill. He hated the sounds coming from below him and the rattling of the windows like monkeys in cages. He hated so much these days.

He hated himself. He hated his scars. He hated his blonde hair and it's course curling. He hated being sober, and he hated lying to his "parents." He hated them. He hated his red bedroom and the cold floors. He hated the memories—and—he—fucking—loathed—Bella—Swan.

Edward looked so strange now, sitting on the hood of his new car and laughing. He threw his head back, and his abdomen tightened with the chortles. Jasper could sense its dishonesty in the oddest way. He wanted to be there to look a little closer. He wanted to set his jaw and narrow his eyes and peer into that bizarre sound. He dissected it with careful incisions. High. Low. Deep. Repeat. Bounce of the diaphragm. Tosses of bronze.

So few could see his strangeness, really comprehend or grasp its existence.

To Jasper it was a flashing billboard on a crowded interstate. It reminded him of little bugs, teeming beneath tree bark and gnawing until nothing was left but a hollow stump. Slender fingers. Animated as they waved. Words spoken, vibrations of sound that twisted and distorted through a crooked smile. Edward brushed her hair back from her neck. Fingertips grazed her skin, and she smiled, smiled, smiled.

He blew his smoke into the air slowly, allowing the noxious cloud to obstruct the view of lips touching. Hands on backs. Whispers in ears. More laughter, stretching wide around the space and calling, "Look at me! Look at me! Aren't I so motherfucking divine?"

Tiny, tiny hands, grasping and clutching as their lips glistened under the pale moonlight. Her fingers trailed his shoulders and sank into the blue fabric of his shirt. She hooked her knee around his hip and moaned against him. She reached down and cupped his groin, and he shoved his fingers into her hair with a fevered grunt.

Jasper—drunk and dizzy—vomited over the railing.

---

"Where did you go?" Edward asked as she took her seat. His hair hung in his eyes. Flopping down. Wide eyes. He picked at his chicken and avoided anything outside his bubble of perfection. He wasn't oblivious to Jasper's cutting stare. He was just ignoring him. Jasper wished he could ignore Edward, too.

She grinned. "To the lady's room, of course." Her hand sought his, wrapped it up tight, held it down and locked it away. Their fingernails were bright and entwined and laying atop the Cullen family dinner table like the prettiest picture. Everyone was smiling. Jasper inspected her fingers and, against his will, envisioned them wrapped around Edward's rigid cock.

Jasper ground his teeth and tapped his boot, shoved the food into his mouth.

"Your home is so lovely, Mrs. Cullen!" Bella exclaimed like screeching chimes that made Jasper cringe. Eyes bright like headlights scanned the walls, and she gushed, gushed, gushed. Jasper felt sick again. The pleasantries swelled around him. "Everything tastes delicious! I love that painting! Your pearls are gorgeous!"

And this was the most horrific thing about this Bella fucking Swan. She hadn't an ounce of malice in her. She was polite and kind, attractive and sensual, sweet and sugary, intelligent and strong-willed. And she was genuine in her care for Edward. When all pretenses were stripped away, Jasper could only come to one conclusion.

Jasper hated Bella most because he had no logical reason to.

Esme beamed with pride and joy. Carlisle was engrossed in a newspaper. Edward was nodding along and eating small, menial bites. Shoving them down the hole. Holding her hand. Grazing her shoulder. Smiles so crooked and bizarre were flashed and disarmed her anxiety.

Jasper fucking hated that smarmy, crooked smile of his. He shouldn't be smiling like that—teeth and pink and bright green eyes, seeking brown. Every time he saw the smile—the one meant for Jasper—he wanted to stand and scream and toss his chair about like a petulant child. Didn't they understand anything?

Edward was his.

Edward kissed Bella goodnight in the foyer as Jasper passed to climb the stairs. Hands on hips, thumbs on cheeks, and tender whispers. Edward stared after her form with sparkling eyes and a thrilled stare. He probably liked watching her ass sway, Jasper seethed. Then the door was closed, and Edward was trodding away. Bounce in his step.

He never looked at Jasper anymore. It felt as though Forks was a chasm below him and he was falling. He was a weightless, yet somehow swollen mass that kept dropping. He waited to hear the final "crack" of his landing. Waited to feel the pain of his ending. Waited for the ground to finally give way to nothing.

He had nothing.

Jasper's fingernails penetrated the flesh of his palm, and when he finally, finally bled, his lips twitched like a dying body.

---

The stale linger of its taste in his mouth was the worst.

It was bitter, with an edge of saccharine, like blood and candy. He could feel it's violent dance on the tip of his tongue with every passing day. It never waned. Like a ghost, it haunted his empty halls, floating through the vacant rooms and searching for tattered toys and discarded, broken soldiers. How he wished he could give it back, shove it into his arms and laugh, laugh, laugh.

He could taste it the strongest at midnight. Could smell soapy hair and feel damp breaths against his neck. He could hear soft breathing, see twitching-dream fingers. Could feel hot, tender flesh beneath his eager fingertips.

Jasper had always been such a weird, dark little shit.

Jasper still found himself waking at the twelve chimes of the hallway grandfather clock. He'd forget the betrayal, and his feet would take him through the house, up the stairs, and to the door he was once welcome to enter. It wasn't until his hand wrapped around the brass knob that he'd remember.

It would wrap its bony fingers around his throat and squeeze until he'd gasp in the darkness. He'd stagger back and let the handle go without really meaning to. He'd feel Edward's words every night, thick like cold venom coating a candied shell.

"I don't sleep with fags."

And there—in front of the entrance which was once a soothing balm to his wounds—Jasper would cry.

He wouldn't sob. Jasper wasn't a sobber—he refused. But the tears would trail down his cheeks like searing tracers, regardless of his efforts to disallow them. He was always so weak like this—tired and scared and utterly fucking alone. Where was their compassionate fucking boy now?

And then Jasper would go back to bed. He would remove his boxers and lay naked beneath the covers. He would grab a white down pillow and shove it between the sheets, turn on his side and grip it between his thighs. He would move his hips against the smooth coldness, releasing a sigh. He would smash it against his throbbing erection.

His hand had always been lacking, so cold. Had felt so clinical and to-the-point. He'd wanted to imagine a pale, lanky body beneath him as he came. He wanted to feel above it, in control of it. He wanted to dominate it. This is the method he still preferred. Jasper couldn't even jack-off like a normal boy. But though that sickened him, made him feel shame, he continued.

He'd eventually turn to lay on top of it.

He would prop himself on his elbows and tuck his chin to his chest so he could watch himself fucking it. The tip of his cock would slide against white, peeking out from between his stomach and cotton. He'd imagine a little tuft of coppery hair, a trail from a belly button, hot breath on his face.

He would thrust urgently against it, the blankets on his back rising and falling with quick, sharp bounces and falling off his bare shoulders. His mattress would squeak, just like he always knew it would. He'd stare at himself moving against it and talk as if Edward were there, beneath him, writhing. Jasper had a vivid imagination and he'd say the most disgusting things to Edward's effigy.

The most disgusting, horrible, honest and arousing things.

At first he'd whisper sweetly, softly, tenderly to his absent lover, secret and gentle as he bucked into the pillow. He would shift his knees and he would push harder, offering husky praise to vacant space as he lifted his stomach for a better view.

He imagined Edward being so tight...

And then he would fall and writhe and rock into the bed with a pleading, begging groan as he came. Shuddering, he'd call his name as if Edward might hear him from across the house. He wanted him to rush through his door and swear that he'd never leave him again. He wanted to feel his sinewy arms encasing him yet again, holding Jasper's sweaty head to his chest.

Instead, Jasper would lay his cheek down, staring at the door and panting as he pressed his dick into the soiled pillow, just a few more times. It was so much easier this way. He'd forget the pain of standing before Edward's door—too exhausted and breathless to think. And then he'd fall asleep, sticky and empty.

Jasper did his own laundry now.

---

He'd waited for this moment since Junior year. It was the best fucking day he could remember having since Edward had kissed his wrist. Jasper walked on air through the halls of his high school, a secret grin on his face as he drifted from class to class, sticking to the shadows and the crevices of classrooms.

The girls were more chatty than usual and this... this pleased Jasper. The guys weren't much better, their whispers only minimally softer but ultimately decipherable. He'd lean in over his desk to catch their phantom and intangible murmurings, wanted to pluck them out of the air and shove them in his pocket for safekeeping. His hidden smile grew wider with every second.

Edward had stayed home today, as had Bella.

If it weren't for the school gossip, Jasper would have never recognized his fortune. For in the hallways and the stolen seconds before and after classes, the student body was abuzz with particularly satisfying information.

Bella Swan kissed one of the Quileute boys. Edward found out.

They were no longer together.

Nothing could dampen Jasper's high spirits. Not even when the assistant principal cited him for dress code violation because his pants had fallen too low on his hips. Not even when Mr. Berty informed Jasper of the possibility he might not graduate, due to his laughable GPA. Not even when he missed the bus and had to walk home, the rain already beginning to fall.

Jasper was positively soaked to the bone by the time he reached the large white mansion in the forest. Esme and Carlisle's cars were both absent from the garage. He checked. The house was an eerie kind of silent, as if maybe a calm after the storm.

Jasper went straight up the flight of stairs and passed his own room. Edward's door was closed, as he'd expected it to be. Internally, his heart was fluttering wildly in anticipation, all abuzz like the campus had been. He didn't even bother knocking.

But he wasn't prepared for what he saw: Edward curled up on the bed beneath his sheets, staring at the far wall with vacant, bloodshot eyes.

Jasper inspected him with much misery, the buzz in his chest subsiding to a deep aching that he never wanted to experience. Edward's pain was Jasper's pain.

In that moment, Jasper realized that he'd been so very wrong about Bella Swan. He had ample reason to hate her, every fiber of her being. She possessed Edward's heart, his perfect, flawless, fragile, delicate heart. Jasper had never entirely realized the depths of Edward's feelings for the girl, but there was no denying them now. She'd had his heart, and Jasper knew this with certainty, because clearly, she had crushed it.

Jasper knew how that felt, could see the symptoms and signs miles away. If ever he were doubtful of this fact, all he had to do was look in the mirror.

He felt no sense of vindication. There was no glory for Jasper in seeing Edward like this: crumpled and discarded and empty. There was only a deep sense of empathy, an impossible longing to comfort and soothe, a craving to absorb as much of that ache as he possibly could.

So Jasper removed his wet jacket and moved closer to Edward's bed, growing more and more miserable with every second that Edward completely disregarded his presence. Jasper pulled back the blankets and slid underneath, dampening the sheets with his soaked denim and dripping hair.

Edward was so motionless that Jasper thought him much like a statue. Except that he wasn't. Statues stood tall, they didn't lay curled around white bedsheets, despondent and limp. When Jasper was close enough, he lay his head upon the pillow, placing his eyes directly in Edward's line of vacant vision. There was only a slight spark of recognition in Edward's green eyes, but it was enough for Jasper to feel relief.

But then Edward whimpered.

It was a soft, anguished sound that pierced the depths of Jasper's soul. And he couldn't restrain his arms from seeking Edward's body and encasing them in what little comfort Jasper had left to give. Edward did not return the embrace at first, but Jasper smelled his hair and smoothed it back, hooked his wet leg around Edward's calf, the way he always had.

Jasper had never been the strong one. All he could do was hold Edward's prostrate body until he felt his arms respond, one draping itself weakly over Jasper's side. It was only an echo of what he knew they once shared. It was dark and miserable and painful in ways that Jasper couldn't possibly enjoy. Even though he finally held Edward in his arms, it was, in many ways, tainted with despair.

As was their sleep.

---

They must have slept for hours upon hours, if not days. Jasper could sense Edward in the depths of his seemingly neverending slumber, could reach him and touch him and cradle his head in his hands. He could also, almost instinctively, feel the sun's set and rise as he dozed contentedly.

Jasper seemed to awake to a weight in his chest that puzzled him. He squinted his eyes and wondered what the hell was fucking with his hair, something seeming to flutter through his tresses in a darkly, achingly familiar way. Jasper hadn't had anyone touch his hair since...

He opened his eyes to bare skin and a waistband, a little trail of coppery hair disappearing beneath it. Jasper's head rose and fell with Edward's breaths, his skin exploding into a current of electric gooseflesh with every pass that was made against his scalp. Edward's fingers. Jasper knew they were Edward's fingers. He must have, even in his dreams, because the weight that filled his chest was something that Jasper hadn't felt in so long.

Jasper sighed, his arm wedged uncomfortably against Edward's side. He was afraid to speak, terrified to spook the moment and watch it flutter away and dissipate into nothingness.

Edward's voice was gravelly and weak. "I guess everyone knows." His fingers, his smooth, long, gentle fingers, never ceased in their tender caresses.

Jasper suppressed a shiver. "I'm sorry," he whispered and was surprised to hear the utter sincerity of his voice.

Somewhere behind Jasper's head, Edward shrugged. "So am I."

When the deep chasm of silence fell upon them, neither abandoned their position. Jasper's eyes remained saucer-wide and stared fixedly at the patch of hair before him. He'd always imagined it, had seen the beginnings of its growth, but had never had the opportunity to view it matured. He memorized the way each hair curled against Edward's belly, scattering outward into nothing but pale flesh.

"Jasper," Edward eventually called, his fingers faltering. "Can I ask you a question?"

Jasper was unnerved by the slowing of Edward's caresses and the frailty of his voice. "Okay," he resigned with more than a little wariness. He was incapable of denying him.

Edward's voice was dreadfully knowing as he asked, "Why did you change your hair?" And then, as if to punctuate his own suspicions, Edward grasped at a thick lock and twirled it around his forefinger.

Jasper wasn't sure what to say or how to answer him. He'd changed his hair months prior, had seen no visible evidence that Edward had even noticed. Swallowing nervously, Jasper coldly declared, "You really don't want to know," and prepared himself for Edward's ultimate rejection and callousness.

"I do," Edward insisted.

Jasper released a long sigh and began to turn his head. He realized that this was likely the last moment he and Edward would share with such scarce proximity. The pit of his stomach hardened and tensed in preparation.

Jasper looked Edward in his bloodshot eyes, propped on his elbows and stoic. He wasn't ready before, but this time... Jasper knew exactly what to expect.

"You prefer brunettes."

---

Jasper was back in his bedroom. He and Edward had slept for so long that he was no longer tired. He'd left Edward's bedroom that morning confused, hopeful, pissed off, and some how more confused.

Upon Jasper's confession, Edward hadn't kicked him out. Then again, he hadn't stayed in bed, either. Looking rather awkward and still just as empty as he had the previous day, Edward had excused himself, citing that he'd desperately needed a shower.

Jasper was uncertain what to make of his lack of reaction. He worried that maybe he'd been more transparent all this time than he'd known. Then again, Jasper had never been able to hide from Edward. He wasn't surprised that Edward had likely known the truth all along.

Which was why Jasper now lay in his bed, staring at the ceiling and fantasizing, hoping. This was what pissed him off. Jasper didn't want to get his hopes up just to watch them crash and burn. But try as he might, he couldn't stop himself from envisioning that trail of hair or Edward's green eyes. He couldn't stop himself from recalling the way Edward's bed had smelled—more like man than boy.

Jasper's mind kept stampeding between thoughts, first tender, and then violent, lascivious, longing, giddy, despondent, before finally continuing the circuit with no resolution. That was, until he heard a slight rapping on his bedroom door.

Jasper's eyes snapped to the source of the sound just as Edward's head peeked through, hand grasping the knob. Edward appeared rather uncertain as he stepped into the room, explaining, "Can't sleep."

Jasper swiftly sat up, scooting his back flush to his headboard and quickly running his fingers through his dark hair. He was caught off guard and knew that he must have looked like shit. "Me either," Jasper hurriedly agreed, eyes darting to the space at his side.

Without the necessity of Jasper's gawky request, Edward gracefully traveled to the bed, the mattress shifting once his weight was settled.

Edward's lips were set into a hard scowl. "I fucking hate him," he declared, eyes crinkling around the edges. Jasper didn't need to ask him to elaborate. Edward ranted, "Jacob Black. He's a complete moron. Has no tact, whatsoever. He's rude and smells like a dog."

At this, Jasper's lips pulled up into a bitter smile. For all the hilarity of Edward's slight, Jasper knew what fueled it. "I think Bella's the moron," he corrected, a little more harshly than intended.

Edward winced minutely at the mention of her name, shoulders folding inward protectively. "I can't hate Bella," he admitted, suddenly weary as his chin dropped.

Jasper resented his voice for consoling, "It probably didn't mean anything." He instantly wondered why he was defending Bella of all people. He should have been playing on Edward's vulnerability and demonizing her further, but he simply couldn't stand to see Edward so broken.

Edward snorted, nose wrinkling weakly. "But... don't kisses always mean something? They're so... intimate." He looked to Jasper, a plea in his stare that Jasper couldn't possibly fulfill.

"I wouldn't know," Jasper replied, a little embarrassed at his inexperience. He couldn't have eased Edward's mind even if he had known, incapable of judging the relationship between Bella and this Jacob Black.

Edward, suddenly curious, quirked an eyebrow and doubtfully hedged, "You've never kissed anyone?" But then his eyebrow fell and he turned his face away. "Because you don't like girls."

And there it was, so certain and defined.

Jasper had never said as much aloud. The evidence was contained to his midnight whispers, his indifferent attitude, his well worn computer, and his classroom fantasies. There was some satisfaction in his own nervously spoken, "Right," that he hadn't quite expected.

Nodding, Edward lifted a hand to wrap around his neck, rubbing awkwardly. "That must really suck," he offered, but then turned an immediate and delicious shade of scarlet.

Jasper realized the hidden context of Edward's words and found his own face flushing. Ignoring the uncomfortable atmosphere that had settled between them, Jasper shrugged. "Eh, who really wants some asshole slobbering in their mouth, anyway?"

Edward finally met his gaze, rolling his still-puffy eyes. "There's more to it than just slobbering in someone's mouth, Jasper." Then Edward's eyes seem to grow brighter as he explained with an enthusiasm that made Jasper uncomfortable, "There's something about having someone open themselves up to you, let you get close enough to kiss them, that's... special and meaningful. It's a language all its own, a way to tell someone what they mean to you and how much you want them without using w

Storie simili

Motel rurale di Corsicana Texas

'Lo sento,' sussurrò, la sua voce rauca per il dolore che pulsava ovunque, ma da nessuna parte più che dove il suo cazzo premeva attraverso gli strati tra di loro. Tenne lo sguardo sulla sua bocca mentre l'eccitazione trasudava attraverso di lei. Ellen ha riferito la sua storia da Corsicana, quindi si è registrata al Best Western Executive Inn. Ellen ha aperto la porta della sua stanza, aprendo la porta, è sorpresa di vedermi ad aspettarla. Ellen sospirò, posò la valigia sul letto, mi alzai dalla sedia, afferrando la mano di Ellen nella mia presa. Bene, andiamo nell'altra stanza. Ne voglio...

2.1K I più visti

Likes 0

Gli ingredienti di una troia Capitolo 1

Era una calda giornata estiva, stavo camminando verso il centro commerciale dove si trovava la mia migliore amica Rosie. L'ho aspettato tutta la settimana. Non la vedo da qualche mese. Dopo qualche minuto di camminata sotto il sole cocente ho finalmente raggiunto il centro commerciale. Eccola lì, bella come sempre. Era lì in piedi con i suoi jeans preferiti, una maglietta nera e una giacca di pelle che la facevano sembrare una motociclista. I suoi capelli erano ricci e rosso brunastro. Ero innamorato di questa ragazza e volevo dirglielo ma non sapevo come. Mi vide e un sorriso si allargò sul...

2.2K I più visti

Likes 0

La festa dei laureati (parte 1)

Ero a casa del mio amico Garret per la festa di laurea di sua sorella Jordan. Lui ed io eravamo solo matricole all'epoca ed era la prima festa a cui andavo. Per quanto fossi eccitato, mi sono reso conto che non avrei scopato. Io, me stesso e io eravamo a un INCREDIBILE 5 piedi e 4 pollici. Ragazzo alto non ero io? Ovviamente sto scherzando, in realtà ero uno dei ragazzi più bassi della mia classe, a parte le ragazze. Pesavo solo 130 libbre, per lo più muscoli per fortuna, e potevo mettere in panchina solo 135 libbre. Non ero magra...

1.3K I più visti

Likes 0

LaMar e Leon (quello che è appena successo parte 2)

Dopo che Maestro mi ha lasciato incatenato lì, in quello che dovresti chiamare e ora ho capito che era una prigione, ho iniziato a farmi prendere dal panico. Non avevo voluto e avevo potuto evitare di affrontare il pensiero a ciò a cui mi aveva sottoposto il padrone, fottendomi il culo e non solo facendomi succhiare il suo enorme cazzo, ma ingoiando la sua sborra e poi ringraziandolo per avermi usato in quel modo. Ma ora che ero rimasto solo, ancora incatenato al pavimento, la realtà stava iniziando ad affondare. Come avrei fatto a uscirne e cosa era successo ai miei...

786 I più visti

Likes 0

Incesto --- [2]

Parte 2 [l'ultimo del tema bi per un po'] _____________________________ Il giudice Ciro T. Nikolai era seduto dietro un'enorme scrivania mentre Avan Volka e il suo giovane nipote Caci entravano nell'aula del giudice. Nikolai era un tipo burbero, con occhi duri e un viso rugoso e severo. Fece cenno ad Avan e al ragazzo di sedersi sul lato opposto della scrivania. Volka, iniziò, ho qui una borsa di studio per l'immigrazione e poiché il loro padre non può rispondere da solo, la tua firma sarà sufficiente. Il giudice sollevò il documento di quattro pagine e lo sfogliò fino all'ultima pagina. Qui...

2.6K I più visti

Likes 0

Mio padre si è seduto lì e ha guardato

Quando avevo 16 anni e quasi 17 mio padre si è risposato e con una moglie adorabile e molto formosa, tette molto più grandi di quelle che ha mamma e dice che è anche una delle sue tante qualità, è un'ottima cuoca e adora divertirsi di tutti i tipi . Beh, sono via per l'estate quando tutto questo accade, insegno informatica al liceo locale, sembra che abbia un talento naturale per questo per qualche strana ragione, vedo del codice nella mia testa o qualcosa del genere e io' Faccio sempre quattro o cinque cose contemporaneamente su di loro. Beh, comunque, quando...

2.4K I più visti

Likes 0

Le regole di detenzione

Il diciottenne Derek sedeva nel mezzo di un'aula semi-piena durante il giorno. Era stanco della sua insegnante puttana che assegnava venti pagine di compiti ogni notte. Si comportava sempre come se fosse su un cavallo alto. Diede un'occhiata ai suoi compagni di classe intorno a lui, la maggior parte dei quali stava lottando per completare i compiti prima che l'insegnante entrasse. Odiava che i compiti stessero diventando un problema con la sua capacità di giocare a calcio. Il suo allenatore gli ha detto che, a meno che non avesse alzato i voti, si sarebbe presto ritrovato in panchina fino a quando...

2.5K I più visti

Likes 0

La figlia del contadino - Parte 1 e 2

Nota dell'autore: questa non è una storia d'amore, per favore cerca altrove se è quello che stai cercando Parte 1 - Catturato All'inizio non potevo credere alle mie orecchie. Mentre andavo in giro ad occuparmi del bestiame e dei raccolti, ho sentito i lamenti sommessi di una femmina che veniva dalla stalla. Diverse biciclette giacevano a terra nelle vicinanze. Quando ho sbirciato dentro attraverso una fessura nella porta di legno della stalla, non potevo credere ai miei occhi. C'era la mia dolce piccola figlia di sedici anni, Elizabeth, nuda a quattro zampe per terra. Era circondata da una mezza dozzina di...

2.9K I più visti

Likes 0

Scatenare

Scatenare Holly svoltò sulla strada sterrata che portava al suo lago privato e tirò un sospiro di sollievo. Parcheggiando accanto alla grande quercia, dove faceva sempre, era a pochi metri dal lago. Appena sopra c'era la sua baracca. Avrebbe potuto costruire una villa qui se avesse voluto, ma la baracca che era qui quando ha acquisito la proprietà per la prima volta più di vent'anni fa. All'inizio era un luogo di divertimento e giochi con il suo primo amante. Adesso era il suo rifugio dal mondo aziendale ed era privato, lontano dalla strada principale. A meno che non si sapesse dov'era...

3.9K I più visti

Likes 0

Giulietta del cazzo

La sorella della mia ragazza è venuta a trovarmi, scappando dalla costa orientale e da un fidanzato prepotente e prepotente mettendo 3.000 miglia tra di loro. La sorella di Lynn era più giovane di un paio d'anni e mi raccontava storie sulle loro avventure insieme al liceo e sulla follia di Julie. La famiglia la chiamava nudie Julie perché si denudava i vestiti per prendere il sole o diventava magra per immergersi in un cappello. Non vedevo l'ora della sua visita, per non dire altro. Lynn ed io ci eravamo conosciuti al college quando uscivo con una delle sue coinquiline. Viveva...

2.8K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.